Covid19 Basilicata: 31 nuovi contagi e 21 guariti

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 31 nuovi contagi e 21 guariti. Nel Metapontino 4 nuovi contagi: 1 a Montalbano Jonico, 3 a Scanzano Jonico. Il tasso di positività è al 2.9% in Basilicata. Zero decessi e nessun paziente attualmente ricoverato nelle terapie intensive della Basilicata. Sono stati processati 1044 tamponi molecolari nelle ultime 24 ore.

Dall’Europarlamento, Cooke: “Dai dati che vediamo su Omicron i vaccini autorizzati sono efficaci e continuano a salvare le persone da forme gravi e dalla morte”

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 29 novembre, sono state effettuate 4.221 vaccinazioni. A ieri sono 437.495 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (79,1 per cento) e 404.923 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (73,2 per cento) e 49.963 quelli che hanno ricevuto la terza dose (9 per cento) per un totale di somministrazioni effettuate pari a 892.381 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).

Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 1.044 tamponi molecolari per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 34 (31 relativi a residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 21 guarigioni (tutte relative a residenti in Basilicata).

EUROPARLAMENTO INTERROGA LA DIRETTRICE EMER COOKE

La direttrice esecutiva dell’Agenzia europea per i medicinali, Emer Cooke, ha riposto sugli sugli ultimi sviluppi del COVID-19.

Dai dati che vediamo” su Omicron “i vaccini autorizzati sono efficaci e continuano a salvare le persone da forme gravi e dalla morte. Anche se la nuova variante si diffonderà di più, i vaccini che abbiamo continueranno a garantire protezione”, ha detto la direttrice esecutiva dell’Ema, insistendo però sulla necessità di fare i richiami, visto che la copertura dei sieri si indebolisce col tempo. Di fronte alla variante Omicron “dobbiamo lavorare anche più duramente che in passato per aumentare il tasso delle vaccinazioni nell’Ue, specialmente negli Stati membri dove il tasso è pericolosamente basso. Questo è particolarmente importante mentre apprendiamo nuovi aspetti” di Omicron”. Se per affrontare Omicron “dovessimo adattare i vaccini” siamo nella posizione di approvarli “in tre-quattro mesi”. Ma prima occorre stabilire “se serve l’adattamento”. Sul mix di vaccini per i richiami “stiamo analizzando tutti i dati e speriamo di fare una dichiarazione congiunta con l’ Ecdc possibilmente entro la fine di questa settimana”.

“Il nuovo vaccino di Novavax potrebbe essere autorizzato nel giro di alcune settimane. Abbiamo approvato i vaccini a tempo record, e in meno di un anno abbiamo consegnato un miliardo di dosi ai nostri Stati membri” [ansa]

Ultimi articoli in Emergenza Covid-19

Torna su