Archivio tag

fragola

Verso Igp Fragola: la Basilicata prima produttrice in Italia

in Economia

Verso Igp Fragola: la Basilicata prima produttrice in Italia. Il 4 Settembre riunione al Masaf per discutere il dossier con la richiesta di riconoscimento

Galella: Basilicata prima regione produttrice di fragole in Italia
Il 4 settembre si terrà una riunione con il MASAF durante la quale si discuterà del dossier definitivo per la richiesta di riconoscimento IGP della Fragola della Basilicata

“La Basilicata è la prima regione produttrice di fragole in Italia. Viene coltivata, la fragola, dal 1955 utilizzando un’area di produzione che copre ben 1000 ettari di superficie coinvolgendo nove comuni del Metapontino: Bernalda, Montescaglioso, Pisticci, Tursi, Montalbano Jonico, Scanzano Jonico, Policoro, Rotondella e Nova Siri. Si tratta indiscutibilmente un’eccellenza territoriale, rinomata per il colore rosso acceso e il sapore aromatico e zuccheroso, che vale il 22% del Pil agricolo con un valore commerciale di oltre 100 milioni di euro. Per questo motivo il 4 settembre si terrà una riunione con il MASAF in Videoconferenza durante la quale si discuterà del dossier definitivo per la richiesta di riconoscimento IGP della Fragola della Basilicata, proposto e redatto dalle Organizzazioni di Produttori lucane. Con l’approvazione dell’IGP si otterranno numerosi vantaggi connessi al branding dalla qualità al gusto, alla tutela per i consumatori che sceglieranno la Fragola della Basilicata”.

Lo dichiara l’assessore alle Politiche agricole, alimentari e forestali, Alessandro Galella.

Sagra della Fragola a Scanzano Jonico: “l’obiettivo è farne la fiera più importante d’Italia”

in Storie di Frutta

Sagra della Fragola a Scanzano Jonico: “l’obiettivo è farne la fiera più importante d’Italia”. Su Instagram la gallery fotografica dell’iniziativa

Per capire che la prima Sagra della Fragola di Scanzano Jonico sarebbe stato un successo sono due gli aspetti da considerare: dopo mezz’ora dall’inizio dell’evento Corso De Gasperi era pieno. Poi, il giorno dopo, cioè il 30 Aprile 2023, nemmeno la pioggia – a tratti insistente – ha bloccato il viavai dai tanti stand presenti. L’appuntamento, che “confina” con la festa patronale cittadina, ha riscosso un grande successo e ha seminato entusiasmo in città, un’energia che si spera darà vita dopo gli anni della pandemia e delle difficoltà ad essa connesse, ad un rilancio della città.

Il Comitato Feste, la Parrocchia, le aziende produttrici, “donne e uomini che si sono messi a disposizione”, come ha precisato Don Antonio Polidoro (nella foto d’apertura con Valchirio Piraccini), parroco di Scanzano Jonico che con la parrocchia e l’aiuto di Valchirio Piraccini hanno dato vita e reso possibile l’appuntamento.

“La sagra della Fragola e la festa patronale sono la testimonianza che la Chiesa sta per la strada e non è affatto chiusa in se stessa”, ha commentato Don Antonio.

E, ancora: “Già a dicembre scorso avevamo maturato l’idea, abbiamo voluto mettere insieme le cose per dare entusiasmo al territorio e valorizzare la sua vocazione agricola”.

“La comunità ha gradito e ha partecipato oltre ogni aspettativa e c’è già fermento per la prossima edizione. Ci sono state due cose che mi hanno fatto molto riflettere: alle 16.30 di ieri (29 Aprile, primo giorno di fiera, ndr) c’era già gente, Corso De Gasperi era già pieno. E oggi (30 Aprile, ndr) nonostante la pioggerellina insistente c’è ancora gente in giro a riempire gli stand”, così Don Antonio quando erano le 21.30 del 30 Aprile.

“La sagra è riuscita nei migliori dei modi, si è dimostrata un valido canale per lanciare valori come il bene comune, la solidarietà, la promozione del territorio e anche quello della giustizia. Desidero con tutto il cuore che ci sia la seconda edizione, non può restare un’opera incompiuta. Sono sicuro che ci sarà e avremo la partecipazione di tanti, anche di coloro i quali questa volta erano un po’ titubanti. Ma anche a loro va il nostro ringraziamento. Spero di avere, ancora una volta, aiuto reale dalle istituzioni”.

“La prima sagra della fragola di Scanzano Jonico è ‘figlia’ della torta più lunga del mondo entrata nel guinness dei primati. La pandemia si è messa di mezzo, ma quando quest’anno ci siamo visti a Dicembre ci siam detti che questo sarebbe stato l’anno buono”, così Valchirio Piraccini.

“Sono un ex attore delle fragole in questa zona, da quattro anni sono in pensione e ho cessato l’attività. Abbiamo scelto questo periodo perché è noto che proprio in questa fase si avverte la ‘crisi’, quindi si è pensato di sfruttare questa fase di flessione per dar vita a un evento capace di dare pubblicità, anche al nord, nella vendita della fragola coltivata in Basilicata”.

“La collaborazione con il parroco, che è un vulcano, persona precisa, squisita e intelligente, ha fatto sì che partisse la fase organizzativa. L’obiettivo è apportare i necessari correttivi, migliorare, coinvolgere quelli che non hanno potuto partecipare e nei prossimi 3 – 5 anni diventare la fiera più importante d’Italia della fragola in Basilicata. Coinvolgere tutto il territorio e far sì che Scanzano Jonico accolga in tutte le strade un evento epocale”.

“Essere qui, a Scanzano Jonico, è un piacere. Sono cittadino benemerito di Scanzano Jonico e mi sento uno scanzanese”, ha concluso Piraccini.

Fragola della Basilicata Party 2023 a Policoro il 9 e il 10 Aprile

in Appuntamenti

 

Al via a Policoro (Mt) a Pasqua e Pasquetta (9 e 10 aprile) la prima edizione del “Fragola della Basilicata Party 2023”.

Il  9 e  il 10 aprile si terrà a Policoro, nell PalaEercole con ingresso gratuito, la prima edizione de “Fragola della Basilicata – Party 2023 – un appuntamento che si preannuncia di notevole spessore e che vedrà la partecipazione di diverse aziende produttrici, artisti nazionali e istituzioni. A descrivere l’iniziativa, attraverso una nota stampa,  Nicola Vallinoto e Antonio Orlando, ideatori della manifestazione.
“Sembra una data particolare, ma le festività pasquali sono la prima ricorrenza dell’anno in cui il nostro territorio si riempie di turisti. Riteniamo, infatti, che in quel periodo gli areali del Metapontino vedranno l’arrivo di molte persone da tutte le regioni italiane. Sarà l’occasione per valorizzare la nostra fragola “principessa” e al contempo il territorio in cui viene coltivata, con la possibilità di degustare i frutti a poche ore dalla raccolta, oltre ai gelati, dolci ed altre leccornie, sempre rigorosamente, a base di fragola. Grazie al supporto dei produttori che hanno creduto al nostro progetto, alla Amministrazione Comunale di Policoro e alla Regione Basilicata, il nostro unico obiettivo è quello di consegnare la doverosa e meritata importanza alla fragola, celebrandola in ogni sua essenza e declinazione culinaria, nonché aprendo, pioneristicamente, ad una mera destagionalizzazione del calendario eventi che ogni estate caratterizza la nostra città. L’evento, inoltre, si pone l’obiettivo di affiancare e di promuovere l’iter procedurale per il riconoscimento, tramite l’Unione Europea, del marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta) della Fragola della Basilicata”.
Il 9 aprile l’evento si aprirà alle ore 17.00 con Giuseppe Calabrese “Peppone” (volto noto di Rai1 – conduttore di Linea Verde) e chef lucani per uno cooking show a base di fragola. Le “fragoline” con vestito a tema accoglieranno i visitatori, insieme all’infopoint gestito dagli splendidi ragazzi, insieme ai collaboratori, di ANFFAS (Associazione Nazionale di Famiglie e Persone con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo) di Policoro.
Sempre con Peppone – anchorman dell’evento – il 10 aprile, dalle ore 10:45 interverrà il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi, che sarà accolto dal sindaco della città di Policoro, Enrico Bianco, e ancora Angelo Mellone, vice direttore del DayTime di Rai Uno nonché Presidente della Lucana Film Commission, e altri ospiti istituzionali. E’ previsto un videomessaggio di saluto all’evento da parte del Ministro della Sovranità Alimentare e delle Foreste On. Francesco Lollobrigida. Dalle 16.30 con Peppone saliranno sul palco chef per cooking show dedicati alla fragola, mentre alle ore 18.30 salirà in scena Vincenzo Comunale, cabarettista napoletano di Zelig, astro nascente della comicità italiana.

 

Nella foto d’apertura Giuseppe Calabrese e il logo distintivo dell’evento

Fragola della Basilicata Igp: entro febbraio presentazione dossier a Masaf

in Economia

Fragola della Basilicata Igp: entro fine febbraio presentazione dossier a Masaf. “In Basilicata, nel Metapontino, più di mille ettari di fragole”

La fragola della Basilicata protagonista dello stand lucano a Fruitlogistica 2023, la più importante manifestazione fieristica internazionale del comparto ortofrutta, in corso a Berlino. Anche quest’anno in Basilicata ci sono più di 1000 ettari di produzione della fragola, che produce un notevole indotto economico e lavorativo su tutto il territorio lucano e in particolare nel metapontino. La produzione commercializzata è stimata in circa 100 milioni di euro ogni anno.

La fragola di Basilicata ha avviato – proprio a Fruitlogistica l’anno scorso – il percorso per l’ottenimento della denominazione di qualità IGP, ossia “Indicazione geografica protetta”: nella giornata odierna c’è stata anche la presentazione riservata del logo al Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, segno stilistico che sarà pubblicato dopo il riconoscimento ministeriale: il dossier sarà inviato al Masaf entro la fine di febbraio 2023.

“Chiederò al ministro Lollobrigida un rapido iter di approvazione dell’Igp e poi – dopo tale traguardo – come Regione metteremo in campo una grande promozione a livello nazionale e non solo per far conoscere la Fragola della Basilicata Igp ai consumatori”, ha dichiarato il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, nel corso di un incontro con i rappresentanti delle O.P. lucane.

 

Segui ilMet su Instagram

 

Club Candonga, nasce il comitato tecnico per consolidare il percorso qualità

in Economia

  “L’obiettivo è innalzare sempre più la qualità di Candonga Fragola Top Quality ®”

 

Carmela Suriano: “Si consolida la rete della qualità per valorizzare sempre più la fragola del Consorzio di valorizzazione Club Candonga”

POLICORO. E’ stato istituito ed è già operativo il Team tecnico guidato dal dottor agronomo, Marco Valerio Del Grosso, che affiancherà i produttori del consorzio di valorizzazione Club Candonga. Obiettivo dell’iniziativa, che coinvolge i tecnici di fiducia dei produttori associati al Club, è quello di continuare e ampliare il percorso della qualità che finora ha contraddistinto il lavoro dei soci che hanno reso la Candonga Fragola Top Quality prodotto “premium price” del comparto fragole.

Marco Valerio Del Grosso ha così spiegato l’iniziativa: “L’obiettivo è migliorare ulteriormente la qualità della Candonga Fragola Top Quality® pertanto abbiamo dato vita al comitato di tecnici che già collaborano con i soci del Consorzio Club Candonga: ci saranno incontri frequenti sia formativi che informativi. Studiare e valutare tutta una serie di posizioni e svolgere i controlli di qualità ovviamente prima della partenza del prodotto”. Del Grosso ha poi ha aggiunto: “Il comitato ha il compito di prevenire l’insorgenza di problemi e mettere a punto le necessarie strategie che contribuiranno al sempre miglior posizionamento sul mercato della Candonga Fragola Top Quality”.

E, ancora, nel riferirsi ai primi due mesi dal trapianto della piantina, Del Grosso ha spiegato: “I primi due mesi sono fondamentali, è necessario avere un buon apparato radicale, quindi una buona base che è la premessa di un ottimo sviluppo”.

 Carmela Suriano, CEO Club Candonga, ha così commentato l’iniziativa: “L’obiettivo dei produttori del Consorzio di valorizzazione Club Candonga è quello di offrire tutti i supporti per innalzare sempre più la qualità della nostra fragola. A questo proposito è stato creato il team di tecnici che affiancherà i produttori nelle varie fasi creando così la rete che favorirà il miglioramento delle tecniche di produzione”.

Suriano ha poi aggiunto: “I cambiamenti climatici in corso impongono percorsi produttivi diversi, pertanto è dovere del Consorzio individuare le tecniche colturali più avanzate per garantire livelli organolettici altissimi e salubrità per il consumatore”.

Fragola on the Road, al via la prima edizione con il patrocinio dei comuni della Costa del Metapontino

in Cultura

Fra le iniziative il press tour, il talk show di approfondimento condotto da Dino Paradiso e Show Cooking

POLICORO.  << Valorizzare la fragola e promuovere la bellezza del territorio che ospita la pregiata coltura, sono gli obiettivi dell’iniziativa “Fragola on the Road” nell’ambito della quale il prossimo 25 Aprile si svolgerà a Scanzano Jonico, nella corte del Palazzo Baronale, il talk show di approfondimento dal titolo: La fragolicoltura come volano dell’economia del Metapontino”>>, così ha commentato Roberto Mele  presidente dell’associazione di promozione sociale Officine Creative Lab che ha coordinato l’organizzazione.

Mele ha poi aggiunto: “Main partner dell’evento è il consorzio di valorizzazione Club Candonga, realtà solida e molto ben radicata nel territorio Metapontino e titolare del prestigioso marchio Candonga Fragola Top Quality® che dà lustro al lavoro e all’alta specializzazione raggiunta dei produttori associati; infatti la Basilicata è stabilmente il primo produttore italiano di fragole”.

E, ancora: “Fragola on the Road è alla sua prima edizione, l’intenzione è quella di dar seguito all’evento riproponendolo ogni anno. Quest’anno, fra i comuni della Costa Metapontina, Scanzano Jonico è il comune capofila, per i prossimi anni la scelta verrà effettuata sulla base delle candidature che giungeranno. La collaborazione con i comuni della Costa è stata molto proficua e fattiva e l’auspicio è che questa sinergia prosegua per il futuro”.

Infine, Mele ha spiegato: “Fra le iniziative del Fragola on the Road, sempre il 25 Aprile c’è in programma il press tour che si svolgerà dalle 10:00 quando giornalisti, foodblogger, influencer, visiteranno i campi di fragole. Poi nel corso del talk show serale, Mauro Niso, ricercatore universitario presso l’Università degli studi di Bari, docente del corso di Chimica degli Alimenti e foodblogger per passione,  preparerà in diretta delle ricette con l’impiego di fragole. Sarà inoltre presente Paolo D’Amore, bar manager, presidente della Federazione italiana barman (Fib) e membro del consiglio d’indirizzo nazionale Fib Italia, che preparerà un cocktail alcolico e uno analcolico a base di fragole. Saranno inoltre presenti docenti e studenti dell’Agrario e dell’ Alberghiero dell’ Istituto d’Istruzione Superiore “G.Fortunato” di Pisticci.

A raccontare l’esperienza del Club Candonga nel corso del talk show ci sarà il CEO, Carmela Suriano che ha così commentato: “L’idea del Fragola on the Road nasce per dare concretezza al binomio agricoltura e accoglienza, una formula che potrebbe ampliare le opportunità per un territorio con forti margini di crescita”.

A dare il patrocinio al Fragola on the Road i comuni di Scanzano Jonico, Policoro, Pisticci, Rotondella, Bernalda, Nova Siri e la Provincia di Matera. Il talk show sarà condotto da Dino Paradiso. Sarà presente anche Poste Italiane che per l’occasione ha personalizzato un timbro postale che raffigura una fragola e sarà apposto sulle cartoline ufficiali dell’evento che saranno, quella sera stessa, distribuite.

 

 

 

Comitato di Prodotto fragola, Pietro Ciardiello nuovo coordinatore

in Economia

Ciardiello: “Preparazione del gruppo di Contatto che si terrà nella prossima Primavera in Italia”

ROMA. Sarà Pietro Ciardiello (ACI) il nuovo coordinatore del Comitato di Prodotto Fragola che eredita così il testimone da Francesco Nicodemo la cui carica è giunta a scadenza naturale. Ieri infatti, a Roma, si è svolta l’elezione nel corso dell’incontro convocato da Ortofrutta Italia – organizzazione interprofessionale dell’ortofrutta italiana, presieduta da Nazario Battelli (Cia),  e finalizzato anche al coordinamento del Gruppo di contatto che dovrà riunirsi per questo 2019  in Italia:  l’incontro, come di consueto,  vedrà la partecipazione delle delegazioni spagnola,  francese e ovviamente quella italiana.

“Auguro a Pietro Ciardiello un buon lavoro per questo prestigioso e allo stesso tempo delicato incarico. Saprà svolgere il ruolo che gli è stato assegnato attraverso l’elezione in maniera professionale e con la nota passione verso il settore della fragolicoltura che ha bisogno di interpreti autorevoli come egli ha sempre dimostrato di essere”, così il coordinatore uscente, Francesco Nicodemo, presidente di Asso Fruit Italia, in quota Italia Ortofrutta,  ha salutato la nomina di Ciardiello.

Fra gli altri punti all’ordine del giorno discussi quello riguardante l’integrazione dei componenti e il rinnovo del Comitato. Entrano a far parte dello stesso: Carmela Suriano, CEO OP Terre della Luce e in quota Italia Ortofrutta, Germano Gabanini (Copagri), Antonello Cester, produttore di fragole di seconda generazione in Sardegna in quota Confagricoltura, Antonio Romano (Confagricoltura), campano, produttore di terza generazione dell’omonima azienda,   Carlo Garletti (Fedagro), operatore ortofrutticolo mercato di Bergamo.

A completare il Comitato, in rappresentanza dunque di tutte le sigle: Carmine Di Leo (ANCC COOP); Gianmarco Guernelli e Maurizio Cristoni (ANCD – CONAD);  per Federdistribuzione:  Tiziano Bonifazi, Vittorio Ravasio, Laura EvangelistaBaldassarre D’Avino (Fruitimprese); per Alleanza Cooperative Italiane (ACI): Gianluca Bellini, Pietro Ciardiello, Matteo Baraldi; Lorenzo Bazzana (Coldiretti),  Giuseppe Stasi (CIA), Aristide Valente (Unaproa) e Francesco Nicodemo (Italia Ortofrutta).

“Valorizzare la fragola Made in Italy capace di distinguersi grazie all’alta specializzazione raggiunta dai produttori e dalla sensibilità degli stessi sempre più attenti a declinare l’idea di qualità sia nella direzione del gusto e delle proprietà nutraceutiche della fragola, che in quella dell’eticità delle produzioni e del lavoro”, ha detto Suriano.

Infine, Pietro Ciardiello (Coop Sole), direttore della Cooperativa Sole di Parete (Ce), nonché presidente di Mediterraneo Group la più grande azienda produttrice di fragole in Italia, nella sua nuova funzione di Coordinatore ha così commentato: “E’ per me un onore e un impegno molto serio rappresentare il Comitato di prodotto Fragola. Saremo determinati nel dare nuovo slancio al settore e lavoreremo perché sia adeguatamente rappresentato nei consessi italiani ed esteri”.

E, ancora:  “Tra i primi impegni la preparazione del gruppo di contatto tra Italia, Spagna e Francia che si terrà nella prossima Primavera proprio nel nostro Paese, per affermare al meglio la fragola italiana come prodotto di qualità, sano ed etico. Per dare valore al lavoro dei produttori e contribuire al miglior posizionamento delle nostre fragole proporremo anche azioni incisive contro le contraffazioni e forme subdole di nazionalizzazione”.

 

Torna su