Archivio tag

ater

Ater: 9 milioni per le case popolari

in Politica

Ater: 9 milioni per le case popolari. Di questi fondi 1,2 milioni di euro circa vanno ad aggiungersi ai 6,5 milioni di euro già stanziati

 

La Giunta regionale ha approvato il Programma di reinvestimento 2021 da destinare a nuove costruzioni e a manutenzione e alla rifunzionalizzazione del patrimonio di alloggi esistente

Circa 9 milioni di euro per il Programma di reinvestimento da destinare a nuove costruzioni e ad interventi sul patrimonio esistente dell’Ater: di questi fondi 1,2 milioni di euro circa vanno ad aggiungersi ai 6,5 milioni di euro già stanziati e riprogrammati per la costruzione di una cinquantina di nuovi alloggi a Melfi (per un totale di 7,6 milioni di euro) e un milione e 555 mila euro saranno investiti per recupero e adeguamento immobili da assegnare a famiglie nei comuni dove ci sono importanti esigenze abitative. È quanto stabilito dalla giunta regionale, che nella seduta odierna ha approvato – su proposta dell’assessore ad Infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra – un programma integrativo per l’utilizzo dei proventi derivanti dalla vendita di alloggi. Il provvedimento sarà trasmesso in Consiglio regionale per la definitiva approvazione. “Si tratta di provvedimento complesso ed ambizioso – ha evidenziato l’assessore – che segna anche un cambio di rotta nella gestione delle attività dell’Ater, che condividerà comune per comune le strategie di intervento per sanare il disagio abitativo. A Melfi, con quattro interventi in località Valleverde, si daranno finalmente risposte a più di 50 famiglie. Ai 6,5 milioni di fondi Europei assentiti si sono aggiunti 1,2 milioni di euro che ancora mancavano per avviare il programma di costruzione. Per ultimo – ha detto ancora Merra – riprogrammiamo un ulteriore finanziamento di un milione e 550 mila euro circa, per interventi sul patrimonio di Edilizia residenziale pubblica (Erp) esistente, in termini di manutenzione, rifunzionalizzazione e adeguamento funzionale degli alloggi attualmente liberi: dopo una attenta analisi dello stato del patrimonio a disposizione dell’ente, finalmente nei comuni in cui c’è bisogno e dove ci sono famiglie e cittadini in attesa di alloggio si potranno dare nuove importanti concrete risposte”.

La proposta: superbonus 110% per alloggi Ater

in Economia

La proposta: superbonus 110% per alloggi Ater. L’idea è stata lanciata  dalla Sezione Edili di Confapi Matera

In tal modo, inoltre – precisa il presidente degli Edili – si potrebbe incentivare anche il criterio della territorialità, in modo da interessare tutti i comuni e, di conseguenza, le imprese e i professionisti locali.

Il presidente della Sezione Edili di Confapi Matera, Mario Bitonto (nella foto), ha inviato una nota all’amministratrice unica dell’ATER di Matera, Lucrezia Guida, per proporre interventi col Superbonus 110%. Come è noto – sottolinea il dott. Bitonto – gli interventi per la riqualificazione energetica degli edifici, usufruendo dei benefici fiscali, stanno diventando strategici sia negli investimenti di iniziativa privata, sia nelle finalità pubbliche di valorizzazione del patrimonio immobiliare degli Enti di edilizia residenziale pubblica e sociale.

Per questo motivo, nell’interesse delle imprese associate che operano nel settore, ma anche nell’interesse generale della pubblica amministrazione e della collettività, la Sezione Edili chiede all’ATER di valutare la possibilità di emanare un avviso pubblico – sulla falsariga di quanto fatto in altre regioni – finalizzato alla ricezione di proposte di iniziativa privata (partenariato pubblico-privato) per specifici interventi da eseguirsi sul patrimonio immobiliare dell’ATER, con la fruizione dei benefici fiscali.

In tal modo, inoltre – precisa il presidente degli Edili – si potrebbe incentivare anche il criterio della territorialità, in modo da interessare tutti i comuni e, di conseguenza, le imprese e i professionisti locali.

Il Superbonus 110%, infatti, può essere fruito anche dagli Enti di edilizia residenziale pubblica e sociale per interventi di efficienza energetica realizzati su immobili di loro proprietà ovvero gestiti per conto dei comuni, che sostengono le spese per l’esecuzione dei predetti interventi. Si tratta cioè di recupero o restauro delle facciate degli edifici, riqualificazione energetica, riduzione del rischio sismico, installazione di impianti solari fotovoltaici e infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici.

Alle imprese aggiudicatarie delle gare saranno trasferiti i benefici fiscali di cui al Superbonus 110% nella forma della cessione del credito d’imposta.

Segui ilMet su Instagram

In Basilicata 257 interventi Superbonus 110% per €66 milioni

Torna su