Archivio tag

bardi

Gas gratis ai lucani: “venerdì sarà possibile presentare l’autocertificazione”

in Economia

 

Bardi: “Gas gratis a tutti i lucani, venerdì 28.10 dalle 16 sarà possibile presentare l’autocertificazione”. Ci vorranno 5 minuti, assicurano dalla Regione, per la procedura con il delegato 10

Si sta facendo attendere l’avvio della procedura online per la presentazione dell’autocertificazione per il bonus gas.  Anzi, avrebbe dovuto essere già disponibile ma evidentemente qualcosa non ha funzionato.  In queste ore la Regione ha comunicato che la data di quella che è stata definita “la rivoluzione energetica” sarà quella del 28 Ottobre e che ci sarà una pagina dedicata che non richiama il sito Api Bas

 

“Venerdì 28 ottobre, dalle ore 16, sarà aperto il portale regionale per caricare l’autocertificazione e accedere ai benefici della legge che darà il “gas gratis a tutti i lucani”. Il link di riferimento sarà portalebonusgas.regione.basilicata it. Lo comunica il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi.

“La procedura, attivabile tramite SPID, richiederà cinque minuti: bisogna compilare il form con tutte le proprie informazioni, tra cui le più importanti sono il PDR (il contatore) e il codice cliente, due informazioni facilmente rinvenibili dalle bollette. L’autocertificazione sarà poi generata automaticamente dal sistema e si potrà firmarla sia digitalmente (preferibile) che in maniera olografa (stampando, firmando e scansionando il file). Successivamente si dovrà caricare l’autocertificazione nel sistema e chiudere l’iter. La procedura con il delegato sarà un po’ più lunga, ma in dieci minuti si potranno caricare tutti i documenti richiesti e accedere a un beneficio che vale potenzialmente per i prossimi 9 anni e che varrà diverse migliaia di euro per tutte le famiglie lucane”, aggiunge Bardi.

“Entro venerdì mattina, metteremo on line sia un tutorial sia le faq per aiutare tutti i lucani che dovranno presentare la domanda. Ci saranno poi varie iniziative di comunicazione istituzionale e di rapporti con il pubblico per supportare i cittadini. Chiedo a tutti la massima collaborazione e la più ampia disponibilità, soprattutto per aiutare i più anziani e i più fragili che non hanno familiarità con gli strumenti informatici”, conclude il Presidente della Regione Basilicata.

“Si tratta di un’innovazione senza precedenti e soprattutto, per la prima volta dopo 20 anni, i lucani potranno avere direttamente un beneficio tangibile dalle attività estrattive in Basilicata. Un “rivoluzione energetica”, che si unisce alla nostra strategia per la transizione energetica, con il bando per i non metanizzati, da pochi giorni pubblicato sul Bur”, sottolinea l’assessore all’ambiente all’energia della Regione Basilicata, Cosimo Latronico.

Giunta: pronta la nuova Giunta di Bardi con due riconferme

in Politica

La Giunta varata da Bardi è composta da Gerardo Bellettieri, Vincenzo Acito, Vincenzo Baldassarre, Donatella Merra, Francesco Fanelli, per gli ultimi due si tratta di una conferma. Resta fuori Rocco Leone, pediatra di Policoro, che ha svolto il ruolo di assessore regionale alla Sanità prima del rimpasto

“Sono state settimane impegnative, che mi hanno visto protagonista di un dialogo serrato con i partiti. Stamattina ho firmato il decreto di nomina dei nuovi assessori, che ringrazio per aver accettato l’incarico ma soprattutto le enormi responsabilità che dovranno affrontare, in questo periodo così difficile, che vede la Basilicata ancora alle prese con la pandemia, nel bel mezzo di una crisi energetica che tutti noi vediamo ogni volta che facciamo rifornimento di carburante, quando arrivano le bollette e quando andiamo a fare la spesa. E poi c’è la guerra in Ucraina, che ha conseguenze anche per tantissime imprese lucane, penso solo all’approvvigionamento del grano – reso più difficile dal conflitto russo-ucraino – o al costo del gas. È un momento delicatissimo che richiede risposte nuove e per questo ho voluto rinnovare la Giunta regionale.
La nuova giunta sarà composta dal Dottore Gerardo Bellettieri, che prenderà le deleghe alle attività produttive, formazione, lavoro e sport. L’Ingegnere Vincenzo Acito avrà le deleghe ad Ambiente ed Energia. Il Dr. Vincenzo Baldassarre avrà la delega dell’Agricoltura.
L’Architetto Donatella Merra prenderà la delega alle infrastrutture. L’Avvocato Francesco Fanelli assumerà anche la vicepresidenza e prenderà le deleghe alla Sanità e alle politiche sociali.
Voglio innanzitutto ringraziare i precedenti assessori per il lavoro svolto con dedizione e passione, in un momento di grandi cambiamenti e di inedite sfide che la storia ha imposto a questa amministrazione e a tutti i lucani. Penso al sostegno alle imprese, alla campagna vaccinale e alla transizione energetica. Il loro lavoro sarà continuato dai nuovi assessori, potendo contare su basi molto solide.
Mi dispiace della decisione dei vertici nazionali di Fratelli d’Italia, ma la mia porta verso gli esponenti locali del partito resta aperta, a dimostrazione della mia volontà di dialogo.
Mi preme soprattutto rivolgermi ai lucani: questa giunta è nuova nelle persone e nelle deleghe, perché vogliamo rilanciare la sfida del cambiamento che i nostri concittadini ci hanno lanciato dopo anni di malgoverno.
L’eredità che ogni giorno scopriamo è pesantissima e gli errori del passato avranno conseguenze ancora a lungo. In queste settimane il lavoro non si è fermato e abbiamo comunque continuato il percorso di rinnovamento, che vedrà la sua concretizzazione a breve con atti amministrativi puntuali: penso alla stagione dei concorsi, che tra pochi giorni saranno pubblicati sul BUR e sulla Gazzetta ufficiale, penso alla nostra strategia per dare il gas lucano a tutti i residenti nella nostra Regione, così da contrastare gli effetti nefasti di una crisi senza precedenti, penso alle sfide del PNRR, con il bando borghi che entro il 15 marzo vedrà l’indicazione del Comune vincente, penso alla redazione del bilancio. E tante altre decisioni ci aspettano nelle prossime settimane, dall’acqua alle imprese alle infrastrutture.
Lunedi 14 marzo ci sarà la tappa lucana del tour del governo sui territori, per spiegare le nuove e importanti opportunità del PNRR. La tappa di questo “giro d’Italia” si fermerà a Potenza, e vedrà la partecipazione del sottoscritto, del Sindaco di Potenza e di numerosi ministri e sottosegretari.
La Basilicata ha recuperato una rinnovata centralità a livello nazionale, grazie alle nostre risorse naturali, alle nostre donne e ai nostri uomini che si stanno facendo valere sul territorio e a livello nazionale.
Il mio appello a tutti i lucani è di essere uniti, di sostenerci in questo sforzo senza precedenti, per vincere le crisi che ci hanno colpito e quelle che arriveranno. Come sapete, io non ho altri interessi, se non quelli dei lucani. Per tutti noi mi impegno tutti i giorni, uno sforzo personale che non mi pesa, perché compensato dall’amore infinito che nutro per la mia terra. Insieme, vinceremo anche questa volta”. Lo afferma in una nota il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi.

Movimento Giovanile della Sinistra: “Bardi gioca col potere”

in Politica

Movimento Giovanile della Sinistra: “Bardi gioca col potere”. “Destra inadatta a governare, la cui principale occupazione è il mantenimento di incarichi e carriere”

Il Movimento Giovanile della Sinistra denuncia l’immobilismo delle forze politiche di maggioranza e la mancata nomina, dopo settimane, di una Giunta regionale. “Il governo regionale sembra aver dimenticato quale sia il suo ruolo e gioca col potere”

Negli ultimi mesi abbiamo assistito al dispiegarsi di una crisi all’interno della destra lucana, di cui le recenti e incerte notizie in merito alla Giunta regionale ne sono l’evidente dimostrazione. All’inizio del mese di marzo, il Presidente Bardi, non essendo stato raggiunto un accordo per un rimpasto di Giunta, di cui si discuteva da settimane, annuncia il completo azzeramento delle deleghe assessorili. A più di dieci giorni da tale decisione, tuttavia, non paiono esserci nuovi sviluppi all’orizzonte: una nuova Giunta non è stata ancora formata, e sembra che l’unico elemento certo siano i litigi interni alleforze politiche di maggioranza. Questi ultimi, infatti, hanno fatto
immediatamente naufragare anche la fragile bozza di esecutivo che Bardi avrebbe dovuto presentare in questi giorni alla stampa. Crediamo che tutto ciò sia inaccettabile. L’autoreferenziale gioco di potere, l’interminabile stallo, la richiesta insensata di un secondo assessorato da parte del coordinatore regionale Quarto di Fratelli D’Italia, la simultanea inattività del Consiglio regionale, tutto questo
è per noi inammissibile e sintomo di una politica e di una destra inadatta a governare, la cui principale occupazione è il mantenimento di
incarichi e carriere. Le questioni da affrontare sono intanto numerose: dalla gestione dei fondi del PNRR all’estrazione petrolifera, dalle infrastrutture che non ci sono alla crisi energetica.

I giovani, disillusi, non scorgono poi alcun futuro in Basilicata e scappano, cercando un altrove che può soddisfare le loro esigenze lavorative, formative, culturali, di vita. I lavoratori e le lavoratrici vivono un periodo di grande difficoltà, segnato dall’aumento dei costi della vita e di una significativa diminuzione dei servizi offerti.

Di fronte a una tale paralisi, peraltro in una circostanza così delicata, riteniamo dunque che spetti ai cittadini lucani esprimersi liberamente tramite il meccanismo del voto, che debba essere restituita loro la parola. Il governo regionale, sinora, sembra aver dimenticato quale sia il suo ruolo, la serietà e la responsabilità richieste in certe posizioni, e gioca col potere.

Antonio Prestera
Seg. MGS Basilicata

Caos in Regione. Bardi: la Lega si contraddice.

in Politica

Caos in Regione. Bardi: la Lega si contraddice. Sono settimane di stallo politico, il governato parla con tutti i consiglieri regionali e avverte: no a interessi politici personali

E’ quasi un mese che la Lega chiede la “verifica” in regione, addirittura ha ritirato dall’Esecutivo del generale Vito Bardi due dei suoi, poi accade che il governato azzera le cariche ma alla Lega non va giù così il Gruppo della Lega con una nota congiunta fa sapere che “èpassato quasi un mese dal giorno in cui la Lega ha tenuto la conferenza stampa con la quale ha rilanciato la necessità di aprire una verifica politica (proprio quella verifica più e più volte annunciata da Bardi nei mesi scorsi, ma puntualmente rimasta nel cassetto) su temi cruciali  per la Basilicata, dal PNRR alla gestione del periodo post pandemico, dalle competenze dei dipartimenti alla loro riorganizzazione, dal caro bollette alle energie rinnovabili, dal dissesto idrogeologico ad una nuova governance della risorsa acqua”. E, ancora: “In questo mese ci sono stati incontri, confronti, documenti, tutti finalizzati al rilancio dell’azione di governo; per questo ieri ci saremmo aspettati un considerevole balzo in avanti da parte del Presidente, anziché il clamoroso passo indietro. È il tempo dei fatti e delle soluzioni, non più quello degli annunci e delle consultazioni. Ci siamo detti tutto in queste settimane, per quanto ci riguarda l’interlocuzione con il Commissario regionale, Sen. Marti, è più che sufficiente, meglio impiegare il tempo per lavorare sodo e recuperare quello perso“.

Nella categoria dedicata (Politica), le principali notizie della politica lucana e del comprensorio metapontino.

 

Il generale e governatore Vito Bardi attraverso un comunicato stampa istituzionale manifesta il suo stupore:

“Resto sorpreso dal comunicato della Lega, dato che ieri avevano addirittura plaudito all’azzeramento, rivendicandone la primogenitura, mentre oggi parlano di “passo indietro”. Dispiace leggere toni irrispettosi, dato che nelle interlocuzioni dirette il linguaggio è sempre differente. La mia intenzione, che ribadisco, è di rivolgermi a tutti i consiglieri regionali, rappresentanti ed espressione del popolo lucano, in quanto mio preciso dovere istituzionale. Confido nella responsabilità di tutti e nella centralità del Consiglio regionale, principale assise democratica lucana, che sarà chiamato a giudicare la nuova giunta”. Lo afferma in una nota il Presidente della Regione Basilicata”, Vito Bardi.

Nel 2019, per la prima volta in Basilicata, il centrodestra ha vinto le elezioni regionali eleggendo così l’attuale governatore Vito Bardi, nome a suo tempo voluto e sostenuto da Silvio Berlusconi, Forza Italia.

Proprio Bardi, in queste giornate convulse, nel dichiarare che è sua intenzione andare avanti con il centrodestra ha detto di voler parlare con tutti i consiglieri regionali. Inoltre, ha avvertito: “Basta con gli interessi politici personali”.

Segui ilMet su Instagram

 

 

 

 

“La fibra il simbolo della rivoluzione digitale”

in Cronaca

“La fibra il simbolo della rivoluzione digitale è la nuova ferrovia. E’ la condizione imprescindibile per mettere la Basilicata in connessione col mondo

“La fibra è la nuova ferrovia. È il simbolo della rivoluzione digitale, come il treno fu il simbolo della rivoluzione industriale. È il simbolo della velocità, in un’epoca dove si corre tutti molto più veloci rispetto al passato. Ma è anche una sfida che dobbiamo vincere a tutti i costi, proprio memori della storia delle ferrovie in Basilicata, di cui ancora oggi, a distanza di un secolo e mezzo, paghiamo le conseguenze di quel ritardo che ha diviso per troppo tempo la nostra Regione dal resto d’Italia e ha addirittura diviso la nostra regione al proprio interno”.
È quanto ha dichiarato in apertura il presidente Vito Bardi, intervenendo questa mattina all’incontro sugli indirizzi del Piano digitale lucano, che si è svolto nella Sala Inguscio del Dipartimento Salute, alla presenza del Consigliere regionale Enzo Acito, del responsabile di Infratel Italia spa Luigi Cudia, e di Salvatore Panzanaro in rappresentanza dell’Ufficio per l’Amministrazione digitale della Regione Basilicata.
“La fibra, e più in generale la connettività ultraveloce, è la condizione imprescindibile nel mondo di oggi per mettere la Basilicata in connessione con il mondo e i lucani in contatto diretto con la pubblica amministrazione” ha aggiunto Bardi richiamando i dati Eurostat del 2019 che fotografano le ridotte interazioni via internet dei cittadini lucani con la Pubblica amministrazione.
Per il presidente Bardi “L’offerta di servizi è il moderno treno che dovrà correre sul binario moderno, ossia la fibra. E questo non vale solo per i servizi sanitari, ma anche per quelli pubblici e per i servizi culturali: pensate con la realtà virtuale quanti turisti in più potremo portare a Matera, a Venosa a Melfi e nelle altre tantissime perle della nostra Regione.

Si tratta – ha chiarito il presidente – di una sfida per tutta la pubblica amministrazione regionale, che deve rinnovarsi e che deve avere l’ambizione di raggiungere primati nell’erogazione di servizi digitali, consapevole del rilevante impatto sociale di tale trasformazione, del contributo di innovazione che può offrire alle nostre comunità, al nostro sistema economico e sociale”.
Della necessità di completare l’infrastruttura materiale per poi rilanciare quella immateriale, garantendo ai cittadini di poter usufruire dei servizi e delle opportunità derivanti dalla fibra ottica, ha parlato il Consigliere regionale Enzo Acito, evidenziando peraltro l’importante investimento di 24 milioni di euro legato al Piano per la banda ultralarga (Bul).

“Abbiamo preso l’impegno di portare la fibra in tutte le case lucane, quindi dobbiamo attivare la domanda da parte dei cittadini e delle imprese garantendo servizi in ambiti quali la telemedicina, il rapporto con la pubblica amministrazione, il mondo del lavoro e quello turistico e culturale”

ha detto Acito.
Il responsabile di Infratel Italia spa, Luigi Cudia, tra le altre cose ha confermato che la Basilicata sarà la prima regione italiana a ultimare la posa in opera della fibra ottica, come prevede il cronoprogramma della società che fissa al mese di dicembre 2022 il completamento dei lavori. Iniziativa che doterà 103 Comuni lucani di una tecnologia di trasmissione dei dati integralmente in fibra.

Fibra ottica: “la Basilicata potrebbe essere la prima a ultimare la posa in opera”

Impennata costi bollette: Bardi scrive a Draghi

in Economia

Impennata costi bollette: Bardi scrive a Draghi a Giorgetti e ai parlamentari lucani. “Aumenti pazzeschi fino al 600%. Così a rischio la ripresa economica”.

“A tutti noi in questi mesi sono arrivate delle bollette esorbitanti, con aumenti pazzeschi. Penso alle imprese lucane, che in un anno hanno visto aumentare le bollette anche del 600%. Una follia. Come sapete, sul tema la Regione può fare davvero poco. Per questo motivo, ho scritto una lettera al Presidente del Consiglio, Mario Draghi e al Ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, per chiedere un rapido intervento a sostegno delle famiglie e delle imprese, che dopo la pandemia non possono certo sostenere questa impennata dei costi dell’energia. So che ci sono state già delle interlocuzioni di Draghi con le imprese e so anche che il Governo sta costruendo un provvedimento che dovrebbe in parte sterilizzare questo aumento delle bollette senza precedenti, che rischia di essere una vera bomba sociale, anche peggio della pandemia. Il Governo faccia presto, e per questo motivo ho scritto a Draghi e Giorgetti: questa urgenza è ancor più vera in una Regione come la nostra, la Basilicata con un tessuto imprenditoriale costituito da piccole e medie imprese che stanno sul mercato con grande fatica, a causa di un antico gap infrastrutturale che purtroppo ci portiamo indietro da anni, a causa di pluridecennali scelte sbagliate che hanno penalizzato il nostro territorio”. Lo afferma in un videomessaggio su facebook il Presidente della regione Basilicata, Vito Bardi.
“Questo aumento folle delle bollette – continua Bardi – rischia di compromettere la ripresa economica appena avviata, e soprattutto rischia di dare un colpo troppo forte alle famiglie lucane. Ho scritto anche a tutti i parlamentari lucani, affinché facciano sentire la voce del territorio e delle imprese lucane a Roma. Alcuni di loro lo hanno già fatto, ma adesso serve un’azione corale per difendere la nostra Regione da questo rincaro dei costi energetici. Quello del caro-bollette è un tema nazionale, chi può risolvere il problema è solo il Governo, ma la settimana prossima avrò tutta un serie di interlocuzioni a Roma per immaginare una strategia su misura della Basilicata, visto anche l’accordo compensazioni con le compagnie energetiche, che potrebbe portare un beneficio a migliaia di lucani. Ci stiamo lavorando da mesi, in silenzio e con assoluta dedizione, e speriamo di poter dare presto una buona notizia in tal senso”.
“Il mio impegno per il territorio è totale. Come sapete, non ho altri interessi, non ho aspirazioni personali, perseguo solo il bene della nostra Basilicata, con spirito di servizio, come ho sempre fatto nella mia vita, dedicata completamente al mio Paese”, conclude Bardi.

Covid19 Basilicata: 985 nuovi positivi. Tre decessi.

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 985 nuovi positivi. “Non sarà più necessario un tampone molecolare di conferma dopo un test rapido positivo”. I nuovi casi nel Metapontino: Bernalda: 15
Colobraro: 4, Craco: 1 , Montalbano Jonico: 10, Nova Siri: 10, Pisticci: 4, Policoro: 77
Scanzano Jonico: 18, Valsinni: 2, Tursi: 8

 

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 13 gennaio

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 12 gennaio, sono state effettuate 6.511 vaccinazioni. A ieri sono 451.989 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (81,7 per cento), 416.806 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (75,3 per cento) e 215.898 (39,0 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.084.693 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).

Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 2.609 tamponi molecolari per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 985 (e di questi 955 relativi a residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 233 guarigioni, di cui 220 relative a residenti.

Al momento i ricoveri nelle strutture lucane sono 80 (di cui 1 in terapia intensiva all’ospedale San Carlo di Potenza), così suddivisi: 37 all’ospedale Madonna delle Grazie e 43 al San Carlo.

Inoltre, si comunica che i decessi registrati in data odierna sono 3 e riguardano una persona residente a Ruoti, una persona residente a Policoro e una persona residente a Ruvo del Monte.

 

BARDI INCONTRA LA FEDERAZIONE DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

Non sarà più necessario un tampone molecolare di conferma dopo un test rapido positivo

Si è tenuto stamattina un incontro in Regione con il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, e il Dr. Antonio Santangelo, Segretario Regionale FIMMG, per quanto riguarda la procedura inerente i tamponi.
Dalla prossima settimana tutte le strutture abilitate (farmacie, laboratori, MMG, PLS, etc.) dovranno caricare tutti i tipi di tamponi nella piattaforma regionale già esistente: è stata prevista l’equiparazione dei tamponi antigenici con quelli molecolari.
Pertanto, non sarà più necessario un tampone molecolare di conferma dopo un test rapido positivo. È stata ribadita la validità del tampone antigenico, se trasmesso alla piattaforma regionale, sia per quanto riguarda la dichiarazione della guarigione, sia per quanto riguarda la fine della quarantena e dell’autosorveglianza.
Per quanto riguarda l’autosorveglianza, i vaccinati che hanno già ricevuto la terza dose o il booster, i vaccinati con ciclo completo “primario” da meno di 120 giorni e i guariti dal Covid da meno di 4 mesi, se asintomatici, non devono più mettersi in quarantena né aspettare il risultato di un tampone per uscire di casa. Possono andare ovunque, ma devono fare massima attenzione alla comparsa di eventuali sintomi e indossare le mascherine Ffp2.
“Ho invitato il rappresentante dei Medici di medicina generale – che ringrazio per il loro ruolo cruciale in questa pandemia – in questa fase di transizione, ad accettare sin da subito il tampone antigenico negativo quale elemento per terminare l’isolamento in seguito alla positività, sempre previo giudizio clinico. In tal modo potremo “liberare” i tanti lucani in attesa, a causa del numero elevatissimo di positività rilevato nelle ultime settimane. Ringrazio il Dr. Antonio Santangelo, Segretario Regionale FIMMG, per la disponibilità e la collaborazione, che non è mai mancata. Ho avuto rassicurazioni dal gestore dei servizi informatici che dalla settimana prossima il sistema dovrebbe essere perfettamente funzionante”, afferma il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi

 

Covid19 Basilicata: 315 positivi. Un decesso a Melfi

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 315 positivi. Un decesso a Melfi. Nel Metapontino il numero più alto di contagi a Policoro, Pisticci e Bernalda rispettivamente con 14, 11 e 9 nuovi positivi. A Scanzano Jonico 5.

A ieri sono 446.189 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (80,6 per cento) e 413.089 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (74,7 per cento) e 163.288 (29,5 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.022.566 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).
In totale sono 73 le persone ricoverate: 38 nell’ospedale San Carlo di Potenza e 35 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 2 in terapia intensiva. Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 1.056 tamponi molecolari per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 315 (e di questi 293 relativi a residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 78 guarigioni, tutte relative a residenti in Basilicata. Ieri, inoltre, è stato registrato il decesso di un uomo residente a Melfi.

Segui ilMet su Instagram

Covid, incontro Bardi con ANCI e UPI: “In attesa DL del Governo, via a screening scuole”

“Oggi con UPI e ANCI si è tenuta una riunione molto proficua in Regione Basilicata sull’emergenza Covid: abbiamo analizzato le conseguenze sul territorio della pandemia e dell’aumento dei contagi dovuto alla variante Omicron. Ci rivedremo nelle prossime ore per continuare il nostro lavoro, soprattutto in vista del decreto legge del Governo che sarà emanato il 5 gennaio e che a questo punto rende inutile qualsivoglia provvedimento regionale.

Abbiamo deciso a ogni modo di fornire ai Comuni dei tamponi necessari per fare uno screening gratuito tra la platea studentesca, in attesa della ripresa delle attività scolastiche che potrebbero anche slittare al 10 gennaio.

Ma prima di ogni ulteriore decisione, è corretto aspettare il decreto legge del Governo”. Lo afferma in una nota il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi.

POSITIVI TOTALI N. 315
Positivi residenti: n.293

1 Acerenza
1 Avigliano
1 Barile
1 Bella
9 Bernalda
1 Calciano (n.1 domiciliato a Potenza)
1 Cancellara
6 Castelsaraceno
1 Craco
1 Episcopia
3 Francavilla in Sinni
1 Irsina
1 Lagonegro
4 Latronico
13 Lauria
30 Lavello
1 Maratea
2 Maschito
80 Matera(n. 1 domiciliato a Montescaglioso)
4 Melfi
2 Miglionico
1 Montalbano Jonico
10 Montescaglioso
2 Nova Siri
2 Palazzo San Gervasio
11 Pisticci (n. 1 domiciliato a Craco)
14 Policoro
29 Potenza (n. 1 domiciliato in Lombardia)
1 Rapolla
3 Rionero in Vulture
1 Ripacandida
1 Rivello
4 Rotonda
1 Ruoti
1 Salandra
1 San Chirico Nuovo
4 Sant’Arcangelo
1 Sasso di Castalda
5 Scanzano Jonico (n. 2 domiciliati a Policoro)
1 Senise
3 Stigliano
1 Teana
3 Tito
5 Tolve
1 Trivigno (n. 1 domiciliato a Potenza)
3 Tursi
1 Vaglio di Basilicata
19 Venosa (n. 2 domiciliati: n.1 in Emilia Romagna, n.1 in Lombardia)
Positivi non residenti ma domiciliati in regione Basilicata: n. 5

POSITIVI TOTALI N. 315
Positivi residenti: n.293

1 Acerenza
1 Avigliano
1 Barile
1 Bella
9 Bernalda
1 Calciano (n.1 domiciliato a Potenza)
1 Cancellara
6 Castelsaraceno
1 Craco
1 Episcopia
3 Francavilla in Sinni
1 Irsina
1 Lagonegro
4 Latronico
13 Lauria
30 Lavello
1 Maratea
2 Maschito
80 Matera(n. 1 domiciliato a Montescaglioso)
4 Melfi
2 Miglionico
1 Montalbano Jonico
10 Montescaglioso
2 Nova Siri
2 Palazzo San Gervasio
11 Pisticci (n. 1 domiciliato a Craco)
14 Policoro
29 Potenza (n. 1 domiciliato in Lombardia)
1 Rapolla
3 Rionero in Vulture
1 Ripacandida
1 Rivello
4 Rotonda
1 Ruoti
1 Salandra
1 San Chirico Nuovo
4 Sant’Arcangelo
1 Sasso di Castalda
5 Scanzano Jonico (n. 2 domiciliati a Policoro)
1 Senise
3 Stigliano
1 Teana
3 Tito
5 Tolve
1 Trivigno (n. 1 domiciliato a Potenza)
3 Tursi
1 Vaglio di Basilicata
19 Venosa (n. 2 domiciliati: n.1 in Emilia Romagna, n.1 in Lombardia)
Positivi non residenti ma domiciliati in regione Basilicata: n. 5

Covid19 Basilicata: 252 nuovi contagi. Bardi: “misure urgenti”

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 252 nuovi contagi. Bardi: “misure urgenti”. Preoccupa la situazione a Matera, con Omicron aumento esponenziale

Dai dati aggregati del 24, 25 e 26 Dicembre risultano essere 252 i nuovi contagi su 2810 tamponi molecolari processati. Il tasso di positività è al 13.2%. I guariti sono 54. Un decesso e un paziente in terapia intensiva. A Matera 66 nuovi casi. Nel Metapontino i nuovi casi: 5 a Bernalda, 1 a Nova Siri,7 a Pisticci, 11 a Policoro, 1 a Rotondella, 4 a Scanzano Jonico, 6 a Tursi. I guariti nel comprensorio: 4 a Policoro, 1 a Scanzano Jonico

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 26 dicembre, sono state effettuate 51 vaccinazioni.
A ieri sono 443.515 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (80,2 per cento) e 411.531 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (74,4 per cento) e 138.726 quelli che hanno ricevuto la terza dose (25,1 per cento) per un totale di somministrazioni effettuate pari a 993.772 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). In totale sono 52 le persone ricoverate: 27 nell’ospedale San Carlo di Potenza; 25 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, delle quali una ricoverata nel reparto di terapia intensiva Covid. Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 621 tamponi molecolari per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 88 (e tra questi 82 relativi a residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 45 guarigioni, di cui 44 relative a residenti in Basilicata. Il bollettino quotidiano con i dati riassuntivi sarà consultabile dopo le ore 14,00 di oggi collegandosi alla pagina web dedicata.

MATERA, BARDI: “TROPPI CONTAGI, ORA MISURE URGENTI. POI VENTILAZIONE MECCANICA NELLE SCUOLE”
“Oggi abbiamo tenuto una riunione sulla Città di Matera con il Sindaco e il Direttore generale dell’ASM a causa dell’aumento esponenziale dei contagi, dovuto in parte alla variante Omicron che si è palesata anche in Basilicata. Al Sindaco Bennardi ho chiesto provvedimenti urgenti per la Città di Matera, che negli ultimi giorni purtroppo ha visto un boom dei contagi. Ci aggiorneremo ad horas. Dal 20 al 26 Dicembre, solo a Matera città ci son stati il 22% dei positivi di tutta la Basilicata e dal 1° Dicembre a oggi i ricoveri al Madonna delle Grazie sono più che triplicati, passando da 7 a 24. Ovviamente come Regione Basilicata siamo pronti a emettere ogni tipo di provvedimento necessario, ma i dati ci dicono che al momento la criticità più grande è localizzata a Matera città. Ho offerto la totale collaborazione istituzionale, perché dobbiamo tutelare la popolazione, l’Ospedale, i medici e i sanitari, da settimane sotto pressione. Serve la massima precauzione per evitare un ulteriore aumento dei ricoveri, che come sappiamo è propedeutico a un aumento delle terapie intensive e poi delle vittime. Al momento la Basilicata ha numeri confortanti per quanto concerne l’ospedalizzazione, ma dobbiamo mettere in campo tutte le precauzioni possibili, perché – causa Omicron – è previsto il picco dei contagi a metà Gennaio, che avrà inevitabili ripercussioni. Già oggi abbiamo file ovunque per i tamponi, sia presso le Asl che presso le farmacie, come sta avvenendo nel resto d’Italia. Chiedo a tutti di evitare di presentarsi senza prenotazione, di evitare di fare tamponi se non si è entrati in contatto con un positivo, di evitare insomma di fare test se non vi è un motivo fondato. Capisco l’ansia e la preoccupazione, ma comportiamoci in maniera responsabile. Ma non ci limitiamo a inseguire l’emergenza: in una delle prossime riunioni di Giunta regionale adotteremo un provvedimento per dotare le scuole lucane della ventilazione meccanica controllata, come consigliato dall’OMS e come già fatto dalla Regione Marche, con una DGR che in queste settimane abbiamo studiato nei dettagli. E sempre nelle scuole ci sarà una nuova campagna di screening, come confermato oggi dal Gen. Figliuolo. Dobbiamo immaginare una strategia per convivere con un virus che ormai da due anni segna quotidianamente le nostre vite”. Lo afferma in una nota il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi.

POSTE ITALIANE: IN BASILICATA NEL 2021 CONSEGNATI 174.254 VACCINI

L’Azienda conferma la sua vicinanza alle comunità non solo attraverso i servizi fisici e digitali, ma anche attraverso il supporto alle istituzioni nella lotta al Covid-19. Oltre 22 milioni i vaccini consegnati su tutto il territorio nazionale nel 2021

Potenza, 23 dicembre 2021 – Dall’inizio dell’anno, Poste Italiane ha consegnato in Basilicata 174.254 dosi di vaccini anti-COVID19 (49.200 a Matera e 125.054 a Potenza). Per tutto il 2021 l’approvvigionamento non si è mai fermato; grazie ai 38 mezzi speciali di SDA, il corriere espresso del Gruppo, destinati esclusivamente a questo tipo di trasporto e attrezzati per l’occasione con celle frigorifere, sono stati consegnati anche oltre 100 milioni di kit vaccinali per la somministrazione dei vaccini a livello nazionale.
Un sostegno alla campagna vaccinale italiana che ha visto Poste Italiane contribuire anche con la propria infrastruttura tecnologica attraverso una piattaforma informatica in grado di gestire e coordinare le prenotazioni dei vaccini, che è stata messa a disposizione delle regioni. Nelle 8 regioni che hanno scelto la piattaforma web di prenotazione vaccini dell’Azienda (Lombardia, Sicilia, Sardegna, Calabria, Marche, Abruzzo, Basilicata e Valle d’Aosta) è stata garantita tramite una continua tracciatura e un aggiornamento in tempo reale, la prenotazione e la somministrazione dei vaccini ad oltre 32 milioni di italiani. Inoltre, sono stati attivati molteplici canali di prenotazione: oltre al portale web, i cittadini hanno potuto utilizzare il call center, come anche gli ATM Postamat e i portalettere dotati di palmare, in grado di finalizzare l’operazione di prenotazione del vaccino in pochi minuti. In particolare, nella sola provincia di Potenza nel corso dell’anno sono state prenotate tramite il portale web oltre 465.130 dosi e sono state effettuate 987.832 somministrazioni su 553.254 residenti.
Tutto questo anche grazie agli oltre 135 ATM Postamat presenti in Basilicata e ai portalettere in grado di effettuare il servizio per i cittadini.

Bardi incontra il nuovo prefetto Sante Copponi

in Politica

Il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, ha ricevuto questa mattina il nuovo Prefetto di Matera, Sante Copponi, in visita istituzionale.

Nel corso dell’incontro si è parlato di protezione civile e della possibilità di istituire un osservatorio per monitorare le situazioni più a rischio in relazione alla sicurezza del territorio provinciale. Il presidente della Regione, anche in qualità di massima autorità regionale di protezione civile, ha reso noto che si sta realizzando, in collaborazione con i diversi soggetti istituzionali coinvolti, un vasto ed articolato programma di infrastrutture di sicurezza civile, come telecamere di videosorveglianza e altro, che consentirà di monitorare ulteriormente il territorio.
Dal canto suo il Prefetto ha annunciato la convocazione di un comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica in modo da mettere intorno a un tavolo i vari soggetti istituzionali e verificare le emergenze attualmente in corso.
Il presidente Bardi, nel porgere gli auguri di buon lavoro, ha assicurato al Prefetto la massima collaborazione istituzionale nell’interesse generale dell’intera comunità nella consapevolezza che insieme si possono raggiungere gli obiettivi di legalità, sicurezza e sviluppo del territorio. Al termine dell’incontro il Prefetto Copponi ha lasciato un messaggio sul “libro d’onore” della Regione Basilicata: “Con immenso piacere ho incontrato il Presidente della Regione Basilicata per un fecondo rapporto di lavoro per la comunità”.

L’8 Novembre il Prefetto è stato invece accolto dal presidente della Provincia di Matera, Piero Marrese

Saluto e ringrazio il Prefetto Argentieri per il lavoro svolto con impegno al servizio del nostro territorio in questi due anni e auguro al Prefetto Copponi un buon lavoro, nell’interesse delle nostre comunità e dei nostri cittadini – ha sottolineato il presidente Marrese -. Con lui abbiamo convenuto la necessità di fare fronte comune a livello istituzionale, in uno spirito di unità e condivisione, per raggiungere l’obiettivo della legalità e della sicurezza, e più in generale contribuire tutti insieme alla crescita del territorio”.

Torna su