Archivio tag

ChatGPT

Angelo interroga l’intelligenza artificiale: il tema è la Basilicata

in Economia

Angelo (foto apertura) interroga l’intelligenza artificiale: il tema è la Basilicata. ChatGPT conosce i Sassi di Matera ma anche l’agnello alla brace e l’Amaro Lucano. A volte si lascia indurre in errore dalle bellezze e dalle bontà della vicina Puglia. Con alcune considerazione su etica e sostenibilità, gli amici di Lucanum arricchiranno nei prossimi giorni il discorso legato all’intelligenza artificiale.

Nelle ultime settimane uno dei principali trend è rappresentato dalla scoperta delle potenzialità dell’intelligenza artificiale offerte dal chatbot umanoide ChatGPT di OpenAI, laboratorio di ricerca americano sull’intelligenza artificiale. Il sistema è un motore intelligente per l’elaborazione e la riproduzione del linguaggio naturale, addestrato su enormi mole di dati (BigData) fra cui un dataset proprietario ed i seguenti dataset pubblici: Common Crawl, WebText2, Books1, Books2 e Wikipedia. Il giovanissimo informatico materano Angelo Lamacchia, della PMI innovativa iinformatica, nota per il progetto territoriale Lucanum, ha testato il chatbot sulla sua conoscenza della Basilicata. Di seguito riportiamo il riscontro della conversazione di Angelo con l’automa.

Angelo L. “Sei mai stato in Basilicata?”

ChatGPT “No, non sono mai stato in Basilicata. Sono solo un modello di lingua artificiale e non ho la capacità di viaggiare fisicamente. Posso fornirti informazioni sulla regione Basilicata se necessario”.

Angelo L. “Conosci la Basilicata?”

ChatGPT “Sì, conosco la Basilicata. È una regione situata nel sud Italia, conosciuta per la sua bellezza naturale, come le grotte di Castelmezzano e Pietrapertosa, le coste del Mar Jonio, i monti Lucani e i siti archeologici come quello di Metaponto. La Basilicata è anche famosa per la sua cucina tradizionale e per i suoi vini. La città principale e capoluogo è Potenza”.

Angelo L. “Quale è il borgo più bello della Basilicata?”

ChatGPT “La Basilicata è piena di borghi affascinanti, ognuno con il suo fascino unico e caratteristiche distinte. Alcuni dei borghi più belli della Basilicata sono:

-Matera, Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1993, conosciuta per i suoi Sassi, antiche abitazioni scavate nella roccia.

-Melfi, un antico borgo medievale con un castello e una cattedrale romanica.

-Venosa, una città situata nei pressi dei Monti Lucani, famosa per essere la città natale del poeta romano Orazio.

-Pisticci, una cittadina con un centro storico ben conservato, situata su una collina con una vista spettacolare.

-Aliano, un borgo medievale situato nella zona del Parco Nazionale del Pollino, noto per essere stato la residenza del scrittore Carlo Levi durante il suo esilio. Questi sono solo alcuni dei tanti borghi belli della Basilicata, quindi la scelta dipende dai tuoi interessi e preferenze”.

Angelo L. “Quali sono le peculiarità della Basilicata?”

ChatGPT “La Basilicata è una regione del sud Italia con una serie di caratteristiche uniche che la rendono una meta turistica interessante. Ecco alcune delle sue peculiarità:

-Patrimonio storico e culturale: La Basilicata è sede di alcuni dei siti archeologici e monumenti più antichi d’Italia, tra cui i Sassi di Matera, dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1993.

-Bellezza naturale: La Basilicata è una regione montuosa con una grande varietà di paesaggi naturali, dalle colline alle montagne, dalle grotte alle spiagge. Il Parco Nazionale del Pollino, è una delle aree protette più grandi d’Italia, è una meta popolare per gli amanti della natura.

-Cucina tradizionale : La cucina lucana è conosciuta per essere rustica e semplice, con una forte influenza mediterranea. La regione è famosa per i suoi prodotti tipici, come il Pecorino di Filiano, l’Amaro Lucano e gli olii d’oliva di qualità.

-Folklore e tradizioni: La Basilicata è ricca di tradizioni e folklore, con numerose feste e celebrazioni che si svolgono durante l’anno, tra cui la Fiera delle Noci di Tursi e la Fiera di San Giorgio di Lagonegro.

Queste sono solo alcune delle peculiarità della Basilicata, ci sono molti altri aspetti della regione che la rendono unica e interessante per esplorare”.

Angelo L. “Cosa ti piacerebbe mangiare in Basilicata?”

ChatGPT “Come modello di linguaggio, non ho la capacità di gustare cibo o avere preferenze alimentari. Tuttavia, posso dirti che la Basilicata è conosciuta per la sua cucina rustica e tradizionale, caratterizzata da ingredienti semplici e genuini. Alcuni dei piatti tipici della regione includono:

-Agnello alla brace: un piatto a base di carne di agnello cotta sulla brace.

-Orecchiette con cime di rapa: un piatto a base di pasta fatta in casa chiamata orecchiette, servito con cime di rapa e acciughe.

-Pasticciotti leccesi: un dolce tipico della cucina salentina, fatto con pasta frolla ripiena di crema pasticcera e cotta in forno.

-Il Pecorino di Filiano: un formaggio tipico della Basilicata, prodotto con latte di pecora intero, stagionato per almeno 60 giorni.

Questi sono solo alcuni esempi dei piatti tipici della regione, ci sono molti altri piatti tradizionali della cucina lucana che sono deliziosi e vale la pena provare”.

Angelo L. “Quali personalità conosci della Basilicata?”

ChatGPT “La Basilicata è stata la casa di molti personaggi famosi nel campo dell’arte, della letteratura, della cultura e della politica. Ecco alcune delle personalità più note della Basilicata:

-Carlo Levi: è stato un medico, scrittore e pittore italiano, noto per il suo romanzo Cristo si è fermato a Eboli, che descrive la sua esperienza di esilio in Basilicata durante il regime fascista.

-Melchiorre Delfico: è stato un politico e scrittore italiano, noto per i suoi scritti contro il governo napoleonico e per il suo contributo alla cultura e all’istruzione della Basilicata.

-Francesco Vena: imprenditore italiano, figlio di Pasquale Vena, il farmacista che ha creato il liquore amaro Lucano nel 1894.

-Pino Caruso: è stato un attore, scrittore e comico italiano, noto per i suoi spettacoli teatrali, la sua carriera cinematografica e televisiva e per i suoi scritti riguardante la cultura e la storia della Basilicata.

Questi sono solo alcuni dei personaggi più famosi della Basilicata, ci sono molti altri personaggi che hanno contribuito alla cultura e alla storia della regione.”

Dalle risposte ottenute emerge che sicuramente ChatGPT conosce un po’ della nostra terra lucana, tuttavia, aldilà di alcune imprecisioni, le incoerenze più grandi riguardano le correlazioni del nostro territorio con il pasticciotto leccese, le grotte di Pietrapertosa, la fiera delle noci, la fiera di San Giorgio di Lagonegro, Melchiorre Delfico e Pino Caruso, che mostrano alcune criticità di ChatGPT.

Angelo Lamacchia ha sottolineato, inoltre, che “I testi hanno superato il controllo antiplagio tramite tool di ricerca che ne garantiscono l’unicità, e con richieste effettuate al chatbot in momenti diversi si è ottenuto uno score di text-similarity medio di circa l’80%, che garantisce una differenziazione minima e non significativa dei testi generati.

Uno strumento utile e affascinante con grandi potenzialità ma che va gestito opportunamente in modo consapevole tramite l’approccio HITL (human in the loop) che richiede una supervisione umana dei contenuti generati in automatico. Il rischio di una cattiva gestione di tali strumenti è quello di ritrovarsi pieni di disinformazione in articoli, didattica, testi o tesi di laurea generati da un automa e pieni di imprecisioni”.

Su tale tecnologia è intervenuto anche il presidente dell’Ente Pro Loco Basilicata Rocco Franciosa specificando che “ Un grande strumento tuttavia da supervisionare in modo opportuno per evitare disinformazione turistica. Su tale aspetto è importante informare gli utenti e soprattutto i giovani affinchè l’informazione fornita dal chatbot sia sempre soggetta ad un ulteriore verifica personale, in modo da gestirla con consapevolezza e senso critico. Inoltre, gli errori del ChatGPT sottolineano l’importanza dell’informazione istituzionale e dell’azione informativa-formativa delle Pro Loco del nostro territorio”.

Strumenti interessanti per un miglioramento della quotidianità che devono tuttavia essere utilizzati con la giusta consapevolezza da parte dell’utente.

[iinformatica – Lucanum]

L’INTERVISTA. Il “Realverso” lucano: “luogo innovativo e visionario”

Torna su