Autore

Redazione

Redazione ha pubblicato 36 articoli

Redazione

Trading online: arriva il trading automatico

in Economia

Tra le attività più in voga del 2019 c’è sicuramente il trading online. Ma di cosa si tratta esattamente? È la possibilità di intervenire sui mercati finanziari per fare investimenti direttamente online. Una simile opportunità piace sempre di più agli italiani, come dimostrano anche gli 11 milioni di conti aperti sulle varie piattaforme di trading operanti online. Il trading online è attività professionale svolta soprattutto da insiders dei mercati che fanno analisi e studi approfonditi come lavoro. Tuttavia, anche questo sta cambiando grazie all’avvento della tecnologia. Le moderne piattaforme di trading infatti si stanno attrezzando per permettere anche ad aspiranti traders che non sanno fare analisi di cominciare a fare i loro investimenti online. Ma di cosa si tratta esattamente? Come è possibile fare trading senza avere le basi operative per farlo? Grazie a moderni algoritmi e funzioni presenti sulle piattaforme di trading è ormai diventato possibile fare investimenti in maniera del tutto automatica. Cerchiamo di spiegare come.

Trading Robot e Copy Trading: le opzioni del futuro

Da sempre gli operatori professionisti nel campo del trading mettono in campo strategie complesse per cercare di prevedere l’andamento dei prezzi sui mercati. Questa è arte davvero difficile perché non contempla errori. Sbagliare nell’analisi significa perdere.

Proprio per questo motivo i professionisti si sono organizzati per lasciare sempre meno spazio alla discrezione operativa e per automatizzare il più possibile i processi di investimento creando di fatto i: “trading system”. Un trading system è un insieme di regole operative che una volta stabilite il trader segue sempre senza alcuna eccezione.

Grazie a questo sistema l’investitore può garantirsi il successo sul lungo termine delle proprie operazioni di trading arrivando a guadagnare belle cifre. Tuttavia, attenersi sempre al piano non è semplice perché c’è sempre il fattore emotività da tenere in considerazione. Le emozioni possono giocare brutti scherzi e possono portare il trader a prendere le decisioni sbagliate in ogni momento.

Eliminare la dimensione emotiva dal trading è da sempre stato l’obiettivo dei professionisti del settore, ma come ci sono riusciti? Grazie a Trading Bot e altri sistemi che permettono di fare trading automatico.

I Trading Robot sono algoritmi da usare su piattaforme di negoziazione che permettono di fare trading in maniera del tutto automatica, l’unica cosa da fare è dettare le istruzioni operative al programma e questo le eseguirà senza più la necessità dell’intervento umano. Ad esempio è possibile stabilire l’entrata a mercato quando si verificano alcuni eventi, e il programma la eseguirà automaticamente.

Ecco un esempio di impostazione:

  1. Media mobile in segnale rialzista
  2. MACD che mostra bassi volumi
  3. Oscillatore RSI che mostra una situazione di ipervenduto

Tutti questi 3 segnali quando si verificano in contemporanea devono far scattare l’algoritmo che allora aprirà in automatico una posizione di mercato rialzista. Con simili sistemi è possibile evitare di intervenire direttamente con il rischio di rovinare l’operazione a causa di reazioni emotive improvvise che spesso portano a prendere decisioni avventate.

Il Copy Trading invece è un tipo di approccio ancora più semplice perché permette di investire semplicemente copiando le operazioni fatte da altri investitori. Ci sono alcuni broker che offrono la possibilità di scrutare i profili di altri investitori alla ricerca di quelli vincenti nel tipo di mercato di interesse. Una volta trovato l’investitore che può fare al caso proprio con pochi click è possibile cominciare a copiarne le operazioni.

Grazie a nuovi servizi innovativi come quelli appena illustrati è chiaro che sempre più persone vorranno fare accesso al trading online per i guadagni che può portare l’automatizzazione, ma bisogna ricordare che questi sistemi non saranno mai efficaci come una buona esperienza nel campo del trading.

in Cronaca

Il direttore Generale Polimeni dell’ ASM di Matera, a seguito di verbale di ispezione del Mef dell’anno 2018 in cui si ravvisavano presunte irregolarità nella determinazione dei fondi contrattuali per le progressioni economiche orizzontali dei dipendenti, con delibera 77 e 89 poi del 2019 ha di fatto richiesto la sospensione delle fasce economiche dell’anno 2010 per una somma pari a 634.000, a rivalersi sui dipendenti e di 200000 per il 2016. Tutto ciò è stato consumato senza avvisare e confrontarsi con i sindacati, come vorrebbe invece qualsivoglia modifica delle contrattazioni aziendali in tema di rivisitazione dei fondi contrattuali ( è ravvisata per questo condotta antisindacale suscettibile di denuncia presso le competenti sedi giurisdizionali). Situazioni del genere hanno dato sempre ragione ai dipendenti, condannando semmai gli autori dell’atto amministrativo all’epoca (2010 e 2016) alla restituzione di somme qualora vi fosse stato accertato danno erariale, ciò che invece non è ravvisabile, in quanto i fondi sono del personale del comparto e non sono stati sottratti ad altro personale. Con successiva delibera 229 del 13/03/2019, di fatto, prendendo a riferimento un parere richiesto all’ Aran che nella sostanza nulla dice in merito ad eventuali soluzioni del caso, richiede con delibera 229/2019, la restituzione anche delle somme per un importo di 634.000 del 2010 e 200000 del 2016, sempre non contattando i sindacati ed in modo autoritario. In materia , si sono pronunciati tribunali, e da ultimo il consiglio di stato che ha dato ragione ai dipendenti ( visto anche il protrarsi del tempo e dei danni conseguenti) . Autorità GIUDIZIARIE che hanno utilizzato una sanatoria con il decreto Salva Roma e chi considerando la legge MADIA (che da come termine 18 mesi alle amministrazioni per agire in autotutela). Quindi la sanatoria riguarda tutte le irregolarità fino al 31/12/2012 mentre la legge Madia per l’autotutela presuppone che l’azienda poteva agire , fino al giugno 2012 per le somme di 634.000 del 2010, e fino al giugno 2018 per le somme di 200.000 per il 2016. Appaiono così illeciti i provvedimenti di Polimeni, come cosi ha fatto con delibera 77-89 e 229, fondati su pretese astratte senza la contrattazione sindacale e senza il presupposto per poter risolvere la situazione in modo benevolo e contro la legge MADIA . Si adiranno le aule di tribunale dove saranno richiesti i danni e le azioni di responsabilità.

(Fonte: Personale comparto)

Sorpreso con 95 grammi di marijuana, arrestato dagli uomini della Guardia di Finanza

in Cronaca

Le Fiamme Gialle della Compagnia di Matera, nel corso delle attività di presidio del territorio della provincia, finalizzato alla prevenzione e repressione di attività illecite, lungo la Statale 106 Jonica hanno sottoposto a controllo i passeggeri di un autobus partito da Bari e diretto a Sibari.

Nel corso dei controlli, eseguiti con l’ausilio delle unità cinofile della Guardia di Finanza, i militari rivolgevano la propria attenzione verso un passeggero diciannovenne che alla vista dei finanzieri aveva manifestato un atteggiamento particolarmente nervoso e palesemente agitato.

Infatti, il cane antidroga immediatamente segnalava la presenza di sostanza stupefacente all’interno dello zaino nella disponibilità del giovane. Venivano così rinvenuti circa 95 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

La predetta sostanza veniva sottoposta a sequestro ed il giovane arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti in violazione dell’art. 73 del D.P.R. 309/90 (Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti).

L’attività di prevenzione e repressione della diffusione delle sostanze stupefacenti proseguirà con determinazione attraverso il controllo economico del territorio assicurato dalla Guardia di Finanza con le proprie unità “su strada”, tra le quali quelle in servizio di pubblica utilità “117”, supportate dalle unità cinofile.

Berlusconi ha deciso. Bardi candidato del centrodestra

in Politica
In una foto d'archivio il generale della Guardia di Finanza Vito Bardi, comandante interregionale per l'Italia del Sud. ANSA/ CIRO FUSCO

Annuncio del leader di Forza Italia per le elezioni del 24 marzo

Il candidato presidente della Basilicata (dove per le Regionali si voterà il prossimo 24 marzo) per il centrodestra è il generale Vito Bardi. Lo ha annunciato il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dopo aver sentito telefonicamente il segretario della Lega, Matteo Salvini, e la responsabile di Fdi, Giorgia Meloni. (ANSA)

Cinque cose da sapere prima di acquistare una casa all’asta

in Economia

Acquistare una casa all’asta si è rivelata un’ottima mossa per davvero tantissime persone: stiamo parlando infatti di una particolare soluzione che permette di risparmiare somme di denaro non indifferenti e che viene presa in considerazione soprattutto da investitori interessati a lavorare con il mercato immobiliare. Detto ciò rivolgersi ad un’asta per acquistare un immobile può rivelarsi conveniente anche per chi abbia effettivamente intenzione di vivere al suo interno: ovviamente l’importante è non avere particolari esigenze spaziali e/o temporali (nel senso che difficilmente riusciremo ad accaparrarci una casa nel quartiere dei nostri sogni e magari nel periodo che reputiamo ideale per un trasferimento).

Oggi, grazie ad internet si possono trovare molte occasioni di questo tipo grazie ad una serie di portali dedicati. Ne è un esempio il sito di annunci immobiliare Tecnocasa dove si può trovare una selezione delle migliori opportunità sul mercato. Detto ciò anche questa specifica modalità di acquisto non è priva di controindicazioni e potenziali rischi da evitare: ecco perché oggi ci occuperemo da vicino delle cinque cose da sapere prima di acquistare una casa all’asta.

TRE CONSIGLI GENERALI – Iniziamo col ribadire quanto scritto in precedenza, ovvero che prima di acquistare una casa all’asta dobbiamo comunque tenere bene a mente le nostre esigenze personali: quindi dobbiamo valutare se abbiamo o meno urgenza di disporre di un immobile e soprattutto dobbiamo conoscere perfettamente i presupposti economici dell’operazione. Questo vuol dire sia porre dei paletti chiari ai nostri limiti di spesa, sia analizzare lucidamente il prezzo dell’immobile in questione (non è detto che sia necessariamente conveniente), senza dimenticare di tenere conto di eventuali benefici fiscali. A tal proposito, ricordiamo che se vogliamo godere di questi ultimi siamo tenuti ad esprimerlo già in sede di asta e che i benefici di cui sopra sono esattamente gli stessi che sono previsti per i “normali” trasferimenti immobiliari: ciò vuol dire che le imposte vengono calcolate sul prezzo di aggiudicazione.

CONOSCERE L’IMMOBILE – Può sembrare superfluo, ma non dobbiamo poi prendere sotto gamba la conoscenza che abbiamo dell’immobile in questione. Iniziamo col dire che sarebbe opportuno leggere la perizia ad esso legata, interpretando al meglio tutte le informazioni contenute al suo interno. Detto ciò sarebbe inoltre opportuno visitare l’immobile prima dell’asta, con ausilio del custode nominato dal giudice delle esecuzioni, in modo da potere controllare di persona eventuali aspetti non menzionati nella perizia. Più in generale possiamo inoltre aggiungere che è davvero molto importante prendere corretta visione di tutti i documenti legati all’immobile che intendiamo acquistare: avviso di vendita, relazione di stima, planimetrie, fotografie ed eventuali documenti extra. Ricordiamo infine che tutti i materiali di cui sopra sono pubblicati su appositi fonti web almeno quarantacinque giorni prima che vada in scena l’asta.

ATTENZIONE AGLI IMMOBILI OCCUPATI – Chiudiamo questa rapida guida dedicata a cinque cose da sapere prima di acquistare una casa all’asta invitando chi legge a pensarci due volte prima di acquistare una casaoccupata dall’esecutato. Stiamo infatti parlando di una particolare situazione che potrebbe mettervi davanti a diverse difficoltà, visto che, ad esempio, è proprio il nuovo proprietario a dovere sostenere le spese di esecuzione di sfratto. Questo significa mettere in conto di investire ulteriore tempo (ed ulteriore denaro) prima di potere effettivamente utilizzare l’immobile acquistato nel modo che si preferisce.

Policoro, nominata la nuova giunta

in Politica

Con Decreto Sindacale n. 01 dell’11.02.2019, è stata ufficialmente nominata la nuova Giunta Comunale dell’Amministrazione Mascia.
La nuova squadra risulta così composta:

  • Dott. Gianluca MARRESE, Vice Sindaco, con deleghe: Urbanistica, Ambiente, Sicurezza e Cooperazione Territoriale;
  • Avv. Nicola CELANO, con deleghe: Bilancio, Tributi, Strategie Finanziare, Patrimonio e Cultura;
  • Dott. Nicola BUONGIORNO, con deleghe: Politiche Sociali, Agricoltura, Comunicazione, Personale, Tutela degli Animali e Democrazia Partecipata;
  • Arch. Daniela DI COSOLA con deleghe: Lavori Pubblici, Infrastrutture, Arredo e Decoro Urbano, Turismo, Piano Viabilità e Trasporti;
  • Avv. Teresa C.A. CACCIATORE con deleghe: Attività Produttive, Aree Protette e Verde Pubblico, Sport e Spettacolo, Rapporti con le Associazioni e Volontariato; Pubblica Istruzione e Internazionalizzazione.

Insieme – dichiarano in una nota – siamo pronti a ripartire e a vivere con coraggio, serietà e ottimismo ogni sfida e tutte le opportunità che si presenteranno.

Fruit Logistica 2019, resoconto Asso Fruit Italia dell’esperienza a Berlino

in Economia

Nicodemo: Disco rosso, ancora,  da Pechino a arance bionde,  uva da tavola e ciliegie, i produttori del Mezzogiorno bloccati.

BERLINO. “Innovazione, biologico, nuova Pac, gli argomenti trattati in fiera.  E soprattutto internazionalizzazione quindi export che per arance bionde, uva da tavola e ciliegie continua ad essere un limite per quanto riguarda il canale cinese, tanto via mare quanto via aerea. Negli incontri B2B avuti il 6 Febbraio scorso nella trattoria lucana ‘La Muntagnola’, nel cuore pulsante di Berlino, con i buyer cinesi avremmo dovuto chiudere accordi commerciali,  tuttavia le lentezze burocratiche del loro governo al momento impongono l’ingiustificato stop. E’ necessario, fin da subito, che i protocolli relativi alle suddette colture siano analizzati contestualmente a quelli di altre produzioni come le pere e le mele già all’attenzione delle preposte autorità. Non ha senso attendere e creare una paralisi, come già accaduto con le arance bionde,  che inibisce pesantemente i produttori di regioni come la Puglia, la Basilicata, la Calabria. Confidiamo –  e siamo ottimisti – nel supporto dei competenti ministeri italiani affinché accelerino gli iter necessari”, così Francesco Nicodemo presidente di Asso Fruit Italia (AFI) ha commentato  la tre giorni di Fruit Logistica a Berlino per questo 2019.

 

Andrea Badursi, direttore generale AFI, ha aggiunto: “La parentesi relativa al biologico non si è affatto chiusa a Berlino, infatti la prossima settimana saremo presenti a Norimberga nella prestigiosa vetrina del Biofach. Asso Fruit Italia, con l’impegno degli associati, ha avviato una serie di iniziative che vanno dalla produzione alla valorizzazione e dunque alla commercializzazione dei prodotti biologici di cui c’è forte richiesta. La nostra intenzione, condivisa con tutto il management AFI, è consolidare la presenza sui mercati con questa tipologia di prodotto”.

Salvatore Pecchia, agronomo dell’Ufficio tecnico AFI, ha aggiunto: “A Berlino si è discusso, in diversi focus specialistici, della PAC e dei futuri sviluppi della stessa. Il ruolo delle Organizzazioni di produttori si auspica che sarà strategico e potenziato. Confidiamo nello snellimento delle procedure a livello nazionale (piani strategici nazionali, ndr) per ottimizzare i risultati.

Giuditta Signorella, nel riprendere le considerazioni espresse da Italia Ortofrutta Unione Nazionale ha aggiunto: “L’Italia è al primo posto in Europa come capacità di utilizzo delle risorse Ocm, parliamo di 250 milioni di euro all’anno. Un dato che fa ben sperare e che va preservato e ampliato”.

Infine, Andrea Badursi ha concluso: “Anche quest’anno, l’impegno della nostra Organizzazione di produttori, in collaborazione con altre prestigiose Op, andrà nella direzione dell’educazione alimentare, infatti parteciperemo nuovamente al Fruit&Salad in the Beach che si allargherà anche con le tappe invernali nelle scuole con il coinvolgimenti dei bambini, degli insegnanti e dei genitori”.

Estorsioni e incendi dolosi, 21 arresti tra Scanzano e Policoro

in Cronaca

Circa 150 Carabinieri sono impegnati stamani, fra Policoro e Scanzano Jonico (Matera), nell’esecuzione di 21 misure cautelari, emesse dal gip di Potenza su richiesta della Procura della Repubblica della Direzione distrettuale antimafia, che hanno colpito un clan accusato di associazione per delinquere di tipo mafioso. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di far parte del racket delle estorsioni, di tentativi di omicidio, di incendi dolosi ad aziende ortofrutticole, di rapine e spaccio di droga. (ANSA)

Asso Fruit Italia a Berlino per il Fruit Logistica 2019

in Economia

L’organizzazione di produttori Asso Fruit Italia per il 2019 sarà presente al Fruit Logistica di Berlino, l’OP avrà uno spazio espositivo nello stand della Regione Basilicata Hall 4.2 / A -10 e condividerà l’esperienza anche con Italia Ortofrutta – Unione nazionale hall 2.2 A-07.

“Esporre, raccontare e far conoscere la qualità, può essere così riassunta l’esperienza di Asso Fruit Italia in quel di Berlino”, ha detto Andrea Badursi, direttore generale di Asso Fruit Italia.

Che ha aggiunto: “Abbiamo in agenda numerosi incontri di natura commerciale e istituzionale oltre a quelli B2B. Anche quest’anno ci occuperemo a cominciare da Berlino di pianificare azioni che vanno nella direzione della promozione dell’educazione alimentare e molto risalto, in particolare nello stand della Basilicata, alle nostre produzioni biologiche. Il 2019 ci vedrà impegnati con maggior forza su questo fronte con appuntamenti che si svolgeranno in inverno e come di consueto in estate. Al centro delle ridette iniziative di cui in seguito daremo maggiori dettagli ci sono i bambini ai quali comunicare l’importanza delle buone abitudini alimentari, che passano dal consumo consapevole di frutta e ortaggi a cui è opportuno abbinare la pratica dello sport”.

 

A rappresentare Asso Fruit Italia nei due stand, oltre al presidente Francesco Nicodemo,  ci saranno:

Andrea Badursi: direttore generale

Giuditta Signorella, Salvatore Pecchia, Alessandro Comple, Fabiano Malvasi.

Ufficio Commerciale: oltre al responsabile dei prodotti biologici Alessandro Petrelli, ci sarà Domenica Gallo. Con l’Organizzazione di produttori ci sarà Gianluca Pizzolla, dell’omonima azienda che si occupa di comunicazione e ufficio stampa (Italia).

Torna su