Archivio tag

matera

Sono 48 i nuovi positivi al Covid-19 in Basilicata, in totale processati 986 tamponi

in Emergenza Covid-19

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 85.435 tamponi, di cui 84.283 sono risultati negativi.

 La task force regionale comunica che ieri, 14 ottobre, sono stati processati 986 tamponi per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 48 sono risultati positivi.

Le positività riscontrate riguardano: 11 persone residenti nella regione Puglia e lì in isolamento; 4 persone residenti a Roccanova; 5 persone residenti a Ferrandina; 4 persone residenti a Matera; 1 cittadino svizzero in isolamento a Matera; 1 cittadino ucraino in isolamento a Policoro; 4 persone residenti a Potenza; 3 persone residenti a Pignola; 1 persona residente a Maschito; 1 persona residente a Venosa; 1 persona residente a Viggianello ricoverata all’ospedale San Carlo di Potenza; 1 persona residente a Lauria; 1 persona residente a Garaguso; 1 persona residente a Oppido Lucano; 1 persona residente nella regione Puglia e in isolamento nel comune di Montemilone; 1 cittadino argentino in isolamento a Moliterno; 1 persona residente ad Avigliano; 1 persona residente a Rionero in Vulture; 1 persona residente a Vaglio di Basilicata; 1 persona residente a Bella; 1 persona residente a Tolve; 2 persone residenti a Marsicovetere.

 

Nella giornata di ieri risultano guarite 2 persone: 1 cittadino residente in un comune della regione Emilia Romagna in isolamento in Basilicata; 1 persona residente a Pescopagano.

I lucani attualmente positivi sono 438 (406 all’ultimo aggiornamento, a cui si aggiungono 33  positività di residenti e si sottrae 1 guarigione di un residente) e di questi 405 si trovano in isolamento domiciliare.

Sono 36 i ricoverati nelle strutture ospedaliere lucane: al San Carlo di Potenza 16 persone, tra cui 1 guarito in attesa di dimissioni, sono ricoverate nel reparto di Malattie infettive, 12 persone nel reparto di Pneumologia, 2 nel reparto di Medicina d’urgenza e 1, non residente in Basilicata, nel reparto di Ostetricia; a Matera 5 persone, tra cui una guarita in attesa di dimissioni, si trovano nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale ‘Madonna delle Grazie’.

Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 37 persone decedute (9 di Potenza, 3 di Paterno, 2 di Spinoso, 2 di Moliterno, 2 di Villa d’Agri / Marsicovetere, 2 di Rapolla, 1 di Irsina, 2 di Montemurro, 2 di Pisticci, 2 di Matera, 1 di San Costantino Albanese, 2 di Avigliano, 1 di Tursi, 1 di Aliano, 1 di Bernalda, 1 di Grumento, 2 di Tramutola e 1 di Marsico Nuovo), 459 guariti; 1 persona residente in Campania in isolamento a Lavello; 1 persona residente in Sardegna in isolamento a Rionero; 1 persona residente in Piemonte in isolamento a Marsicovetere; 1 persona residente in Piemonte in isolamento a Potenza; 1 persona residente in Campania attualmente ricoverata al San Carlo di Potenza; 1 persona residente in Calabria in isolamento a Lavello; 1 persona residente in Sardegna e in isolamento a Rionero in Vulture; 1 persona di nazionalità estera diagnostica in Puglia e in isolamento a Matera; 5 persone di nazionalità estera in isolamento 1 a Matera, 1 a Lavello, 1 a Scanzano, 1 a Barile, 1 a Potenza; 1 persona di nazionalità estera domiciliata a Venosa e ricoverata al San Carlo; 1 cittadino residente in Toscana e in isolamento in Basilicata; 4 cittadini residenti in Emila Romagna in isolamento in Basilicata; 19 cittadini stranieri in isolamento in struttura dedicata in Basilicata; 1 cittadino residente in Basilicata in isolamento nel Lazio; 1 cittadino residente e isolato in Basilicata ma diagnosticato in Puglia; 3 cittadini stranieri lavoratori stagionali a Palazzo San Gervasio; 1 cittadino svizzero in isolamento a Matera; 1 cittadino ucraino in isolamento a Policoro; 1 persona residente nella regione Puglia e in isolamento nel comune di Montemilone; 1 cittadino argentino in isolamento a Moliterno.

Marijuana, scoperta piantagione a Metaponto di Bernalda: due arresti

in Cronaca

La Polizia di Stato ha arrestato per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, due materani, uno 50enne, con precedenti penali specifici per stupefacenti e sottoposto alla sorveglianza speciale, l’altro 35enne, incensurato e militare dell’Esercito Italiano.

Nell’ambito di specifici e mirati servizi finalizzati al contrasto del fenomeno della coltivazione di marijuana, agenti delle “unità specializzate antidroga”, nei giorni scorsi hanno scoperto una coltivazione di Cannabis indica in Metaponto di Bernalda, Contrada San Salvatore. Le 55 piante poi estirpate, alcune alte anche 2 metri, erano posizionate in un luogo molto favorevole: oltre ad essere protette da un fitto canneto ed immerse in una boscaglia, che ne facilitava l’occultamento riparandole da occhi indiscreti, erano anche vicinissima al fiume Bradano, circostanza questa che ne aveva verosimilmente consentito il facile innaffiamento anche nei mesi più caldi e asciutti della scorsa estate.

Dopo averla scoperta, gli agenti si sono appostati per alcuni giorni nei pressi della coltivazione finché i due uomini non sono stati visti dapprima entrare all’interno del campo, e poi tagliare alcune piante, ormai giunte a maturazione e pronte per essere essiccate. A quel punto gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato i due coltivatori. Nei pressi, in un locale in uso al 35enne, è stata poi trovata un’altra pianta già essiccata, un bilancino di precisione e tutto il necessario per la coltivazione e la commercializzazione.

Le abitazioni dei due complici sono state perquisite. A casa del 50enne sono stati rinvenuti 100 gr. di hashish, 3 gr. di cocaina, 20 gr. di marijuana, mentre nell’abitazione del 35enne sono stati sequestrati 2 bilancini di precisione e alcuni grammi di hashish.

Al primo dei dueè stato contestato anche il reato di violazione della misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, che lo obbligava a rimanere all’interno del Comune di Matera.

Il 50enne è stato condotto in carcere mentre l’altro complice, essendo incensurato, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Ostetricia e ginecologia, l’Asm acquista ecografi 3D e 4D per Matera e Policoro

in Cronaca

L’ASM ha acquistato dei nuovi ecografi in 3D e 4D chesono stati destinati alle unità operative di Ostetricia e Ginecologia dei presidi ospedalieri di Matera e Policoro. Si tratta di macchine di ultima generazione ad alta definizione che consentono di studiare il feto, l’utero e le ovaie con ottima affidabilità, assicurando una diagnostica  ecografica sempre più di qualità. Infatti, con questi nuovi strumenti diagnostici sarà  possibile non solo visualizzare il volto del bimbo in tre dimensioni ma soprattutto eseguire diagnosi più precise anche per individuare eventuali malformazioni fetali in campo ostetrico o uterine in campo ginecologico. Le immagini acquisite con queste tecnologie possono essere rielaborate e studiate da professionisti dedicati. Il dr. Giuseppe Trojano, direttore dell’unità operativa complessa di Ostetricia e Ginecologia dell’ASM, ha dichiarato: “si tratta di strumentazioni di grande affidabilità, che consentiranno di assicurare al nostro gruppo di poter lavorare al meglio, ma soprattutto di poter garantire alle nostre pazienti e future mamme servizi assistenziali con tecnologia sempre più all’avanguardia e di qualità”. Il direttore generale dell’ASM ff, dr. Gaetano Annese, ha fatto rilevare che: “ nonostante le oggettive difficoltà derivanti dalle restrizioni anche degli accessi e dalla necessità di regolamentarli a causa dell’emergenza pandemica del Coronavirus, l’attività dell’Ostetricia e Ginecologia nei Presidi Ospedalieri di Policoro e Matera non ha fatto registrare situazioni di criticità e l’attività è proseguita regolarmente. Tutto questo è stato possibile grazie alla professionalità degli operatori sanitari e alla attiva collaborazione delle pazienti e dei loro familiari a cui va il ringraziamento dell’Azienda Sanitaria.”

Matera 2019, i cittadini diventano registi con “Cinéma Immaginaire”

in Cultura

Attraversare la città, perdersi fra le strade del centro storico per creare nella propria mente un film immaginario, usando come telecamera i propri occhi e le proprie orecchie come microfoni. È Cinéma Imaginaire, performance site-specific proposta per il Festival di arti performative “So far So Close- Esercizi di vicinanza” prodotto dalla Fondazione Matera Basilicata 2019 con la collaborazione artistica di Silvia Bottiroli e Cristina Ventrucci, in partenariato con Apt Basilicata e ASM Matera e il patrocinio dei Comuni di Matera, Montescaglioso, Venosa, San Mauro Forte, Cirigliano, Latronico, San Severino Lucano. Nata dall’incontro artistico tra la regista olandese Lotte van der Berg e il duo di autori, registi e performer, Daria Deflorian e Antonio Tagliarini dal 2008 ideatori di lavori pluripremiati e di una serie di progetti, spettacoli e opere site-specific, la performance itinerante in corso di svolgimento a Matera fino al 15 ottobre, invita i partecipanti a “girare” un film attraverso il loro sguardo personale e a immaginarne le cinque scene che lo compongono. Un percorso di scoperta di se stessi, delle proprie potenzialità ma anche un’occasione per guardare con occhi diversi il paesaggio urbano, scoprendo dettagli e particolari che spesso sfuggono a causa dei ritmi frenetici della quotidianità. Il progetto è pertanto un invito a vivere la realtà in modo non ordinario, cercando nuove prospettive di osservazione, che nella mente del partecipante diventano improvvisamente gli elementi portanti del proprio film, trasformando la realtà in finzione cinematografica.

Il progetto ideato dal duo Deflorian/Tagliarini nasce alcuni anni fa da un lavoro triennale di ricerca sul territorio che ha preso il via dal Teatro India di Roma. “Il primo anno – racconta Antonio Tagliarini – abbiamo organizzato un laboratorio con gli urbanisti che ci hanno presentato degli esercizi di visione – studio su come una città cambia e si trasforma. Dopo di che è nato un lavoro fatto nello spazio pubblico ideato da me e Daria dal titolo “Quando non so che fare cosa faccio” che parte dal teatro e finisce nel teatro, ed è collegato al film di Antonio Pietrangeli che parla del momento storico in cui le persone lasciano il centro e cominciano a trasferirsi in zone un po’ più periferiche”. Il secondo anno abbiamo contattato Lotte van der Berg, un’artista olandese molto interessante che ha scelto di lavorare sullo spazio pubblico e che aveva già collaborato con Daria Deflorian a un progetto su questo tema. Siamo così andati ad Amsterdam e abbiamo deciso di fare “Cinéma Imaginaire”, ma nella versione italiana, partendo dal suo concept e adattandolo alla nostra quotidianità, un po’ più morbida, in cui la relazione scalda pian piano il percorso. In due ore e mezza i partecipanti diventano una piccola comunità che ha fatto un’esperienza speciale sul guardare il mondo e sul riuscire a immaginarlo”.

E’ possibile partecipare alla performance tutti i giorni fino al 15 ottobre (eccetto lunedì 12 ottobre), con ritrovo alle ore 18:00 presso la sede della Fondazione Matera Basilicata 2019 in Via La Vista n.1. L’accesso è gratuito previa prenotazione su www.materaevents.it. Lunedì 12 ottobre Antonio Tagliarini sarà protagonista della sesta Open Review organizzata da Open Design School, in programma alle ore 19:00 al Teatro Quaroni, nel Borgo La Martella di Matera. L’accesso è gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili. Nel corso degli appuntamenti saranno rispettate tutte le norme anti contagio.

 

Giro d’Italia, Merra: “500 mila euro per restyling provinciali”

in Appuntamenti

Il Dipartimento regionale ad Infrastrutture e Trasporti ha messo a disposizione un corposo finanziamento per il ripristino di alcuni tratti di strada che saranno percorsi dai ciclisti nella tappa lucana della più importante competizione ciclistica a livello nazionale

Via libera al restyling di alcune strade provinciali lucane in vista del passaggio, il prossimo 8 ottobre, della sesta tappa dell’edizione n. 103 del Giro d’Italia, la “Castrovillari-Matera”. Tutto questo, grazie ad un corposo finanziamento della Regione Basilicata – che ha messo a disposizione circa 500 mila euro – e al lavoro dell’assessore regionale ad Infrastrutture e Trasporti, Donatella Merra e di funzionari e tecnici del Dipartimento.

La sesta tappa del Giro d’Italia partirà da Castrovillari, in Calabria, ma il percorso si snoderà per la maggior parte in territorio lucano. I ciclisti infatti attraverseranno una vasta area della Basilicata fra San Severino Lucano, in pieno Pollino, Senise, Colobraro ed il Metapontino, fino a giungere al traguardo nella Città dei Sassi, dopo aver percorso complessivamente 188 chilometri.

“Dalle economie del Fondo sviluppo e coesione (Fsc) – ha spiegato l’assessore Merra – sono state reperite risorse pari a circa 500 mila euro per le opere di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle arterie che saranno interessate dal passaggio del Giro d’Italia. Si tratta di un importante sforzo economico – ha evidenziato – che abbiamo voluto sostenere per far sì che una manifestazione storica come il Giro d’Italia possa lasciare il segno nel nostro territorio, ma soprattutto per dimostrare che la Basilicata è predisposta a livello territoriale ed ha tutte le carte in regola, per ospitare iniziative di respiro nazionale di questo tipo”.

Per quanto riguarda le opere finanziate si interverrà sulle strade provinciali 28 detta “Calabra” e 4 “del Pollino”, nel potentino e sulla Sp 5 in territorio materano.

“Le opere di messa in sicurezza, sistemazione e ripristino della pavimentazione nei tratti viari interessati da cedimenti e sconnessioni – ha sottolineato l’assessore – saranno realizzate in tempi brevi e concluse entro i primi giorni di ottobre, in tempo per il passaggio della carovana rosa”.

“Buon Lavoro – una tre giorni della Chiesa di Matera-Irsina”

in Cronaca

Prende il via l’iniziativa su lavoro a favore dei giovani , Matera 28,29,38 settembre 2020

 

“Il lavoro è una necessità, è parte del senso della vita su questa terra, via di maturazione, di sviluppo umano e di realizzazione personale” (Laudato si’, 128). Sta a cuore alla Chiesa che i giovani realizzino la loro vita nella ricerca attiva del lavoro. Gli uffici diocesani del Progetto Policoro, Pastorale sociale e del lavoro, Servizio di Pastorale Giovanile e Caritas, unitamente alle Associazioni e Movimenti ecclesiali, invitano i giovani a vivere una tre giorni, presso la sede della Caritas in Via Cappuccini 15 a Matera, per conoscere quali opportunità concrete si possono sviluppare per la realizzazione dei propri sogni e lo sviluppo delle proprie potenzialità. I giorni 28 e 30 settembre si lavorerà in presenza presso la sede Caritas, il giorno 29 settembre si lavorerà a casa con la possibilità di collegarsi in videoconferenza con i formatori per ricevere delucidazioni e suggerimenti per l’elaborazione di un’idea progettuale.

Questa iniziativa è solo l’avvio di un processo che intende rendere protagonisti i giovani della propria realizzazione, avendo accanto una Chiesa che non li lascia soli, anzi mette a loro disposizione competenze e servizi utili a perseguire i loro obiettivi. E’ un primo passo per dare corso alle risultanze del Sinodo diocesano e dare concretezza ai tanti messaggi del nostro Arcivescovo a favore dei giovani e del mondo del lavoro.

Accusato di maltrattamenti in famiglia, arrestato

in Cronaca

La Polizia di Stato “ha arrestato in flagranza di reato un quarantacinquenne di Matera per maltrattamenti in famiglia aggravati e violenza privata nei confronti della moglie con la quale è in fase di separazione consensuale”, è riportato nella nota diffusa dalla Questura di Matera in queste ore.
Nel comunicato si legge: “Gli agenti della Squadra Volante e del Reparto Prevenzione Crimine sono intervenuti a seguito di una telefonata al 113, che segnalava un’accesa lite all’interno di un appartamento alla periferia nord della città. All’arrivo degli operatori sul posto, nell’abitazione era ancora in corso il violento diverbio tra i due coniugi, alla presenza delle due figlie minorenni. Sul pavimento, giaceva il telefonino della donna mandato in frantumi dal marito che glielo aveva strappato dalle mani per evitare che chiamasse la Polizia. La donna, accompagnata al pronto soccorso dove è stata medicata per escoriazioni e un trauma alla spalla sinistra con prognosi di pochi giorni, ha raccontato una serie di soprusi e vessazioni a cui era sottoposta da oltre dieci anni”
Previa comunicazione all’Autorità giudiziaria, l’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari e condotto presso l’abitazione di un conoscente, lontano dalla moglie.

Nutella lancia la special edition “Ti Amo Italia”, ci sarà anche Matera sui vasetti

in Cultura

NUTELLA CELEBRA LA STRAORDINARIETÀ DEL NOSTRO PAESE CON LA SPECIAL EDITION “TI AMO ITALIA”

 

Nutella da sempre ispira a vivere la vita con positività, e ancora una volta vuole ricordarci che per cogliere il buono della vita non serve cercare lontano, a volte basta guardarsi attorno.  Per questo è nata la Special Edition “Ti Amo Italia”, che ad ottobre 2020 arriverà sul mercato per invitarci a realizzare quanta meraviglia ci circonda, promuovendo un processo di riscoperta dello straordinario nell’ordinario.

Protagonista della special edition sarà proprio l’Italia, un luogo dove ogni cosa è straordinaria, anche se talvolta lo si dà per scontato. La ricchezza dell’Italia risiede infatti nella sua eterogeneità: i suoi luoghi, dai più noti ai più nascosti; le sue persone, di diverse età, etnie, genere; le sue ricette tradizionali, che sono espressione di tutte le sfumature d’Italia attraverso le diverse interpretazioni in cucina. 

La special edition “Ti amo Italia”, sugli scaffali a partire da ottobre, sarà composta da una serie limitata di 30 vasetti che celebrano il nostro paese, toccando tutte le regioni. Dai borghi alle montagne, dalle isole alle città, dalle acque cristalline ai paesi colorati: ogni vasetto è uno scorcio d’Italia!

La Special Edition creata in collaborazione con ENIT, l’Agenzia Nazionale del Turismo, anche per valorizzare e promuovere il territorio italiano, si pone l’obiettivo di creare maggiore consapevolezza sulla bellezza che ci circonda e su quanto questi luoghi straordinari siano a portata di mano e accessibili a tutti.

I vasetti saranno soltanto l’inizio di un viaggio che porterà i consumatori a visitare virtualmente 30 località d’Italia, rimanendo comodamente seduti a casa. Inquadrando il QR code su ogni vasetto sarà infatti possibile vivere un’esperienza immersiva di virtual reality.  I contenuti saranno fruibili all’interno di una piattaforma digitale, dove ogni consumatore potrà inoltre mettere alla prova le proprie conoscenze legate al territorio, alla storia, alla cultura e godere di video-ricette legate alla tradizione culinaria del paese rivisitate in chiave Nutella.

Produzione stupefacenti e detenzione armi, un arresto effettuato dalla Guardia di Finanza di Policoro

in Cronaca

Prosegue senza sosta l’attività dei reparti dipendenti dal Comando Provinciale di Matera per contrastare ogni forma di illegalità posta in essere sul territorio. Nei giorni scorsi è stata eseguita dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Policoro e dalle unità cinofile della Compagnia di Matera, una complessa attività di prevenzione e repressione dei reati inerenti la produzione di sostanze stupefacenti nelle campagne ioniche.

Nell’ambito di tale dispositivo, a seguito di una preliminare attività investigativa, i militari localizzavano ed accedevano presso un’area adiacente al fiume Agri nel Comune di Policoro, individuando un cittadino italiano di anni 60 intento alla cura di piante di cannabis ad alto fusto, ben occultate all’interno di una piantagione di albicocche e circondate da un sistema di irrigazione a gocce.

La successiva approfondita ispezione di tutta la zona circostante e dell’abitazione adiacente, in uso allo stesso soggetto ed alla sua famiglia, permetteva il rinvenimento di numerose piante ad alto fusto di cannabis, per circa 250 kg, e di diverse armi da fuoco, in particolare, sono state rinvenute e sottoposte a sequestro:

  • una carabina ad aria compressa mod. 22, calibro 5,5 risultata rubata;
  • un fucile semiautomatico “Benelli” calibro 12, modello 121, risultato rubato;
  • un fucile da caccia “Franchi” calibro 12, a canne sovrapposte, con matricola abrasa;
  • ventitré cartucce calibro 12;
  • ventitré candelotti contenenti polvere da sparo utilizzati per la pesca da frodo;
  • due balestre.

Alla luce di quanto scoperto, le operazioni proseguivano sotto la direzione ed il coordinamento del P.M. di turno D.ssa Annunziata Cazzetta della Procura della Repubblica di Matera e si concludevano con l’arresto in flagranza del responsabile per le condotte di cui all’art. 73 DPR 309/90 (produzione di sostanze stupefacenti), all’art. 23 Legge 110/75 (detenzione abusiva di armi clandestine), all’art. 7 Legge 895/67 (detenzione abusiva di armi comuni da sparo) e all’art. 648 c.p. (ricettazione).

 

Un positivo in Basilicata. In totale processati 274 tamponi

in Emergenza Covid-19

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 4 agosto, sono stati processati 274 tamponi per la ricerca di contagio da covid 19. Di questi, 273 sono risultati negativi e 1 positivo. Il caso positivo riguarda una persona residente a Matera appena rientrata dall’estero. Con questo aggiornamento i residenti in Basilicata attualmente positivi sono 3 e si trovano in isolamento domiciliare. Nel reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza sono ricoverate 2 persone di nazionalità estera e provenienti da Stato estero. Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 28 persone decedute (9 di Potenza, 2 di Paterno, 1 di Spinoso, 2 di Moliterno, 1 di Villa d’Agri, 2 di Rapolla, 1 di Irsina, 1 di Montemurro, 1 di Pisticci, 2 di Matera, 1 di San Costantino Albanese, 2 di Avigliano, 1 di Tursi, 1 di Aliano, 1 di Bernalda); 373 guariti; 2 persone di nazionalità estera ricoverate all’Ospedale ‘San Carlo’; 5 persone di nazionalità estera che si trovano in isolamento domiciliare in Basilicata; 31 cittadini stranieri in isolamento in strutture dedicate in Basilicata; 1 cittadino lucano in isolamento in Basilicata ma sottoposto a tampone in Emilia Romagna e lì conteggiato.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 48.206 tamponi, di cui 47.633 risultati negativi.

1 2 3 6
Torna su