Archivio tag

basilicata - page 2

Deposito nazionale rifiuti radioattivi: Sogin ha trasmesso la carta delle aree idonee

in Cronaca

Deposito nazionale rifiuti radioattivi: Sogin ha trasmesso la carta delle aree idonee. Il ministero destinario della proposta è quello della Transizione Ecologica.

Ora toccherà al Ministero della Transizione Ecologica di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e
della Mobilità Sostenibile approvare la mappa che verrà poi resa nota

Roma, 16 marzo 2022. Sogin ha trasmesso ieri al Ministero della Transizione Ecologica la proposta di Carta Nazionale delle Aree Idonee (CNAI) ad ospitare il Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi e Parco Tecnologico, nel rispetto dei tempi previsti dall’art. 27, comma 5, del D. Lgs. 31/2010, ossia nei 60 giorni dalla chiusura della consultazione pubblica.
La CNAI è stata elaborata da Sogin sulla base degli esiti della più grande consultazione pubblica finora svolta in Italia su un’infrastruttura strategica per il Paese, avviata il 5 gennaio 2021 con la pubblicazione della proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI) e conclusa il 14 gennaio scorso.
La consultazione, gestita da Sogin nella massima trasparenza e completezza informativa, a cui hanno partecipato centinaia di soggetti direttamente interessati al progetto del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi e Parco Tecnologico, si è articolata in tre fasi.
Nella prima, durata sei mesi fino al 5 luglio 2021, Sogin ha raccolto oltre 300 osservazioni e proposte tecniche pervenute sulla CNAPI e sul progetto del Deposito Nazionale, da parte dei diversi soggetti interessati. A questa fase è seguito il Seminario Nazionale, svolto dal 7 settembre al 24 novembre 2021 e concluso il 15 dicembre 2021 con la pubblicazione degli Atti conclusivi.

I lavori del Seminario si sono articolati in nove incontri, tutti trasmessi in diretta streaming. Oltre alle sedute plenarie di apertura e chiusura si sono tenute sette sessioni di lavoro, una nazionale e sei territoriali, che hanno interessato le regioni coinvolte dalla CNAPI: Piemonte, Toscana, Lazio, Puglia e Basilicata, Sicilia, Sardegna.

Oltre 160 i partecipanti al Seminario, che ha visto gli interventi dei rappresentanti di Istituzioni ed Enti nazionali e locali, associazioni, comitati e singoli cittadini.
Concluso il Seminario si è, quindi, tenuta nei 30 giorni successivi, come previsto dal D. Lgs. 31/2010, una seconda fase di consultazione pubblica durante la quale i soggetti portatori di interesse hanno potuto presentare ulteriori osservazioni e proposte tecniche anche alla luce dei lavori svolti durante il Seminario Nazionale.
La proposta di CNAI che Sogin ha trasmesso al Ministero della Transizione Ecologica è stata dunque predisposta sulla base delle oltre 600 tra domande, osservazioni e proposte, per un totale di oltre 25.000 pagine costituite da atti, documenti, studi, relazioni tecniche e cartografie, complessivamente presentate nel corso di un anno a seguito della pubblicazione della CNAPI.
La norma prevede ora che il Ministero della Transizione Ecologica, acquisito il parere tecnico dell’Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione (ISIN), approvi con proprio decreto la Carta, di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili. La mappa verrà, quindi, pubblicata sui siti internet di Sogin, dei due Ministeri e dell’ISIN.
La pubblicazione della CNAI avvierà quindi la fase di concertazione finalizzata a raccogliere le manifestazioni di interesse, non vincolanti, a proseguire il percorso partecipato da parte delle Regioni e degli Enti locali nei cui territori ricadono le aree idonee, con l’obiettivo di arrivare a una decisione condivisa del sito nel quale realizzare il Deposito Nazionale.

Segui ilMet su Instagram

Giunta: pronta la nuova Giunta di Bardi con due riconferme

in Politica

La Giunta varata da Bardi è composta da Gerardo Bellettieri, Vincenzo Acito, Vincenzo Baldassarre, Donatella Merra, Francesco Fanelli, per gli ultimi due si tratta di una conferma. Resta fuori Rocco Leone, pediatra di Policoro, che ha svolto il ruolo di assessore regionale alla Sanità prima del rimpasto

“Sono state settimane impegnative, che mi hanno visto protagonista di un dialogo serrato con i partiti. Stamattina ho firmato il decreto di nomina dei nuovi assessori, che ringrazio per aver accettato l’incarico ma soprattutto le enormi responsabilità che dovranno affrontare, in questo periodo così difficile, che vede la Basilicata ancora alle prese con la pandemia, nel bel mezzo di una crisi energetica che tutti noi vediamo ogni volta che facciamo rifornimento di carburante, quando arrivano le bollette e quando andiamo a fare la spesa. E poi c’è la guerra in Ucraina, che ha conseguenze anche per tantissime imprese lucane, penso solo all’approvvigionamento del grano – reso più difficile dal conflitto russo-ucraino – o al costo del gas. È un momento delicatissimo che richiede risposte nuove e per questo ho voluto rinnovare la Giunta regionale.
La nuova giunta sarà composta dal Dottore Gerardo Bellettieri, che prenderà le deleghe alle attività produttive, formazione, lavoro e sport. L’Ingegnere Vincenzo Acito avrà le deleghe ad Ambiente ed Energia. Il Dr. Vincenzo Baldassarre avrà la delega dell’Agricoltura.
L’Architetto Donatella Merra prenderà la delega alle infrastrutture. L’Avvocato Francesco Fanelli assumerà anche la vicepresidenza e prenderà le deleghe alla Sanità e alle politiche sociali.
Voglio innanzitutto ringraziare i precedenti assessori per il lavoro svolto con dedizione e passione, in un momento di grandi cambiamenti e di inedite sfide che la storia ha imposto a questa amministrazione e a tutti i lucani. Penso al sostegno alle imprese, alla campagna vaccinale e alla transizione energetica. Il loro lavoro sarà continuato dai nuovi assessori, potendo contare su basi molto solide.
Mi dispiace della decisione dei vertici nazionali di Fratelli d’Italia, ma la mia porta verso gli esponenti locali del partito resta aperta, a dimostrazione della mia volontà di dialogo.
Mi preme soprattutto rivolgermi ai lucani: questa giunta è nuova nelle persone e nelle deleghe, perché vogliamo rilanciare la sfida del cambiamento che i nostri concittadini ci hanno lanciato dopo anni di malgoverno.
L’eredità che ogni giorno scopriamo è pesantissima e gli errori del passato avranno conseguenze ancora a lungo. In queste settimane il lavoro non si è fermato e abbiamo comunque continuato il percorso di rinnovamento, che vedrà la sua concretizzazione a breve con atti amministrativi puntuali: penso alla stagione dei concorsi, che tra pochi giorni saranno pubblicati sul BUR e sulla Gazzetta ufficiale, penso alla nostra strategia per dare il gas lucano a tutti i residenti nella nostra Regione, così da contrastare gli effetti nefasti di una crisi senza precedenti, penso alle sfide del PNRR, con il bando borghi che entro il 15 marzo vedrà l’indicazione del Comune vincente, penso alla redazione del bilancio. E tante altre decisioni ci aspettano nelle prossime settimane, dall’acqua alle imprese alle infrastrutture.
Lunedi 14 marzo ci sarà la tappa lucana del tour del governo sui territori, per spiegare le nuove e importanti opportunità del PNRR. La tappa di questo “giro d’Italia” si fermerà a Potenza, e vedrà la partecipazione del sottoscritto, del Sindaco di Potenza e di numerosi ministri e sottosegretari.
La Basilicata ha recuperato una rinnovata centralità a livello nazionale, grazie alle nostre risorse naturali, alle nostre donne e ai nostri uomini che si stanno facendo valere sul territorio e a livello nazionale.
Il mio appello a tutti i lucani è di essere uniti, di sostenerci in questo sforzo senza precedenti, per vincere le crisi che ci hanno colpito e quelle che arriveranno. Come sapete, io non ho altri interessi, se non quelli dei lucani. Per tutti noi mi impegno tutti i giorni, uno sforzo personale che non mi pesa, perché compensato dall’amore infinito che nutro per la mia terra. Insieme, vinceremo anche questa volta”. Lo afferma in una nota il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi.

Covid19 Basilicata: 4 nuovi decessi e 606 nuovi positivi

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 4 nuovi decessi e 606 nuovi positivi. I pazienti deceduti sono 1 residente a Maratea, 1 residente a Lavello, 1 residente a Matera, 1 residente a Pisticci.

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 12/3 (dati 11/3)

 La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 11 marzo, sono state effettuate 616 vaccinazioni. A ieri sono 467.493 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 439.245 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,4 per cento) e 344.036 (62,2 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.250.806 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). In totale sono 92 le persone ricoverate: 59 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 33 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui nessuno in terapia intensiva. Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 3.009 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 606 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 755 guarigioni. Inoltre è stato registrato il decesso di 4 persone: 1 residente a Maratea, 1 residente a Lavello, 1 residente a Matera, 1 residente a Pisticci.

ISTANTANEA NAZIONALE: FRA I NON VACCINATI TASSO DI MORTALITA’ 5 VOLTE PIU’ ALTO

Il tasso di mortalità standardizzato per i non vaccinati (96/100.000) è 5 volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da meno di 120 giorni (19/100.000) e 15 volte più alto rispetto ai vaccinati con booster (7/100.000).
Lo evidenzia il Report esteso dell’Istituto superiore di sanità, che integra il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sul Covid.
Nelle fasce d’età 0-9 e 10-19 anni si registra il più alto tasso di incidenza di casi Covid a 14 giorni, pari rispettivamente a 1.424 e 1437 per 100.000 abitanti, mentre nella fascia di età 70-79 anni si registra il valore più basso, 471 casi per 100.000 abitanti.
Lo evidenzia il Report esteso dell’Istituto superiore di sanità, che integra il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sul Covid. Dall’inizio dell’epidemia, sono stati diagnosticati e riportati al sistema di sorveglianza integrata 2.966.901 casi nella popolazione 0-19 anni, di cui 15.200 ospedalizzati, 350 ricoverati in terapia intensiva e 50 deceduti [Ansa]

Movimento Giovanile della Sinistra: “Bardi gioca col potere”

in Politica

Movimento Giovanile della Sinistra: “Bardi gioca col potere”. “Destra inadatta a governare, la cui principale occupazione è il mantenimento di incarichi e carriere”

Il Movimento Giovanile della Sinistra denuncia l’immobilismo delle forze politiche di maggioranza e la mancata nomina, dopo settimane, di una Giunta regionale. “Il governo regionale sembra aver dimenticato quale sia il suo ruolo e gioca col potere”

Negli ultimi mesi abbiamo assistito al dispiegarsi di una crisi all’interno della destra lucana, di cui le recenti e incerte notizie in merito alla Giunta regionale ne sono l’evidente dimostrazione. All’inizio del mese di marzo, il Presidente Bardi, non essendo stato raggiunto un accordo per un rimpasto di Giunta, di cui si discuteva da settimane, annuncia il completo azzeramento delle deleghe assessorili. A più di dieci giorni da tale decisione, tuttavia, non paiono esserci nuovi sviluppi all’orizzonte: una nuova Giunta non è stata ancora formata, e sembra che l’unico elemento certo siano i litigi interni alleforze politiche di maggioranza. Questi ultimi, infatti, hanno fatto
immediatamente naufragare anche la fragile bozza di esecutivo che Bardi avrebbe dovuto presentare in questi giorni alla stampa. Crediamo che tutto ciò sia inaccettabile. L’autoreferenziale gioco di potere, l’interminabile stallo, la richiesta insensata di un secondo assessorato da parte del coordinatore regionale Quarto di Fratelli D’Italia, la simultanea inattività del Consiglio regionale, tutto questo
è per noi inammissibile e sintomo di una politica e di una destra inadatta a governare, la cui principale occupazione è il mantenimento di
incarichi e carriere. Le questioni da affrontare sono intanto numerose: dalla gestione dei fondi del PNRR all’estrazione petrolifera, dalle infrastrutture che non ci sono alla crisi energetica.

I giovani, disillusi, non scorgono poi alcun futuro in Basilicata e scappano, cercando un altrove che può soddisfare le loro esigenze lavorative, formative, culturali, di vita. I lavoratori e le lavoratrici vivono un periodo di grande difficoltà, segnato dall’aumento dei costi della vita e di una significativa diminuzione dei servizi offerti.

Di fronte a una tale paralisi, peraltro in una circostanza così delicata, riteniamo dunque che spetti ai cittadini lucani esprimersi liberamente tramite il meccanismo del voto, che debba essere restituita loro la parola. Il governo regionale, sinora, sembra aver dimenticato quale sia il suo ruolo, la serietà e la responsabilità richieste in certe posizioni, e gioca col potere.

Antonio Prestera
Seg. MGS Basilicata

Covid19 Basilicata: 5 decessi e 938 guarigioni

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 5 decessi e 938 guarigioni. I pazienti che non ce l’hanno fatta: 1 persona residente a Brienza, 1 persona residente a Potenza, 1 persona residente a Lavello, 1 persona residente a Pisticci e 1 persona residente a Moliterno

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 10 marzo, sono state effettuate 525 vaccinazioni.

A ieri sono 467.474 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 439.153 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,4 per cento) e 343.530 (62,1 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.250.183 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).

In totale sono 91 le persone ricoverate: 57 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui nessuno in terapia intensiva, e 34 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui nessuno in terapia intensiva.

Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 3.099 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 733 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 938 guarigioni. Inoltre, sono stati registrati 5 decessi relativi a 1 persona residente a Brienza, 1 persona residente a Potenza, 1 persona residente a Lavello, 1 persona residente a Pisticci e 1 persona residente a Moliterno.

Covid19 Basilicata: 3 decessi e due pazienti in terapia intensiva

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 3 decessi e due pazienti in terapia intensiva. Tasso di positività regionale al 21,4%. Sono 641 i nuovi contagi e 1410 i guariti odierni.

I decessi riguardano un paziente di Cancellara, uno di Moliterno e un altro di Rionero in Vulture. I nuovi contagi nel Metapontino: Bernalda 5, Montalbano Jonico 5, Pisticci 28, Policoro 20, Rotondella 5, Scanzano Jonico 10, Tursi 5,

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 10/3 (dati 9/3)

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 9 marzo, sono state effettuate 687 vaccinazioni.
A ieri sono 467.461 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 439.077 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,4 per cento) e 343.091 (62,0 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.249.653 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).
In totale sono 94 le persone ricoverate: 60 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 34 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 1 in terapia intensiva.
Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 2.923 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 641 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 1.410 guarigioni.Inoltre, sono stati registrati 3 decessi relativi a 1 persona residente a Rionero in Vulture, 1 persona residente a Moliterno e 1 persona residente a Cancellara.
Il report completo disponibile collegandosi alla pagina web  dedicata da cui sarà possibile consultare il bollettino quotidiano (infografica) con i dati riassuntivi.

Covid19 Basilicata: 611 nuovi positivi. Sono 1517 i nuovi guariti

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 611 nuovi positivi. Sono 1517 i nuovi guariti. Nessun decesso. Un paziente in terapia intensiva. Su scala nazionale salgono i contagi e il numero di vittime rispetto al giorno precedente

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 9/3 (dati 8/3)

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 8 marzo, sono state effettuate 630 vaccinazioni.
A ieri sono 467.447 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 438.970 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,3 per cento) e 342.532 (61,9 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.248.966 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).
In totale sono 88 le persone ricoverate: 55 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 33 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui nessuno in terapia intensiva.
Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 3.031 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 611 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 1.517 guarigioni.
Nessun decesso è stato segnalato alla Task force regionale.

Totale test di giornata n. 3.031
TOTALE TEST POSITIVI DI GIORNATA N. 611
Totale test negativi di giornata n.2.420

Tamponi molecolari di giornata n.800
TAMPONI MOLECOLARI POSITIVI TOTALI N.146
Tamponi molecolari negativi n.654

Test antigenici rapidi di giornata n. 2.231
TEST ANTIGENICI RAPIDI POSITIVI DI GIORNATA N. 465
Test antigenici rapidi negativi n. 1.766

RICOVERATI REPARTI DEGENTI COVID-19 N. 88
A.O.R. San Carlo Potenza
Malattie Infettive n. 18
Pneumologia n. 18
Medicina d’Urgenza n. 3
Medicina Interna COVID n. 15
Terapia Intensiva n. 1

A.S.M. P.O. Madonna delle Grazie – Matera
Malattie Infettive n. 25
Pneumologia n. 6
Medicina Interna COVID n. 2
Terapia Intensiva n. 0

GUARITI TOTALI DI GIORNATA N.1.517
DECESSI ODIERNI TOTALI N. 0

ISTANTANEA NAZIONALE: TORNANO A SALIRE I CONTAGI 

Sono 60.191 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 22.083.

Le vittime sono invece 184. Ieri erano state 130.

Sono 531.194 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 188.274. Il tasso di positività è all’11,3%, in calo rispetto al 11,7% di ieri. Sono invece 592 (610) i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 18 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 50. I ricoverati nei reparti ordinari sono 8.776 (8.989), ovvero 213 in meno rispetto a ieri.
Torna a salire nelle ultime 24 ore, dopo circa un mese e mezzo, il numero delle persone attualmente positive in Italia: sono 1.011.521, con un incremento di 3.161. [ansa]

Covid19 Basilicata: tre decessi e 486 guariti

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: tre decessi e 486 guariti. In regione positività al 18,6%. Sono tre i decessi: un paziente di Potenza, uno di Muro Lucano e uno di Tursi. I guariti sono 479, i nuovi contagi 535. Nel Metapontino: 16 a Bernalda, 11 a Montalbano Jonico, 6 a Nova Siri, 17 a Pisticci, 17 a Policoro, 4 a Rotondella, 17 a Scanzano Jonico, 4 a Tursi, 1 a Valsinni.

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 5/3 (dati 4/3)

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 4 marzo, sono state effettuate 752 vaccinazioni.
A ieri sono 467.338 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 438.117 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,2 per cento) e 340.933 (61,6 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.246.400 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). In totale sono 91 le persone ricoverate: 52 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 39 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui nessuno in terapia intensiva. Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 2.883 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 548 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 486 guarigioni. Inoltre, è stato registrato il decesso di 3 persone: 1 residente a Muro Lucano, 1 residente a Potenza e 1 residente a Tursi.

Le principali notizie sulla pandemia in Basilicata nella categoria dedicata

 

ISTANTANEA NAZIONALE: CONTINUANO A CALARE I CONTAGI

Sono 38.095 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.
Ieri erano stati 41.500. Le vittime sono invece 210 (ieri erano state 185). Sono 12.948.859 gli italiani contagiati dal Covid dall’inizio della pandemia, secondo i dati del ministero della Salute. Gli attualmente positivi sono 1.023.787, in calo di 17.675 nelle ultime 24 ore, mentre i morti totali salgono a 155.609. I dimessi e i guariti sono 11.769.463, con un incremento di 55.818 rispetto a ieri. Sono 388.836 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 431.312. Il tasso di positività è al 9,8%, praticamente stabile rispetto al 9,6% di ieri. Sono invece 625 (ieri 654) i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 29 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 31. I ricoverati nei reparti ordinari sono 9.297 (ieri 9.599), ovvero 302 in meno rispetto a ieri.

Continua la discesa dell’incidenza settimanale dei casi di Covid-19 a livello nazionale: 433 ogni 100.000 abitanti (25/02/2022-03/03/2022) contro 552 ogni 100.000 abitanti (18/02/2022 -24/02/2022) della scorsa settimana. Nel periodo 9 febbraio 2022-22 febbraio 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è invece stato pari a 0,75 (range 0,67-0,96), al di sotto della soglia epidemica, rispetto allo 0,73 della scorsa settimana. Lo evidenzia il monitoraggio settimanale ministero della Salute-Istituto superiore di sanità [ansa]

 

Corte dei Conti Basilicata: rientro per 5.3 milioni di euro

in Cronaca

Corte dei Conti Basilicata: rientro per 5.3 milioni di euro. Corsia preferenziale alle frodi all’Unione Europea, sotto la lente finiranno anche i fondi destinati all’attuazione del Pnrr

 

Sotto la lente della magistratura contabile tutte le azione che hanno riguardato i fondi provenienti dall’Unione Europea e “le frodi” ad essi collegati. Ma il messaggio lanciato in questi giorni dai magistrati lucani, in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, è chiaro: i movimenti che riguarderanno i fondi legati al Fondo Nazionale di Ripresa e Resilienza saranno oggetto di osservazione proprio per scongiurare frodi. Quanto al lavoro svolto nel 2021: “il rientro nelle casse pubbliche grazie alla vigilanza sull’attività di esecuzione delle sentenze ammonta a 5,3 milioni di euro. Come osservato:  “un netto balzo in avanti rispetto al corrispondente dato più significativo del 2020 (598.747,76)”. I numeri si riferiscono  ai dati diffusi da Vittorio Raeli, procuratore regionale della Corte dei Conti.

Nella parte conclusiva della sua relazione, il procuratore ha scritto: “Non può che ribadirsi, in questa sede, quanto già affermato lo scorso anno circa l’impegno della Procura regionale, che da due anni rappresento, a combattere i fenomeni di mala gestio delle risorse pubbliche ed a perseguire l’obiettivo della legalità finanziaria, con la certezza di poter contare sull’indispensabile ausilio di tutto il personale magistratuale ed amministrativo, di tutte le forze di Polizia e di tutti i pubblici funzionari ed impiegati che abbiano a cuore il bene pubblico.

Raccogliendo l’invito del Procuratore Generale di orientare prioritariamente l’azione di responsabilità erariale verso quelle fattispecie dannose che afferiscono agli obiettivi e ai progetti di ripresa, ricompresi nel Piano nazionale di Resistenza e Resilienza (PNRR) in corso di definizione, ho adottato la Direttiva per l’esercizio dell’azione erariale nel presente anno in senso conforme.

Non è il tempo, infatti, come giustamente osservato dal Procuratore Generale, di sprecare energie e risorse per fattispecie di scarsa rilevanza economica.

 

Covid19 Basilica: 3 nuovi decessi e 532 guarigioni

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilica: 3 nuovi decessi e 532 guarigioni. Nelle ultime 24 ore processati 2.707 tamponi (molecolari ed antigenici) di cui 494 sono risultati positivi

Vaccinazioni e test Covid-19, aggiornamento del 4/3 (dati 3/3)

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 3 marzo, sono state effettuate 522 vaccinazioni. A ieri sono 467.304 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,5 per cento), 437.943 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (79,2 per cento) e 340.238 (61,5 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.245.491 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane). In totale sono 95 le persone ricoverate: 53 nell’ospedale San Carlo di Potenza, di cui 1 in terapia intensiva, e 42 nell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui nessuno in terapia intensiva.
Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 2.707 tamponi (molecolari ed antigenici) per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 494 sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 532 guarigioni. Inoltre, è stato registrato il decesso di 3 persone: 1 residente a Picerno, 1 residente a Teana e 1 residente a Pisticci.

Nella categoria dedicata le principali notizie sulla pandemia Covid19 in Basilicata

ISTANTANEA NAZIONALE: CONTINUA LA DISCESA DEI CASI

Continua la discesa dell’incidenza settimanale dei casi di Covid-19 a livello nazionale: 433 ogni 100.000 abitanti (25/02/2022-03/03/2022) contro 552 ogni 100.000 abitanti (18/02/2022 -24/02/2022) della scorsa settimana.

Nel periodo 9 febbraio 2022-22 febbraio 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è invece stato pari a 0,75 (range 0,67-0,96), al di sotto della soglia epidemica, rispetto allo 0,73 della scorsa settimana.
Lo evidenzia il monitoraggio settimanale ministero della Salute-Istituto superiore di sanità.

La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in leggera diminuzione (16% contro il 18% della scorsa settimana). È in aumento la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (35% contro il 33%), come anche quella dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (49% contro il 48%).

Il tasso di occupazione per pazienti Covid nei reparti di aree mediche a livello nazionale è al 14,7% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 3 marzo) rispetto al 18,5% (rilevazione Ministero della Salute al 24 febbraio) della settimana precedente. Il tasso di occupazione dei reparti di area medica scende dunque sotto la soglia di allerta del 15% per la prima volta dallo scorso 23 dicembre, quando era stato pari al 13,9% .
Il tasso di occupazione in terapia intensiva è invece al 6,6% (rilevazione giornaliera Ministero Salute al 3 marzo) rispetto all’8,4% (rilevazione Ministero al 24 febbraio) della settimana precedente [Ansa]

Torna su