Archivio tag

prelievo

Prelievo al cinghiale, consentito ai cacciatori spostamento tra Comuni

in Emergenza Covid-19

In merito alla specie cinghiale, che costituisce una vera e propria emergenza, per i risvolti negativi sul sistema produttivo agricolo, sulla sicurezza della circolazione stradale nonché per l’incolumità dei cittadini, ai cacciatori è consentito lo spostamento tra comuni per il prelievo dei cinghiali

“Consentito il prelievo della specie cinghiale in attuazione ai piani di gestione anche al di fuori del proprio comune di residenza e comunque nel proprio ambito di appartenenza, esclusivamente da parte dei sele-controllori autorizzati, secondo le modalità di appostamento e girata”. È uno dei passaggi della lettera di risposta che il Prefetto di Potenza Vardè ha inviato all’assessore regionale alle Politiche agricole e forestali, Francesco Fanelli il quale, subito dopo l’entrata della Basilicata in zona arancione, aveva scritto alle autorità prefettizie dei due capoluoghi di regione per avere delucidazioni se era consentito lo spostamento dei cacciatori dal proprio comune di residenza per effettuare l’esercizio venatorio su tutto il territorio regionale.

Il prefetto nel richiamare la faq “che nelle aree arancioni è possibile praticare l’attività venatoria solo nell’ambito del proprio comune”, chiarisce che  “in merito alla specie cinghiale, che costituisce una vera e propria emergenza, per i risvolti negativi sul sistema produttivo agricolo, sulla sicurezza della circolazione stradale nonché per l’incolumità dei cittadini”, è stato ritenuto che Prelievo al cinghiale, consentito ai cacciatori spostamento tra Comuni

“Una risposta positiva – ha commentato l’assessore Fanelli – che consentirà di proseguire il prelievo della specie finalizzata al raggiungimento del numero dei capi previsti dai piani di gestione”.

Pensioni, sindacati bancari: “chi ha il conto prelevi allo sportello”

in Emergenza Covid-19
Rivolgiamo un appello ai pensionati e alle pensionate lucani che hanno l’accredito della loro pensione su un conto corrente presso un istituto bancario affinché, a partire dall’1 di aprile, prelevino la loro pensione dagli sportelli bancomat senza accedere in filiale.
Per coloro che fossero sprovvisti di carta bancomat ricordiamo che, in questo periodo di assoluta emergenza sanitaria nazionale, l’accesso alle filiali può avvenire solo previo appuntamento telefonico.
Queste misure sono necessarie per evitare inutili assembramenti, pericolosi in quanto potenziali diffusori del contagio da Covid19.
Facciamo appello al senso di responsabilità di ognuno necessario per la salvaguardia della vostra salute e di quella dei dipendenti bancari che sono obbligati a lavorare per assicurare un “servizio pubblico essenziale”.
Siamo lavoratrici e lavoratori che non possono rispondere all’appello “io resto a casa” perché obbligati a uscire per recarsi al proprio posto di lavoro mettendo a repentaglio la propria salute e quella dei propri familiari. Lavoro che stiamo svolgendo con senso di responsabilità, abnegazione e sacrificio per non abbandonare clientela, famiglie e imprese.
Fabi – FIrst Cisl – Fisac Cgil – Uilca – Unisin
Torna su