Archivio tag

elisa claps

Nastro d’Argento a Per Elisa – Il caso Claps

in Cultura

Nastro d’Argento a Per Elisa – Il caso Claps. Il riconoscimento speciale al regista Marco Pontecorvo e al protagonista Gianmarco Saurino.

 

Per Elisa – Il caso Claps Nastro d’Argento speciale al suo regista Marco Pontecorvo e al protagonista Gianmarco Saurino. Nel cast anche l’attore Giacomo Giorgio che ha ricevuto, per ben quattro titoli, il Premio “Guglielmo Biraghi” assegnato dalla stampa cinematografica per il talento dei più giovani.

Premiato, dunque, il lavoro su uno dei casi di cronaca nera più dibattuti: la storia della giovane potentina scomparsa e uccisa e il cui cadavere è stato rinvenuto dopo anni nel sottotetto della chiesa potentina della Trinità. Ricostruita sulla base del libro “Blood on the altar” di Tobias Jones e con la consulenza della famiglia Claps, la serie Tv in onda su Rai 1 in tre serate è stata prodotta da Fastfilm Srl e Cosmopolitan Pictures Limited, in collaborazione con Rai Fiction.

Per Elisa – Il caso Claps è stata girata quasi interamente in Basilicata tra Potenza, Matera e Rionero.

Per la Presidente della Lucana Film Commission Margherita Romaniello “questo riconoscimento premia un progetto di qualità portato avanti con passione e non poche sfide. A tutti i professionisti impegnati in questa produzione vanno le nostre congratulazioni e condividiamo con loro questo successo”.

“Siamo felici che la miniserie ispirata alla vicenda di Elisa Claps trovi un’altra conferma importante di una scelta che ci sta particolarmente a cuore” dichiara Laura Delli Colli, Presidente dei Giornalisti Cinematografici e dei Nastri d’Argento. “Il Premio speciale dei Nastri d’Argento-Grandi serie che abbiamo appena consegnato a Marco Pontecorvo per la regia e a Gianmarco Saurino per un’interpretazione davvero emozionante è infatti, oltre la qualità artistica, un riconoscimento al valore civile di una serie che fa la differenza nel panorama dei racconti anche ispirati dalla cronaca, di quest’ultima stagione. Nella ricostruzione di un mistero che ha sconvolto e appassionato l’Italia c’è infatti il senso civico di un impegno che, oltre il successo che ha conquistato milioni spettatori, ha offerto un contributo determinante a riaccendere l’attenzione su un caso per anni irrisolto”

“Siamo onorati e orgogliosi del Nastro speciale a Per Elisa” sottolinea il produttore Maurizio Tini. “Oltre al Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI), ringraziamo le istituzioni lucane e la popolazione per averci accolto e sostenuto con entusiasmo, e soprattutto la famiglia Claps, senza il cui determinante e costante aiuto questo lavoro non sarebbe stato possibile”.

I Nastri alle Grandi Serie dell’anno sono stati consegnati il 1 giugno, al Palazzo Reale di Napoli, con una cerimonia che ha concluso la quarta edizione del Premio ideato e organizzato dai Giornalisti Cinematografici Italiani in collaborazione con la Film Commission Regione Campania, con il supporto del MiC Direzione Generale Cinema e audiovisivo. Main sponsor SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori.

[Foto apertura da RaiPlay]

Elisa Claps – Indagine nell’abisso della Chiesa della Trinità: il 5 Novembre la presentazione

in Appuntamenti

Elisa Claps – Indagine nell’abisso della Chiesa della Trinità: il 5 Novembre la presentazione. Appuntamento alle 18.00 Centro Sociale Malvaccaro

Il libro-inchiesta Elisa Claps – Indagine nell’abisso della Chiesa della Trinità – dei giornalisti Fabio Amendolara e Fabrizio Di Vito, edizioni EdiMavi (Potenza), verrà presentato a Potenza domenica 5 novembre alle ore 18:00 presso il Centro Sociale di Malvaccaro.
Gli autori, a 30 anni dall’omicidio di Elisa Claps, con gli strumenti del giornalismo investigativo hanno analizzato e ricostruito ogni particolare del caso, consegnando al lettore tutte le drammatiche e clamorose scoperte e fornendo logiche spiegazioni delle questioni rimaste irrisolte. Mentre la famiglia lottava (e lotta) ancora per cercare la verità sono spesso state diffuse ricostruzioni fantasiose e parziali che hanno orientato

un’opinione pubblica già turbata dal ritrovamento dei resti della vittima in chiesa (la cui recente riapertura al culto ha creato ulteriori divisioni), da sospetti su prelati e inquirenti, da documenti allusivi e da suggestivi colpi di scena.

Gli autori, seppur muovendosi in un contesto che è ancora difficilmente permeabile, grazie a testimonianze e documenti inediti, sono riusciti a spiegare le trame e a inquadrare in modo logico nel loro giusto ruolo i personaggi, portando alla luce importanti dettagli che erano stati scartati o tralasciati. Il documento giornalistico prodotto, lontano dall’essere una semplice ricostruzione cronachistica, si presenta dunque come un punto di approdo rispetto a ciò che è stato, ma anche di partenza verso l’ultimo percorso mai realmente affrontato: la ricerca di chi ha aiutato Danilo Restivo, autore del delitto, a occultare il cadavere e a farla franca per 17 anni. A dialogare con gli autori ci saranno Cristiana Coviello, presidente dell’associazione Fiori con le Spine (partner dell’evento), nonché legale di parte civile per l’associazione Telefono Donna nel processo di Salerno, e il giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno, Massimo Brancati. All’evento, patrocinato dal Comune di Potenza, sarà presente l’assessore alla Cultura Stefania D’Ottavio.

Informazioni in tempo reale sulla pagina Facebook “Indagine nell’abisso della Trinità”.

Per la prima messa domenicale del 5 Novembre 2023,  nella chiesa della Trinità, l’associazione Libera e la famiglia Claps hanno annunciato un presidio. Nel sottotetto della chiesa, il 17 Marzo 2010,  fu trovato il corpo di Elisa Claps. Per il delitto di omicidio la Corte di Cassazione ha condannato Danilo Restivo a 30 anni.

La famiglia Claps non ha mai smesso di chiedere verità sulla tragica vicenda. Il presidio in programma domani sarà “in religioso silenzio”.

 

 

 

Torna su