Archivio categoria

Senza categoria

RINNOVATA LA COMMISSIONE REGIONALE PER LA PARITÀ E LE PARI OPPORTUNITÀ: NEO NOMINATA L’AVV. VERONICA CASALNUOVO

in Cronaca/Senza categoria

Rinnovata la commissione regionale per la “realizzazione dei diritti e delle pari opportunità fra uomo e donna” che si insedierà a breve nella sede del Consiglio regionale della Basilicata.

Avvalendosi dei poteri sostitutivi previsti dalla legge regionale n. 32/2000, il presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Carmine Cicala, “dopo aver consultato i capigruppo di tutte le forze politiche presenti in Assemblea”, ha provveduto ad effettuare le nomine e le designazioni di competenza del Consiglio regionale.

La Commissione è un organismo consultivo che si propone di contribuire alla effettiva attuazione dei principi di uguaglianza e di parità tra i cittadini, sanciti dall’art.3 della Costituzione.

ci ha spiegato l’avv. Porzia Veronica Casalnuovo, neo nominata componente della Commissione per la Parità e le Pari Opportunità, designata dal rappresentante legale dell’AGCI Basilicata, l’avv. Giuseppe Nicola Crocco e dal rappresentante legale di Confagricoltura, il dr. Francesco Battifarano.

Le componenti sono state designate, oltre che da organizzazioni imprenditoriali, di corporazione e sindacali, anche tra iscritte ad associazioni femminili di comprovata rilevanza regionale e nazionale, con Statuto finalizzato alle problematiche connesse alla condizione femminile; si tratta di esperte e studiose della condizione femminile e dei problemi della parità inerenti le politiche di inclusione, le politiche di equità di genere, nonché alle tematiche della conciliazione dei tempi di vita-lavoro. Ne farà parte, inoltre, di diritto la Consigliera Regionale di Parità Ivana Pipponzi, Liliana Guarino e Stefania Draicchio.

L’avv. Casalnuovo augura a tutte le colleghe un buon lavoro con l’auspicio di una proficua collaborazione finalizzata alla valorizzazione della differenza di genere quale fattore di crescita, sviluppo e progresso.

Policoro in Swing, stasera in Piazza Segni con il concerto della Hot Sugar Band

in Senza categoria

Continua il Policoro in Swing, stasera in Piazza Segni con il concerto della Hot Sugar Band, una delle band swing più apprezzate al mondo. Durante la serata ci sarà l’attesissimo show dei maestri internazionali e la finale della competizione Lindy Advanced. La serata, aperta a tutti, avrà inizio alle ore 22,30.

Auto usate, numeri in crescita ad aprile: +6,1%, doppiato il mercato del nuovo

in Senza categoria

Tutte le volte che sentiamo la necessità di acquistare un nuovo veicolo a quattro ruote, ecco che la scelta spesso ricade sulle auto usate. In fondo si parla di vetture che hanno diversi vantaggi da un punto di vista economico, senza per questo intaccare l’affidabilità del mezzo. Non per caso, ancora oggi molte famiglie italiane optano proprio per un’auto usata, continuando a preferire questo comparto. E i numeri lo dimostrano, visto che il mercato delle auto usate è riuscito a doppiare quello delle automobili nuove. Conviene dunque analizzare i dati di riferimento in Italia, passando poi in rassegna i modelli più amati.

Gli ultimi dati sulle auto usate

Stando ai dati di settore, il mercato delle auto usate è riuscito nell’impresa di doppiare quello del nuovo. La crescita nei primi quattro mesi del 2019 è pari al +3,4%, che addirittura arriva al +6,1% se si considera soltanto aprile. E le auto nuove? La situazione è tutt’altro che positiva: il primo quadrimestre del 2019 ha portato ad un calo delle immatricolazioni pari al -4,6%, con un trend che dunque sorride soprattutto ai veicoli usati.

Altri numeri interessanti relativi al 2019: ad aprile sono state vendute circa 148 auto usate ogni 100 veicoli nuovi, mentre il totale dei veicoli usati è arrivato a quota 253.800 passaggi di proprietà. Si parla di una tendenza che dura già da diversi anni: per fare un esempio concreto, nel 2018 si era arrivati a 5,6 milioni di passaggi, contro 2 milioni circa di vendite di auto nuove. Sempre più italiani, dunque, si recano dal concessionario o visitano di siti come automobile.it, che non a caso hanno sezioni dedicate alle automobili usate. Arrivati a questo punto, la domanda sorge (quasi) spontanea: quali sono modelli più ricercati?

I modelli più amati dagli italiani

Nella classifica dei modelli di auto usate più scelti, in prima posizione spicca un evergreen come la Fiat Panda, con un totale di passaggi di proprietà superiore alle 124 mila unità nel 2018. Fra le altre cose, si parla anche dell’automobile più venduta ad aprile 2019, avendo raggiunto quota 13 mila unità (+54% rispetto allo scorso aprile). Al secondo posto, in classifica, si trova un altro must come la Renault Clio, anche se il totale di vendite è nettamente inferiore alla Panda (51 mila unità circa). Il podio viene chiuso da un’altra Fiat: la 500X, che riesce a conquistare la medaglia di bronzo con un totale di vendite pari a 49.900 unità. Giù dal podio, comunque, troviamo altri modelli di valore come la Lancia Ypsilon e la Jeep Renegade (48 mila e 41 mila unità vendute).

 

Aperte le iscrizioni al master sull’autismo di Enfor

in Senza categoria

In occasione della Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo, ENFOR – Ente di Formazione e Ricerca  apre le iscrizione al master in “Management per l’inserimento sociale e lavorativo di persone con autismo” che si terrà a Policoro da giugno a dicembre 2019.

Il percorso formativo, di 900 ore complessive, sarà articolato in lezioni d’aula (a Policoro), visite didattiche, project work e stage presso aziende pubbliche e private, istituzioni scolastiche e associazioni lucane e nazionali.

Anche quest’anno – sostiene Cosimo Minonni, presidente dell’ente di formazione e ricerca – proponiamo un corso di alta formazione rivolto a neolaureati in discipline psicologiche, sociali, pedagogiche e umanistiche che intendono perfezionare i propri curriculum in merito alle buone pratiche volte all’inclusione di minori e giovani adulti con autismo. I nostri allievi possono contare su docenti esperti, sia accademici sia affermati professionisti.

Al termine del percorso, il professionista sarà in grado di adoperare strumenti e metodi del “job coach” e del “compagno adulto”. Per Rocco Di Santo, direttore scientifico del master, offre un’elevata possibilità di successo lavorativo tanto che l’80% dei nostri ex allievi sono occupati.

Anche quest’anno i partecipanti potranno usufruire dei voucher della Regione Basilicata che rendono gratuita l’iscrizione e la partecipazione. A tal riguardo, ENFOR si mette a disposizione per informazioni e supporto amministrativo per la candidatura per tali contributi.

Oltre al master per neolaureati inoccupati/disoccupati, sullo stesso tema l’ente propone un corso di perfezionamento per lavoratori che intendono operare come “Disability Manager”.

Hard brexit vs Soft brexit? No. Badbrexit.

in Senza categoria
Theresa May. premier inglese

La telenovela inglese che vede i due verbi ‘remain’ e ‘leave’ al centro del dibattito politico da tanti, troppi mesi, é giunta al suo più osceno, inguardabile epilogo: oggi, per la terza volta, la titolare del N. 10 di Downing Street si é vista bocciare un piano a cui forse lei per prima non crede.

La vicenda, se non avesse del ridicolo, avrebbe sicuramente degli aspetti grotteschi ed inaspettati: nella culla della democrazia, nella patria del parlamentarismo, nel paradiso del rispetto delle leggi ogni razionalità, ogni buon senso, ogni logica sono venuti meno.

Il 52% degli inglesi, in un referendum perfettamente costituzionale, svoltosi nel modo più corretto e trasparente possibile, in uno scontro aperto, forte e prolungato tra i ‘remainers’ ed i ‘brexiters’, si é pronunciato in maniera netta a favore di un’uscita rapida, drastica, senza troppe diplomazie e fronzoli. Questa decisione democratica, nel giro di due inutili anni di tira e molla (in cui le ambizioni personali di molti leaders inglesi si sono sommate ad indicibili ragioni puramente economiche) é stata turlupinata giocando sui bizantinismi di una euroburocrazia che é una delle cause più evidenti del ritorno dei nazionalismi e dei populismi.

Si é teorizzato, profetizzato, argomentato, arguito, discusso e ridiscusso di ‘hard’ brexit o ‘soft’ brexit facendo balenare tanto nell’uno quanto nell’altro caso scenari agghiaccianti che vanno al di là di ogni ragionevolezza e buon senso. Mancava solo il problema irlandese per complicare ulteriormente le cose.

La May, che pensava erroneamente di essere la reincarnazione bimillenial della Thatcher (mentre sta risultando sempre più simile alla versione horror di ‘Tata Mathilda’ in chiave ministeriale) ha per tre volte tentato di condividere il proprio vangelo brexiter senza ottenere ascolto e consenso: dopo tre volte nella polvere, se farà ancora finta di niente potrà iniziare, credo, a scrivere ottime sceneggiature per film di fantascienza, perché probabilmente vive in un mondo parallelo, fantastico appunto, dal quale si rifiuta di guardare in faccia la realtà.

Ormai la disputa non é più tra una hard o una soft brexit: se il parlamento britannico non porrà un argine a questa sua autodissoluzione, il gioco finale sarà quello tra una bad od una worst brexit. Certo la scelta non ci entusiasma.

E non dovrebbe entusiasmare neanche loro.

Basilicata: Pittella si è dimesso

in Politica/Senza categoria
Basilicata, politica, Marcello Pittella

Marcello Pittella (Pd) ha presentato le sue “irrevocabili dimissioni” dalla carica di Presidente della Regione Basilicata. Lo ha comunicato lui stesso poco fa al presidente del consiglio regionale lucano, Vito Santarsiero (Pd). Pittella, che ha scritto di ritenere “esaurito il mandato ricevuto dagli elettori”, era sospeso dalla carica dal 6 luglio 2018 perché indagato nell’ambito di un’inchiesta sulla sanità in Basilicata, dove le prossime elezioni regionali si svolgeranno il 24 marzo. (ANSA)

Cellulite: perché si manifesta e come eliminarla

in Senza categoria

La cellulite consiste nell’infiammazione del tessuto connettivo collocato sotto la cute e intorno ai visceri. Comunemente, il termine “cellulite” viene messo in relazione a un aumento del tessuto adiposo che dà alla cute un aspetto ondulato. Si è diffuso grazie ad Alquier e Paviot che lo utilizzarono in Francia nel 1922, parlando di “inestetismo”. Scientificamente, si parla di “pannicolopatia edematofibrosclerotica”. Il più colpito è il gentil sesso: le donne in età fertile che ne sono colpite oscillano in una percentuale compresa tra l’80 e il 95%. Il fenomeno è diffuso nei soggetti anche di 18-20 anni, e con l’età il problema diventa più evidente.

Perché sopraggiunge la cellulite?

Prima di proseguire questo viaggio cerchiamo di capire cos’è la cellulite e cosa possiamo fare per contrastarla. Va sottolineato, infatti, che si tratta della conseguenza di una stasi microcircolatoria dell’ipoderma (lo strato più profondo della cute)
degliarti inferiori, con alterazione dello scambio plasmatico-tissutale. La cellulite si abbina spesso a strati di adiposità localizzata, che si ha quando una parte del grasso corporeo si concentra in alcune zone che costituiscono regioni preferenziali di accumulo dei lipidi in eccesso. La cellulite può riguardare donne magre, normolinee oppure obese, non è quindi necessariamente legata a un fisico più o meno abbondante.

Le cause della cellulite sono da ricercarsi in fattori che riguardano il microcircolo della massa adiposa: man mano, vanno a determinare una compromissione dell’unità vascolare del tessuto, siaanatomica che funzionale, e ciò causa problemi all’ipoderma e al derma. La compromissione della microcircolazione del tessuto adiposoporta all’alterazione delle sue principali funzioni metaboliche.

Quali alterazioni si verificano, a livello tissutale?

·  Ipertrofia delle cellule adipose: queste ultime si modificano in forma e volume, la membrana citoplasmatica che le avvolge subisce rotture e lacerazioni, quindi fuoriescono i trigliceridi, che si spandono negli spazi intercellulari, a livello dei tessuti.

·  Ritenzione idrica: essendo compromesso l’equilibrio del sistema venoso e linfatico, il flusso sanguigno è rallentato e i tessuti trattengono i liquidi.

·  Eventi involutivi del tessuto reticolare intorno agli adipociti, con conseguenze anche sulle fibre di collagene.


Dove si va a formare la cellulite e come eliminarla

La localizzazione della cellulite nella donna riguarda determinate regioni del corpo; può ricalcare il modello del deposito ginoide(ovvero, tipico della donna) di tessuto adiposo. Parliamo di glutei, cosce, parte delle gambe, la regione mediale delle ginocchia, regione lombosacrale, spalle, base posteriore del collo, addome ecc.

La zona particolarmente interessata rimane quella posteriore delle cosce: nei primi stadi si mostra interessata da sporgenze e rientranze trasversali, con un’intensità che è in proporzione all’adiposità e all’età della persona in questione.Se siamo in presenza di uno stadio più avanzato, abbiamo un’estensione dei depositi di grasso sui lati delle cosce e notiamo un effetto “a materasso” delle loro parti posteriori: si alternano, insomma, sporgenze e rientranze. C’è una compresenza di zone di infiltrazione molli a zone dure, compromettendo la circolazione della linfa. La pelle all’inizio è più opaca, spesso di aspetto cianotico e, talvolta, si può percepire una temperatura più bassa della cute. Al tatto si manifesta la “buccia d’arancia”. In seguito, il tessuto presenta piccoli noduli fibrosi profondi, possono venire ecchimosi per traumi anche di lieve entità, teleangectasie e dolenza. La pelle arriva a presentare avvallamenti e ondulazioni con perdita di tono ed elasticità.  

Tra i consigli per eliminare la cellulite possiamo sicuramente dire che la soluzione migliore è quella di avere uno stile di vita sano: attività fisica regolare (poco ogni giorno sarebbe perfetto), bere molto e mangiare sano evitando cibi grassi e preferendo alimenti di origine vegetale.

Auto sostitutiva: tutto quello che devi sapere

in Senza categoria

A volte un auto sostitutiva è una vera e propria manna dal cielo. Diciamoci la verità, ogni volta che la nostra macchina presenta un problema o un guasto non possiamo fare a meno di pensare al tempo che rischiamo di perdere. Le riparazioni possono richiedere giorni, se non addirittura settimane, e non serve certo questo articolo a ricordare quanto un automobile sia fondamentale per la vita, professionale e non, di milioni di persone.

Usiamo la macchina per andare a lavoro, usiamo la macchina per portare i nostri figli a scuola, usiamo la macchina per staccare la spina e regalarci qualche ora di break durante il week end. Ecco spiegato perché oggi ci soffermeremo su un servizio capace di ovviare ai problemi di cui sopra e di restituirvi il tempo perduto ancora prima che la vostra vettura venga effettivamente riparata. Come probabilmente avrete già intuito, stiamo per parlare di auto sostitutiva: tutto quello che devi sapere su una possibilità capace di risolverti un mare di piccoli grandi problemi e ritardi.

Perché anche rinunciare per solo 1 o 2 giorni alla propria auto, per molti di noi, diventa un vero e proprio incubo. Grazie all’auto sostitutiva possiamo dormire sonni tranquilli e continuare a vivere la nostra vita come se niente fosse. Cerchiamo, quindi, di capirci qualcosa di più e scoprire come funziona, quanto costa e dove trovare officine che offrono questo tipo di servizio.

CHE COSA È UN’ AUTO SOSTITUTIVA?

Come suggerito dal nome stesso, un auto sostitutiva è semplicemente una vettura che viene messa a disposizione dal nostro meccanico e di cui potremo usufruire durante il tempo necessario alle riparazioni. Stiamo parlando di un servizio storicamente legato alle aziende automobilistiche, ma che, col passare degli anni, si sta diffondendo anche presso officine abituate a lavorare con i marchi più disparati. Detto ciò non tutte le carrozzerie offrono questo particolare tipo di servizio ed è quindi necessario informarsi in anticipo, prediligendo network di professionisti che mettano a disposizione una vettura sostitutiva.

QUANTO COSTA UN’AUTO SOSTITUTIVA?

L’auto sostitutiva, anche nota come auto di cortesia, viene in effetti affittata dal cliente ad un prezzo concordato col meccanico o con il carrozziere di riferimento. Un prezzo che viene stabilità in base all’utilizzo che ne facciamo e chiaramente in base al modello che scegliamo. Un’ulteriore aspetto da chiarire è quello delle responsabilità in caso di incidente a bordo di una vettura sostitutiva: chiaramente ogni caso fa storia a sé, ma in linea di principio è bene sapere che ogni tipo di danno è da considerarsi a carico di chi si trova alla guida e non dei legittimi proprietari del mezzo. Nonostante ciò tutte le automobili di cortesia devono essere assicurate per legge, esattamente come succede alle macchine “normali”. La differenza sta nel fatto che spesso e volentieri i contratti legati a questo tipo di mezzi prevedono clausole speciali, che per altro spesso e volentieri tutelano il cliente: ad esempio molte assicurazioni offrono la possibilità di non vedere aumentata la propria classe di merito in caso di sinistri o ci permettono di ricorrere al soccorso stradale gratuito con tanto di ritiro dell’auto incluso.

UN MODO SEMPLICE PER OTTENERE UN’AUTO SOSTITUTIVA

Se la sola idea di dovervi mettere a cercare tra decine e decine di meccanici vi fa venire la pelle d’oca, non vi dovete preoccupare. Esistono diversi operatori infatti che hanno anticipato il vostro problema e che vi presenteranno rapidamente una ampia scelta di professionisti che mettano a disposizione un’auto sostitutiva. Ad esempio con Arval for Me è possibile scegliere l’auto sostitutiva tra diversi modelli direttamente all’interno di un centro di assistenza senza rischio di errore: saranno infatti gli esperti a consigliarti il mezzo più adatto alle tue esigenze, in base alle disponibilità del momento. Al momento della scelta potrete inoltre concordare il tempo durante il quale intendete usufruire di una auto sostitutiva, in modo da evitare perdite di tempo e non dovere organizzare complicati spostamenti con altri mezzi di trasporto.

Il nuovo sito web de Ilmetapontino.it progettato e realizzato da Officine Creative

in Senza categoria

Una nuova veste grafica ispirata al concetto espresso nella locuzione “Less is More” e ben reinterpretata nel lavoro svolto dai creativi di Officine Creative che hanno sviluppato il portale che ospita il periodico ilmetapontino.it.

Officine Creative si occupa di sviluppare siti web e App per le aziende, foto e video utili per la pubblicità, progettazione di loghi  e impaginazione del materiale cartaceo: cataloghi, foto-libri aziendali, brochure.

Fra le altre attività offerte da Officine Creative: gestione social dei profili aziendali presenti sui principali social network (Facebook, Instagram, YouTube); organizzazione di eventi aziendali come meeting, convegni, roadshow e partecipazione alle fiere di settore.

Officine Creative su Facebook

Torna su