Archivio tag

peste suina

Peste suina: incontro con il commissario straordinario Vincenzo Caputo

in Cronaca

Peste suina: incontro con il commissario straordinario Vincenzo Caputo: Moliterno, Paterno, Tramutola, Lagonegro, Grumento

A delineare le azioni da porre in essere il Commissario straordinario per l’emergenza peste suina, Vincenzo Caputo.

Sindaci e responsabili degli enti Parco, veterinari, rappresentanti degli Ambiti Territoriali di Caccia, e Polizia Provinciale hanno incontrato, nel pomeriggio di ieri, nell’Azienda Sanitaria Locale di Matera, il Commissario straordinario del Ministero della Salute per l’emergenza peste suina, Vincenzo Caputo, in vista dell’attuazione del piano regionale per l’abbattimento dei cinghiali.
“Stiamo mettendo a punto – ha detto Caputo- il dispositivo del Decreto Legge (articolo 29) che predispone un piano di diradamento della specie cinghiale su tutto il territorio nazionale. In Basilicata ho riscontrato una grande collaborazione e stiamo studiando le modalità migliori per applicare questo piano”.

L’azione da mettere in capo mira a contenere eventuali sviluppi epidemiologici che vede alcuni comuni della provincia di Potenza ricadere nella zona infetta per Peste Suina Africana a seguito di focolai accertati in Campania, anche se attualmente non ci sono casi di epidemia in Basilicata. L’infezione virale, non trasmissibile all’uomo, colpisce i cinghiali, mettendo a rischio gli allevamenti suini.

La trasmissione dell’infezione da un territorio a un altro, può avvenire anche attraverso le derrate alimentari di origine suina, in particolare quelle commercializzate fuori dai circuiti legali e senza la dovuta tracciabilità.

“Il GOT, Gruppo Operativo Territoriale indicato dalla Regione Basilicata – ha precisato Caputo- sarà il soggetto attuatore di questa azione, d’intesa con i sindaci, per dare loro il supporto necessario a risolvere velocemente il problema. Attualmente i comuni monitorati che rientrano nella zona rossa sono Moliterno, Paterno, Tramutola, Lagonegro, Grumento. Se i sindaci impiegheranno anche risorse proprie si potrà raggiungere più agevolmente il traguardo della messa in sicurezza dei territori dal punto di vista sanitario”.

Durante la sua visita a Matera, il Commissario Caputo ha incontrato, in mattinata, il Direttore Generale dell’Asm, Sabrina Pulvirenti e il Direttore Sanitario Giuseppe Magno ai quali ha illustrato le iniziative messe in campo e quelle da intraprendere, per la salvaguardia, il benessere degli animali e la sicurezza sanitaria.

Peste suina africana: intensificato il monitoraggio e “sorveglianza passiva”

in Cronaca

 

Peste suina africana, tenuto l’incontro con il commissario nazionale Caputo intensificato il monitoraggio e “sorveglianza passiva”

Si è tenuto ieri l’incontro in Regione, tra il Commissario straordinario nazionale alla PSA, Vincenzo Caputo e gli assessori regionali alla Salute, all’Ambiente e alle Politiche agricole, Francesco Fanelli, Cosimo Latronico e Alessandro Galella e i direttori generali delle rispettive direzioni di appartenenza. Un incontro tra le sinergie istituzionali, fortemente voluto dal Commissario nazionale Caputo, “finalizzato – ha affermato – alla messa a punto, attraverso un approccio governativo e multidisciplinare, delle misure di strategia politica, per un efficiente monitoraggio, coordinamento e contenimento in Basilicata della diffusione della Peste Suina Africana, anche conosciuta come PSA”. A seguito della conferma di Peste Suina Africana, accertata in carcasse di cinghiali nel comune di Sanza (SA) e Montesano sulla Marcellana (SA) ed al fine di prevenire l’ulteriore diffusione della malattia anche in considerazione della vicinanza dei territori lucani,

è stata istituita preventivamente, non essendosi registrati casi, la “zona infetta” nei cinque comuni di Grumento Nova, Lagonegro, Moliterno, Paterno e Tramutola

alla quale è seguita prontamente, sulla scorta e in osservanza dell’ordinanza commissariale n. 2 del 20 aprile 2023, l’ordinanza presidenziale emanata dalla Regione Basilicata il 3 giugno 2023, attraverso la quale vengono dettate norme e linee guida per disciplinare i comportamenti da tenere nei cinque comuni interessati e nei restanti territori della regione Basilicata.
Tra le disposizioni contenute nell’ordinanza, il rafforzamento della sorveglianza passiva con ricerca attiva di carcasse di suini selvatici così come previsto dal piano regionale di interventi urgenti per la lotta alla PSA, l’installazione di un’apposita segnaletica su ogni strada di ingresso alla zona infetta e all’ingresso dei cinque centri abitati, l’implementazione delle attività di abbattimento selettivo del cinghiale, la verifica negli allevamenti suinicoli del rispetto delle misure di biosicurezza, oltre che una serie di utili e dettagliate linee guida comportamentali per gli allevatori, il personale autorizzato, per gli escursionisti, per i bikers, per lo svolgimento delle attività agrosilvocolturali e per la ricerca di funghi e tartufi.
Indicazioni semplici e funzionali che costituiscono l’insieme di quelle buone pratiche atte ad applicare una gestione corretta ed efficace del virus della PSA, oltre che il suo contenimento attraverso una gestione omogenea della malattia sul territorio lucano di pari livello sul territorio nazionale.
“Un incontro di fondamentale importanza”, è così che lo ha definito l’assessore alla Salute e Politiche della Persona, Francesco Fanelli. “Urgeva sedersi attorno ad un tavolo di confronto istituzionale e fare il punto della situazione per procedere in modo spedito e con cognizione di causa nel fronteggiare il virus della Peste Suina Africana, qualora si presentasse anche in Basilicata, così come urgeva la definizione di un programma operativo e contenitivo condiviso con i referenti istituzionali regionali dell’ambiente e dell’agricoltura. La PSA è un problema che va arginato con prontezza, sul quale insieme, nella piena condivisione di intenti, dobbiamo vigilare per una corretta e puntuale applicazione dell’ordinanza del presidente Vito Bardi. Si è trattato di un fondamentale momento operativo siglato dal Commissario straordinario per la PSA, Vincenzo Caputo, la cui presenza non solo ha sottolineato la vicinanza e la cooperazione dell’istituzione nazionale al territorio lucano, ma ha reso perfettamente operativa la macchina gestionale dell’insorgenza virale e ha dato il via all’organizzazione delle competenze trasversali. Non bisogna lasciarsi andare a sterili allarmismi – ha aggiunto Fanelli – ma dobbiamo mantenere un livello di attenzione massimo e non abbassare la guardia sul tema, applicando al meglio una corretta gestione della PSA grazie alla collaborazione di tutti, creando sinergie positive tra i vari comparti. Vorrei ricordare che la PSA non rappresenta un pericolo per la salute umana ma può avere effetti devastanti sulle popolazioni di suini e sull’economia del settore agroalimentare; pertanto, attraverso gli ottimi strumenti di governance che abbiamo recepito ed istituito, il nostro compito è quello di eradicare il virus della PSA e di impattare il meno possibile le misure attuate sulle attività commerciali, legate al turismo, allo sviluppo rurale e su tutta la filiera produttiva del settore”.

Peste suina africana: in arrivo un’ordinanza regionale per la Basilicata

in Cronaca

Peste suina africana: in arrivo un’ordinanza regionale per la Basilicata

A seguito dei focolai di peste suina africana (PSA) che si sono verificati in alcune aree della Campania, ed in particolare a Serre e Montesano sulla Marcellana, la Commissione europea ha inteso ricomprendere nella zona infetta anche i Comuni lucani più vicini di Grumento Nova, Lagonegro, Moliterno, Paterno e Tramutola.

Di conseguenza sarà emanata a breve una ordinanza del presidente della Regione Basilicata Vito Bardi per disciplinare i comportamenti da tenere nei cinque Comuni interessati e nei restanti territori della regione. Nella zona infetta, sarà inibita la movimentazione dei suini e saranno rafforzate le attività di ricerca e controllo delle carcasse dei cinghiali. Saranno inoltre intensificate da parte dei veterinari le attività di controllo degli allevamenti di suini. Nei restanti territori sarà possibile la movimentazione libera dei suini con il visto dei veterinari.

In tutto il territorio regionale saranno inoltre intensificate le attività di ricerca delle carcasse di cinghiali, così come previsto dal piano regionale di interventi urgenti per la lotta alla PSA,

documento condiviso dalle direzioni generali Sanità, Ambiente e Agricoltura della Regione, approvato dalla Giunta regionale a luglio del 2022. Con questo provvedimento è stato inoltre istituito il nucleo operativo regionale per la lotta per la peste suina.

Nell’ambito di queste attività dal gennaio 2022 ad oggi sono state esaminate in Basilicata circa 500 carcasse di cinghiali morti a seguito di incidenti stradali e circa 100 suini morti in allevamenti, e sono stati svolti controlli negli allevamenti, tutti con esito negativo.

Torna su