Archivio tag

basilicata

Emergenza cinghiali: Cupparo convoca tavolo per 11 maggio

in Politica

Emergenza cinghiali: Cupparo convoca tavolo per 11 maggio. “Con le continue segnalazioni di sindaci, ultima in ordine di tempo quella del sindaco di Nova Siri, e organizzazioni professionali agricole sui danni e i rischi rappresentati dai cinghiali – afferma Cupparo – diventa prioritario fare il punto

Per monitorare la situazione di emergenza determinata dalla presenza di cinghiali in costante espansione numerica e territoriale in tutta la regione, l’assessore alle Politiche Agricole, Forestali e Alimentari Francesco Cupparo ha convocato per l’11 maggio prossimo un tavolo specifico. Alla riunione sono stati invitati anche gli assessori alla Salute Fanelli e all’Ambiente Latronico, i rappresentanti delle istituzioni locali e delle Province, il Comandante della Regione Carabinieri Forestale Basilicata, i dirigenti dei Parchi, i presidenti Atc, i sindaci dei Comuni capofila delle Aree Interne, le confederazioni e associazioni di agricoltori, le associazioni venatorie, gli enti produzione selvaggina.

“Con le continue segnalazioni di sindaci, ultima in ordine di tempo quella del sindaco di Nova Siri, e organizzazioni professionali agricole sui danni e i rischi rappresentati dai cinghiali – afferma Cupparo – diventa prioritario fare il punto di quanto sta accadendo e sull’attività di controllo e selezione prima di avviare ulteriori iniziative ed azioni. Secondo i dati più aggiornati dei nostri uffici, nello scorso anno il risarcimento per danni alle colture agricole da ungulati ha raggiunto 1,250 milioni di euro, i capi abbattuti nelle cinque Atc sempre lo scorso anno sono stati 8.097 e gli incidenti stradali provocati 303.  Diventa perciò necessario definire le misure necessarie al fine di ridurre e contenere i danni provocati dai cinghiali alle colture e ridurre i rischi per l’incolumità delle persone anche in relazione agli incidenti stradali. È dunque auspicabile – afferma Cupparo – la condivisione di un percorso che possa ricondurre a uno stato di calamità considerato che la specie è di difficile gestione faunistica”.

Contratti di Fiume, 900 mila euro per il Noce ed il Sinni

in Economia

Contratti di Fiume, 900 mila euro per il Noce ed il Sinni. Lo scopo è quello di recuperare le attività legate ai fiumi ad un’antica cultura territoriale

Il Flag Coast to Coast ha pubblicato un avviso pubblico finalizzato alla realizzazione di interventi nei due bacini fluviali.
E’ stato pubblicato l’Avviso pubblico “Favorire la partecipazione locale per innescare una coscienza collettiva e responsabile di tutela dei fiumi, di sviluppo sostenibile e di governo condiviso del territorio”, finalizzato alla realizzazione di interventi nei due bacini del Noce e del Sinni.L’ammontare delle risorse a disposizione è pari a 900 mila euro, suddivisi per i quattro ambiti così individuati: Noce, Alto Sinni/Val Sarmento, Diga di Monte Cotugno, Basso Sinni, e finanzieranno interventi di riqualificazione ambientale e recupero della biodiversità; attività culturali legate alla vita, ai costumi ed alle tradizioni delle popolazioni fluviali (realizzazione di ecomusei/etnomusei, centri visite, aule didattiche all’aperto, centri dieducazione ambientale/fluviale; etc.); interventi di accessibilità ad aree di pertinenza per la fruizione dei beni e dei luoghi del paesaggio fluviale, quale componente sociale e turistica (percorsi escursionistici ciclopedonali; aree attrezzate; attività e servizi sportivi, ludico-ricreativi, didattico-formativi; etc.).

“L’idea generale – spiega Nicola Mastromarino, Presidente del Flag – è quella di dare ai territori coinvolti la possibilità di realizzare interventi dove materializzare una propria visione di qualità ambientale e paesaggistica dei fiumi, in connubio con una fruibilità e gestione del bene comune di natura culturale e identitaria.”

L’avviso si rivolge agli Enti locali, singoli o associati, alle Provincie, Enti Parco, Aree Programma, Unioni di Comuni, che abbiano sottoscritto il Manifesto d’Intenti “Verso i Contratti di Fiume della Valli del Noce e del Sinni”. Beneficiari indiretti sono le associazioni culturali, sportive, ambientali, etc., in qualità di partner organizzatori e gestori delle attività e degli interventi previsti.

“Questo bando arriva – spiega ancora Mastromarino – dopo una intensa fase di ascolto del territorio, durante la quale sono emerse criticità legate al Noce e al Sinni e al contempo idee di valorizzazione e tutela degli stessi. Tutto quello che si realizzerà grazie a questo avviso, rappresenta dunque per noi un piccolo avamposto che, ci auguriamo, diventi esempio di comunità, esempio di come vivere e servire i luoghi. Ed è – conclude il Presidente del Flag – una tappa fondamentale verso la costruzione del Piano di Azione dei Contratti di Fiume, obiettivo principale del nostro percorso”.

Intanto, è possibile consultare i dettagli dell’Avviso Pubblico sul sito del Flag Coast to Coast alla sezione Avvisi e Bandi.
La presentazione delle domande di finanziamento dovrà avvenire, a pena di esclusione, tramite PEC all’indirizzo: contrattidifiume.basilicata@pec.it, entro e non oltre le ore 13:00 del giorno 25 luglio 2022.

Lo scopo del “Contratto di fiume” è quello di recuperare le attività legate ai fiumi insieme ad un’antica cultura territoriale, per scongiurare l’abbandono di un ecosistema, già afflitto dai cambiamenti climatici, minacciato da fenomeni di inondazioni e siccità e contribuire allo sviluppo locale. In sintesi: “Restituire i corsi d’acqua al territorio e il territorio ai corsi d’acqua”.

Segui ilMet su Instagram 

 

Ebab: in pagamento CIG 2021 per lavoratori aziende artigiane

in Economia

Ebab: in pagamento CIG 2021 per lavoratori aziende artigiane. Tra i mesi di aprile e dicembre 2021 i lavoratori lucani interessati sono in totale 636.

Il Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato a partire da oggi ha disposto il pagamento delle prestazioni CIG Covid 19 per l’anno 2021 per i dipendenti delle aziende artigiane. In Basilicata il totale al netto della contribuzione correlata è di 335.648,74. Tra i mesi di aprile e dicembre 2021 i lavoratori lucani interessati sono in totale 636.

Ne dà notizia l’Ebab (Ente Bilaterale Artigianato Basilicata) riferendo che si tratta complessivamente di circa 54 milioni di euro, utilizzando i quali FSBA procederà a pagare l’ammortizzatore sociale per le giornate di sospensione realizzate dai dipendenti nei mesi di dicembre, di novembre e, per alcuni casi, anche nei mesi precedenti.

Le lavoratrici ed i lavoratori dipendenti del Comparto artigiano hanno atteso mesi e mesi per vedere realizzati i loro diritti; tempi di attesa lunghi, troppo lunghi, determinati dagli adempimenti amministrativi e burocratici. Il Fondo e le parti Sociali costituenti (Confartigianato, CNA, Casartigiani e CLAAI, sul versante datoriale, e CGIL, CISL e UIL sulla sponda sindacale) non hanno smesso di sollecitare i Ministri, gli Uffici preposti, tutti i diversi soggetti che hanno parte in questa trafila.

Si chiude così, e speriamo in modo definitivo, una lunga pagina di impegno di FSBA e a livello regionale di Ebab per gestire al meglio, con velocità e trasparenza, le risorse pubbliche destinate al sostegno dei redditi dei dipendenti alle prese con le difficoltà produttive collegate alla pandemia: più di 800.000 lavoratrici e lavoratori tutelati, 242.000 imprese sostenute, 3,5 miliardi di euro utilizzati. C’è ora da seguire la coda dell’accredito presso l’INPS della contribuzione previdenziale, per la quale operazione al Fondo hanno accantonato centinaia di milioni di euro.

Nel frattempo, sono stati effettuati i pagamenti della cassa integrazione ordinaria per le giornate di sospensione dal lavoro nei mesi di gennaio e febbraio di quest’anno (chi non ha ancora ricevuto nulla – comunica Fsba – deve attendere che il Fondo verifichi – sulla base di dati di provenienza Inps – la regolarità contributiva dell’impresa). A breve si cominceranno i pagamenti anche per il mese di marzo (i conteggi sono rimandati solo di qualche giorno, perché si dà priorità all’altra operazione). I tempi, quando le risorse utilizzate sono quelle proprie del Fondo raccolte da parte delle imprese artigiane – che sono tenute per legge a queste contribuzioni – sono ben più veloci.

FSBA in sinergia con Ebab si caratterizza, anche così, come uno dei soggetti protagonisti di questa forma di protezione sociale, funzione tanto più rilevante – e particolare nel suo genere essendo questa l’unica forma di ammortizzatore sociale per tutto il Comparto artigiano – in quanto sancita e ribadita dalla recente riforma della cassa integrazione. Il Fondo, peraltro, è impegnato nell’adeguamento del proprio regolamento per recepirne le novità e allargare le proprie funzioni di welfare.

Terza giornata di riorganizzazione canali TV

in Cronaca

Terza giornata di riorganizzazione canali TV, fra i comuni interessati: Bernalda, Colobraro,  Montalbano Jonico, Nova Siri, Pisticci, Policoro, Scanzano Jonico, Tursi

 

Albano di Lucania, Aliano, Bernalda, Calciano, Campomaggiore, Cirigliano, Colobraro, Craco, Ferrandina, Gorgoglione, Grottole, Montalbano Jonico, Montescaglioso, Nova Siri, Pietragalla, Pisticci, Policoro, Pomarico, Rivello, Roccanova, Rotondella, San Chirico Nuovo, San Mauro Forte, Scanzano Jonico, Stigliano, Tricarico, Tursi.

Sono questi i comuni interessati domani, martedì 12 aprile 2022, dalla terza delle nove giornate del processo di riorganizzazione delle frequenze TV in Basilicata. Fino a venerdì 15 si procederà ogni giorno con altri comuni, sino a raggiungere circa il 75% di essi. Per continuare a vedere l’intera offerta televisiva i cittadini di questi comuni dovranno effettuare la risintonizzazione degli apparati televisivi. Nella maggior parte dei casi la procedura avviene automaticamente; se invece il dispositivo (TV o decoder) fosse privo di tale funzionalità, sarà necessario risintonizzare i canali manualmente. Durante la risintonizzazione potrebbe essere richiesto di scegliere la programmazione regionale RAI. In Basilicata è possibile scegliere tra tre diverse programmazioni regionali: Basilicata, Puglia e Molise. La programmazione regionale della Basilicata sarà comunque sempre visibile al canale 820.

Queste le emittenti di Basilicata e Puglia che sono oggetto di riorganizzazione in Basilicata: Telenorba canale 10, Radionorba 11, Teledue 12, Tg Norba 24 -13, Antenna Sud 14, Telerama 15, TRM h24 – 16, Telebari 17, Telesveva 18, Teledehon 19, T.R. Padre Pio 75, Le Cronache 76, Canale 7 – 78, La Nuova TV 82, Foggia TV 99.

In generale, le operazioni di riorganizzazione delle frequenze non comportano la necessità di cambiare l’apparato televisivo o l’antenna, ma in caso di persistenti problemi di ricezione si consiglia di verificare il proprio impianto di antenna. Per maggiori informazioni: Call center 06 87 800 262, WhatsApp 340 1206348 (attivi dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 20.00) o consultare il sito web dedicato.

IlMet su Instagram

Covid19 Basilicata: un nuovo decesso e 921 nuove guarigioni

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: un nuovo decesso e 921 nuove guarigioni. Secondo i dati nazionali Agenas, occupazioni terapie intensive in calo in Basilicata (1%)

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 4 aprile, sono state effettuate 176 vaccinazioni.

A ieri sono 467.935 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,6 per cento), 441.212 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,7 per cento) e 352.422 (63,7 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.261.855 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). In totale sono 100 le persone ricoverate: 55 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 45 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui nessuno in terapia intensiva. Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 4.682 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 1.104 sono risultati positivi. Nella stessa giornata sono state 921 le guarigioni.Inoltre, è stato registrato il decesso di 1 persona residente a Grassano.

ISTANTANEA NAZIONALE

Agenas, l’occupazione dei reparti sale al 16%, in 7 regioni è oltre il 20%
Intensive al 5%, in Sardegna al 12%. Le altre regioni sono pari o sotto il 10%

Nelle ultime 24 ore, in Italia, l’occupazione dei posti nei reparti ospedalieri di ‘area non critica’ da parte di pazienti con Covid-19 sale di un punto percentuale raggiungendo il 16% (un anno fa era al 43%) e supera il 20% in 7 regioni: Umbria (40%), Calabria (34%), Basilicata (26%), Sicilia (27%), Marche (24%), Puglia (23%), Abruzzo (22%). L’occupazione delle terapie intensive, invece, è stabile al 5% in Italia (mentre esattamente un anno segnava il 41%), ma resta al 10% in Calabria e al 12% in Sardegna. Questi i dati dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) del 4 aprile 2022.
Sempre a livello giornaliero, l’occupazione delle terapie intensive da parte di pazienti con Covid-19 cala in 6 regioni: Abruzzo (al 7%), Basilicata (1%), Campania (6%), Emilia Romagna (3%), Friuli Venezia Giulia (4%) e Sicilia (7%). [ansa]

Covid19 Basilicata: 1099 nuovi casi e due decessi

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 1099 nuovi casi e due decessi. Sono invece 477 i nuovi guariti. I tamponi totali processati nella giornata 4284

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 23/3 (dati 22/3)

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 22 marzo, sono state effettuate 469 vaccinazioni.
A ieri sono 467.749 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 440.726 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,7 per cento) e 348.992 (63,1 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.257.630 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).
In totale sono 98 le persone ricoverate: 56 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 42 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 2 in terapia intensiva.
Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 4.284 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 1.099 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 477 guarigioni.
Inoltre, sono stati registrati 2 decessi: 1 persona residente a Roccanova e 1 persona residente a Ferrandina.

DALL’ITALIA. BASSETTI: SENZA DOSI DI RICHIAMO IL VIRUS TORNA MORDERE”

Covid oggi in Italia, “con la fine dello stato di emergenza non finisce la pandemia e se non sappiamo difenderci sono dolori: a ottobre rischiamo di ricominciare”.
Così all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, fa il punto con l’Adnkronos Salute sulla situazione epidemiologica, dopo che ieri sono stati registrati 96mila casi di Covid-19. “Se non aumentiamo le dosi di richiamo – occhio che sono scese molto nelle ultime settimane – e i fragili non fanno la quarta dose, il virus torna a mordere forte e a fare danni.
Attenzione perché l’unica arma è la prevenzione”, sottolinea.

Team dell’Unione Cuochi Lucani ai Campionati Nazionali della Cucina Italiana

in Storie di Frutta

Team dell’Unione Cuochi Lucani ai Campionati Nazionali della Cucina Italiana. L’appuntamento si svolgerà a Rimini dal 27 al 30 Marzo 2022

Si è svolta ieri la terza prova generale della squadra lucana che parteciperà ai Campionati della Cucina Italiana che si svolgeranno a Rimini dal 27 al 30 marzo. Presso l’hotel Bouganville di Picerno è stato predisposto il menù composto da starter, Main course e dessert, degustato in estrema riservatezza da una commissione di esperti.
Il Team della Unione Regionale Cuochi lucani è composto dagli chef Giuseppe De Rosa (team manager), Battista Guastamacchia, Antonio Farella, Enzo Guastamacchia, Giuseppe Pepe, Maria Ciola, Luciano De Palma, Patrizia Viola, Francesco Timpone, Nicola Stefanile
All’incontro ha voluto portare il suo sostegno il presidente della Giunta regionale di Basilicata, Vito Bardi, che nell’intervento ha sottolineato l’importante ruolo deli professionisti della ristorazione nella valorizzazione del territorio lucano.
Nel corso della serata è avvenuto un ideale passaggio di consegne tra il vicepresidente, ora assessore alla Salute, Francesco Fanelli, e l’assessore per le Politiche agricole, Vincenzo Baldassarre, a simboleggiare la lunga tradizione di collaborazione tra la Direzione generale Politiche Agricole regionale, rappresentata dal direttore generale Emilia Piemontese e la Federazione Italiana Cuochi. Collaborazione consolidata anche attraverso un Protocollo d’Intesa che verrà nuovamente riproposto e sottoscritto nelle prossime settimane.
Il presidente nazionale della Federazione Italiana Cuochi, il lucano Rocco Pozzulo, ha augurato buon lavoro ai neo insediati assessori, sottolineando come i professionisti della gastronomia possano rappresentare uno strumento di valorizzazione dei prodotti regionali ed esaltarne le proprietà benefiche sulla salute.
Gli chef lucani sono fermamente motivati a lottare per difendere i premi conquistati nelle ultime edizioni che hanno visto il team Basilicata vincitore della medaglia d’oro nel 2018 a Montichiari e nel 2020 a Rimini nella sezione “cucina calda”.
Il menù proposto valorizza il peperone, il pistacchio di Stigliano, l’arancia, la salsiccia ‘pezzente’ e la farina di grano arso, sapientemente inseriti nelle portate.

Covid19 Basilicata: un nuovo decesso e 405 nuove guarigioni

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: un nuovo decesso e 405 nuove guarigioni.

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 18 marzo, sono state effettuate 705 vaccinazioni. A ieri sono 467.656 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 440.388 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,6 per cento) e 347.545 (62,8 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.255.712 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). In totale sono 93 le persone ricoverate: 54 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 2 in terapia intensiva, e 39 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 1 in terapia intensiva. Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 4.048 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 1007 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 405 guarigioni. Inoltre, si è registrato il decesso di una persona residente a Marsico Nuovo.

 

ISTANTANEA NAZIONALE. Bollettino Covid: 74.024 positivi, 85 le vittime nelle ultime 24 ore

Iss: “Calo di casi pediatrici ma tra gli over 10 l’incidenza è più alta. Il tasso di intensive tra i non vaccinati è 13 volte più alto”.

Sono 74.024 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.Ieri erano stati 76.250.
Le vittime sono invece 85 (ieri erano state 165). Sono 1.147.519 le persone attualmente positive al Covid, con un aumento di 27.298 nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. In totale sono 13.800.179 gli italiani contagiati dall’inizio della pandemia, mentre i morti salgono a 157.692. I dimessi e i guariti sono 12.494.968, con un incremento di 48.385 rispetto a ieri. Sono 478.051 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 490.883. Il tasso di positività è al 15,48%%, stabile rispetto al 15,5% di ieri. Sono invece 471 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, tre in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 56. I ricoverati nei reparti ordinari sono 8.319, ovvero 84 in meno rispetto a ieri [ansa]

Covid 19 Basilicata: 3 nuovi decessi. Sono 564 i nuovi guariti

in Emergenza Covid-19

Covid 19 Basilicata: 3 nuovi decessi. Sono 564 i nuovi guariti

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 17 marzo, sono state effettuate 457 vaccinazioni.
A ieri sono 467.629 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 440.305 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,6 per cento) e 346.964 (62,7 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.255.005 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).
In totale sono 87 le persone ricoverate: 51 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 2 in terapia intensiva, e 36 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 1 in terapia intensiva.
Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 3.987 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 965 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 465 guarigioni.
Inoltre, sono stati registrati 3 decessi relativi a 1 persona residente a Marsicovetere, 1 persona residente a Maschito e 1 persona residente a Tito.

ISTANTANEA NAZIONALE: OMICRON AL 99,9%. SPERANZA: QUARTA DOSE NON NECESSARIA PER TUTTI

Covid, in 24 ore 76.250 casi, 165 morti . Variante Omicron prevalente al 99, 9%
Monitoraggio settimanale Iss-Ministero Salute, Rt sale da 0,84 a o,94. Sale l’incidenza dei casi Covid, non la pressione sui reparti. Nove regioni sopra la soglia di allerta del 15%
Sono 76.250 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 79.895.
Le vittime sono invece 165 (ieri erano state 128)

Sono 1.120.221 le persone attualmente positive al Covid, con un aumento di 32.004 nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. In totale sono 13.724.411 gli italiani contagiati dall’inizio della pandemia, mentre i morti salgono a 157.607. I dimessi e i guariti sono 12.446.583, con un incremento di 46.408 rispetto a ieri.Sono 490.883 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 529.882. Il tasso di positività è al 15,5%, in aumento rispetto al 15,1% di ieri. Sono invece 474 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 1 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 47. I ricoverati nei reparti ordinari sono 8.403 (8.397), ovvero 6 in più rispetto a ieri.

OMICRON PREVALENTE AL 99,9% – In Italia il 7 marzo scorso la variante Omicron era predominante, con una prevalenza stimata al 99,9%, con una variabilità regionale tra il 99,2% e il 100%. Il sottolignaggio BA.2, pari al 44,1%, è stato riscontrato nella quasi totalità delle Regioni/PPAA (range 0,0 – 79,7%). Sono questi i risultati dell’indagine rapida condotta dall’Iss e dal Ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler.

Intanto il ministro alla Salute, Roberto Speranzala, rispetto alla somministrazione della quarta dose del vaccino ha detto: “per tutti non è supportata da evidenze scientifiche. Partiti con gli immunodepressi e nei prossimi giorni verificheremo se estenderlo agli anziani”. La quarta dose di vaccino per tutta la popolazione oggi non è giustificata da un’evidenza scientifica e in nessun paese al mondo si sta facendo.
Siamo partiti con il farla agli immunocompromessi e verificheremo nei prossimi giorni se estenderlo a fasce di popolazione più anziana”. [ansa]

Covid19 Basilicata: 834 nuovi positivi. Nessun nuovo decesso

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 834 nuovi positivi. Nessun nuovo decesso.  In totale sono due i pazienti ricoverati nelle terapie intensive degli ospedali della Basilicata

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 16/3 (dati 15/3)

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 15 marzo, sono state effettuate 781 vaccinazioni.
A ieri sono 467.600 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 440.193 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,6 per cento) e 346.133 (62,6 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.254.013 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). In totale sono 94 le persone ricoverate: 54 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 40 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 1 in terapia intensiva. Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 3.597 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 834 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 420 guarigioni. Nessun decesso è stato segnalato alla Task force regionale.

 

Istantanea nazionale: cambia segno la curva dei ricoveri pediatrici

Dopo oltre un mese di flessione, torna a salire il numero degli under 18 ricoverati nelle aree Covid: nella settimana 8-15 marzo i piccoli pazienti ricoverati nei 4 ospedali pediatrici e nei reparti di pediatria degli ospedali sentinella che aderiscono alla rete Fiaso sono cresciuti del 48%. “Le scuole sono tutte aperte e i bambini rappresentano la categoria di popolazione meno vaccinata in assoluto – spiega il presidente della Fiaso Giovanni Migliore – è chiaro che con questa circolazione ancora intensa e la presenza di Omicron 2 il virus colpisca proprio i soggetti meno vaccinati”. La curva dei ricoveri degli adulti scende ancora ma molto più lentamente: in una settimana il numero dei pazienti ricoverati in aree Covid si è ridotto del 5,2%. Nei reparti ordinari la diminuzione è stata del 5% mentre nelle terapie intensive la quota è scesa del 7,5%.È quanto emerge dalla rilevazione negli ospedali sentinella Fiaso del 15 marzo [ansa]

1 2 3 72
Torna su