Archivio tag

scarnato

Agricoltura: Angela Cuccaro in pensione

in Storie di Frutta

Agricoltura: Angela Cuccaro in pensione. L’azienda Scarnato ringrazia per la collaborazione: “ormai, una componente della nostra famiglia”

Angela, dopo trenta lunghi anni di lavoro e collaborazione con l’azienda agricola Scarnato, va in pensione. “Nella giornata di oggi, presso la nostra azienda, si è tenuto un momento di festa con tutti i dipendenti per il pensionamento di una nostra dipendente: Angela Cuccaro”, è riportato in una nota diffusa alla stampa dall’azienda.
E, ancora: “Angela ha iniziato a lavorare nella nostra azienda 30 anni fa, quindi trenta lunghi anni di collaborazione. Ha vissuto tutta la nostra storia. Ad Angela abbiamo consegnato una targa-ricordo considerandola, ormai, un membro della nostra famiglia.Tutta l’azienda si congratula con lei per il prossimo pensionamento e ringrazia per i lunghi anni di lavoro prestato con dedizione e professionalità”.

Segui ilMet su Instagram

AZIENDA SCARNATO, BREVE STORIA 

L’azienda agricola Scarnato, che oggi è una importante realtà produttiva con sede a Scanzano Jonico, nel cuore del Metapontino, è stata fondata agli inizi degli anni 80. Furono Nunzio Scarnato e sua moglie, Anna Maria Zito, a “mettere insieme” i piccoli appezzamenti di terreno che furono donati dal padre di Nunzio, il sig. Leonardo. Fu così avviato il processo di ampliamento che ha portato alle attuali dimensioni specializzandosi tra le altre cose, nella coltivazione di fragole pregiate, kiwi, drupacee e agrumi.  Nel 1980 fu creato il marchio “Scarnato Nunzio” che ha contrassegnato l’intera evoluzione aziendale ispirata ai valori dell’innovazione colturale, il rispetto dell’ambiente, la razionalizzazione delle risorse produttive e l’etica del lavoro. La crescita delle produzioni (sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo), l’incremento delle superfici coltivate, e la nascita del primo magazzino, hanno fatto sì che si ampliassero anche i mercati, infatti i prodotti a marchio Scarnato oltre ad essere commercializzati nel Mezzogiorno d’Italia hanno cominciato ad affermarsi anche al Nord, era l’anno 1989.
Sei anni dopo la svolta tecnologica, era il 1995 quando l’azienda Scarnato si è dotata di macchinari innovativi (pesatrice, etichettatrice, calibratrice) nuove celle frigorifere che hanno offerto la possibilità di perfezionare gli aspetti logistici e presentare ai mercati prodotti competitivi e apprezzati. Nel 1998 entrano a far parte dell’azienda la moglie di Nunzio, Anna Maria Zito, il primogenito Leonardo, Claudio e Vincenzo. Nel 2000 nasce il nuovo marchio Azienda Agricola Leonardo Scarnato.

Le storie che riguardano il cibo e i suoi protagonisti,

l’economia virtuosa e le curiosità, le notizie nella sezione dedicata

Work in Progress, il PD di Pisticci dà inizio ai lavori e apre alla condivisione.

in Politica

Badursi e Giasi: “Lo spazio politico cittadino diventi incubatore di idee e progetti”

PISTICCI. “Lavoriamo insieme ad un nuovo progetto” è il titolo dell’iniziativa che si terrà a Pisticci il prossimo 30 Novembre alle 18:30 nella sala consiliare intitolata all’avvocato Nicola Cataldo. I rappresentanti del Partito Democratico cittadino, Antonella Giasi, segretario del circolo PD Marconia e Pisticci, e Andrea Badursi, capogruppo PD in consiglio comunale, alla presenza del segretario provinciale del Partito Democratico, Claudio Scarnato, apriranno il dibattito programmatico. Nella loro dichiarazione congiunta, Badursi e Giasi hanno spiegato: “Si apre una stagione nuova per la vita politica cittadina, fatta di consapevolezza e voglia di progettualità. Vogliamo aprire il dibattito e coinvolgere forze politiche e civiche della comunità per offrire una visione alla città di Pisticci che vada  ben oltre i perimetri ristretti in cui per troppo tempo la vita politica è stata relegata”.

E, infine: “Crediamo nella condivisione, la nostra città ha bisogno di idee e azioni condivise, indipendentemente dai personalismi che negli anni hanno generato rallentamenti e privato la città di quella progettualità necessaria per costruire il futuro”.

Torna su