Archivio tag

terravecchia

A Montalbano Jonico la festa della Terravecchia

in Cultura

A Montalbano Jonico la festa della Terravecchia. Durante la manifestazione presentazione  del romanzo “Nelle migliori famiglie” di Angelo Mellone, Vice -direttore di RAI 1

 

Nel suggestivo scenario di Piazza Savonarola, l’antica piazza Mercato, alle spalle di S. Maria dell’Episcopio, si è tenuta domenica sera a Montalbano Jonico l’edizione 2021 della Festa della Terravecchia. Il Circolo Culturale “L’Arco”, che l’ha sempre organizzata, ha voluto riproporla, sia pure in forma ridotta per gli obblighi e le restrizioni dovute al Covid 19.
Tre mostre hanno caratterizzato il settore delle esposizioni: la Mostra dell’antico attrezzario contadino, allestita da Giovanni Rosano, a margine della quale sono state anche proiettate le immagini del padre Vincenzo Rosano, noto cantastorie lucano e montalbanese; la mostra di riproduzioni fotografiche su pannello di 6 “alberi padri” (alberi plurisecolari) presenti nel territorio di Montalbano. Questa esposizione è stata allestita dai Gruppi di Ricerca Ecologica. Le schede tecniche sono state redatte dall’Ing. Edvige Cuccarese, dall’Ing. Antonello Nobile, e dal cultore di storia locale Leonardo Giordano. Gli scatti fotografici erano del fotografo naturalista Pasquale Cassavia. Infine il pittore locale Vincenzo Vignola, residente nell’antico quartiere di Montalbano, ha esposto alcune sue opere che ritraggono scorci del centro storico e scene di vita contadina.
Durante la manifestazione è stato presentato l’ultimo romanzo di Angelo Mellone, Vice -direttore di RAI 1, dal titolo “Nelle migliori famiglie”. A recensirlo è stato il giovane Michele Giordano che, dopo una breve scheda biografica ed editoriale dell’autore e del libro, ha intervistato Angelo Mellone sui punti-chiave di quest’opera dedicata alla famiglia.
Si tratta di un’opera che presto dovrebbe essere portata sul grande schermo e che tratta di come non debba considerarsi impossibile ricostruire un contesto familiare “imploso” per la separazione dei coniugi.
Infine si sono effettuate delle premiazioni. A Carmen Manolio, giovane ricercatrice montalbanese nel campo delle difese immunitarie e della memoria genetica, è stato conferito “L’Arancio d’Oro” di Montalbano, edizione 2021. All’avvocato Giuseppe Jacobellis che, il 16 agosto, nel mare di Scanzano Jonico, lido “terzo Cavone”, ha salvato dal rischio di annegamento, due bambini, sono stati consegnati un attestato di benemerenza solidale ed una targa di merito.
Sono stati conferiti anche i due riconoscimenti di “Maestri del Lavoro di Montalbano Jonico”, rispettivamente a Vincenzo Galeazzi, parrucchiere in pensione molto impegnato nel collezionare foto ed iconografie del territorio di Montalbano con l’Associazione “Viaggio nel Tempo”; a Franco Dimitolo meccanico, saldatore e capocantiere della Vianini s.p.a. per decenni che è stato punto di riferimento di questa grande impresa durante la costruzione delle condotte che hanno distribuito la risorsa idrica in Puglia e Basilicata, oltre che per altri impianti in Lazio, Calabria e Sicilia.
Le varie fasi sono state intervallate da intermezzi musicali curati dalla studentessa di chitarra classica del Liceo Musicale di Montalbano, Asia Galeazzo.

Segui ilMet su Instagram

 

Nelle pagine eventi e cultura: le notizie culturali relative ad appuntamenti che si sono svolti in città

“Viaggio nel passato”: doppio appuntamento con la letteratura a Montalbano Jonico

Case a 1 euro nel centro storico di Montalbano Jonico

in Politica

Case a 1 euro nel centro storico di Montalbano Jonico, approvato il regolamento comunale

CONSULTA O SCARICA IL REGOLAMENTO

“Il Consiglio Comunale ha approvato il “Regolamento delle case a 1 euro”. Uno strumento già utilizzato in molti comuni con lo scopo di ristrutturare gli immobili abbandonati e fatiscenti presenti nei centri storici”, a darne notizia l’assessore comunale, Ines Nesi attraverso un post sulla sua pagina facebook.
L’abbandono e l’incuria della proprietà privata, a lungo andare, può rappresentare un pericolo della pubblica e privata incolumità pertanto è necessario un ripristino degli immobili da parte dei proprietari.
Qualora però, per diverse ragioni, ciò non accade, è l’ente comunale che dovrebbe provvedere con un evidente aggravio per le casse comunali a carico di tutti i cittadini.
Questo strumento operativo invece, consente di:
1) Individuare e mappare gli immobili abbandonati;
2) Acquisire la proprietà per cessione o in modo coatto;
4) Utilizzare direttamente da parte del comune o assegnare a terzi l’immobile;
5) Ristrutturare e mettere in sicurezza gli immobili;
E migliorare così ulteriormente le condizioni e la fruibilità del centro storico, dopo gli innumerevoli lavori eseguiti in questi ultimi anni per la riqualificazione della “Terra Vecchia”, con l’auspicio di incrementarne l’abitabilità nonché l’insediamento di altre attività commerciali.

IL COMMENTO DI PIERO MARRESE, SINDACO DI MONTALBANO JONICO

Il primo cittadino di Montalbano Jonico è intervenuto sul social network nella discussione avviata da Ines Nesi

Abbiamo voluto così creare uno strumento che afferma principi semplici e chiari: l’igiene, la sicurezza e il decoro sono la priorità per una città che ambisce a diventare meta turistica

“Oggi purtroppo abbiamo diverse proprietà abbandonate, piene di rifiuti, orribili sotto l’aspetto del decoro urbano e in molti casi altamente pericolose sia per la pubblica sicurezza sia per condizioni igieniche. Per anni è stato chiesto di riqualificare il centro storico, per anni tutti si sono “sciacquati la bocca” che occorreva coraggio per farlo. Oggi, con questo regolamento, stiamo avviando questo processo di riqualificazione. Voglio dire grazie a questa maggioranza, grazie all’assessore Pennetta per la sua determinazione nel voler portare avanti questo progetto per Montalbano. Abbiamo voluto così creare uno strumento che afferma principi semplici e chiari: l’igiene, la sicurezza e il decoro sono la priorità per una città che ambisce a diventare meta turistica, ma anche e soprattutto per i propri cittadini affinché possano apprezzare meglio questo prezioso angolo di paese. Nessuno esproprierà nulla a nessuno se l’immobile non rappresenta un pericolo, diversamente sarà tutelata la sicurezza pubblica. Il regolamento è stato studiato e valutato con attenzione, in commissione, anche l’opposizione tramite il
Capogruppo ha espresso parere favorevole ed oggi cercano, a quanto pare, di alimentare inutili quante sterili polemiche. Lavoriamo insieme invece, con coraggio e determinazione per ridare un futuro al nostro centro storico, che attende da troppi anni di essere valorizzato e riportato al suo splendore!

Le notizie di politica nella sezione dedicata al territorio

Torna su