Archivio tag

d’amico

“Caso D’Amico”: il consigliere ha saldato e non è più incompatibile

in Politica

“Caso D’Amico”: il consigliere ha saldato e non è più incompatibile. A comunicarlo l’Amministrazione cittadina attraverso una nota stampa

Scanzano, luce verde su “caso D’Amico”.
Il Sindaco Cariello e parte della sua squadra hanno avuto ragione. Il consigliere D’Amico ha dovuto saldare tutto il debito con l’erario per far cadere la sua incompatibilità col Comune.

Finalmente Scanzano “Rinasce” e lo fa nel segno della legalità. Infatti, la ormai arcinota vicenda del consigliere D’Amico, si chiude a favore non solo dell’economia del comune ionico ma anche e soprattutto, a favore della squadra capitanata dal sindaco Pasquale Cariello. E’ noto infatti che il consigliere avesse un sostanzioso debito da saldare con l’Ente, debito che rendeva la sua presenza incompatibile nell’assise comunale ma che, ad oggi, risulta essere stato saldato definitivamente.

Giorni fa, infatti era stata diffusa la notizia secondo cui D’Amico avesse saldato, in toto, ciò che gli spettava e che quindi alla luce di questo, la sua posizione all’interno della maggioranza, fosse certa e indiscutibile.

Il sindaco Cariello, preso atto della posizione del consigliere, ha verificato con gli uffici preposti sulla veridicità degli elementi in questione, constatando personalmente che D’Amico ha effettivamente pagato tutto quello che gli spettava e che quindi, ad oggi non risulta più essere incompatibile.

“Queste è la dimostrazione inequivocabile che, nonostante le critiche mosse dalla minoranza, io e i miei assessori, abbiamo intrapreso la strada giusta, ovvero la difesa della comunità e non del singolo e soprattutto la difesa della legalità” afferma, in una nota, il sindaco Pasquale Cariello, che prosegue “ringrazio vivamente il consigliere D’Amico che, così facendo, ha onorato e certificato la ragione mia, degli assessori e quella del consigliere Marzano. Il nostro unico interesse era salvaguardare il benessere della comunità di Scanzano che era, è e sarà sempre la nostra unica priorità. Da oggi si riparte forti di una maggioranza compatta e unita pronta a fare il meglio per la nostra amata Scanzano”.

Forte delle scelte fatte, che col tempo gli hanno dato ragione, il sindaco Cariello riparte con uno spirito nuovo verso il futuro e lo fa ringraziando anche la Dottoressa Rizzi e il segretario comunale Giuseppe Pandolfi per la professionalità e competenza dimostrata in questo caso.

[Fonte: Amministrazione comunale di Scanzano Jonico]

 

Secondo consiglio comunale movimentato. Prime scintille a Scanzano Jonico

Scanzano Jonico: consiglio comunale urgente il prossimo 29 Agosto

in Politica

Sessione straordinaria urgente per il consiglio comunale di Scanzano Jonico, l’assise si riunirà nella sala consiliare il 29 Agosto alle 19, l’eventuale seconda convocazione è prevista per il giorno successivo.
Il punto all’ordine del giorno riguarda il consigliere comunale Donato D’Amico e la “dichiarazione definitiva di incompatibilità ai sensi dell’art 69 d lgs 18.8.2000 n.267 per la sussistenza della causa di incompatibilità”, è scritto nella nota inviata in queste ore.

Scanzano Jonico. Cariello: “Legalità e dialogo. Andremo avanti per la città”

in Politica

Scanzano Jonico. Cariello: “Legalità e dialogo. Andremo avanti per la città”. Stoccata del sindaco alle minoranze sulla vicenda D’Amico: “hanno messo la testa sotto la sabbia”. Poi il riferimento al 2021: “Anche in quel caso c’è stato chi ha detto di avere i requisiti per fare il sindaco”. L’ultimo riferimento è a Mario Altieri che dopo essere stato eletto non è stato proclamato in quella circostanza. In quella lista, Cariello, era un aspirante consigliere e consigliere regionale in carica.

“Il sindaco e cinque consiglieri hanno fatto una richiesta d’urgenza perché mercoledì scorso gli uffici hanno appurato che il consigliere Donato D’Amico è incompatibile”, così il sindaco di Scanzano Jonico, Pasquale Cariello (Scanzano Rinasce) dopo il consiglio comunale svoltosi questa mattina, un’assise che ha sancito una maggioranza aritmetica non sovrapponibile con quella politica. Ai quattro voti della minoranza infatti si sono aggiunti quelli di tre consiglieri di Scanzano Rinasce.

“Le minoranze (SìAmo Scanzano e Patto Civico per Scanzano) hanno protocollato una pregiudiziale che prevedeva l’annullamento del punto all’ordine del giorno, la richiesta ha avuto quattro voti dalla minoranza e tre voti dalla maggioranza”, ha raccontato Cariello ai registratori.

In sostanza la “maggioranza” aritmetica ha una fisionomia diversa da quella politica. “Alcuni componenti di Scanzano Rinasce hanno votato diversamente”.

“La pregiudiziale è passata, quindi si procederà con l’articolo 70: il Prefetto o qualsiasi cittadino potrà fare ricorso e far valere l’incompatibilità del consigliere Donato D’Amico”, ha aggiunto il sindaco.

Sindaco, riavvolgiamo i nastri a qualche settimana fa: in occasione del primo consiglio comunale c’è stata la convalida degli eletti, giusto?

“Il 5 Giugno abbiamo fatto il primo consiglio comunale e la convalida degli eletti. Ho condotto io i lavori e ho tenuto conto delle auto-dichiarazioni fatte dai consiglieri come previsto per legge. In questo caso evidentemente c’è stata una auto-dichiarazione non veritiera. Infatti, dopo qualche giorno il Prefetto scrive per sollevare l’incompatibilità relativamente a una somma importante nei confronti del comune da parte del consigliere D’Amico. Sono qui perché il popolo mi ha eletto. Per fare gli interessi di tutti i cittadini e non di un singolo. Voglio tenere alta la bandiera della legalità. Siamo qui a gestire le finanze dei cittadini e a programmare il loro futuro. Questa città può davvero rinascere se facciamo le persone serie”.
“Questa comunità ha già sofferto molto, ora ha un’amministrazione politica dopo tre anni di gestione commissariale. Oggi c’è il sindaco. Chi vorrà mandarmi a casa dovrà assumersi la responsabilità di un nuovo commissario. Io sarò qui e non abbandonerò la nave. Ai consigliere di maggioranza che hanno votato con la minoranza dico che se vogliono partecipare al decollo di questa città, la mia porta è aperta. Sono aperto al dialogo nell’interesse esclusivo della comunità di Scanzano Jonico”.

 

Dopo quello che è accaduto la città appare confusa, lo spettro di un naufragio amministrativo apre lo scenario a una nuova gestione commissariale: cosa vuol dire ai cittadini?

“Lavoreremo fianco a fianco con la Prefettura di Matera e la legalità animerà la nostra azione. La città è stata martoriata e delusa nel 2021 con qualcuno che non poteva candidarsi e invece si è candidato, nel 2023 ho deciso di candidarmi io con una squadra giovane e piena di energia. Se qualcuno ha interesse a non far crescere Scanzano Jonico faccia la mozione di sfiducia e mi mandi a casa”.

“Ai cittadini chiedo di stare con il sindaco di fare come una corazza per tenere lontano il rischio del commissariamento. Se necessario si faccia anche una petizione popolare. Scanzano sta dando un segnale chiaro sulla legalità. Personalmente non ho dubbi sull’aver agito nella legalità. Mi dispiace constatare che all’interno della minoranza ci sono giovani come me che il 5 Giugno hanno fatto l’accesso agli atti ma hanno poi deciso di mettere la testa sotto la sabbia e non sollevare il problema”

Ha mai avuto il sospetto che uno dei suoi potesse avere qualche motivo ostativo rispetto alla carica di consigliere?

“Assolutamente no. Mi sono basato sulla buona fede e le dichiarazioni delle persone. Ho creduto in loro e nella squadra. E ci credo ancora. Sono rammaricato per alcune questioni personali a quanto pare. A me interessa la legalità e su questo andrò avanti come un treno. Sento tutti i giorni il Prefetto e la casa comunale è una casa di vetro in cui si lavora no stop per i cittadini. Di azioni ne abbiamo messe in campo già tante, dal decoro urbano, lo sfalcio dell’erba e il programma estivo come promesso. Chi alzerà muri davanti alla nostra trasparenza e al nostro lavoro ci troverà pronti. I muri inutili li abbatteremo”.

Scanzano Jonico: nel prossimo consiglio comunale la “contestazione” riguardante D’Amico

in Politica

Scanzano Jonico: nel prossimo consiglio comunale la contestazione  sulla sussistenza della “causa di incompatibilità di D’Amico”. L’assise si riunirà il 27 Giugno

Si riunirà il prossimo 27 Giugno il consiglio comunale di Scanzano Jonico con inizio alle 16.00.

Fra i punti all’ordine del giorno la vicenda legata al consigliere comunale Donato D’Amico (foto apertura, fonte facebook) e la “contestazione si sensi dell’art 69 del T.U. n. 267/2000 della sussistenza della causa di incompatibilità ex art 63, comma1, n.6 del decreto legislativo 18 Agosto 2000 n. 267.

Fra gli altri punti l’approvazione del verbale della seduta precedente, l’integrazione della Commissione elettorale comunale (nomina componente supplente). Approvazione del programma politico amministrativo 2023 – 2028.

Ultimo punto le modifiche al Regolamento comunale del commercio.

[Ultima modifica ore 14.17 del 20 Giugno 2023]

Torna su