Archivio tag

ministero

Montalbano Jonico: un milione di euro per il centro storico

in Cultura

Montalbano Jonico: un milione di euro per il centro storico: rimettere a nuovo le mura cinquecentesche del centro storico di Montalbano ed il sistema museale

Un finanziamento di un milione di euro per il restauro, il recupero e l’adeguamento funzionale delle mura cinquecentesche del Centro Storico e l’implementazione del sistema museale finalizzati alla valorizzazione turistica e culturale del comune di Montalbano Jonico. Ad annunciarlo è il sindaco Piero Marrese, che ha spiegato che Montalbano rientra tra i 37 comuni del Sud Italia ammessi a finanziamento dei Ministeri della Cultura e del Turismo verso i borghi, su approvazione dei Ministri Dario Franceschini e Massimo Garavaglia, per interventi di riqualificazione dei centri storici e di valorizzazione turistico-culturale.

Gli interventi consentiranno di rimettere a nuovo le mura cinquecentesche del centro storico di Montalbano ed il sistema museale, importanti attrattori turistici per la comunità montalbanese e per tutta la fascia jonica.

“Con grande entusiasmo sono lieto di annunciare questo bel risultato per la nostra amministrazione, che quotidianamente lavora in prima linea per il bene della città, attraverso una programmazione attenta e una progettazione di azioni concrete per migliorare lo stato dei luoghi, al fine di renderli più vivibili e maggiormente fruibili dalla comunità – commenta soddisfatto il sindaco Marrese -. Un risultato reso possibile da un percorso progettuale che stiamo portando avanti da tempo, grazie ad un grande sforzo profuso, e che finalmente ci consentirà di valorizzare la storia e la tradizione della nostra comunità e andrà ad ampliare l’offerta turistica e culturale del nostro territorio”.

Le principali notizie di cultura e eventi della Basilicata e del territorio metapontino nella categoria dedicata

IL COMUNICATO MINISTERIALE CON TUTTI I COMUNI FINANZIATI

Il Ministro della Cultura, Dario Franceschini e il Ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, hanno firmato il decreto che ammette a finanziamento per un totale di 30 milioni di euro gli interventi di riqualificazione dei centri storici e di valorizzazione turistico-culturale presentati dai piccoli comuni delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.
In particolare, per quanto riguarda gli interventi di valorizzazione turistico-culturale presentati da Comuni fino a 5.000 abitanti, per i quali sono disponibili 20 milioni di euro, sono stati ammessi a finanziamento i progetti presentati dai seguenti 23 borghi: Pollica (SA); Zungoli (AV); Candela (FG); Tiggiano (LE); Pietrapetrosa (PT); Deliceto (FG); Calvello (PT); Oriolo (CS); Guardia Perticara (PT); Morigerati (SA); Sasso di Castalda (PT); Pisciotta (SA); Summonte (AV); Valsinni (MT); Ferla (SR); Cetara (SA); Castiglione di Sicilia (CT); Roseto Valfortore (FG); Castel San Lorenzo (SA); Badolato (CZ); Savignano Irpino (AV); Savelli (KR); Sutera (CL).
Invece, per quanto riguarda gli interventi di riqualificazione dei centri storici presentati dai comuni fino a 10.000 abitanti, per i quali sono disponibili 10 milioni di euro, sono stati ammessi a finanziamento i progetti presentati dai seguenti 14 borghi: Vizzini (CT); Corigliano d’Otranto (LE); Casal Velino (SA); Corsano (LE); Moiano (BN); Gagliano del Capo (LE); Chiaramonte Gulfi (RG); Brolo (ME); Cammarata (AG); Sambuca di Sicilia (AG); Montalbano Jonico (MT); Fiumefreddo Bruzio (CS); Troina (EN); Roccaspide (SA).

Ex Materit verso il piano di caratterizzazione

in Politica

Ex Materit verso il piano di caratterizzazione, quello approvato risultava obsoleto perché risalente al 2007

 

Scadrà il 22 luglio il termine entro il quale i professionisti, singoli o associati, potranno presentare manifestazioni di interesse indirizzate alla redazione di un piano di caratterizzazione e progettazione degli interventi di messa in sicurezza dell’ex Materit in Valbasento.

Nell’area dello stabilimento, negli anni successivi all’inclusione nel sito di interesse nazionale, sono stati eseguiti parziali interventi di messa in sicurezza e di caratterizzazione.

Tuttavia, l’Ispra e l’Inail, organi tecnico-scientifici del Ministero per la Transizione Ecologica, con i rispettivi pareri, hanno evidenziato che il piano di caratterizzazione e progetto di bonifica approvato risultava obsoleto perché risalente al 2007

con tecnologie ormai sorpassate e incompleto considerato che​ prelievi eseguiti non erano sufficienti a dare informazioni precise sullo stato dei luoghi.

“Una vicenda, quella della bonifica del sito, che dopo quasi vent’anni – commenta l’assessore all’Ambiente ed Energia, Gianni Rosa – sembrava finalmente risolta con la gara indetta nel 2014. Così non è stato. Con il nuovo Piano di caratterizzazione aggiornato si definirà il perimetro del sito interessato dai processi di produzione della Materit nel rispetto della normativa tecnica specifica e delle indicazioni degli organi tecnici del Ministero, insieme al progetto degli interventi di messa in sicurezza, per avere il quadro chiaro dello stato dei luoghi”.

Non appena sarà approvato il piano di caratterizzazione comprendente gli interventi d’urgenza, si darà corso alla procedura per aggiudicare l’esecuzione dei lavori. Il quadro aggiornato dello stato ambientale del sito consentirà per la prima volta di quantificare le risorse necessarie per la definitiva bonifica del sito, in attuazione del Programma Liberi dall’Amianto 2020-2028 di cui alla dgr n. 853/2020. L’ex Materit è l’ultimo stabilimento di produzione di eternit ad essere bonificato ad oltre trent’anni dal divieto di utilizzo dell’amianto.

“Accogliamo la sfida di chiudere una volta per tutte questa brutta pagina per l’ambiente in Basilicata. Le comunità interessate – conclude Rosa – devono avere la certezza che tutto sarà fatto per bonificare l’area e risolvere i problemi legati all’inquinamento della Valbasento. E’ un impegno al quale non ci sottraiamo”.

 

L’avviso è pubblicato sul sito internet della Regione  nella sezione avvisi e bandi.

Le notizie regionali di politica nella sezione dedicata.

Segui ilMet su Instagram

Torna su