Archivio tag

covid19

Covid19: secondo la Fondazione Gimbe in aumento i casi in Basilicata

in Emergenza Covid-19

Covid19: secondo la Fondazione Gimbe in aumento i casi in Basilicata. La settimana presa in considerazione dalla Fondazione Gimbe è quella che va dal 18 al 24 Novembre, emerge un peggioramente quanto alla diffusione del virus

Aumentano i nuovi casi e peggiora l’incidenza. Dai dati emerge una crescita dei nuovi positivi (+3,1%), rispetto alla settimana precedente. Peggiora anche l’incidenza per 100mila abitanti, che si attesta al 149,1%. La Basilicata resta sotto la media nazionale per quanto riguarda i posti letto occupati da pazienti Covid: in area medica l’8,3% e nessuno in Terapia Intensiva.La campagna vaccinale: gli over-cinque anni che non hanno ricevuto nessuna dose di vaccino sono 9,5%, mentre la media nazionale è 10,6%.

Covid19: quattro decessi in Basilicata nel periodo 18-24 novembre

in Emergenza Covid-19

Covid19: quattro decessi in Basilicata nel periodo 18-24 novembre. Dai dati della Task Force emerge anche un rialzo del tasso di positività dal 20,21 della settimana precedente all’attuale 20,61

Dal report della Task Force che riporta i dati dei tamponi processati nella settimana che va dal 18 al 24 novembre 2022, in Basilicata si sono registrati quattro decessi a causa dell’infezione da covid-19. Si registra inoltre anche un lievissimo rialzo del tasso di positività (al 20,61 per cento rispetto al 20,21 per cento della settimana dal 4 al 10 novembre e al 19,83 per cento della settimana dall’11 al 17 novembre).

RICOVERATI REPARTI DEGENTI COVID-19 in data 24.11.2022 N. 28
A.O.R. San Carlo Potenza
Malattie Infettive n. 8
Pneumologia n. 0
Medicina Interna Covid n. 0
Medicina d’Urgenza n. 0
Terapia Intensiva n. 0
A.S.M. P.O. Madonna delle Grazie – Matera
Malattie Infettive n. 17
Pneumologia (S.I.) n. 3
Medicina Interna Covid (U.T.I.C.) n. 0
Terapia Intensiva n. 0

Bollettino Task Force Regione Basilicata

 

Ultime ore per la “certificazione verde” poi sarà addio al Green Pass

in Cronaca

Ultime ore per la “certificazione verde” poi sarà addio al Green Pass. La speranza è che con questo decreto si dica Addio all’emergenza sanitaria

 

Dal primo maggio anche l’Italia dirà addio al Green Pass mentre resterà in vigore, fino al 15 giugno, l’obbligo di mascherine al chiuso. A lavoro l’uso delle protezioni sarà ‘raccomandato’. Maggiori libertà ma anche tanti dubbi accompagnano queste ore che separano il Paese dall’ addio alle restrizioni che si spera coincida con la fine dell’emergenza sanitaria.

Con la chiusura dell’anno scolastico, decadrà anche l’obbligo nelle scuole. Alla stessa data verrà meno l’obbligo vaccinale per gli over 50, forze dell’ordine e lavoratori delle scuole. Il 31 agosto stop anche allo smart working, mentre il 31 dicembre scadrà l’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari e i lavoratori di ospedali e Rsa. Da quel momento addio anche all’obbligo vaccinale o al tampone per far visita alle Rsa.

MASCHERINE

Fino al 15 giugno resterà l’obbligo di indossare le Ffp2 nel trasporto pubblico locale e a lunga percorrenza, nei cinema, nei teatri, nei locali di intrattenimento e musica dal vivo e per tutti gli eventi e competizioni sportive al chiuso. Sarà così anche per lavoratori, utenti e visitatori di ospedali e strutture sanitarie, incluse le Rsa. Negli altri luoghi di lavoro, invece, questi dispositivi di protezione saranno solo raccomandati, come per i dipendenti della pubblica amministrazione nei luoghi potenzialmente affollati, come la fila a mensa o in ascensore. Il ministro Renato Brunetta ha invitato le amministrazioni a dare tempestivamente indicazioni sul tema. Per quanto riguarda il settore privato, resterà in capo alle singole aziende rinnovare o ridefinire protocolli e accordi. Le mascherine sono raccomandate dai vescovi anche a messa e per le celebrazioni in chiesa. Le nuove norme consigliano poi di avere sempre a disposizione il dispositivo di protezione pronto ad essere indossato in caso di affollamento per esempio nei negozi o nei centri commerciali.

GREEN PASS 

Con il primo maggio andrà definitivamente in archivio il Green Pass, con l’unica eccezione per l’ingresso nelle Rsa (almeno fino al 31 dicembre). Il certificato verde non sarà più obbligatorio, anche se i virologi invitano comunque a completare il ciclo vaccinale. “Molti oggi – ha detto il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri – non stanno facendo la terza dose e questo pone dei problemi, soprattutto per determinate fasce di età e determinate patologie”.

VACCINI 

In vigore fino al 15 giugno l’obbligo di vaccinazione per gli over 50, forze dell’ordine e comparto scuola: queste categorie, se non si vaccineranno, continueranno ad incorrere nella sanzione prevista di 100 euro. Ai visitatori delle Rsa e agli operatori sanitari continuerà ad essere richiesto fino al 31 dicembre il ciclo di vaccinazione primario più l’effettuazione di un tampone oppure la vaccinazione con tre dosi.

SMART WORKING

Prorogato fino al 31 agosto anche in assenza degli accordi individuali per i lavoratori del settore privato. Viene quindi allungato di altri due mesi, rispetto alla data del 30 giugno indicata nel decreto, la possibilità di proseguire con lo smart working nella modalità semplificata che ha caratterizzato la fase emergenziale, ovvero senza la necessità di un accordo.

SCUOLA

Resta l’obbligo di mascherine, anche solo chirurgiche, fino alla fine dell’anno scolastico, “fatta eccezione per i bambini sino a sei anni di età, per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso dei predetti dispositivi e per lo svolgimento delle attività sportive”.

VIAGGI 

Decade il Passenger Locator Form, il modulo utilizzato dalle autorità sanitarie per i viaggi, per chiunque voglia entrare o partire per l’estero. Prorogate al 31 maggio le disposizioni per gli arrivi dai Paesi esteri, che prevedono il Green pass o un tampone rapido.

TEMPO LIBERO

Addio alle mascherine negli stadi ma non nei palazzetti. Restano obbligatorie fino al 15 giugno in cinema, teatri, locali di intrattenimento e musica dal vivo. Via la mascherina anche in negozi e centri commerciali ma anche in tutte le manifestazioni all’aperto. [ansa]

Segui ilMet su Instagram

 

Foto da governo it

Covid19 Basilicata: un nuovo decesso e 921 nuove guarigioni

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: un nuovo decesso e 921 nuove guarigioni. Secondo i dati nazionali Agenas, occupazioni terapie intensive in calo in Basilicata (1%)

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 4 aprile, sono state effettuate 176 vaccinazioni.

A ieri sono 467.935 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,6 per cento), 441.212 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,7 per cento) e 352.422 (63,7 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.261.855 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). In totale sono 100 le persone ricoverate: 55 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 45 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui nessuno in terapia intensiva. Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 4.682 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 1.104 sono risultati positivi. Nella stessa giornata sono state 921 le guarigioni.Inoltre, è stato registrato il decesso di 1 persona residente a Grassano.

ISTANTANEA NAZIONALE

Agenas, l’occupazione dei reparti sale al 16%, in 7 regioni è oltre il 20%
Intensive al 5%, in Sardegna al 12%. Le altre regioni sono pari o sotto il 10%

Nelle ultime 24 ore, in Italia, l’occupazione dei posti nei reparti ospedalieri di ‘area non critica’ da parte di pazienti con Covid-19 sale di un punto percentuale raggiungendo il 16% (un anno fa era al 43%) e supera il 20% in 7 regioni: Umbria (40%), Calabria (34%), Basilicata (26%), Sicilia (27%), Marche (24%), Puglia (23%), Abruzzo (22%). L’occupazione delle terapie intensive, invece, è stabile al 5% in Italia (mentre esattamente un anno segnava il 41%), ma resta al 10% in Calabria e al 12% in Sardegna. Questi i dati dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) del 4 aprile 2022.
Sempre a livello giornaliero, l’occupazione delle terapie intensive da parte di pazienti con Covid-19 cala in 6 regioni: Abruzzo (al 7%), Basilicata (1%), Campania (6%), Emilia Romagna (3%), Friuli Venezia Giulia (4%) e Sicilia (7%). [ansa]

Covid19 Basilicata: 1099 nuovi casi e due decessi

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 1099 nuovi casi e due decessi. Sono invece 477 i nuovi guariti. I tamponi totali processati nella giornata 4284

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 23/3 (dati 22/3)

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 22 marzo, sono state effettuate 469 vaccinazioni.
A ieri sono 467.749 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 440.726 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,7 per cento) e 348.992 (63,1 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.257.630 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).
In totale sono 98 le persone ricoverate: 56 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 42 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 2 in terapia intensiva.
Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 4.284 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 1.099 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 477 guarigioni.
Inoltre, sono stati registrati 2 decessi: 1 persona residente a Roccanova e 1 persona residente a Ferrandina.

DALL’ITALIA. BASSETTI: SENZA DOSI DI RICHIAMO IL VIRUS TORNA MORDERE”

Covid oggi in Italia, “con la fine dello stato di emergenza non finisce la pandemia e se non sappiamo difenderci sono dolori: a ottobre rischiamo di ricominciare”.
Così all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, fa il punto con l’Adnkronos Salute sulla situazione epidemiologica, dopo che ieri sono stati registrati 96mila casi di Covid-19. “Se non aumentiamo le dosi di richiamo – occhio che sono scese molto nelle ultime settimane – e i fragili non fanno la quarta dose, il virus torna a mordere forte e a fare danni.
Attenzione perché l’unica arma è la prevenzione”, sottolinea.

Covid19 Basilicata: un nuovo decesso e 405 nuove guarigioni

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: un nuovo decesso e 405 nuove guarigioni.

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 18 marzo, sono state effettuate 705 vaccinazioni. A ieri sono 467.656 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 440.388 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,6 per cento) e 347.545 (62,8 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.255.712 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). In totale sono 93 le persone ricoverate: 54 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 2 in terapia intensiva, e 39 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 1 in terapia intensiva. Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 4.048 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 1007 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 405 guarigioni. Inoltre, si è registrato il decesso di una persona residente a Marsico Nuovo.

 

ISTANTANEA NAZIONALE. Bollettino Covid: 74.024 positivi, 85 le vittime nelle ultime 24 ore

Iss: “Calo di casi pediatrici ma tra gli over 10 l’incidenza è più alta. Il tasso di intensive tra i non vaccinati è 13 volte più alto”.

Sono 74.024 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.Ieri erano stati 76.250.
Le vittime sono invece 85 (ieri erano state 165). Sono 1.147.519 le persone attualmente positive al Covid, con un aumento di 27.298 nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. In totale sono 13.800.179 gli italiani contagiati dall’inizio della pandemia, mentre i morti salgono a 157.692. I dimessi e i guariti sono 12.494.968, con un incremento di 48.385 rispetto a ieri. Sono 478.051 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 490.883. Il tasso di positività è al 15,48%%, stabile rispetto al 15,5% di ieri. Sono invece 471 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, tre in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 56. I ricoverati nei reparti ordinari sono 8.319, ovvero 84 in meno rispetto a ieri [ansa]

Covid 19 Basilicata: 3 nuovi decessi. Sono 564 i nuovi guariti

in Emergenza Covid-19

Covid 19 Basilicata: 3 nuovi decessi. Sono 564 i nuovi guariti

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 17 marzo, sono state effettuate 457 vaccinazioni.
A ieri sono 467.629 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 440.305 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,6 per cento) e 346.964 (62,7 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.255.005 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).
In totale sono 87 le persone ricoverate: 51 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 2 in terapia intensiva, e 36 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 1 in terapia intensiva.
Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 3.987 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 965 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 465 guarigioni.
Inoltre, sono stati registrati 3 decessi relativi a 1 persona residente a Marsicovetere, 1 persona residente a Maschito e 1 persona residente a Tito.

ISTANTANEA NAZIONALE: OMICRON AL 99,9%. SPERANZA: QUARTA DOSE NON NECESSARIA PER TUTTI

Covid, in 24 ore 76.250 casi, 165 morti . Variante Omicron prevalente al 99, 9%
Monitoraggio settimanale Iss-Ministero Salute, Rt sale da 0,84 a o,94. Sale l’incidenza dei casi Covid, non la pressione sui reparti. Nove regioni sopra la soglia di allerta del 15%
Sono 76.250 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 79.895.
Le vittime sono invece 165 (ieri erano state 128)

Sono 1.120.221 le persone attualmente positive al Covid, con un aumento di 32.004 nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. In totale sono 13.724.411 gli italiani contagiati dall’inizio della pandemia, mentre i morti salgono a 157.607. I dimessi e i guariti sono 12.446.583, con un incremento di 46.408 rispetto a ieri.Sono 490.883 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 529.882. Il tasso di positività è al 15,5%, in aumento rispetto al 15,1% di ieri. Sono invece 474 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 1 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 47. I ricoverati nei reparti ordinari sono 8.403 (8.397), ovvero 6 in più rispetto a ieri.

OMICRON PREVALENTE AL 99,9% – In Italia il 7 marzo scorso la variante Omicron era predominante, con una prevalenza stimata al 99,9%, con una variabilità regionale tra il 99,2% e il 100%. Il sottolignaggio BA.2, pari al 44,1%, è stato riscontrato nella quasi totalità delle Regioni/PPAA (range 0,0 – 79,7%). Sono questi i risultati dell’indagine rapida condotta dall’Iss e dal Ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler.

Intanto il ministro alla Salute, Roberto Speranzala, rispetto alla somministrazione della quarta dose del vaccino ha detto: “per tutti non è supportata da evidenze scientifiche. Partiti con gli immunodepressi e nei prossimi giorni verificheremo se estenderlo agli anziani”. La quarta dose di vaccino per tutta la popolazione oggi non è giustificata da un’evidenza scientifica e in nessun paese al mondo si sta facendo.
Siamo partiti con il farla agli immunocompromessi e verificheremo nei prossimi giorni se estenderlo a fasce di popolazione più anziana”. [ansa]

Covid19 Basilicata: 834 nuovi positivi. Nessun nuovo decesso

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 834 nuovi positivi. Nessun nuovo decesso.  In totale sono due i pazienti ricoverati nelle terapie intensive degli ospedali della Basilicata

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 16/3 (dati 15/3)

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 15 marzo, sono state effettuate 781 vaccinazioni.
A ieri sono 467.600 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 440.193 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,6 per cento) e 346.133 (62,6 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.254.013 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). In totale sono 94 le persone ricoverate: 54 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 40 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 1 in terapia intensiva. Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 3.597 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 834 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 420 guarigioni. Nessun decesso è stato segnalato alla Task force regionale.

 

Istantanea nazionale: cambia segno la curva dei ricoveri pediatrici

Dopo oltre un mese di flessione, torna a salire il numero degli under 18 ricoverati nelle aree Covid: nella settimana 8-15 marzo i piccoli pazienti ricoverati nei 4 ospedali pediatrici e nei reparti di pediatria degli ospedali sentinella che aderiscono alla rete Fiaso sono cresciuti del 48%. “Le scuole sono tutte aperte e i bambini rappresentano la categoria di popolazione meno vaccinata in assoluto – spiega il presidente della Fiaso Giovanni Migliore – è chiaro che con questa circolazione ancora intensa e la presenza di Omicron 2 il virus colpisca proprio i soggetti meno vaccinati”. La curva dei ricoveri degli adulti scende ancora ma molto più lentamente: in una settimana il numero dei pazienti ricoverati in aree Covid si è ridotto del 5,2%. Nei reparti ordinari la diminuzione è stata del 5% mentre nelle terapie intensive la quota è scesa del 7,5%.È quanto emerge dalla rilevazione negli ospedali sentinella Fiaso del 15 marzo [ansa]

Covid19 Basilicata: 4 nuovi decessi e 606 nuovi positivi

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 4 nuovi decessi e 606 nuovi positivi. I pazienti deceduti sono 1 residente a Maratea, 1 residente a Lavello, 1 residente a Matera, 1 residente a Pisticci.

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 12/3 (dati 11/3)

 La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 11 marzo, sono state effettuate 616 vaccinazioni. A ieri sono 467.493 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 439.245 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,4 per cento) e 344.036 (62,2 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.250.806 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). In totale sono 92 le persone ricoverate: 59 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 33 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui nessuno in terapia intensiva. Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 3.009 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 606 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 755 guarigioni. Inoltre è stato registrato il decesso di 4 persone: 1 residente a Maratea, 1 residente a Lavello, 1 residente a Matera, 1 residente a Pisticci.

ISTANTANEA NAZIONALE: FRA I NON VACCINATI TASSO DI MORTALITA’ 5 VOLTE PIU’ ALTO

Il tasso di mortalità standardizzato per i non vaccinati (96/100.000) è 5 volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da meno di 120 giorni (19/100.000) e 15 volte più alto rispetto ai vaccinati con booster (7/100.000).
Lo evidenzia il Report esteso dell’Istituto superiore di sanità, che integra il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sul Covid.
Nelle fasce d’età 0-9 e 10-19 anni si registra il più alto tasso di incidenza di casi Covid a 14 giorni, pari rispettivamente a 1.424 e 1437 per 100.000 abitanti, mentre nella fascia di età 70-79 anni si registra il valore più basso, 471 casi per 100.000 abitanti.
Lo evidenzia il Report esteso dell’Istituto superiore di sanità, che integra il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sul Covid. Dall’inizio dell’epidemia, sono stati diagnosticati e riportati al sistema di sorveglianza integrata 2.966.901 casi nella popolazione 0-19 anni, di cui 15.200 ospedalizzati, 350 ricoverati in terapia intensiva e 50 deceduti [Ansa]

Covid19 Basilicata: 5 decessi e 938 guarigioni

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 5 decessi e 938 guarigioni. I pazienti che non ce l’hanno fatta: 1 persona residente a Brienza, 1 persona residente a Potenza, 1 persona residente a Lavello, 1 persona residente a Pisticci e 1 persona residente a Moliterno

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 10 marzo, sono state effettuate 525 vaccinazioni.

A ieri sono 467.474 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 439.153 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,4 per cento) e 343.530 (62,1 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.250.183 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).

In totale sono 91 le persone ricoverate: 57 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui nessuno in terapia intensiva, e 34 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui nessuno in terapia intensiva.

Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 3.099 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 733 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 938 guarigioni. Inoltre, sono stati registrati 5 decessi relativi a 1 persona residente a Brienza, 1 persona residente a Potenza, 1 persona residente a Lavello, 1 persona residente a Pisticci e 1 persona residente a Moliterno.

1 2 3 40
Torna su