Archivio tag

scanzano jonico

Foibe: a Scanzano Jonico giornata commemorativa

in Appuntamenti

Foibe: a Scanzano Jonico giornata commemorativa. Iniziativa voluta dal Prefetto di Matera, Cristina Favilli, ed organizzata dal comprensivo De André. Per il presidente della Provincia di Matera, Piero Marrese è stato “un raggio di sole per Scanzano Jonico. Un messaggio positivo e di condivisione che parte da una scuola che favorisce l’inclusione”.

La giornata del “Ricordo” per non dimenticare il dramma delle Foibe come chiave per esaltare valori quali la verità, la testimonianza, l’amore per il prossimo e il “NO” secco a
qualsivoglia discriminazione. Nell’auditorium dell’istituto comprensivo “De André” di Scanzano Jonico si è tenuta stamani una iniziativa voluta dal Prefetto di Matera, Cristina Favilli, ed organizzata dalla dirigente scolastica, Grazia Maria Marciuliano, presenti anche S.E. mons. Pino Caiazzo,arcivescovo di Matera-Irsina, Piero Marrese, presidente della Provincia di Matera, Rosaria Cancelliere, dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, i vertici provinciali delle forze dell’ordine, docenti e alunni del “De André” che hanno presentato lavori imperniati sulle Foibe e, in generale, su valori importanti come la trasparenza, la legalità, l’amore, la verità. Una scelta non casuale, quella di Scanzano Jonico, comune negli ultimi anni al centro di cronache giudiziarie e, da ultimo, anche di vicissitudini di natura politica. Per il Prefetto Favilli si è trattato di una “giornata bellissima. Le nostre comunità sono vive, vere e sane, come dimostra questa scuola. Sono molto contenta di quello che ho visto e voglio ringraziare la dirigente scolastica, i docenti e gli alunni perché quanto hanno fatto è frutto di un grande lavoro, circostanza questa che mi rende pienamente soddisfatta della scelta di celebrare qui la giornata del Ricordo”.
“Ringrazio il Prefetto di Matera – ha rimarcato Marciuliano – per aver voluto celebrare la giornata del ricordo in una comunità scolastica che si trova in un comune che da qualche anno vive una storia particolare: proprio in questo territorio la scuola deve essere presidio di legalità e palestra di convivenza civile da cui ripartire per dare ai nostri ragazzi un
messaggio di speranza e un futuro, ci auguriamo, migliore. Far conoscere la storia vuol dire vivere più consapevolmente il presente e preparare un futuro di pace per riaffermare i valori della democrazia e i diritti dell’uomo”. Il presidente Marrese ha invece sottolineato come “l’iniziativa rappresenti un raggio di sole per Scanzano Jonico in una scuola inclusiva. Quello odierno è stato un momento di bellissima condivisione con i ragazzi, dei quali ho apprezzato le riflessioni. Il messaggio è chiaro: collaborare di più, a partire dalle piccole azioni, per contrastare discriminazione e indifferenza. Ai ragazzi ho chiesto di lavorare per saper riconoscere l’altro come persona, di essere paladini della giustizia e fautori della non violenza. Io ci credo e ho fiducia in loro”.

Nella foto una fase dell’evento  commemorativo

Cariello: a Scanzano Jonico rallentano le attività dell’ufficio tecnico

in Politica

Cariello: a Scanzano Jonico rallentano le attività dell’ufficio tecnico. “Il frutto degli effetti della scelta dei dimissionari sull’attività amministrativa”

Pasquale Cariello, già sindaco mette sotto la lente i disagi amministrativi scaturiti dalle scelte politiche dei dimissionari: “pratiche edilizie rallentate in Municipio, la città era ripartita, ora è costretta a un ingiusto stop”.

SCANZANO JONICO. “Manca il dirigente e le pratiche edilizie in particolare rallentano, ragion per cui da una parte non possiamo che apprezzare il lavoro di chi al comune c’è e svolge con diligenza la sua funzione. Dall’altra, spiace constatare che i rallentamenti fisiologici, connessi al commissariamento in atto, potevano essere evitati se altrettanta diligenza politica avesse orientato l’agire – sordo e personalistico – di chi ha preferito voltare le spalle non al sindaco ma alla città che aveva avviato la fase di decollo dal torpore politico e amministrativo in cui adesso rischia di ripiombare”. E, ancora: “Ricordiamo, inoltre, che avevamo prodotto il bando per il nuovo dirigente (un 110), una risorsa che avrebbe sicuramente migliorato e potenziato gli uffici. Anche questa iniziativa già avviata sta facendo i conti con le scelte politiche scellerate di chi ha preferito dimettersi”.

L’ex sindaco di Scanzano, e già consigliere regionale, ha poi aggiunto: “Emblematico è il rallentamento segnalato da cittadini e tecnici, in particolare nell’ambito dell’ufficio tecnico, attualmente privo di dirigenza per ragioni amministrative. Come è noto l’Ufficio tecnico, come ha già avuto modo di dimostrare, rappresenta il propellente del corretto sviluppo urbano con tutti i benefici economici, sociali e culturali che derivano dalla sua normale attività funzionale”.

“Purtroppo la nostra città dovrà nuovamente sopportare una fase di stop, del tutto immeritata, ingiustificata e su cui la storia presto esprimerà il suo giudizio”.

Pasquale Cariello, è stato eletto sindaco di Scanzano Jonico nel Maggio 2023 con maggioranza assoluta. Egli ha poi lasciato la carica di consigliere regionale che esercitava in quella fase per occuparsi dell’ufficio di sindaco.

Finisce l’Amministrazione Cariello: a Scanzano Jonico torna il commissario prefettizio

in Politica

Finisce l’Amministrazione Cariello: a Scanzano Jonico torna il commissario prefettizio

“A fronte della grave crisi amministrativa verificatasi in seno alla maggioranza del Consiglio Comunale di Scanzano Jonico che nel suo perdurare non ha trovato soluzioni, a causa della totale inerzia del Sindaco Cariello di porvi adeguato rimedio e, al fine di scongiurare la totale paralisi amministrativa, i Gruppi consiliari di minoranza Patto civico per Scanzano e SiAmo Scanzano e quello di maggioranza Impegno inComune, questa mattina hanno rassegnato le dimissioni contestuali dalla carica di Consiglieri comunali”.

E, ancora:  “Seguirà nei giorni prossimi una conferenza stampa per chiarire i fatti che hanno portato i Consiglieri a tale decisione”. La notizia è stata diffusa questa mattina al termine di una crisi politica divenuta irreversibile.

 

 

Impegno in Comune Scanzano Jonico: “solo selfie e feste di paese: zero proposte”

in Politica

Impegno in Comune Scanzano Jonico: “solo selfie e feste di paese: zero proposte da sindaco e giunta”. Era atteso l’intervento social del gruppo dei tre consiglieri, Stefania Zuccarella (capogruppo), Giusy Altieri e Donato D’Amico, i tre eletti con Scanzano Rinasce, la lista del sindaco e che poi hanno dato vita al gruppo Impegno in Comune Scanzano Jonico. Hanno spiegato le loro ragioni in un contributo video postato sui canali social ufficiali del gruppo.

Di seguito un estratto delle dichiarazioni rilasciate dai consiglieri.

STEFANIA ZUCCARELLA

“Siamo stati esclusi dalla maggioranza e per questo abbiamo creato il nostro gruppo per tutelare la nostra immagine e il nostro ruolo”, è un autentico fiume in piena Stefania Zuccarella, capogruppo di Impegno in Comune Scanzano Jonico.

“Il sindaco ha tentato in ogni modo di distruggerci, perseguitando il consigliere D’Amico tentando di umiliarlo senza riuscirci per sei mesi. Poi è andato a bussare a entrambe le minoranze per tentare di sostituire un assessore e il presidente del consiglio (Giusy Altieri occupa il ruolo, ndr). Il sindaco sostiene che non abbiamo fatto proposte ma non dice che quelle che abbiamo fatto sono state da lui osteggiate”. Non scarichi le colpe su altri ma si assuma la responsabilità di quanto accaduto. Lui ha creato il problema e lui lo deve risolvere. Il sindaco ha fatto zero proposte per il paese forse perché impegnato con la sua giunta a fare selfie e feste di paese”.

GIUSY ALTIERI

“Noi di Impegno in Comune non abbiamo mai sfiduciato il sindaco. Abbiamo sempre garantito il nostro supporto  alla maggioranza. Ci siamo sempre sentiti di maggioranza ma evidentemente il sindaco non ci ha mai ritenuto tali. Invece di cercare un confronto con noi ha cercato un confronto con le minoranze.

La sua aspirazione è naufragata contro la serietà e l’intransigenza dei gruppi di minoranza che non hanno accettato l’inciucio”.

“Il sindaco ha tentato di barattare la mia carica offrendola ai consiglieri di minoranza. Non ho mai ritardato la convocazione dei consigli e gli atti lo certificano”

“Quanto agli stipendi dei dipendenti comunali, ricordiamo al sindaco che i mandati saranno eseguiti regolarmente nei prossimi giorni. Le spese del personale sono nel bilancio di previsione che viene approvato a inizio anno”.

Sulla variazione di bilancio e sul bilancio consolidato, Altieri ha spiegato: “abbiamo votato contro perché mancavano i documenti, ci sono quindi in ballo responsabilità penali e amministrative. Non votiamo a scatola chiusa. Non siamo utili idioti che alzano la mano, siamo consiglieri consapevoli delle azioni che determiniamo”.

 

DONATO D’AMICO

“Sono stato additato e perseguitato come grande evasore, quando ho chiesto agli uffici di rimodulare le mie cartelle ho dovuto versare oltre 100mila euro per difendere il mio ruolo di consigliere. Ho pagato più del doppio di quanto avrei dovuto corrispondere e ho chiesto che con altrettanta solerzia mi fosse restituito il 50%. Non ho mai avuto dal sindaco un gesto di solidarietà”.

 

L’INTERVISTA. Cariello: “A me interessano i progetti per Scanzano non le postazioni”

Scanzano Jonico. Il Pd: Cariello ci spieghi perché la sua maggioranza è spaccata

in Politica

Scanzano Jonico. Il Pd: Cariello ci spieghi perché la sua maggioranza è spaccata. “Non è mai iniziata la luna di miele nella maggioranza”

Giovedì pomeriggio, ha avuto luogo il consiglio comunale che tra i vari punti all’ordine del giorno prevedeva la ratifica della delibera di giunta avente ad oggetto la variazione di bilancio di previsione e l’approvazione del bilancio consolidato anno 2022 e si è palesato ciò che era ormai evidente sin dall’insediamento dell’amministrazione comunale Cariello: la maggioranza già in difficoltà dalle prime settimane, a distanza di sette mesi si è dimostrata nettamente spaccata e incapace di lavorare per il bene comune.
Con le dichiarazioni rilasciate anche al termine dell’ultimo consiglio comunale, il Sindaco Cariello ha volontariamente posto l’attenzione sul voto dell’opposizione. La posizione, invece, del gruppo consiliare Sìamo Scanzano è frutto di senso di responsabilità e di attente valutazioni.
Ci dica invece il sindaco Cariello e la sua maggioranza, dove sono finiti gli slogan di amore e di unità che hanno urlato a gran voce durante la compagna elettorale, se invece dal giorno della proclamazione assistiamo a continui sgambetti e battibecchi all’interno della maggioranza. Spieghi alla cittadinanza, che in questo momento rappresenta, come mai non è in grado di dialogare e di lavorare con i suoi consiglieri. Come può essere garantita una maggioranza se 6 consiglieri appartengono al gruppo “Scanzano Rinasce” e 3 consiglieri appartengono invece ad altro gruppo “Impegno in Comune”? I cittadini vogliono sapere cosa è accaduto tra i due gruppi che sostengono la maggioranza? Quali sono le motivazioni di tale spaccature? Servono risposte concrete che non possono essere travisate dando responsabilità ad altri.
Durante l’ultima campagna elettorale avevamo detto più volte che Scanzano non aveva bisogno di personalismi e di sfilate in passerella, ma di concretezza e progettualità. Buttare fumo negli occhi, annunciando le dimissioni che invece non sono state ancora ratificate, spostando il peso delle responsabilità amministrative e politiche sui consiglieri di minoranza è solo un metodo per distrarre dalla responsabilità principale che fa capo al sindaco, un modo per mandare in confusione e per aumentare i dissidi e lo sconforto nella cittadinanza di Scanzano, che ha già lungamente sofferto negli ultimi anni. Ultimi anni in cui il centro destra a Scanzano ha avuto un peso fortemente sfavorevole per la crescita e lo sviluppo della nostra cittadina. Centro destra che ancora oggi dimostra una chiara incapacità governativa con la minaccia di un nuovo commissariamento, come già avvenuto per mano loro nel recente passato. La popolazione scanzanese in queste ultime ore sta chiedendo chiarezza e atto di responsabilità. L’amministrazione Cariello si assuma le proprie responsabilità e dia delle risposte concrete e non populistiche!

 

[Comunicato Stampa Partito Democratico Scanzano Jonico]

Scanzano Jonico: ancora il commissario?

in Politica

Scanzano Jonico: ancora il commissario? La Città già in precedenza è stata gestita da commissari prefettizi.

Bocciati i punti all’Ordine del Giorno da 7 consiglieri comunali, che tradotto significa che la maggioranza non c’è. A Scanzano Jonico torna così ad aleggiare l’ipotesi del commissariamento.
Il primo cittadino Pasquale Cariello, nella seduta di ieri sera (14 Dicembre 2023) non ha potuto contare sui voti di alcuni dei suoi stessi consiglieri, eletti con lui nella lista di Scanzano Rinasce e ovviamente nemmeno su quelli delle minoranze.
Fra i punti bocciati il bilancio consolidato e una variazione della manovra finanziaria.

“Aspetto il parere del revisore dei conti per approvare in Giunta il bilancio, così da lasciare i conti in ordine. Poi insieme ai miei assessori – ha annunciato Cariello – presenterò le dimissioni nella speranza che portino serenità alla comunità – attraverso il commissariamento – e io mi ritirerò a vita privata”, fra le dichiarazioni rilasciate a caldo dal primo cittadino.

 

La Città di Scanzano Jonico, come si ricorderà, nella recente storia ha subito due commissariamenti: uno per presunte infiltrazioni mafiose e l’altro provvedimento è stato determinato da irregolarità amministrative.

 

Scanzano Jonico: Consiglio comunale aperto su “dimensionamento scolastico”

in Politica

Scanzano Jonico: Consiglio comunale aperto su “dimensionamento scolastico”

 

Convocato il consiglio comunale aperto che ha come tema quello del dimensionamento scolastico, l’assise cittadina si riunirà domani, 7 Dicembre 2023, alle ore 17.30.
Alla seduta consiliare prenderanno parte il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo De Andrè, il presidente della Provincia di Matera e il presidente del Consiglio d’Istituto.

A Giusy Rocco la segreteria del Partito Democratico di Scanzano Jonico

in Politica

A Giusy Rocco la segreteria del Partito Democratico di Scanzano Jonico. Succede a Rocco Durante, la proclamazione è avvenuta giovedì scorso

 

Cambio alla segreteria del Partito Democratico cittadino a Scanzano Jonico, Rocco Durante ha passato il testimone a Giusy Rocco. “Onorato di aver rappresentato il Partito Democratico, un caloroso in bocca al lupo a Giusy, sarò sempre al suo fianco”.
Una sfida complessa quella che attende Giusy. A lei sono state rivolte alcune domande a margine della sua proclamazione unanime avvenuta giovedì scorso al Palazzo baronale cittadino.

Chi te l’ha fatta fare. Stiamo parlando di un partito che agli occhi dell’opinione pubblica appare tutt’altro che saldo al suo interno e non solo?

“La passione che da sempre mi anima per il bene della città. Inoltre, mi hanno dato slancio tutte le testimonianze dei cittadini in occasione delle tre campagne elettorali a cui ho partecipato. Anche in quelle occasioni si ha la possibilità di intercettare i bisogni dei protagonisti dell’azione politica, cioè dei cittadini”

Cosa sei pronta a dare al tuo partito,  e cosa ti aspetti dal PD, a tutti i livelli,  in termini di collaborazione e supporto alle tue azioni politiche?

“Il lavoro del nostro circolo sarà quello di trasmettere alla popolazione che c’è unità di pensiero, di intenti. Che ben si può agire sia a livello provinciale che regionale e che il lavoro si può instaurare anche con gli altri segretari di circolo. Ricordo infatti che il segretario provinciale è Claudio Scarnato, nostro concittadino. Ciò mi fa pensare che si potrà avviare un discorso di coordinamento e collaborazione con gli altri circoli”.

Sì, ma Policoro per esempio che è la città più vicina a Scanzano Jonico non ha un segretario cittadino,  si regge sul commissario che è il segretario provinciale, Claudio Scanato. Inoltre, alle ultime amministrative il Partito Democratico in quella città non ha nemmeno presentato una lista. Te la senti, in questa sede,  di dare un indirizzo ai vertici del tuo partito affinché si evitino situazioni di vacanza politica nei comuni?

“L’attenzione su Policoro è già stata posta, si sta lavorando per ricreare entusiasmo e coesione anche lì. Inutile giocare a indovina chi, ma auspico che anche in città il consenso unanime si orienti verso una figura che abbia dimostrato impegno e appartenenza e che ha svolto il suo lavoro nel solo interesse della città e mai per fini personali”.

Nella tua agenda politica quali saranno le priorità?

“Mettere Scanzano Jonico al primo posto. Ascoltare tutti, senza distinzioni fra chi simpatizza per il PD e chi no. Occorre dare risalto a tutte le bellezze che Scanzano Jonico può offrire. Saremo, come PD cittadino, portavoce delle necessità della città e dei progetti che intendiamo realizzare per il benessere di tutti”.

Agrifood: si è conclusa la prima edizione della fiera dedicata al settore agricolo

in Politica

Agrifood: si è conclusa la prima edizione della fiera dedicata al settore agricolo.

Di “rinascita” ha parlato il sindaco di Scanzano Jonico, Pasquale Cariello nel commentare la due-giorni svoltasi in città, toni meno trionfalistici quelli dei consiglieri di opposizione, Claudio Scarnato e Felicetta Salerno, del gruppo di SìAmo Scanzano, i quali in una nota hanno fatto sapere: “Bene Agrifood ma Scanzano deve puntare più in alto”.

Di seguito le note integrali diffuse alla stampa dal sindaco e dai consiglieri di opposizione.

AGRIFOOD, la fiera del Riscatto e della Rinascita di un’intera comunità. Si chiude con uno straordinario successo la prima edizione. Quattro Associazioni insieme in un grande evento per Scanzano

“Amici, il percorso di rinascita e riscatto di Scanzano è appena iniziato. La fiera AGRIFOOD ha segnato soltanto l’inizio di un percorso intrapreso da quest’Amministrazione insieme a Coldiretti, Cia, Copagri e Confagricoltura per valorizzare le nostre eccellenze. AGRIFOOD diventerà un appuntamento fisso per la crescita del nostro territorio”. Sono state queste le parole con cui Pasquale Cariello, Sindaco di Scanzano Jonico, ha chiuso ufficialmente la prima edizione dell’evento dedicato all’agricoltura nel comune del Metapontino. Un appuntamento grandioso, importante come numero di persone che hanno visitato gli stand disposti in tutta la zona circostante il Palazzo Baronale, fondamentale dal punto di vista “politico” e di condivisione: “Abbiamo riunito in un’unica manifestazione quattro Associazioni che hanno lavorato insieme, per la prima volta, per il bene dei loro tesserati e di tutto il Metapontino – ha dichiarato Cariello – l’obiettivo era chiaro sin dall’inizio, dare vetrina ai nostri produttori, scelti dalle quattro organizzazioni datoriali e sviluppare un unico progetto, una strategia vincente che condurrà questo territorio verso una vera emancipazione come marketing, come tecnologia, come comunione di interessi. Per questo devo ringraziare tutti i partner che ci hanno sostenuto, quelli come la Lucania Food Experience con cui abbiamo collaborato, tutte le Associazioni di Scanzano che hanno aderito, tra le quali la Pro Loco che ha presentato il calendario natalizio, tutti i dipendenti comunali e tutte le maestranze che si sono adoperate affinché nonostante il tempo, poco clemente, potessimo realizzare una fiera così meravigliosa per contenuti e partecipazione. Infine – conclude il primo cittadino scanzanese – permettetemi di fare un ringraziamento speciale alla mia squadra, a quest’Amministrazione che ha creduto fortemente che quello che era solo un sogno potesse avversarsi. Parlo degli Assessori e del consigliere Marzano, una squadra che dalla mattina alla sera è stata qui con me ad organizzare tutto. Vedete questa Amministrazione è giovane ma sta dimostrando giorno dopo giorno che non ha voglia di guardare al passato ma di costruire passo dopo passo un futuro per tutti i giovani di questa comunità”.

STAND, CONVEGNI E SPETTACOLO “COOKING SHOW” – AGRIFOOD non è stato soltanto uno spazio per valorizzare l’agricoltura e la zootecnia del Metapontino ma anche luogo fisico per conoscere i grandi imprenditori di mezzi agricoli che hanno esposto i propri maestosi automezzi e trattori di ultima generazione. Oltre a questo, AGRIFOOD è stato luogo di dibattito e confronto grazie a due convegni, organizzati dalle Associazioni, che hanno coinvolto politici, responsabili istituzionali, ingegneri, geologi e il comitato Scanziamo le Scorie su temi fondamentali quali l’innovazione irrigua, l’erosione costiera ed i cambiamenti climatici che mettono a rischio l’economia agricola del Mezzogiorno e della Basilicata. Gli ultimi momenti di AGRIFOOD hanno invece divertito e solleticato gli spettatori a momenti più spensierati: prima il cooking show, organizzato da Lucania Food Experience, con la vittoria della cuoca Giuliana Vitarelli, poi il grande spettacolo dell’anima della Tarantata lucana Pietro Cirillo che con le sue musiche ed i suoi tamburi ha chiuso questo primo appuntamento. Grazie AGRIFOOD, appuntamento alla prossima edizione [Fonte Ufficio Stampa Comune di Scanzano Jonico]

 

SALERNO E SCARNATO: BENE AGRIFOOD MA SCANZANO DEVE PUNTARE PIU’ IN ALTO

La fiera agroalimentare Agrifood tenutasi a Scanzano Jonico il 2 e 3 dicembre è stata una bella occasione per valorizzare il nostro territorio. Il trait d’union che si è creato tra le associazioni di categoria, che hanno ben rappresentato il ciclo completo dell’agroalimentare, dal produttore al consumatore, è stato ben recepito dai visitatori.
Al contempo, però, riteniamo che Scanzano debba puntare più in alto.
Se con l’Agrifood Scanzano è al centro della Basilicata, con l’attribuzione di “Città della Fragola” salirebbe al centro dell’Europa.
Puntando sulla valorizzazione della produzione della Fragola della Basilicata, Scanzano acquisirebbe un valore mai avuto finora. Il nostro territorio è predisposto alla produzione di questa coltura, sarebbe un vero peccato se insieme non puntassimo verso il raggiungimento di livelli più alti. La sagra della fragola dello scorso aprile è stata la conferma di quanto il settore di riferimento a tutti i livelli sia coeso e proiettato verso il medesimo obbiettivo. In quella occasione tutti i produttori del territorio, così come le associazioni di categoria, erano presenti e hanno collaborato consapevoli del valore aggiunto che la fragola può donare al nostro territorio. Non solo nel settore agricolo ma di conseguenza anche nel settore commerciale e turistico in senso lato.
Ci auspichiamo che si continui verso questa traiettoria focalizzandosi realmente sulle potenzialità e sulla valorizzazione del territorio e di tutti i suoi attori, non tralasciando nessuno per portare alto il nome della nostra Scanzano.

Fonte: comunicato stampa dei consiglieri comunali, Felicetta Salerno e Claudio Scarnato.

Fiera Agrifood a Scanzano Jonico il 2 e il 3 Dicembre 2023

in Appuntamenti

Fiera Agrifood a Scanzano Jonico il 2 e il 3 Dicembre 2023

Valorizzare il lavoro degli imprenditori agricoli e zootecnici è fra gli obiettivi dichiarati della fiera Agrifood in programma a Scanzano Jonico il 2 e il 3 Dicembre 2023. Come annunciato sui social dall’Amministrazione cittadina guidata dal sindaco Pasquale Cariello si tratta di “un evento importantissimo per il rilancio del nostro territorio e le sue aziende agricole”.

Nel corso dell’evento esposisitivo, in collaborazione con Lucania Food Experience, sarà presentato in esclusiva un piatto tipico ideato e realizzato dallo chef Mario Demuro. La creazione gastronomica “sarà valutata da una giuria per diventare il simbolo culinario della nostra Scanzano. Quali saranno gli ingredienti principali?”, è riportato in un post sulla pagina social.

Il prossimo 2 Dicembre, in occasione del taglio del nastro con il sindaco ci sarà il presidente della Regione, Vito Bardi. Parteciperanno le associazioni di categoria, le associazioni locali, le scuole primarie e secondarie di Scanzano Jonico, dell’istituto alberghiero IPSEOA, IIS Giustino Fortunato. Previsto l’intervento di Don Francesco Lauciello, parroco di Scanzano Jonico.

Fra i numerosi appuntamenti in programma (consulta l’intero programma) i convegni dedicati ai “cambiamenti climatici e alla sostenibilità del sistema agricolo del Metapontino”. Quello con a tema le infrastrutture.

Previste anche degustazioni e Cooking Show oltre a laboratori e varie esposizioni.

Gli appuntamenti fieristici si terranno nelle aree vicine al Palazzo baronale cittadino, piazza Gramsci, piazza dei Caduti e piazza del Commercio.

1 2 3 28
Torna su