Turismo dell’Olio: per la Basilicata anche “Amoreolio” di Colobraro

in Economia

Turismo dell’Olio: per la Basilicata anche “Amoreolio” di Colobraro. Iniziativa promossa dalle Città dell’Olio. Basilicata in finale alla II edizione  del Concorso nazionale Turismo dell’Olio

Sono due le esperienze lucane selezionate dalla giuria di esperti presieduta dalla professoressa Roberta Garibaldi, tra le 179 in gara. Ad aprile 2022 la proclamazione dei vincitori. Basilicata protagonista della II edizione del Concorso nazionale Turismo dell’Olio, l’iniziativa promossa dalle Città dell’Olio con il sostegno di Bene Assicurazioni, la collaborazione di UNAPROL– Coldiretti e il patrocinio del Mipaaf e del Ministero della Transizione Ecologica, che premia le migliori esperienze turistiche e best practices legate al mondo dell’extravergine.

La giuria di esperti – presieduta dalla professoressa Roberta Garibaldi, autrice del Rapporto annuale sul Turismo Enogastronomico Italiano e amministratore delegato di ENIT –  ha selezionato 2 esperienze lucane che per qualità e innovazione si sono aggiudicate la finale sulle altre 179 candidate.

Sono finaliste nella stessa categoria “Musei dedicati all’olio” e sono: Amoreolio esperienze e sapori dell’olio evo lucano di Colobraro (MT) con “Oliamoci bene: un percorso sensoriale” e MOOM Museo dell’Olio di Oliva di Matera (MT) con “L’Olio nei Sassi di Matera: tecnologie, qualità e vita quotidiana in un frantoio ipogeo”.

“Anche quest’anno abbiamo raccolto tante entusiastiche adesioni, segno di vitalità e di interesse per l’unico Concorso in Italia che premia le migliori esperienze di oleoturismo – ha commentato Michele Sonnessa, Presidente delle Città dell’Olio – proprio nei giorni scorsi è stato firmato il decreto attuativo, e come Città dell’Olio abbiamo il dovere di interloquire con le Regioni, a cui spetta il compito di adeguare le proprie normative locali alle linee guida del decreto. Per i produttori di olio EVO è una grande opportunità di formarsi e strutturare un’offerta enogastronomica ed esperienziale sempre più qualificata. Lo avevamo capito prima di altri con questo Concorso che non a caso da quest’anno offre agli iscritti la possibilità gratuita di partecipare ad un corso online per operatori specializzati nel turismo dell’olio offerto da Unaprol. Andiamo sempre più convintamente nella direzione di fare del turismo dell’olio un asset strategico per la crescita e lo sviluppo delle nostre comunità”.

“Desidero congratularmi con i nostri finalisti cui auguro di trionfare sul podio – ha dichiarato Pasquale Dimatteo, Coordinatore regionale delle Città dell’Olio della Basilicata – il Concorso Turismo dell’Olio rappresenta una vetrina prestigiosa, una preziosa opportunità per promuovere le nostre eccellenze nell’oleoturismo, un settore in forte espansione che può avere un grande impatto sulle economie locali. La Basilicata è pronta a giocarsi le sue carte, qualificando e mettendo in rete la propria offerta turistica legata all’olio EVO”.

Tutte le esperienze sono visibili sul sito dedicato.

Ultimi articoli in Economia

Torna su