Archivio tag

policoro

Fumata Bianco: Enrico vola e diventa sindaco di Policoro

in Politica

Fumata Bianco: Enrico vola. Candidatura meritocratica e giovane. Fra le belle dichiarazioni degli avversari, sorprende e appare buffa la doppia morale politica di Cariello

Un 61,47% per Enrico Bianco, un ottimo risultato che giunge al termine di un percorso meritocratico: la progettualità in politica alla lunga paga. La vittoria di Bianco è stata accompagnata dai commenti degli avversari, fra tutti quello del diretto sfidante, Nicolino Lopatriello già sindaco di Policoro che ha affidato al social network le sue parole: “Auguro al neo Sindaco Enrico Bianco di lavorare bene negli interessi della nostra comunità. Ringrazio tutti coloro i quali hanno riposto in noi la propria fiducia attraverso un voto libero, democratico. Altresì, ringrazio tutti i nostri candidati, i coordinatori delle 5 liste, il coordinatore generale, per aver portato avanti, con coraggio e determinazione, un progetto moderato centrista. Con i nostri consiglieri eletti, i gruppi extra consiliari, avremo modo di organizzare iniziative per i cittadini, nonché un’opposizione costruttiva, propositiva, puntuale e vigile”, ha scritto Lopatriello.

L’altro sfidante del primo turno, Gianluca Marrese, autore con la sua lista di un importante risultato fatto di garbo, proposta e voglia di rilancio dell’area “progressista” cittadina, si è così espresso: “Policoro ha scelto il suo nuovo sindaco. Grandi sfide sono lì pronte per essere affrontate. Auguro ad Enrico e alla sua squadra la forza e la tenacia necessarie per amministrare la nostra comunità in questo delicatissimo periodo storico. Noi ci saremo! Ci confronteremo costantemente nel merito per il bene di questa comunitá. Auguri Policoro”.

Stona, almeno stando alla storia politica dei territori, la dichiarazione del consigliere regionale della Lega Pasquale Cariello che plaude alla voglia di Policoro di cambiare pagina e di pensare al futuro.

Non passa poi inosservato, fra le frasi scritte sul social da Cariello,  quel “Policoro ha scelto di cambiare pagina e pensare al proprio futuro”.

Cariello, in occasione delle elezioni di Scanzano Jonico del novembre 2021 la pensava molto diversamente. Anzi, il suo non è stato solo un pensiero ma un modus operandi, infatti si è candidato con la lista capitanata da Mario Altieri, uomo dal passato politico ingombrante e che stando ai recenti pronunciamenti – non ancora definitivi – delle autorità competenti avrebbe presentato per potersi candidare una riabilitazione verosimilmente incompleta, tanto da non essere proclamato né lui, né gli altri e lo stesso conservatore (almeno in quella circostanza) Cariello che anzi ha difeso e sostenuto con oltre mille preferenze il candidato Mario Altieri.

Scanzano Jonico è attualmente commissariata perché c’è chi, in realtà, col passato politico voglia di chiudere non ne ha. Policoro, di là dalle appartenenze politiche, ha dato il buon esempio. Scanzano, purtroppo, è  la vittima sacrificale della solita doppia morale politica, quella di Cariello, tipica di una classe politica che si spera vada in soffitta per lasciar spazio ad altro. Una doppia vita politica quella del consigliere regionale che si è fidato ciecamente di Altieri, che di certo non inficia, nemmeno di una virgola, i risultati veri. Come quello ottenuto da Enrico Bianco.

 

Scanzano Jonico. SìAmo Scanzano: “Si torni al voto”. Appello accolto dai parlamentari

 

Elezioni Policoro. Lopatriello: “Possiamo vincere al primo turno”

in Politica

Elezioni Policoro. Lopatriello: “Possiamo vincere al primo turno”. Sono candidabile ed eleggibile, non ho cause ostative. Solo gossip che viene da esponenti politici dei paesi vicini e ripreso dai soliti noti. Auguro una campagna elettorale serena ma se esasperano i toni non  mi sottrarrò”

 

Sono l’unico che può dire di aver fatto per la città di Policoro: il canile, il porto, il centro commerciale. Ho aperto alle aziende che hanno scelto Policoro per investire ”. E’ un fiume in piena Nicolino Lopatriello, aspirante sindaco di Policoro con a sostegno cinque liste. Si sofferma sull’emergenza ospedale e sul più volte paventato rischio ridimensionamento o chiusura. “Su quello sarò un maresciallo. Il primo consiglio comunale si farà dentro l’ospedale per far sentire forte la voce di quel presidio che va rinforzato. Valorizzato. E’ una struttura che serve anche le regioni vicine. Peccato che la Regione Basilicata di tutto ciò non se ne sia accorta. E oggi, gli esponenti politici della regione hanno pure il coraggio di presentarsi a chiedere voti per i loro candidati”. Poi l’affondo: “Devo vincere perché questa città ha bisogno di me”

 

Nel 2012 l’ultima esperienza amministrativa da sindaco, poi nessuna carica amministrativa: il tempo passato è un punto a tuo favore o un punto tuo sfavore?

“S’è sentita la mia assenza, basti vedere com’è ridotta la città. E’ decisamente un punto a mio favore: in tantissimi mi hanno chiesto di candidarmi. In tantissimi mi chiedono e ci chiedono di non essere abbandonati. Ce lo chiedono per favore. Non sono stato assente in questi anni. Ho seguito le vicende politiche. Ho osservato l’esperienza di Mascia, lui nella conferenza stampa conclusiva ha sostenuto di aver viaggiato controvento, effettivamente la sua amministrazione si è misurata con la pandemia. Devo dire che qualcosa l’hanno fatta. La cosa più importante che la nuova Amministrazione si troverà è il finanziamento della piazza centrale al Lido”.

 

Negli anni delle tue legislature ricordiamo alcuni dei tuoi cavalli di battaglia: Orogel, Pfanner Marinagri. In particolare un commento su quest’ultima?

“Dopo la Orogel che continua a investire sul territorio non dimentichiamoci la Pfanner, andai in Austria a prendere letteralmente l’azienda e portarla a Policoro. Marinagri ha avuto un momento di decozione legato alle vicende del sequestro. Tutti assolti per quella vicenda ma la storia giudiziaria e l’inadeguatezza di chi ha indagato ha pesato sulla società Marinagri. La gente non ha più comprato per paura di nuovi sequestri. Oggi però c’è una possibilità di rilancio molto concreta”.

Ecco, cosa potrebbe fare un’eventuale Amministrazione Lopatriello rispetto a Marinagri?

“Chiederei cosa ha già fatto Lopatriello. Credo e ne sono convinto che il presidente Vitale possa risolvere i problemi, so che ha trovato relazioni. Ma ci sono anche investitori che Nicola Lopatriello ha trovato. Investitori pronti a metterci cento milioni di euro per la struttura. Poi ci sono tanti altri investitori che aspettano Lopatriello sindaco per puntare su altri ambiti perché non c’è solo Marinagri”.

 

Tre cose che concretamente farai in caso di vittoria? La prima l’hai detta ed è il consiglio comunale in ospedale. Le altre due?

“Sostegno agli operatori turistici. Ciò che il comune può fare deve farlo e anche subito. L’estate è arrivata. Puntare su quelle iniziative che possano portare utenza e quindi economia sul territorio. L’altra è dare risposte alle strutture sportive chiuse, penso allo storico stadio comunale. Poi la cura del verde, la segnaletica. Lo stadio nuovo lo costruiremo, ironia della sorte Policoro fra due anni potrebbe avere due stadi ma il dato di fatto è che oggi la città non ne ha nemmeno uno”.

Ci sono cause ostative alla tua candidabilità o alla tua eleggibilità?

“Sono candidabile e eleggibile. Qualcuno, forse dai paesi qui vicino, si è preoccupato di danneggiarmi con questo gossip sui social. Poi la voce è stata ripresa dai soliti noti sui social. Io non ho condizioni di incompatibilità di nessun tipo. Avevo un debito col comune per spese legali, importo che ho pagato personalmente e qui ho la ricevuta (la mostra, ndr). Un importo da dividere in otto per un processo inventato”.

 

“Processo inventato”. Ti riferisci all’inchiesta sull’illuminazione pubblica. Ci dici com’è finita quella storia?

“In appello si è manifestata l’insostenibilità di una tesi accusatoria inesistente. E’ maturata così la prescrizione. L’impianto accusatorio faceva acqua da tutte le parti. Ci hanno accusati in tredici per 4 mila euro, poi la storia assurda della scatola dei sigari e poi la scoperta che quel giorno c’era addirittura Giunta.

Poco fa hai detto che devi vincere perché la città ha bisogno di te: vincerai al primo turno o al ballottaggio?

“Mio figlio è anche uno skipper, quindi prendo da quel mondo la metafora: c’è tanto buon vento che spira a nostro favore. La barca va molto veloce. Poi c’è chi alimenta i gossip che dicevamo prima. Auguro una campagna elettorale serena, se qualcuno vuole metterla in bagarre lo considererò un invito a nozze”.

Risposta secca: primo turno o ballottaggio?

“Sono convinto che possiamo vincere al primo turno”

Segui ilMet su Insagram

Al via a Policoro gli screening oculistici per più di 900 alunni delle scuole

in Cronaca

Al via a Policoro gli screening oculistici per più di 900 alunni delle scuole.
Mascia: “Nella città Bandiera Lilla, la prevenzione è l’arma più potente”

“La prevenzione è l’arma più potente che abbiamo ed è la strada da perseguire a tutela della salute, partendo dai più piccoli”. E’ quanto dichiara il sindaco della Città di Policoro, Enrico Mascia, che accoglie favorevolmente l’idea di effettuare screening oculistici a ben 922 alunni delle scuole della città, promossa dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità Italia Onlus (IAPB), nella persona della sua Presidente di Basilicata, Giovanna Ruggieri. L’importante iniziativa avrà luogo nei plessi scolastici di Policoro a partire da domani, 27 aprile 2022 e per 4 settimane, con le visite gratuite a cura dell’Ortottista, dr Rocco Quinto e del già Primario del Dipartimento di Oculistica dell’Ospedale San Carlo di Potenza, dr Giovanni Smaldone. Le visite, in particolare, interesseranno 145 alunni della Scuola dell’Infanzia e 450 della Primaria dell’Istituto Comprensivo I “Lorenzo Milani” e 109 alunni della Scuola dell’Infanzia e 218 della Primaria dell’Istituto Comprensivo II “Giovanni Paolo II”. “Proseguiamo – conclude il primo cittadino – nel solco di quanto già fatto in città: fregiarsi della Bandiera Lilla a Policoro significa anche accogliere con grande plauso gli screening per prevenire eventuali forme di disabilità sensoriale, in questo caso visiva: i nostri piccoli studenti vengono così educati all’acquisizione del grande motto del prevenire è meglio che curare”.

Bit Milano 2022: tanti i comuni del Metapontino in fiera

in Economia

E’ da poco terminata la fiera dell’ortofrutta più importante d’Europa, il Fruit Logistica di Berlino che ha visto la partecipazione di aziende e istituzioni lucane, in queste ore ha aperto il sipario la Bit di Milano, evento autorevole e così descritto dagli organizzatori:

“Un grande appuntamento disegnato appositamente per servire i diversi canali di distribuzione e acquisto. Novità e tendenze per comprendere e anticipare l’evoluzione delle abitudini e del turismo”.

Di seguito i comunicati dei comuni che hanno annunciato la loro presenza in fiera

POLICORO
Policoro…in vetrina alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano. Dal 10 al 12 aprile 2022 gli occhi dell’economia e del turismo internazionale saranno puntati sull’importante appuntamento milanese a cui prendono parte esperti ed operatori professionali, agenti di viaggio, tour operator e compagnie di trasporto. In particolare, la Città di Policoro, con la partecipazione del gruppo di azione costiera FLAG e degli altri Enti partner, sarà presente alla BIT nel più ampio programma di “Basilicata Blu” terra dei due mari che racconterà, tra Ionio e Tirreno, le due coste dal punto di vista gastronomico, turistico ed ambientale. “Un’occasione imperdibile – dichiarano il Sindaco, Enrico Mascia e l’Assessore con delega al Turismo, Maria Teresa Prestera – per far conoscere ad una vasta platea internazionale quanto di buono può offrire il nostro territorio, in termini di accoglienza, gastronomia, genuinità, ambiente”. “Fieri ed orgogliosi di accompagnare la nostra Policoro – concludono Mascia e Prestera – a mettersi in vetrina e a presentarsi al mondo del turismo con tutte le sue bellezze storiche, turistiche, ambientali”.

MONTALBANO JONICO

Più di quello che ti aspetti. Con questo slogan la città di Montalbano Jonico partecipa alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano per pubblicizzare il suo territorio, le ricchezze enogastronomiche e la sua proverbiale ospitalità.
Non solo i calanchi, con la splendida Riserva Regionale, i percorsi naturalistici e i paesaggi mozzafiato, ma anche Tempa Petrolla, i fossili che raccontano dell’evoluzione della terra e un centro storico vivo che propone un turismo “lento” e di qualità. Per non parlare dell’esperienza particolare da vivere con le “Nonne Chef”, allo stesso tempo esaltazione delle prelibatezze enogastronomiche del territorio e simbolo del legame con esso.
A Montalbano Jonico il “tempo dura quanto vuoi”. Ed è proprio questo il messaggio che il sindaco, Piero Marrese, l’assessore Ines Nesi e la guida escursionistica Porzia Lombardi, intendono veicolare alla Bit di Milano, dove presenteranno l’offerta turistica del centro jonico, che si completa anche con le splendide spiagge dello Jonio, a soli dieci minuti di distanza, e tante altre cose da vedere e da gustare per potersi distrarre dalla routine e dallo stress della vita quotidiana.
“A Milano – ha dichiarato il sindaco, Piero Marrese – portiamo la nostra idea di turismo e di offerta turistica legata indissolubilmente al territorio. A nostri giudizio, infatti, il territorio e i suoi prodotti sono elementi che si completano a vicenda e raccontano la nostra Montalbano Jonico”.
L’assessore comunale Ines Nesi ha infine sottolineato “quanto importante sia una vetrina come quella della Bit per trasmettere al turista l’idea che a Montalbano Jonico c’è tanto da vedere e da respirare, al punto che la vacanza non dura un solo giorno, ma tutto il tempo che il turista vuole. L’obiettivo è anche quello di rinsaldare il legame tra i calanchi e i prodotti a marchio De.Co, che sono il frutto del territorio montalbanese”.

ROTONDELLA 

“Vi aspettiamo al Padiglione #basilicata della Bit Milano, dove stiamo presentando Rotondella,i suoi prodotti tipici, le sue bellezze e il Passaporto del Turista”, è riportato in un post sulla pagina facebook istituzionale.

TURSI

Tursi alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo) di Milano dal 10 al 12 Aprile. Il Sindaco Cosma: “Pronti ad aprirci come uno scrigno al mondo intero”
Gli occhi del mondo su Milano. Si svolgerà infatti sal 10 al 12 aprile 2022 la BIT, la Borsa Internazionale del Turismo a cui prendono parte esperti ed operatori professionali, agenti di viaggio, tour operator e compagnie di trasporto.
In particolare, la Città di Tursi con il suo vulcanico Sindaco Salvatore Cosma, illustrerà al mondo le sue bellezze storiche, artistiche, culturali ed enogastronomiche nel più ampio programma di “Basilicata Blu” terra dei due mari che racconterà, tra Ionio e Tirreno, le due coste dal punto di vista gastronomico, turistico ed ambientale. Dalla Rabatana candidata a Patrimonio dell’UNESCO alla meravigliosa Basilica Minore di Anglona passa di per Albino Pierro e il nostro dialetto divenuto lingua fino all’arancia a staccia e al percoco di Tursi.
Un viaggio affascinante e ricco di mille sfaccettature da offrire ai professionisti del settore turistico per ripartire alla grande dopo due anni di stop imposto dal Coronavirus.
Il primo cittadino dichiara: “Avrò ancora una voltail piacere, l’onore e l’onere di rappresentare la città più bella del mondo al mondo intero. Saranno giorni intensi ricchi di spunti che proietteranno Tursi nel panorama mondiale con tutte le sue meraviglie perché è ora di aprirsi definitivamente come uno scrigno a nuove, affascinanti e meravigliose sfide. Io ci credo e sono convito che tutta la mia comunità è con me!”

PISTICCI
Il Comune di Pisticci, con la partecipazione del gruppo di azione costiera Flag e la Proloco di Pisticci, sarà presente alla prossima edizione della Borsa Internazionale del Turismo che si terrà a Milano dal 10 al 12 aprile 2022.
“Un appuntamento importante – afferma il vicesindaco e assessore al turismo, Rossana Florio – al quale ci presentiamo dopo un accurato lavoro che ha coinvolto tutta l’Amministrazione per presentare al meglio l’offerta del nostro territorio. Creare sinergie con altri enti, associazioni e operatori del settore è l’obiettivo che ci siamo posti fin dal nostro insediamento. La Fiera Internazionale del Turismo bene si presta a questo scopo e, pertanto, si configura come un appuntamento immancabile per rilanciare le strategie culturali del territorio di Pisticci”. La giornata inaugurale del 10 aprile è aperta al pubblico, mentre le successive sono riservate ai professionisti del settore.

Riflessioni sul dialogo interculturale: se ne è discusso all’IIS Pitagora

in Cultura

Riflessioni sul dialogo interculturale: se ne è discusso all’IIS Pitagora con Don Pino Marino vicario episcopale per l’educazione cattolica e la pastorale scolastica

“Per una società più solidale e fraterna: riflessioni sul dialogo interculturale”.
Se ne è discusso all’I.I.S. Pitagora di Policoro alla presenza di Don Pino Marino, vicario episcopale per l’educazione cattolica e la pastorale scolastica che insieme al Dirigente scolastico Maria Carmela Stigliano e il professor Pietro Silletti, docente di religione, hanno approfondito la tematica con tutta la comunità scolastica degli alunni e dei Docenti che da remoto hanno preso parte alla manifestazione. Il convegno ha voluto riflettere proprio sulla necessità di un dialogo costruttivo, interculturale e aperto alla conoscenza vera dell’altro, per abbattere i muri di separazione che nascono da forme di chiusura pregiudizievole che non permettono la realizzazione di un clima sereno e favorevole a realizzare una società solidale, pacifica e fraterna. Diverse sono state le considerazioni dei ragazzi che a turno hanno esposto a Don Pino, a cominciare dalla scuola e dalla Chiesa, tutti sono attori e protagonisti in modo diverso, chiamati a creare una società civile e umanizzata, a favorire la crescita sana e autentica delle nuove generazioni. Ne è emerso un interessante dibattito e Don Pino Marino ha ribadito quanto oggi la scuola si trovi oggi ad affrontare una sfida molto complessa, che riguarda la sua stessa identità e gli obiettivi che da sempre si prefigge, essa ha uno dei compiti più importanti del nuovo millennio, quello di trasmettere il patrimonio culturale del passato, affinché con esso si possa leggere il presente per acquisire le competenze per costruire un futuro migliore, mediante lo studio, la formazione di una coscienza critica e una nuova sensibilità. Un convegno che ha fatto emergere in maniera inequivocabile che la scuola è un’istituzione nella società e per la società, luogo d’incontro e di formazione culturale, etica e umana di intere generazioni, per questo diventa il luogo privilegiato dove si trasmette l’arte del saper vivere. È stato importante considerare il concetto di solidarietà e di fratellanza, all’IIS”Pitagora”, menzionati sia negli articoli della costituzione che nei documenti della Chiesa, che indicano un atteggiamento responsabile e solidale verso la società e soprattutto verso chi è particolarmente vulnerabile. “Solo cambiando l’educazione si può cambiare il mondo”, con questa importante riflessione di Papa Francesco si è conclusa la giornata del Pitagora di Policoro che sicuramente verrà riproposta, quanto prima, alla presenza del Vescovo, Don Vincenzo Orofino al quale sono andati i ringraziamenti di tutti i presenti.

Accolto il primo bambino ucraino all’IC2 di Policoro

in Cultura

Accolto il primo bambino ucraino all’IC2 di Policoro: Anche questa volta saremo pronti ad aprire le braccia agli altri, donare il nostro cuore a questo popolo sfortunato

Con emozione e con gioia è stato accolto dalla dirigente scolastica, Maria Carmela Stigliano, un bambino, accompagnato dalla madre, proveniente dall’Ovest dell’Ucraina, vicino Leopoli, la città in cui la tempesta della guerra impervia ai danni di tanti piccoli e tante famiglie avvolte da sofferenza e dolore. Il nostro nuovo alunno, Y. M., frequenterà la prima sezione della scuola dell’infanzia Winnicott , qui , le maestre e i bambini italiani lo attendono lunedì mattina per intrattenersi con lui e per compensare con giochi divertenti i momenti difficili trascorsi nel suo paese ucraino e strappargli un bel sorriso. Il nostro istituto da sempre ha dato priorità all’accoglienza perché ritiene che è una dimostrazione d’affetto fondamentale verso la persona umana, che la mette a proprio agio in un ambiente estraneo.
Anche questa volta saremo pronti ad aprire le braccia agli altri, donare il nostro cuore a questo popolo sfortunato che sta penando per colpe di altri.

Fonte: Ufficio Stampa IC2  Giovanni Paolo II – Policoro

A Policoro consegnati i gilet catarifrangenti a ciclisti e pedoni

in Cronaca

A Policoro consegnati i gilet catarifrangenti a ciclisti e pedoni, iniziativa dell’Amministrazione Comunale e Polizia Locale insieme a Caritas

 

“Un giubbotto per salvare la vita di ciclisti e pedoni”. È il nome del progetto che la Caritas di Policoro ha promosso a tutela di ciclisti e pedoni a cui ha aderito anche l’Amministrazione Comunale, per il tramite della Polizia Locale, con una giornata dedicata all’Educazione Stradale. Nella mattinata odierna, il Sindaco, Enrico Mascia, accompagnato dalla Polizia Locale, ha partecipato all’iniziativa promossa da Don Giuseppe Gazzaneo della Parrocchia del Buon Pastore, finalizzata alla distribuzione di gilet catarifrangenti da donare a lavoratori agricoli che raggiungono il posto di lavoro a piedi o in bici. L’importante iniziativa, finalizzata all’acquisto di gilet catarifrangenti promossa dalla Caritas a cui hanno aderito diversi donatori, tra cui la stessa Polizia Locale, è nata all’indomani del grave incidente stradale avvenuto poco più di un mese fa lungo una complanare della città, in cui perse la vita un giovane pakistano mentre rientrava in bicicletta dopo una giornata di lavoro. L’incontro di oggi è stato l’occasione per ricordare le regole di comportamento previste dal Codice della Strada sia per i ciclisti che per i pedoni: coloro che usano la bicicletta o che transitano lungo le strade non cittadine, infatti, devono indossare un giubbotto dotato di bande riflettenti. La Polizia Locale, guidata dal Comandante Rosa Silletti, ha ricordato al gruppo di operai agricoli presenti, prevalentemente stranieri, una serie di disposizioni normative a tutela della propria incolumità, tra cui l’obbligo di indossare questi indumenti ad alta visibilità sempre durante la notte, quando percorrono tunnel o gallerie anche durante il giorno. Disposizioni che sono valide da mezz’ora dopo il tramonto fino a mezz’ora prima dell’alba e che sono riferite ai percorsi effettuati al di fuori delle aree urbane e, ne percorsi urbani, per il transito nelle gallerie. Per i pedoni, invece, massima attenzione all’utilizzo di marciapiedi, banchine, viali e su altri spazi predisposti; in alternativa, si deve camminare lungo il margine della carreggiata opposto al senso di marcia dei veicoli, in modo da causare il minimo intralcio possibile alla circolazione, comportamento da tenere anche camminando fuori dei centri abitati; in caso di carreggiata a senso unico di circolazione, si deve camminare sul margine destro rispetto alla direzione di marcia dei veicoli. Piccoli-grandi accorgimenti che sono stati anche divulgati mediante una brochure appositamente realizzata e tradotta in italiano e inglese con tutti gli accorgimenti a tutela dell’incolumità propria e altrui. “La vicenda del ragazzo pakistano morto circa un mese fa perché investito mentre raggiungeva la propria abitazione in bici – dichiara il primo cittadino – ha sconvolto l’intera comunità policorese, che ha trasformato la tragedia in una silenziosa macchina della solidarietà, promossa da don Giuseppe, con la raccolta fondi per l’acquisto di gilet catarifrangenti”. “L’incolumità di ognuno di noi – conclude il Sindaco – passa anche attraverso questi piccoli gesti di solidarietà che ricordano quanto sia importante l’attenzione all’educazione stradale e alla promozione e divulgazione delle norme di comportamento sulla strada”.

Covid19 Basilicata: 3 nuovi decessi e 653 nuove guarigioni

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 3 nuovi decessi e 653 nuove guarigioni. I pazienti che non ce l’hanno fatta: 1 residente a Filiano, 1 a Bernalda e 1 a Policoro

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 17 febbraio

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 16 febbraio, sono state effettuate 1.436 vaccinazioni.
A ieri sono 466.215 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,3 per cento), 432.314 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (78,1 per cento) e 328.835 (59,4 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.227.364 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).
In totale sono 95 le persone ricoverate: 47 nell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza, di cui nessuna in terapia intensiva, e 48 nell’ospedale ‘Madonna delle Grazie’ di Matera, di cui 2 in terapia intensiva.
Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 3.833 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 651 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 653 guarigioni.
Inoltre, è stato registrato il decesso di 3 persone: 1 residente a Filiano, 1 a Bernalda e 1 a Policoro.
Dopo le ore 17,00 di oggi sarà inviato il report completo e collegandosi alla pagina web https://bit.ly/3fLEgGd sarà possibile consultare il bollettino quotidiano (infografica) con i dati riassuntivi.

Covid, Leone: anche dati Gimbe confermano trend positivo Basilicata

“Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe descrive una situazione in netto miglioramento per i contagi da Covid 19 in Basilicata, con una diminuzione di casi accertati del 28 per cento rispetto alla settimana precedente e una diminuzione dei casi per 100 mila abitanti nelle due province. Un dato molto positivo, a cui si aggiunge la conferma di quanto già evidenziato ieri dall’Agenas sull’occupazione dei posti letto da parte di pazienti con Covid 19: la Basilicata ha il valore più basso d’Italia per i ricoveri nelle terapie intensive e in diminuzione nei reparti di area medica. La Basilicata inoltre è in media nazionale per le vaccinazioni, con un dato significativo per quelle dell’infanzia, ad ulteriore conferma del grande lavoro degli operatori del servizio sanitario regionale e dei pediatri di libera scelta, che ancora una volta ringrazio per l’impegno profuso. Naturalmente non bisogna abbassare la guardia e lavorare per migliorare ulteriormente la situazione dei contagi, così da consentire alle nostre strutture di riprendere pienamente le attività ordinarie per venire incontro alle esigenze dei cittadini. Noi continuiamo a lavorare per l’emergenza ma con l’occhio già puntato verso la sanità del futuro, che dovrà essere più vicina ai bisogni delle persone a partire dai territori”.

 

È quanto ha dichiarato l’assessore regionale alla Salute Rocco Leone commentando i dati settimanali della fondazione Gimbe sull’andamento della pandemia da Covid 19.

Covid19 Basilicata: 4 nuovi decessi e 1042 nuovi guariti

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 4 nuovi decessi e 1042 nuovi guariti. Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 15 febbraio. 5.360 tamponi (molecolari ed antigenici) processati

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 14 febbraio, sono state effettuate 1.797 vaccinazioni.
A ieri sono 466.058 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,2 per cento), 431.626 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (78,0 per cento) e 326.563 (59,0 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.224.247 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).
In totale sono 99 le persone ricoverate: 51 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 48 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 3 in terapia intensiva.
Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 5.360 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 867 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 1.042 guarigioni.

Inoltre, è stato registrato il decesso di 4 persone: 1 residente a Pisticci, 1 a Lauria, 1 a Banzi, 1 residente in Toscana.

ISTANTANEA NAZIONALE:GREEN PASS ADDIO? “SCENARIO POSSIBILE”

La possibile eliminazione del Green Pass il 31 marzo “è uno scenario possibile, oggi dobbiamo completare la somministrazione delle terze dosi con questo ritmo è ragionevole pensare che per marzo potremmo avere completato la campagna vaccinale aprendo un nuovo scenario con progressivo allentamento delle misure restrittive, Green Pass compreso”. Così a ‘Radio Anch’io’ su Rai Radio1, il sottosegretario alla Salute Andrea Costa. Obiettivo del governo, ha aggiunto, è “riportare alla normalità il Paese. Credo che sicuramente lo stato d’emergenza non verrà più rinnovato e da quel momento inizierà certamente una fase nuova”. (ANSA).

Amministrative Policoro: apre Spazio Bianco

in Politica

Amministrative Policoro: apre Spazio Bianco. In piazza Roma a Policoro il luogo di incontro in vista delle elezioni di Primavera 2022

Domenica 13 Febbraio, alle ore 19:30, in Piazza Roma, 23 a Policoro, apre “Spazio BIANCO”, il luogo di incontro che Enrico Bianco ed i gruppi a suo sostegno, hanno scelto per il lavoro da svolgere nei prossimi mesi in vista delle elezioni amministrative della primavera prossima.

“Continuiamo il nostro percorso verso le prossime elezioni amministrative di Policoro. Spazio BIANCO sarà un luogo di lavoro che utilizzeremo nei prossimi due mesi per il confronto con le categorie produttive, le associazioni ed i cittadini per mettere a punto il nostro programma politico-amministrativo per la Città con il fine di garantire un governo coeso e capace di cogliere tutte le opportunità dei prossimi anni. Lavoreremo come sempre con lealtà nell’esclusivo interesse della Città”.

1 2 3 28
Torna su