Archivio tag

covid-19 - page 19

Basilicata, analizzati altri 12 tamponi, uno positivo. 31 i casi in totale

in Cronaca

La task force regionale comunica che oggi 18 marzo – con aggiornamento alle ore 16.30 – sono stati effettuati 12 test per l’infezione da Covid-19. Di questi: 11 sono risultati negativi e 1 positivo. Il caso positivo riguarda la città di Rionero in Vulture. Con questo aggiornamento salgono a 31 i casi positivi registrati in Basilicata per l’infezione da Covid-19.

Tutti i test positivi verranno inviati all’Istituto superiore di sanità per la conferma di seconda istanza. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti avuti dalle persone risultate positive.

Emergenza Covid-19: analizzati altri 6 tamponi, tutti negativi

in Cronaca

La task force regionale comunica che oggi 18 marzo – con aggiornamento alle ore 11.30 – sono stati effettuati 6 test su tamponi provenienti da Villa D’Agri per l’infezione da Covid-19. Tutti i tamponi sono risultati negativi al Covid-19. Con questo aggiornamento restano 27 i casi positivi registrati in Basilicata per l’infezione da Covid-19.

Basilicata, analizzati altri 11 tamponi, 3 positivi

in Cronaca

salgono a 27 i casi positivi registrati in Basilicata per l’infezione da Covid-19

La task force regionale comunica che oggi 17 marzo – con aggiornamento alle ore 22.30 – sono stati effettuati 11 test in tutta la regione per l’infezione da Covid-19. Di questi:

8 sono risultati negativi e 3 positivi.

I casi positivi sono così suddivisi:

2 di Potenza

1 paziente di Avellino che era già ricoverata al san Carlo di Potenza

 Con questo aggiornamento salgono a 27 i casi positivi registrati in Basilicata per l’infezione da Covid-19.

Tutti i test positivi verranno inviati all’Istituto superiore di sanità per la conferma di seconda istanza. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti avuti dalle persone risultate positive.

Servizi postali: operatività ridotta per emergenza Covid-19

in Economia

Alcuni uffici postali hanno ridotto l’operatività e stiamo attendendo un’ulteriore riduzione del servizio postale, e su questo tema abbiamo già fortemente sollecitato l’azienda insieme alle nostre segreterie nazionali ad una rapida azione

 

Le Organizzazioni Sindacali SLP-CISL, UILPOSTE-UIL ed SLC CGIL della Basilicata che seguono il settore produttivo legato ai Servizi Postali, sono state da subito impegnate nella gestione sul territorio lucano dell’emergenza COVID-19. Abbiamo cercato, ove possibile, di ridurre al minimo l’eventualità del contagio. Sono stati razionalizzati i servizi relativi agli invii raccomandati, agli invii assicurati, alla distribuzione dei pacchi.
Alcuni uffici postali hanno ridotto l’operatività e stiamo attendendo un’ulteriore riduzione del servizio postale, e su questo tema abbiamo già fortemente sollecitato l’azienda insieme alle nostre segreterie nazionali ad una rapida azione.
In aggiunta, considerando inoltre che il DL “Cura Italia” sospende i versamenti fiscali, previdenziali e contributivi nonché i termini per i procedimenti giudiziari e che non vi sono pagamenti di pensioni fino al prossimo mese, riteniamo necessario un drastico intervento delle forze di polizia teso a verificare il rispetto di tutte le ordinanze circa il motivo di spostamento e stazionamento in prossimità degli uffici postali dell’utenza fino al momento in cui l’attuale emergenza sanitaria sarà superata.
Quanto sopra per tutelare tutti lavoratori, Azienda, cittadini/clienti.
Riteniamo che, in questa drammatica situazione, pagare un bollettino o spedire una raccomandata non fosse una questione di importanza vitale per i cittadini (che peraltro se avessero necessità di una “data certa” hanno a disposizione anche il canale digitale dei servizi).

Basilicata, nuovo coronavirus su 12 tamponi, due positivi

in Cronaca

Il laboratorio dell’ospedale San Carlo di Potenza ha analizzato oggi, 17 Marzo 2020, altri 12 tamponi. Di questi due sono risultati positivi al Covid-19. I due campioni positivi provenivano dalla provincia di Potenza.
Quindi salgono a 20 i contagiati in Basilicata.

Lo rende noto la task force regionale.

Sono 18 i casi di Covid-19 in Basilicata

in Cronaca

La task force regionale, nella tarda serata di lunedì 16 Marzo 2020, ha comunicato che il laboratorio dell’ospedale San Carlo di Potenza ha analizzato in serata 12 tamponi. Di questi cinque sono risultati positivi al Covid 19. Si tratta di tre persone di Moliterno, una di Rapolla e una di Potenza. Tutte le nuove persone risultate positive sono presso le proprie abitazioni.

Sono 13 in Basilicata i positivi al Covid-19, nuovi tamponi questa mattina al San Carlo di Potenza

in Cronaca

La task force regionale comunica che il laboratorio dell’ospedale San Carlo di Potenza ha analizzato in tarda mattinata di oggi, 16 Marzo 2020,  10 tamponi. Di questi uno è risultato positivo al Covid 19. Si tratta di una persona già ricoverata al Reparto Mattie infettive dell’Ospedale San Carlo.

Questo il conto corrente sul quale è possibile effettuare una donazione per l’emergenza Coronavirus: IBAN IT19Q0542404297000000000382 – Banca Popolare di Bari intestato a “Regione Basilicata”. Attraverso il conto corrente chiunque può offrire il proprio contributo, con una donazione, per sostenere gli sforzi del servizio sanitario regionale e consentire l’acquisto di dispositivi medici.

“Riaprire gli ospedali di Tinchi e Stigliano per emergenza Covid-19”, lo chiedono 15 sindaci

in Politica

Di seguito la nota integrale trasmessa alla Regione da 15 sindaci appartenenti all’ambito “Metapontino-collina materana”:

“Egregio Sig. Presidente, egregi Assessori,
una situazione come quella che stiamo vivendo impone a chi ha potere decisionale di adottare tutte le misure possibili per salvaguardare la salute dei cittadini.
L’emergenza è innanzitutto sanitaria, perché è nota la carenza di strutture ospedaliere e di presidi attrezzati per fronteggiare il rischio di aumento dei casi di contagio, ad oggi, per fortuna, nella nostra regione ancora pochi. Per questo motivo non comprendiamo la decisione di non prendere in considerazione l’utilizzo delle strutture di Tinchi e Stigliano, dove sono disponibili posti letto che potrebbero rivelarsi preziosi in un momento del genere, a diretto supporto degli ospedali di Matera e Policoro.

A Tinchi si sono appena conclusi i lavori di ammodernamento dell’edificio, adeguato alle norme antisismiche, e ne ostacolano l’utilizzo solo meri adempimenti tecnici, non coerenti con un’emergenza che altrove ha determinato l’implementazione di interi ospedali in pochi giorni. Una struttura su cui la regione ha investito milioni di euro (oltre che per l’ammodernamento del corpo centrale, per la realizzazione della nuova dialisi), che è facilmente raggiungibile attraverso due arterie stradali principali come la SS. 106 Jonica e la SS 407 Basentana, che è dotata di spazi per la degenza e sale operatorie (attive fino a poco tempo fa), ma sulla quale non c’è mai stato un concreto progetto di sviluppo e neppure in un simile frangente se ne colgono le potenzialità.

Così come potrebbe essere una risorsa l’ospedale di Stigliano, dove l’esistenza dell’hospice non sembra affatto un motivo valido per renderla incompatibile con un reparto malattie infettive (così argomentando, infatti, i malati infettivi dovrebbero essere curati in strutture del tutto isolate), aspetto peraltro non centrale nella richiesta di utilizzo. Una struttura inserita nel cuore dell’attività estrattiva di Tempa Rossa meriterebbe di essere valorizzata, anziché continuamente indebolita nei suoi servizi, non avendo ancora l’ASM provveduto alla sostituzione dei medici della lungodegenza. Oggi la struttura è stata persino “spogliata” dei letti per la degenza, segnale che si interpreta come una riduzione di posti letto.
Né si può lamentare l’assenza di operatori sanitari. Se è vero infatti, che esiste, per l’ospedale di Stigliano, una risorsa di circa un milione di euro destinata a sostenere la spesa riferita agli operatori sanitari, assentita dalla Strategia Nazionale per le Aree Interne, è altrettanto vero che è all’attenzione del Governo centrale un DL contenente misure urgenti per fronteggiare l’emergenza CoronaVirus che prevede, tra l’altro, lo snellimento delle procedure di abilitazione all’esercizio della professione medica e nuove assunzioni nel settore sanitario.
Avvertiamo l’assenza, sia pure in un momento emergenziale, di una chiara strategia per l’area del Metapontino e della Montagna materana. Potenziare queste due strutture, esistenti e sulle quali sono state investite ingenti risorse, e potenziare l’Ospedale di Policoro, come centro cruciale per il triage e la diagnosi dei pazienti, si tradurrebbe in una risposta alla inadeguatezza di scelte antiche, che l’attuale crisi ha mostrato in tutta la sua drammatica evidenza.
E’ per questo che, come amministratori dell’ambito metapontino-collina materana lanciamo un grido di forte protesta affinché la Regione assuma concretamente l’impegno di valorizzare il ruolo strategico che queste strutture possono rivestire anche per fronteggiare l’emergenza CoronaVirus, prima che sia troppo tardi.”

I SINDACI DEI COMUNI DI: Pisticci, Policoro, Montalbano, Nova Siri, Rotondella, Craco, Accettura, Stigliano, Tursi, Colobraro, Aliano, Gorgoglione, San Mauro Forte, Valsinni, Cirigliano.

Basilicata, analizzati altri 10 tamponi, uno è positivo

in Cronaca

Il laboratorio dell’ospedale San Carlo di Potenza ha analizzato nella serata di oggi 15 Marzo 2020 altri 10 tamponi. Di questi uno è risultato positivo Covid-19. Il campione positivo proveniva dalla provincia di Potenza. Il risultato degli altri tamponi già pervenuti al San Carlo sarà reso noto nella mattinata di domani (16 Marzo 2020). Nella mattinata odierna, erano stati analizzati 10 tamponi, tutti risultati negativi.

Emergenza Covid-19: sono 10 i casi positivi in Basilicata

in Cronaca

Il dipartimento Politiche della persona della Regione Basilicata ha richiesto il farmaco Tocilizumab, messo a disposizione gratuitamente da Roche, che sta dando risultati incoraggianti nella cura della polmonite causata da Covid-19

 Sono 9 i tamponi analizzati oggi pomeriggio nel laboratorio dell’ospedale San Carlo di Potenza, di questi 7 sono risultati negativi e 2 positivi al Covid-19. I casi registrati riguardano due cittadini di Potenza che si trovano in quarantena nella propria abitazione.

I contagi da nuovo coronavirus in Basilicata salgono pertanto a 10.

Intanto sono stazionarie le condizioni di salute dei pazienti risultati positivi nei giorni scorsi al nuovo coronavirus.

L’assessore alla Salute Rocco Leone fa sapere che il dipartimento regionale Politiche della persona questa mattina ha fatto richiesta del medicinale Tocilizumab, messo a disposizione gratuitamente da Roche e studiato per il trattamento dell’artrite reumatoide e dell’artrite idiopatica giovanile sistemica, che sta dando risultati incoraggianti nella cura della polmonite causata da Covid-19. La struttura regionale che si farà carico di ricevere il farmaco è quella interaziendale di malattie infettive del San Carlo che in caso di bisogno lo smisterà negli altri presidi sanitari lucani.

 

Fonte Task Force Basilicata Emergenza Coronavirus,

Covid-19, ultimo aggiornamento 12 Marzo 2020, ore 19:20

Torna su