Viaggi all’estero sì ma con dPLF: il passenger locator form

in Emergenza Covid-19

Viaggi all’estero sì ma con dPLF, il passenger locator form. Attenzione a non dimenticare di compilarlo altrimenti si rischia di fare come i passeggeri diretti in Grecia che a Malpensa sono stati respinti nonostante avessero il green pass. Ma non avevano appunto il dPLF.  Nel pianificare il viaggio all’estero quindi è necessario prestare più attenzione del solito, il rischio è quello di non essere imbarcati. E potrebbe non bastare il green pass o il tampone negativo, prima di partire ricordarsi di avere proprio tutto e che in alcuni casi potrebbe essere necessario aver compilato il dPLF almeno 24 ore prima. Infine, molto utile potrebbe risultare la consultazione approfondita del portale del Governo dedicato.

Certificazione verde, dove e come ottenerla

 

Cos’è il dPLF?

I Passenger Locator Forms (PLFs) sono moduli utilizzati dalle Autorità Sanitarie nel caso in cui i passeggeri siano stati esposti ad una malattia infettiva durante un viaggio a bordo di qualsiasi mezzo di trasporto (nave, aereo, treno, autobus o automobile) al fine di facilitare il tracciamento dei contatti. Le informazioni fornite nei PLF possono essere utilizzate dall’Autorità Sanitarie dei Paesi di destinazione al fine di poter contattare rapidamente i passeggeri, con l’obiettivo di proteggere la loro salute e quella dei loro contatti, oltre che a prevenire l’ulteriore diffusione di malattie. I PLF sono quindi uno fondamentale strumento a tutela della salute sia individuale che collettiva.

I Paesi che richiedono la compilazione dei PLF, attualmente utilizzano moduli cartacei o PLF digitali online. Al fine di fronteggiare la pandemia da COVID-19, è stato sviluppato un sito web per promuovere l’utilizzo di un unico modulo digitale europeo – EU digital Passenger Locator Form (dPLF), con lo scopo di facilitare l’uso dei PLF nella risposta a minacce sanitarie transfrontaliere. Questo formato digitale permetterà, infatti, una più facile e rapida raccolta e scambio di dati, rendendo la ricerca di contatti più efficace ed efficiente a contrastare la diffusione del COVID-19.

 

Ultimi articoli in Emergenza Covid-19

Torna su