Autore

Redazione

Redazione ha pubblicato 1320 articoli

Redazione

Sicurezza attività scolastiche: in Basilicata vaccinazioni 12-19 anni

in Emergenza Covid-19

Basilicata: vaccinazioni 12-19 anni per il riavvio delle attività scolastiche in sicurezza

Come già anticipato nei giorni scorsi dal Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, e in applicazione dei provvedimenti del Governo, che cambiando i criteri per le zone bianche, gialle, arancioni e rosse, hanno stabilito un numero minimo di tamponi, ASP e ASM, le Azienda Sanitarie di Potenza e Matera hanno posto in essere una programmazione per raggiungere tale scopo. In tal senso

si vedrà incrementare l’effettuazione di tamponi biomolecolari

utilizzando anche l’equipe delle aziende sanitarie al seguito dei team della Struttura del Commissario Straordinario e della Difesa impegnati nella campagna vaccinale anti-COVID nei comuni della provincia di Potenza. Infine, presso il POD di Chiaromonte e presso il POD di Maratea, vi sarà l’effettuazione di tamponi biomolecolari per SARS-CoV-2, in attuazione per programma “Turismo Covid-Free”.

In Provincia di Matera vi sarà il programma di screening “COVID free area”, per le categorie maggiormente a rischio e anche nelle aree a maggiore vocazione turistica. Si potranno prenotare i tamponi attraverso la piattaforma aziendale online e saranno effettuati presso le sedi di Matera, Policoro, Stigliano, Tinchi e Tricarico.

Asm, anche in provincia di Matera è attiva la piattaforma per la prenotazione gratuita dei tamponi molecolari

Su precisa indicazione dell’Assessore alla Politiche della persona, Rocco Leone,

già da domani ci saranno invece iniziative organizzate dalle due Aziende sanitarie per le vaccinazioni della fascia di età dai 12 ai 19 anni,

volta a pianificare il riavvio delle attività scolastiche in sicurezza. Si partirà dalla provincia di Potenza e successivamente in provincia di Matera, appena arriverà la prossima fornitura vaccinale. A tale modalità di vaccinazione potranno partecipare anche gli assistiti già prenotati sulla piattaforma POSTE in data successiva al 30 luglio 2021.

In sede di prenotazione sarà possibile scaricare la modulistica da compilare e consegnare presso il Punto Vaccinale di prenotazione, ivi compreso il modello da redigersi a cura dei genitori o rappresentanti legali per gli assistiti minorenni. Infine, nella giornata di oggi sono state superate le 600.000 inoculazioni in Basilicata.

Segui ilMet su Instagram

A Lavello (PZ) lo SBritz® firmato Fabbri

in Storie di Frutta

Approda a Lavello (PZ) lo SBritz® firmato Fabbri. In tour con Bruno Vanzan in tutta Italia con Emergenza Aperitivo il drink firmato Fabbri1905

Il nuovo drink dell’estate 2021 è lo SBritz®, la variante B, con la B di birra, dello Spritz: tenuto a battesimo dal re italiano del bartending, Bruno Vanzan che lo ha scelto come il drink analcolico ufficiale del suo tour Emergenza Aperitivo.

Bologna, 29 luglio – In tour con Bruno Vanzan nei locali più cool della Penisola per diventare il “tormentone” beverage dell’estate 2021: si chiama SBritz® ed è lo Spritz made in Bologna, cocktail leggero, colorato e sofisticato, dalla gradazione alcolica bassa, se non nulla. Il segreto? Sostituire la P di prosecco con la B di birra (e di Bologna), da cui prende vita il gioco di parole.

L’intuizione di re-interpretare in chiave super contemporanea uno dei drink più popolari dei nostri tempi è di Fabbri 1905, storica azienda nata sotto le Due Torri oltre 100 anni fa non a caso proprio come Distilleria, tra le prime a intuire le potenzialità del drink analcolico o a ridotto grado alcolico, promuovendo un concetto di consumo legato alla convivialità e alla moderazione. Due aspetti sempre più richiesti da un consumatore uscito più maturo dalla crisi, attento tanto alla qualità quanto agli aspetti salutistici, e alla continua ricerca di sfumature di aromi e sapori dati da ingredienti naturali e garantiti, non appiattiti da alte gradazioni alcoliche.
“Con questo progetto – spiega Nicola Fabbri, consigliere delegato dell’azienda – abbiamo l’ambizione di offrire nuovo slancio al rito dell’aperitivo, favorendo un consumo consapevole gradito anche a chi non apprezza gli alcolici. L’auspicio è che l’inusuale alleanza tra mondo cocktail e birra consenta di conciliare gusto, qualità, moderazione e fantasia, suggerendo nuove occasioni di consumo in un momento certamente non facile”.
Così lo SBritz®, nome singolare oltre che marchio già registrato da Fabbri in Europa e UK, nasconde in realtà una pluralità di proposte da gustare, adatte a diversi palati e anche a diversi momenti della giornata. Non a caso il claim dell’iniziativa è Fabbri SBritz®. I colori dell’aperitivo italiano.

Sei le proposte, che rendono questo rito della socialità ancora più leggero, colorato e divertente: SBritz® Hugo (anche in versione rosè con SBritz® Hugo Rosè), Due Soli SBritz®, SBritz® Skiwasser, Marendry SBritz®, Ocean Blue SBritz®, Dark SBritz®.
Tra i drink più richiesti del momento c’è lo SBritz® Hugo,

reinterpretazione di un cocktail di grande tendenza, dalla fresca sfumatura di sambuco.
Proprio l’Hugo, nella versione rosé e zero alcool – SBritz® Hugo Rosé Zero – è il cocktail scelto da Bruno Vanzan come unico cocktail analcolico proposto nel suo tour estivo “Emergenza Aperitivo”. “Lo SBritz® 0.0 – spiega il celebre bartender – rappresenta una valida alternativa per chi è alla ricerca di gusto non banale ma alcool free o low alcool. Il malto della birra, unito al gusto degli sciroppi Fabbri e alla soda, crea un mix in grado di stupire anche i più scettici”.
Così da Bergamo a Potenza, da Roma a Menfi, da Grosseto a Marsala, e così via, saranno 9 i locali e le spiagge più cool della Penisola dove tra la fine di luglio e agosto si potrà gustare in anteprima lo SBritz® Hugo Rosé Zero in attesa che la variante B dello Spritz dilaghi e questa volta solo con effetti benefici.
Lo SBritz® nelle sue tante sfumature entrerà fra l’altro nei seminari per appassionati tenuti da Bruno Vanzan all’interno della sua Academy itinerante per l’Italia.
SBritz®

Foto: Ufficio stampa Fabbri

Le “Storie di Frutta”: agricoltura, territori e eccellenza nella categoria dedicata

ilMet su Instagram

Piccola industria e giovani Confindustria al museo della Lucano

in Storie di Frutta

Piccola industria e giovani Confindustria al museo della Lucano

L’Amaro Lucano rappresenta uno dei tanti simboli di un Paese che, grazie al vasto tesoro di risorse uniche di cui dispone e alle caratteristiche del suo popolo, può nutrire grandi ambizioni.

 

“Essenza lucano”, museo d’impresa che racconta la straordinaria storia imprenditoriale di Amaro Lucano e della famiglia Vena, ha ospitato il consiglio direttivo straordinario congiunto del Comitato Piccola Industria e del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Basilicata.

Una corposa delegazione di imprenditori guidata dai rispettivi presidenti Antonio Braia e Anselmo Zirpoli ha avuto l’opportunità di vivere un’esperienza multisensoriale attraverso un vero e proprio “viaggio” tra passato e presente, tradizione e innovazione, radici e spinta all’internazionalizzazione, alla scoperta dei segreti di un brand divenuto patrimonio collettivo della Basilicata e dell’intero Paese.

«L’Amaro Lucano rappresenta uno dei tanti simboli di un Paese che, grazie al vasto tesoro di risorse uniche di cui dispone e alle caratteristiche del suo popolo, può nutrire grandi ambizioni se saprà guardare con fiducia al futuro e assecondare il cambiamento, puntando sulla propria “Essenza” e facendo anche tesoro di ciò che ci ha insegnato la pandemia», ha spiegato Francesco Vena, consigliere delegato di Lucano 1894, che

ha affidato il racconto dell’avventura iniziata nel 1894 grazie al suo bisnonno alle pagine del libro edito da Rubettino – “Cosa vuoi di più dalla vita? Amaro Lucano: storia di un’Italia dal bicchiere mezzo pieno”

scritto a quattro mani insieme a Emiliano Maria Cappuccitti, direttore Risorse umane per Coca Cola Hbc Italia, intervenuto in video conferenza nel corso del consiglio direttivo.

Lungimiranza, sperimentazione, coraggio e forte attaccamento al territorio sono gli ingredienti di una storia che si rinnova ormai da 127 anni raccontati nel volume, dalle origini fino all’accordo commerciale con una grande multinazionale come Coca Cola Hbc Italia, che dal 2018 è distributore esclusivo per l’Italia degli spirits del Gruppo Lucano per il canale Ho.Re.Ca.

“Quella della famiglia Vena – ha evidenziato il presidente della Piccola Industria, Antonio Braia – è anche la straordinaria testimonianza di un passaggio generazionale non sempre facile ma in questo caso perfettamente riuscito, grazie al contributo che ognuna delle quattro generazioni che si sono susseguite ha saputo dare alla crescita del prodotto”.

“Tra i tanti aspetti che colpiscono della storia imprenditoriale della famiglia Vena c’è anche la forte responsabilità sociale d’impresa e il radicato attaccamento al territorio che non sono mai venuti meno nonostante il prodotto abbia ormai da tempo valicato i confini nazionali”, ha aggiunto il presidente dei Giovani Imprenditori, Anselmo Zirpoli.

Il libro rappresenta un vero e proprio inno all’italianità e chiude con un auspicio: ripartire dalla consapevolezza che a volte la normalità racchiude la più grande straordinarietà.

 

Cibo, territorio, cultura e virtuosismi del territorio e non solo: le storie di frutta nella categoria dedicata.

IlMet su Instagram

COVID19. Mappe ECDC: la Basilicata resta verde

in Emergenza Covid-19

COVID19. Mappe ECDC: la Basilicata resta verde. Per il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie rosse Sicilia e Sardegna.

Basilicata: positività al 3.3. In Basilicata 27 nuovi contagi rispetto a 806 tamponi processati. Undici i guariti di cui 3 a Pisticci, 3 a Colobraro. Nuovi positivi nel Metapontino: 2 a Scanzano Jonico, 1 a Tursi. La Basilicata resta verde nelle mappe del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 28 luglio, sono state effettuate 5.058 vaccinazioni.
A ieri sono 349.482 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (63,2 per cento) e 247.101 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (44,7 per cento) per un totale di somministrazioni effettuate pari a 596.583 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).
Sempre nella giornata di ieri sono stati processati 586 tamponi molecolari per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 36 positivi (27 residenti, 7 domiciliati e 2 di fuori regione).

Nella stessa giornata sono state registrate 11 guarigioni tutti residenti in Basilicata.
Il bollettino quotidiano con i dati riassuntivi di oggi collegandosi alla pagina web

LA BASILICATA “VERDE” NELLE MAPPE ECDC

Sicilia e Sardegna tornano in rosso nelle mappe aggiornate pubblicate oggi dall’Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie), il centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, che vede un aumento dei casi almeno in mezza Europa. La maggior parte dell’Italia vira in giallo, mentre restano verdi soltanto Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata al Sud, e Valle d’Aosta e Piemonte al Nord. La Spagna è quasi interamente rosso scuro, e rossa la maggior parte di Grecia e Francia.

 

IlMet su Instagram

GREEN PASS, COME OTTENERLO

 

Certificazione verde, dove e come ottenerla

PuliAMO insieme la spiaggia di Policoro – 11 Agosto

in Appuntamenti

PuliAMO insieme la spiaggia di Policoro in ricordo di Enzo Gallitelli, appuntamento il prossimo 11 Agosto 2021 sul lungomare

L’Associazione Enzo Gallitelli Vivere a Colori ha organizzato l’iniziativa “PuliAMO insieme la spiaggia di Policoro in ricordo di Enzo Gallitelli”, evento di raccolta rifiuti che si svolgerà il prossimo 11 Agosto 2021 sul lungomare di Policoro.

Con questa iniziativa, l’Associazione Enzo Gallitelli Vivere a Colori intende promuovere iniziative di recupero e valorizzazione del patrimonio urbano e naturalistico localizzate soprattutto nella Regione Basilicata.

Obiettivo dell’iniziativa è recuperare i rifiuti lasciati da chi frequenta le nostre spiagge anche all’indomani della notte di San Lorenzo, raccogliendoli in appositi contenitori per diffondere un messaggio di cura ed attenzione verso il territorio.

L’iniziativa, che vede coinvolti anche gli amici di VIVIAMO INSIEME odv, si svolgerà a partire dalle ore 17.00 del prossimo 11 Agosto 2021 e prevede un appuntamento nei pressi del Lido Swami che ci ospiterà per le operazioni preliminari di organizzazione. A tutti i partecipanti all’iniziativa, verrà distribuito un cappellino e una maglietta e verranno forniti gli ausili per raccogliere i rifiuti lasciati in spiaggia.

L’iniziativa si concluderà intorno alle ore 20.00 con un aperitivo in ricordo di Enzo che l’Associazione offrirà a tutti i partecipanti.

Per info sull’evento.

Nella categoria dedicata le principali notizie circa gli appuntamenti 

Al via la diciottesima edizione di Argojazz

in Cultura

Al via la diciottesima edizione di Argojazz. Un mese di eventi, fra gli ospiti atteso Fabio Concato

Mancano pochi giorni   all’inizio della diciottesima edizione del festival  Argojazz, un mese di spettacoli (dall’1 Agosto al 3 Settembre 2021), mostre d’arte, concorsi di poesia, fotografia , danza, teatro ma soprattutto tanta musica live, “la diciottesima edizione di ArgoJazz percorrerà musicalmente in jazz i sentieri erbosi e marini che collegano la località di Marina di Pisticci con le sue splendide location: dal bosco di Macchia, alla foce del fiume Bradano con i suoi concerti per salutare l’alba, alle bellissime spiagge del lido degli argonauti e di macchia con i concerti al tramonto, sino alla bellissima location del resort degli Argonauti gentilmente concesse dalla struttura per i concerti nella splendida location del faro”. E’ quanto scritto nel comunicato degli organizzatori.
“Il festival quest’anno è dedicato alla prematura scomparsa di Franco Battiato “ alla ricerca del centro di gravità “ a rassegna si apre ancora una volta alla scoperta di giovani talenti, seguiti da star del jazz internazionale , il titolo guida di questa diciottesima edizione del festival nasce dall’esigenza che la musica oggi può aiutarci a riprenderci i nostri tempi , non solo per sentire ma anche per ascoltare, non solo per vedere ma anche per guardare. Il jazz è una bellissima storia da raccontare , ma c’è anche bisogno di chi la racconti  con fascino, carisma, con senso del mistero, della sorpresa e dello stupore.

I musicisti coinvolti nel nostro festival quest’anno rispondono a questa caratteristica sono abili narratori, capaci di sognare e di lasciar volare la fantasia, ci condurranno con loro attraverso la musica, e alla scoperta (musicalmente) della terra degli Argonauti,

in un sogno, e di farci volare con le loro note nella fantasia tra i partecipanti citiamo Fabio Concato, Tony Esposito, il funky e rap di Nikaleo e Tecà’ , la Francese Fanelly,  il Lucano Mirko Gisonte, I Deva Project, la Romana Francesca Faro, all’elettronica dei MUGIWARACLIQUE, al swing del quintetto di Lacirignola, al jazz di Camillo Pace e tantissimi altri ospiti”.

Segui ilMet su Instagram

Basilicata, 15 nuovi positivi al Covid19

in Emergenza Covid-19

Basilicata, 15 nuovi positivi al Covid19. Sono 591.496 i vaccini somministrati su 553.254 residenti

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 27 luglio, sono state effettuate 4.714 vaccinazioni. A ieri sono 347.474 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (62,8 per cento) e 244.022 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (44,1 per cento) per un totale di somministrazioni effettuate pari a 591.496 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). Sempre nella giornata di ieri sono stati processati 360 tamponi molecolari per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 15 (tutti relativi a residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Nella stessa giornata sono state registrate 7 guarigioni, 6 delle quali relative a residenti in Basilicata.
Il bollettino quotidiano con i dati riassuntivi  consultabile oggi collegandosi alla pagina web.

I dati covid di ieri in Basilicata

COVID19, ISTANTANEA NAZIONALE

Sono 5.696 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 4.552. Sono invece 15 le vittime in un giorno,mentre ieri erano state 24. Sono 248.472 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute.

Il tasso di positività è del 2,3%, in aumento rispetto al 1,9% di ieri. Sono 183 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Covid in Italia, 6 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 9 (ieri 16). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.685, 74 in più rispetto a ieri.

“E’ evidente che le varianti, anche Delta, ci consegnano un quadro delicato che ci costringe alla massima cautela. Chi paragona questo momento a fasi precedenti commette un errore: c’è una grande differenza. Oggi supereremo con molta probabilità 67 mln di dosi somministrate. Siamo oltre il 65% di popolazione vaccinabile che ha avuto la prima dose, al 57% con la seconda” [ANSA]

Inclusione sociale: a Policoro il primo di 4 punti

in Politica

Al via a Policoro in piazza Ripoli il primo di quattro “Punti di accesso all’inclusione sociale e spazi ludico ricreativi

Creare spazi di aggregazione sociale, di inclusione e socializzazione in un territorio, a forte vocazione turistica ed in continua crescita demografica come Policoro, con un occhio di riguardo alle fasce deboli. Si chiamano “Punti di accesso all’inclusione sociale” e spazi ludico ricreativi, quelli che saranno realizzati nella Città di Policoro nel quadriennio 2020-2023 grazie a fondi europei (Fondo di Coesione 2014/2020 – DPCM 17 luglio 2020) destinati ai Comuni delle Regioni del Mezzogiorno, da destinare a progetti di infrastrutture sociali. Si tratta, per la Città di Policoro, di un finanziamento complessivo di circa € 193.000,00 spalmato in 4 annualità per altrettanti progetti di infrastrutture sociali che riguardano, a vario titolo la riqualificazione, il miglioramento, la manutenzione del verde pubblico, dell’arredo urbano e di altre opere di edilizia pubblica. Nello specifico, a Policoro saranno realizzate 4 strutture in legno di circa 30 mq; ognuna di esse sarà dotata di un ambiente unico polifunzionale di circa 20 metri quadrati, oltre ad un servizio igienico attrezzato per persone con mobilità ridotta e ripostiglio; la parte esterna sarà pavimentata e saranno allestiti piccoli spazi ludici e giochi inclusivi. La prima delle quattro aree dedicate alla realizzazione di un “Punto di accesso all’inclusione sociale” è Piazza Ripoli, nel quartiere denominato “Borgo Nuovo”, grazie ai lavori di manutenzione straordinaria già avviati; seguiranno, in ordine temporale, la manutenzione straordinaria e di riqualificazione del Verde del II Piano di Zona, nel quartiere denominato “Quartiere Italia”; nelle annualità 2022 e 2023 sarà la volta del quartiere “Porta Nuova” (zona Porcilotto) e di via Lido, nei pressi del parco Urbano sgambettatoio cani. L’Amministrazione Comunale, nelle persone del Sindaco, Enrico Mascia e dell’Assessore alle Politiche Sociali, Maria Teresa Prestera, ha fortemente voluto destinare tali fondi alla riqualificazione di 4 aree ritenute strategiche per lo sviluppo e la coesione della città. “Tra gli obiettivi che ci siamo prefissati – dichiarano – vi è quello di incrementare la cultura dell’aggregazione in spazi consoni alla vita sociale, nonché l’interconnessione dei punti di accesso che favorirà la connessione di aree facilitandone le relazioni fisiche e sociali, migliorando l’accessibilità, la sicurezza e il comfort del tessuto urbano”. “Il fine ultimo dell’inclusione sociale – concludono Mascia e Prestera – sarà quello di garantire l’inserimento di ciascun individuo all’interno della società contro ogni forma di discriminazione garantendo a tutti, nessuno escluso, la piena fruibilità degli spazi e ponendosi come strumento di vera Inclusione Sociale, nel pieno rispetto dell’art.3 della Costituzione Italiana”. 

Le principali notizie di cronaca del territorio nella categoria dedicata.

Segui ilMet su Instagram

Ospedale San Carlo: doppio espianto di organi

in Cronaca

Ospedale San Carlo: doppio espianto di organi in 24 ore da parte dello stesso gruppo operatorio

Due prelievi multiorgano sono stati effettuati nella serata di ieri e nella mattinata odierna a Potenza, nelle sale operatorie dell’ospedale ‘San Carlo’. Il primo su una donna di cinquant’anni, deceduta per problemi cerebrovascolari, e il secondo su una donna di sessantanove anni, deceduta per emorragia cerebrale massiva.

A darne notizia è il direttore generale dell’Azienda ospedaliera regionale San Carlo, Giuseppe Spera, che “ha ringraziato le famiglie delle due donne per il grande gesto di generosità ed altruismo che dona la speranza di una vita nuova ad altre persone sofferenti e bisognose di ricevere gli organi”.

Le operazioni di prelievo sono state condotte da diverse equipe interaziendali, con il coinvolgimento del personale sanitario dell’Aor San Carlo, dell’ospedale ‘San Camillo’ di Roma, del Policlinico di Bari e dell’ospedale di Palermo. Le donazioni multiorgano hanno interessato i reni, il fegato e, in uno dei due casi, anche il cuore.

“Per la prima volta in Italia nello stesso gruppo operatorio sono stati effettuati due espianti in sole ventiquattro ore.

Ciò è stato possibile grazie allo straordinario sforzo di tipo organizzativo e di disponibilità delle risorse umane impiegate; è pertanto doveroso, questa volta più che mai, rivolgere un sentito ringraziamento a tutti coloro i quali hanno partecipato alle operazioni di prelievo degli organi -ha concluso il direttore generale Spera- e hanno garantito la buona riuscita degli interventi assicurando, anche per mezzo dell’elisoccorso, la tempestività nella consegna degli organi medesimi agli ospedali di destinazione.

Segui ilMet su Instagram

 

Ciu Ciù: a Montalbano Jonico lo spettacolo teatrale

in Cultura

Ciu Ciù: a Montalbano Jonico lo spettacolo teatrale di Emilio Andrisani

Sabato 31 luglio con inizio alle ore 20.30 presso la Piazzetta Vitacca, sopra i Calanchi di Montalbano J°, si terrà la prima rappresentazione dello spettacolo teatrale “Ciu Ciù” di Emilio Andrisani. L’iniziativa fa parte del progetto “Viaggio nel passato” ed è organizzata dal Parco Letterario “Francesco Lomonaco”, con  la partecipazione della “Proloco Montalbano e il patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Matera e dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del comune di Montalbano Jonico,”. 

Le successive repliche si terranno il 5,12, 22, 24 agosto e il 2 settembre.

La rappresentazione porta sulla scena il chiacchiericcio che ha caratterizzato il quotidiano delle comunità lucane e che ha un profondo significato antropologico. La si può inquadrare tra un’opera comica ed una drammatica, ma non in senso grottesco bensì come caratteristica predominante dei protagonisti, nella contesa di figure vittime e non imbrigliate in una realtà che ha sempre avuto come obbiettivo il mantenimento dello status quo. 

I personaggi hanno tutti, ognuno a suo modo, la capacità di innescare situazioni dalle quali non farsi schiacciare, in modo tale da conservare un equilibrio comunitario e non perdere comunque il senso di appartenenza e lo spirito di solidarietà che con l’andare degli anni si è perso negli agglomerati urbani metropolitani.

Viene altresì restituito uno spaccato significativo della vita di una comunità elevata a simbolo di tutte le comunità dei comuni lucani.

L’interpretazione, i costumi e soprattutto l’impianto scenico, sottolineano le controversie della vicenda, che si sviluppano con un ritmo brillante, senza snaturare la componente drammatica.

La regia è dello stesso Andrisani, mentre gli interpreti, tutti montalbanesi, con la partecipazione di Emilia Fortunato, sono: Angela Quinto, Antonella Astore, Giovanna Guarino, Leonardo Labriola, Mariapina Lopatriello, Martina Zinno, Nunzia De Michele, Pina Montano, Rosanna Grieco, Rosetta Santoro e Valentina Labriola.

La serata del 7 agosto verrà invece dedicata alla presentazione dei libri NICOLA ROMEO – da Cirigliano a Montalbano Jonico, da Sant’Antimo a Milano- Le radici lucane dell’Alfa Romeo e NON HO TRADITO-Vincenzo De Leo medico e patriota. Entrambi scritti da Vincenzo Maida che è anche il Presidente del Parco Letterario Francesco Lomonaco.

Il primo è il frutto di una ricerca lunga e faticosa, offerta al lettore in forma narrativa, che ricorda le vicissitudini della famiglia Romeo dalla seconda metà del 1700 fino alla fondazione dell’Alfa Romeo da parte dell’ing. Nicola Romeo e alla sua morte a Magreglio in provincia di Como nel 1938. Una vicenda umana e professionale che affonda le radici in una storia familiare tutta lucana, in modo specifico della provincia di Matera, per poi irradiarsi a livello nazionale e internazionale. Essa ha un grande valore educativo, oltre un importante significato divulgativo.

Il secondo racconta in forma romanzata la vicenda umana del medico Vincenzo De Leo protagonista della rivolta antiborbonica del 1848, condannato a 19 anni di prigione dalla Gran Corte Criminale di Potenza, poi medico da campo nella battaglia decisiva per l’Unità d’Italia: quella sul Vulturno tra l’esercito di Giuseppe Garibaldi e quello borbonico. Egli accolse Carlo Pisacane sull’isola di Ponza, dov’era confinato, e poi, dopo il massacro di quest’ultimo e dei “trecento giovani e forti” della Spigolatrice di Sapri, venne accusato ingiustamente di aver avvisato o fatto avvisare i borboni dello sbarco sull’isola che ispirò la famosa poesia ad Antonio Mercadante. Maida immagina un colloquio notturno durante una notte pandemica con il fantasma di Prospero Rondinelli e insieme ripercorrono le tappe più significative della vita del De Leo. Dopo i saluti del Presidente della Provincia di Matera Piero Marrese e del Sindaco di Cirigliano Franco Galluzzi, inteveranno l’assessore alla cultura del comune di Montalbano Jonico Ines Nesi, Achielle Spada e Gianni Rondinone, coordinerà Pietro Pierro presidente del consiglio comunale. Con la lettura di alcuni brani dei libri e una performance teatrale di Emilio Andrisani si concluderà la serata.

Segui ilMet su Instagram

Parco Letterario “Francesco Lomonaco”, firmata la convenzione a Montalbano Jonico

Torna su