Archivio tag

basilicata - page 31

Emergenza Covid-19: analizzati altri 9 tamponi, 3 positivi

in Cronaca

La task force regionale comunica che oggi 18 marzo – con aggiornamento alle ore 13.00 – sono stati effettuati 9 test per l’infezione da Covid-19. Di questi:

6 sono risultati negativi e 3 positivi.

I casi positivi riguardano tutti la città di Potenza

Con questo aggiornamento salgono a 30 i casi positivi registrati in Basilicata per l’infezione da Covid-19.

Tutti i test positivi verranno inviati all’Istituto superiore di sanità per la conferma di seconda istanza. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti avuti dalle persone risultate positive.

Emergenza Covid-19: analizzati altri 6 tamponi, tutti negativi

in Cronaca

La task force regionale comunica che oggi 18 marzo – con aggiornamento alle ore 11.30 – sono stati effettuati 6 test su tamponi provenienti da Villa D’Agri per l’infezione da Covid-19. Tutti i tamponi sono risultati negativi al Covid-19. Con questo aggiornamento restano 27 i casi positivi registrati in Basilicata per l’infezione da Covid-19.

Basilicata, analizzati altri 11 tamponi, 3 positivi

in Cronaca

salgono a 27 i casi positivi registrati in Basilicata per l’infezione da Covid-19

La task force regionale comunica che oggi 17 marzo – con aggiornamento alle ore 22.30 – sono stati effettuati 11 test in tutta la regione per l’infezione da Covid-19. Di questi:

8 sono risultati negativi e 3 positivi.

I casi positivi sono così suddivisi:

2 di Potenza

1 paziente di Avellino che era già ricoverata al san Carlo di Potenza

 Con questo aggiornamento salgono a 27 i casi positivi registrati in Basilicata per l’infezione da Covid-19.

Tutti i test positivi verranno inviati all’Istituto superiore di sanità per la conferma di seconda istanza. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti avuti dalle persone risultate positive.

Coronavirus, chiuso per sanificazione l’ospedale di Villa D’agri

in Cronaca

Sono state attivate nell’ospedale di Villa D’Agri le operazioni di sanificazione a seguito di un contagio avvenuto all’interno della struttura. I 25 pazienti attualmente ricoverati sono quindi stati trasferiti in parte verso l’ospedale San Carlo di Potenza e in parte verso l’ospedale di Lagonegro. Il nosocomio di Villa D’Agri resterà chiuso fino al completamento delle attività di sanificazione che dovrebbe avvenire nell’arco delle prossime 24 – 48 ore.

Covid-19, La Gdf sequestra dispositivi medici non certificati

in Cronaca

Nell’ambito del decisivo compito di vigilanza delle Fiamme Gialle sul territorio per l’attuazione delle nuove disposizioni anti assembramento nei luoghi pubblici, sull’attività dei locali commerciali e, più in generale, su tutte le misure di contenimento del Coronavirus, poste in essere sia su coordinamento della locale Prefettura che d’iniziativa, i militari del Corpo, nel breve periodo, hanno controllato 367 persone e 86 esercizi commerciali di vario genere.

Proprio presso due imprese commerciali, i militari della Compagnia di Matera hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro più di 1.160 dispositivi di protezione individuali (mascherine) non certificati per la salute pubblica.

Come noto, l’emergenza epidemiologica in atto ha determinato nell’Autorità di Governo la necessità di adottare disposizioni urgenti volte a contrastare la diffusione del COVID-19 e a contenere gli effetti negativi sul tessuto socio-economico nazionale.

Coerentemente con tali misure, la Guardia di Finanza, quale forza di polizia economico-finanziaria a competenza generale, è chiamata ad adeguare il proprio dispositivo di vigilanza in funzione dell’esigenza di sostenere l’economia sana del paese e di attenuare la situazione di sofferenza e di difficoltà manifestata da cittadini, imprese e professionisti.

Le Fiamme Gialle Materane, in questo momento sono impegnate “prioritariamente” e senza soluzione di continuità, al contrasto di tutte quelle condotte illegali che abbiano correlazione con l’emergenza sanitaria, come disciplinata dalle disposizioni diramate dall’Organo di vertice del Corpo, quali:

  • intercettare fenomeni di immissione in commercio di dispositivi di protezione individuale e agenti biocidi contraffatti o non sicuri;
  • l’attenzione alle violazioni che, in ragione dell’accentuata richiesta di taluni prodotti, riguardino la disciplina sulla pubblicità dei prezzi, la qualità delle merci nonché, in generale, i casi di frode in commercio o di rialzo fraudolento dei prezzi medesimi;
  • i controlli volti a garantire l’osservanza del divieto di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico e/o di apertura di esercizi commerciali.

 

Basilicata, è di un paziente pugliese il tampone positivo del 15 Marzo 2020

in Cronaca

Il laboratorio dell’ospedale San Carlo di Potenza ha analizzato ieri in tarda serata 12 tamponi. Di questi uno è risultato positivo al Covid 19. Si tratta di un cittadino pugliese, che a seguito della chiusura dell’ospedale di Altamura, per protocollo, è stato controllato dai sanitari del Madonna delle Grazie di Matera, l’ospedale più vicino. Il paziente è in Puglia dove segue le procedure previste. Gli altri undici tamponi, tutti negativi, sono stati eseguiti su cittadini lucani. Lo ha precisato questa mattina (16Marzo2020) la task force regionale.

Nel resto d’Italia sono arrivate a 1.809 le vittime del coronavirus. In un solo giorno c’è stato un aumento di 368 morti. Sabato l’aumento era stato di 175. Sono 2.335 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il virus, 369 in più di ieri. Superati i 20 mila malati: sono complessivamente 20.603, con un incremento rispetto a sabato di 2.853, mentre il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 27.747. Il dato è stato fornito dal commissario per l’emergenza Angelo Borrelli in conferenza stampa alla Protezione Civile, ieri 15 Marzo 2020.

La possibilità che il virus si trasmetta attraverso oggetti «è altamente improbabile», lo ha detto invece Silvio Brusaferro,

presidente dell’Istituto superiore di sanità
«è una possibilità che non possiamo escludere ma che è altamente improbabile». Brusaferro ha inoltre sottolineato che il problema è quello di «garantire sempre un’igiene adeguata» delle mani e delle superfici.
Accanto ad un’igiene personale è importante igiene dell’ambiente: in alcuni luoghi privati possiamo farlo in maniera sistematica, in altri pubblici un po’ meno e allora la miglior prevenzione è di lavarci le mani in maniera corretta».
L’utilizzo di semplici disinfettanti è in grado di uccidere il virus annullando la sua capacità di infettare le persone, per esempio disinfettanti contenenti alcol (etanolo) al 75% o a base di cloro all’1% (candeggina).

«Ricorda – sottolinea l’Iss nel suo sito informativo sul virus – di disinfettare sempre gli oggetti che usi frequentemente (il tuo telefono cellulare, gli auricolari o un microfono) con un panno inumidito con prodotti a base di alcol o candeggina (tenendo conto delle indicazioni fornite dal produttore)».

Basilicata, emergenza COVID-19: 10 tamponi, tutti negativi

in Cronaca

Il laboratorio dell’ospedale San Carlo di Potenza ha analizzato in tarda mattinata di oggi – 15 Marzo 2020 – altri 10 tamponi, risultati tutti negativi al Covid-19. Di questi 9 provenivano da Matera e uno da Potenza. Lo ha reso noto la task force regionale.

Covid19, le misure di sicurezza degli studi medici

in Cronaca

Il Consiglio nazionale della FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale) riunito in videoconferenza il 14 marzo 2020 che ha approvato e diffuso le allegate linee guida con le misure di prevenzione da adottare negli studi medici, nelle sedi di continuità assistenziale e a domicilio per la protezione dei pazienti, dei medici e del personale di studio.
Il documento, in forma di slides, è indirizzato a medici di famiglia e di continuità assistenziale ma riteniamo debba essere conosciuto dalla cittadinanza perchè illustra con chiarezza come dovrà cambiare l’attività dei medici del territorio e di conseguenza l’assistenza sanitaria rivolta ai cittadini.
Tra gli aspetti più rilevanti quelli che disciplinano le stesse modalità di accesso agli ambulatori dei medici di famiglia e di continuità assistenziale che dovrà avvenire in modo sicuro (a porta d’ingresso chiusa, sempre e comunque preceduto da consulto telefonico, solo su appuntamento con prenotazioni distanziate, un solo paziente alla volta e con eventuale accompagnatore che dovrà sostare al di fuori).

Un commento quale medico di famiglia (con già alcuni pazienti contagiati)
Abbiamo finalmente delle linee guida con le misure di prevenzione da adottare negli studi medici e a domicilio per la protezione dei pazienti, dei medici e del personale di studio. Le ha predisposte il nostro sindacato visto che nessuno pareva preoccuparsi del territorio dove, secondo il prof. Galli dell’ospedale Sacco di Milano, va combattuta la vera battaglia perché gli ospedali, ormai al limite dei posti disponibili, dovrebbero essere considerati come le retrovie in cui portare i feriti gravi.
In effetti noi medici di famiglia avremmo la possibilità di intercettare quei pazienti fortemente sospetti che, per i rigidi criteri fissati per l’esecuzione del tampone di conferma, rischiano di rimanere senza una diagnosi.
Possiamo solo sperare che con l’obbligo di restare tutti a casa (sani e contagiati inconsapevoli) l’ondata di piena dell’infezione non travolga le regioni del sud come è accaduto al nord.
La tecnologia e la telemedicina hanno forse l’ultima occasione per affermarsi nel territorio.
L’importanza di queste linee di indirizzo è duplice: sul versante della sicurezza e su quello della tutela medico legale (si prevede ad esempio – pur senza dichiararla legittimo – il rifiuto di una prestazione sanitaria qualora il medico non sia fornito dei necessari dispositivi di sicurezza).

Dott. Erasmo Bitetti
responsabile comunicazione FIMMG Basilicata

Basilicata, 17 tamponi tutti negativi

in Cronaca

Sono stati analizzati in totale 17 tamponi tutti risultati negativi a Covid-19. Nella serata di oggi (13 Marzo 2020), il laboratorio dell’ospedale San Carlo di Potenza ha analizzato gli altri 7 tamponi giunti nel corso della giornata e sono risultati tutti negativi al coronovirus. La notizia è stata diffusa nella tarda serata dalla task force regionale.

Quasi 15mila i malati in Italia, 1266 i decessi.250 vittime in un solo giorno. Il numero maggiore di casi in Lombardia, in Emilia Romagna in Veneto e Piemonte. Stesso andamento per il numero dei decessi.

La Regione istituisce il conto dedicato all’emergenza Covid-19

in Cronaca

Uno spot audio e video di 10 secondi, che la Regione mette a disposizione delle radio, delle tv locali e dei siti web per sostenere la campagna di sensibilizzazione #iorestoacasa. E un conto corrente dedicato della Regione Basilicata (IBAN IT19Q0542404297000000000382 della Banca Popolare di Bari intestato a “Regione Basilicata” – causale: donazione emergenza Coronavirus), attraverso il quale chiunque può offrire il proprio contributo, con una donazione, per sostenere gli sforzi del servizio sanitario regionale e consentire l’acquisto di dispositivi medici. Sono le iniziative che la Regione Basilicata, attraverso l’ufficio stampa della Giunta, ha messo in atto per contribuire alla gestione dell’emergenza Coronavirus

 

VIDEO SPOT REALIZZATO DALLA REGIONE BASILICATA

Torna su