Archivio tag

acqua

Bonus Idrico: prime erogazioni in arrivo

in Economia

Bonus Idrico: prime erogazioni in arrivo. In 10.000 hanno superato i controlli e, nei prossimi giorni, riceveranno le prime erogazioni in bolletta.

In 10 mila hanno superato i controlli e, nei prossimi giorni, riceveranno le prime erogazioni in bolletta per un importo complessivo di circa 1 milione di euro, mentre il numero di richieste per ottenere il Bonus Idrico ad Acquedotto Lucano veleggia verso le 40 mila. Acquedotto Lucano ribadisce che, per ottenere il beneficio, varato dalla Regione Basilicata, bisogna soddisfare solo tre requisiti: residenza in regione, un contratto di fornitura idrica attivo con tariffa per uso domestico residente e l’indicatore Isee della famiglia inferiore a 30.000 euro.

Il modulo si può scaricare dal sito internet di AL, compilarlo e inviarlo via mail (insieme alla copia di un documento d’identità valido).

Circa 2.000 utenti si sono visti respingere la richiesta perché non hanno superato i controlli INPS. Il motivo è semplice: dopo aver ricevuto la domanda da parte dell’utente, Acquedotto Lucano effettua una verifica sulla sua situazione reddituale rivolgendosi all’Inps. Se l’utente non ha preventivamente fatto richiesta all’Inps dell’Isee, l’istituto non avrà dati da comunicare e, dunque, l’iter per il Bonus Idrico s’interromperà con esito negativo.

L’Isee – ricorda la società – è l’indicatore utile a valutare e confrontare la situazione economica delle famiglie che intendano richiedere una prestazione sociale agevolata. In ogni caso, l’utente non dovrà allegare nulla alla domanda che riguardi l’Isee poiché, la dichiarazione relativa alla situazione Isee, è contenuta già nel modulo. La precisazione è opportuna avendo constatato qualche incertezza da parte degli utenti.

“Sono molto soddisfatto – dichiara l’amministratore unico della società, Alfonso Andretta – del funzionamento dell’imponente macchina organizzativa messa in piedi per essere in grado di accogliere un numero rilevante di richieste e che ci ha consentito di erogare, in pochissimo tempo, un primo numero rilevante di Bonus. Ovviamente siamo a disposizione di tutti gli utenti, per risanare situazioni che rendono le istanze non conformi all’accesso del beneficio. Questa è sicuramente un’ottima occasione per rinsaldare il legame tra i cittadini, fruitori del servizio, ed Acquedotto Lucano”.

 

foto da PX

Basilicata e bonus acqua: circa 14mila domande

in Economia

Basilicata e bonus acqua: circa 14mila domande. Si può usare lo sportello online. Fra i requisiti Isee inferiore a 30mila euro

 

RICHIESTE DA RECORD PER IL BONUS IDRICO:
CIRCA 14.000 DOMANDE DA PARTE DEI CITTADINI DELLA BASILICATA
E SI PUÒ USARE ANCHE LO SPORTELLO ONLINE

Già quattromila famiglie hanno regolarizzato la propria posizione per usufruire del sussidio regionale

Circa ottomila domande (7.943 per la precisione) giunte via email, 3.993 arrivate con la Posta elettronica certificata, 777 inviate attraverso lo Sportello OnLine, per non parlare delle richieste portate a mano negli uffici di Acquedotto Lucano: 935. In totale arriviamo, nella prima settimana utile per richiedere il Bonus Idrico Regionale, a 14.000 istanze.
Decisamente numeri da record per il sussidio voluto dalla Regione Basilicata che garantisce sconti sulla bolletta dell’acqua.
D’altronde, da parte di Acquedotto Lucano sono stati previsti molteplici canali di richiesta (appunto mail, Pec, consegna a mano, posta ordinaria) proprio per garantire un accesso multicanale agli aventi diritto. A queste possibilità si è subito aggiunto lo Sportello OnLine, il servizio attraverso il quale ogni utente può già gestire qualsiasi richiesta relativa alla fornitura idrica. Basta registrarsi per accedere al SOL e poi l’iter diventa semplicissimo (non c’è bisogno neanche del documento d’identità necessario invece negli altri casi).

Ricordiamo che per ottenere il Bonus Idrico bisogna soddisfare tre requisiti: residenza in Basilicata, un contratto di fornitura idrica attivo con tariffa per uso domestico residente, l’indicatore Isee inferiore della famiglia inferiore a 30.000 euro.

È sufficiente scaricare il modulo dal sito internet di AL, compilarlo e inviarlo via mail (insieme alla copia di un documento d’identità valido), oppure ritirarlo in una delle 18 sedi di Acquedotto Lucano in Basilicata e portarlo a mano una volta compilato.
Informazioni su www.acquedottolucano.it o chiamando il numero verde 800 99 22 92.

E c’è un’altra buona notizia: in questi primi giorni circa quattromila cittadini lucani si sono rivolti agli uffici di Acquedotto Lucano e oltre cinquemila al Contact Center per regolarizzare la propria posizione: condizione indispensabile per poter usufruire del Bonus Idrico.

«E’ un grande successo, quello del Bonus Idrico – dichiara l’Amministratore Unico di Acquedotto Lucano, Alfonso Andretta – Sono molto soddisfatto che stia funzionando la notevole macchina organizzativa messa in piedi, per ricevere la domanda, segno della facilità d’uso a cui abbiamo informato il meccanismo di richiesta. Siamo ovviamente a completa disposizione degli utenti per aiutarli non solo a presentare la domanda ma anche a sanare le situazioni difformi. Un’ottima occasione per rinsaldare il legame fra i cittadini e l’azienda».

 

(Foto archivio, non si riferisce al fatto descritto nel comunicato stampa)

Regione Basilicata: “Dopo il gas anche la bolletta dell’acqua sarà più leggera”

in Politica

Regione Basilicata: “Dopo il gas anche la bolletta dell’acqua sarà più leggera”. Via libera alla realizzazione di impianti fotovoltaici da 50 megawatt

 

Latronico: “Dopo il bonus gas e il bando non metanizzati, adesso tocca all’acqua”

L’assessore all’Ambiente annuncia il via libera alla realizzazione di impianti fotovoltaici da 50 megawatt, che copriranno i due terzi dei consumi energetici del servizio idrico. Grazie all’abbattimento dei costi di AL sarà possibile ridurre la bolletta dell’acqua alle famiglie lucane

 

“Con la delibera di indirizzo approvata in giunta regionale, abbiamo dato il via libera alla realizzazione di impianti fotovoltaici da 50 megawatt che a regime andranno a coprire i due terzi dei consumi energetici del servizio idrico lucano. Quando questi impianti saranno realizzati, insieme a quelli già in fase di esecuzione da parte di Acquedotto Lucano, avremo un abbattimento del 90% delle emissioni di Co2 e potremo avere il sistema idrico integrato più ‘sostenibile’ d’Italia. Con i soldi del petrolio stiamo facendo la vera transizione energetica. E questa volta la transizione energetica comporta anche un vantaggio per i cittadini: abbattendo i costi energetici di Acquedotto lucano, potremo garantire un risparmio notevole in bolletta a tutte le famiglie lucane con Isee inferiore a 30.000 euro, stiamo parlando di 70.000 nuclei familiari residenti in Basilicata. Dopo il bonus gas e il bando non metanizzati, adesso tocca all’acqua. E un domani, se il governo accoglierà la nostra proposta sulle compensazioni ambientali anche per gli impianti da energia rinnovabile, potremo dare un beneficio anche nella bolletta della luce. Le risorse del territorio lucano devono essere a vantaggio dei lucani”. È quanto dichiara l’assessore all’Ambiente, Territorio ed Energia della Regione Basilicata, Cosimo Latronico.

 

[Foto archivio, non si riferisce al fatto descritto nel comunicato stampa]

Riunito in Regione il tavolo tecnico permanente “Acqua”

in Politica

Riunito in Regione il tavolo tecnico permanente “Acqua”. Era presente il Commissario straordinario dell’Eipli, Giuseppe Decollanz

 

“Il governo regionale guarda con particolare attenzione alla gestione della risorsa acqua che ha una grande funzione non solo per la soddisfazione dei bisogni primari ma anche per le ricadute che può avere sul piano economico e sociale. Seguiamo, perciò, con grande interesse l’azione che il governo nazionale sta sviluppando intorno a questo tema e, in particolare, le modalità di calcolo delle tariffe che dovranno risultare eque e sostenibili”. Lo ha detto il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, a margine della riunione del tavolo tecnico permanente “Acqua” riunito alla presenza del Commissario straordinario dell’Eipli, Giuseppe Decollanz, accompagnato dall’avv. Giuseppe Giuzio. Presenti all’incontro l’assessore regionale all’Ambiente Cosimo Latronico, il capo di Gabinetto Michele Busciolano, il direttore generale Roberto Tricomi, il coordinatore della Struttura di missione Pnrr Gianpiero Perri, e i vertici di Acquedotto Lucano, Sel ed Egrib, Alfonso Andretta, Luigi Modrone e Canio Santarsiero. Il tavolo riunisce tutti i soggetti che a livello regionale, a diverso titolo, intervengono sul tema delle risorse idriche. In particolare, attraverso il coordinamento di tutti i soggetti istituzionali preposti si vuole giungere ad una comune visione strategica che, superando la frammentazione delle competenze, sia funzionale all’efficientamento della rete e del servizio. Nella riunione con il contributo degli enti che a livello nazionale hanno la responsabilità della gestione della risorsa si è discusso delle attività e dei progetti messi in campo da Acque del Sud, della mitigazione della tariffa e della valorizzazione della risorsa. “Nel prossimo futuro – ha evidenziato l’assessore Latronico – si annunziano grandi investimenti per accrescere la capacità di invaso, per efficientare gli schemi idrici, ammodernare le reti garantendo il giusto riequilibrio territoriale. In questi mesi – ha continuato – abbiamo lavorato per riconvocare, dopo anni, il Comitato di coordinamento dell’Accordo di programma di Puglia e Basilicata, che gestisce in via esclusiva la risorsa idrica tra le due regioni. Con il risultato che alla Basilicata è stata riconosciuta una quota di compensazioni ambientali”.

Decollanz, inoltre, ha evidenziato la centralità della Basilicata per Acque del Sud, che, ha sottolineato, “lavorerà sicuramente nell’ottica di valorizzare la risorsa idrica della regione, che è il cuore pulsante del progetto, molto ambizioso, che stiamo portando avanti. La stessa potenzialità energetica dei bacini di competenza di Acque del Sud sarà un asset importante del nuovo piano industriale con ricadute per il ciclo dell’acqua e per la sostenibilità della tariffa”, ha concluso Decollanz.

Bollette acqua: contributi a famiglie disagiate

in Economia

Bollette acqua, bando Egrib per contributi a famiglie disagiate. La misura riguarda la fornitura per uso domestico 2019 – 21

Bardi: “Un aiuto concreto per le famiglie in difficoltà e per un bene essenziale per la vita delle persone quale è l’acqua”; Santarsiero: “Preservare, a maggior ragione in una fase di emergenza come quella attuale, la fruizione di un servizio indispensabile”. Sul sito web dell’Ente di Governo per i Rifiuti e le Risorse Idriche di Basilicata, è stato pubblicato il nuovo Bando “rivolto ai nuclei familiari che versano in condizioni di disagio economico per ottenere un contributo sui costi sostenuti, per la fornitura di acqua ad uso domestico, relativi agli anni 2019-2020-2021”.

Le domande per ottenere questo beneficio dovranno essere presentate, entro il 31 maggio 2022, in forma esclusivamente telematica, attraverso i Centri di Assistenza Fiscale convenzionati con l’EGRIB, che forniranno un supporto gratuito per la redazione e l’invio.

Possono accedere al contributo, solo per le utenze associate alla prima casa, le famiglie residenti in uno dei Comuni della Basilicata che abbiano un indicatore ISEE per l’anno di riferimento non superiore a 10 mila euro (20 mila euro per i nuclei familiari con 4 o più figli a carico) e che siano in regola con i pagamenti delle fatture precedenti alla data di accesso al contributo. Sul sito dell’EGRIB si può consultare e scaricare l’avviso pubblico e le notizie sui CAF aderenti all’ iniziativa. Eventuali ulteriori informazioni, possono essere richieste telefonando al numero 09711932824. “Un aiuto concreto per le famiglie in difficoltà e per un bene essenziale per la vita delle persone quale è l’acqua – afferma il presidente della Regione Vito Bardi -. Un intervento in favore dei soggetti svantaggiati che il governo regionale ha inteso realizzare ampliando, rispetto ai bandi precedenti, l’ISEE massimo previsto per ottenere il beneficio e consentendo così ad un maggior numero di famiglie di poter partecipare. Si conferma anche così l’attenzione del governo regionale e degli enti preposti al governo delle risorse idriche, a partire dall’Egrib, per una corretta gestione della risorsa acqua e per politiche volte a migliorare il servizio idrico integrato. Politiche che siamo impegnati a proseguire – conclude Bardi -, per dare anche in questo campo una risposta chiara in termini di cambiamento dopo le deludenti gestioni del passato”.

“Grazie alle misure compensative previste dalla legge regionale n. 5/2015, finalizzate al contenimento del costo dell’acqua potabile per i titolari delle utenze ricadenti nel territorio regionale – afferma l’amministratore unico dell’EGRIB Canio Santarsiero -, la Giunta regionale ha inteso confermare lo sconto in bolletta alle famiglie lucane che versano in condizioni di disagio economico. Una misura tesa a preservare, a maggior ragione in una fase di emergenza come quella attuale, la fruizione di un servizio indispensabile”.

(foto archivio)

 

 

Acque torbide Nova Siri, Rosa chiede intervento

in Cronaca

L’assessore all’Ambiente ed energia della Regione Basilicata, Gianni Rosa, con una formale comunicazione ha chiesto al commissario dell’Arpab, Michele Busciolano, e all’amministratore unico del Consorzio di bonifica, Giuseppe Musacchio, di intervenire con urgenza a Nova Siri marina per verificare le condizioni delle acque interessate da fenomeni di intorbidimento, come riscontrato attraverso segnalazioni fotografiche giunte dal territorio.

“L’attenzione del governo Bardi sui temi ambientali continua a essere massima anche in questo periodo di emergenza sanitaria. La tempestività – sottolinea Rosa – è fondamentale per ristabilire l’equilibrio naturale di fronte a episodi anomali che meritano un approfondimento, come quello emerso nei giorni scorsi a Nova Siri. Siamo alle porte della stagione turistica e faremo quanto è necessario per mettere nelle migliori condizioni chi opera nel settore in quella porzione territoriale strategica per tutta la regione. Alle penalizzazioni legate alla pandemia – conclude l’assessore – non se ne aggiungeranno altre per gli imprenditori”.

foto illustrativa, non si riferisce al fatto riportato nell’articolo

Giornata mondiale dell’acqua, Acquedotto Lucano propone rassegna d’arte sul web

in Cultura

Si conclude con le opere ingegneristiche dell’Acquedotto dell’Agri e del serbatoio pensile di Metaponto

Domenica 22 marzo ricorre la Giornata Mondiale dell’Acqua istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 che, per il 2020 si incentra su tre temi fondamentali : “We cannot afford to wait.
Water can help fight climate change. Everyone has a role to play ”, ovvero “Non possiamo permetterci di aspettare L’acqua può aiutare a combattere i cambiamenti climatici. Ognuno di noi ha un ruolo da svolgere”. Si riprende così un tema già lanciato nel corso dell’anno 2019, ovvero quello di garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua attraverso il contributo di ciascun cittadino nella salvaguardia della risorsa vitale per il nostro pianeta, soprattutto considerando la stretta correlazione esistente tra i cambiamenti climatici e l’acqua. “Diventa sempre più indifferibile la necessità che noi tutti diventiamo parte attiva nel preservare il futuro della nostra risorsa più preziosa che, purtroppo, anche a causa dei cambiamenti climatici comincia a scarseggiare”, afferma l’amministratore unico di Acquedotto Lucano Spa Giandomenico Marchese. “Soprattutto in questo delicato momento emergenziale che coinvolge il mondo intero- prosegue Marchese- occorre che tutti
mettano in campo azioni a tutela dell’acqua, in primo luogo attraverso un più attento utilizzo della stessa, cominciando a non sprecare la risorsa utilizzandola in maniera oltremodo responsabile”. Acquedotto Lucano celebra questa Giornata con una iniziativa per la fruizione digitale e creativa, permettendo agli utenti di restare a casa, in questo momento in cui il Paese deve fronteggiare l’emergenza del Covid-19, e cogliere così l’occasione per parlare di acqua frequentando il linguaggio dell’arte e della bellezza, servendosi delle opportunità offerte dal web. L’acqua, infatti, oltre ad essere l’elemento naturale intorno al quale ruota la vita di ogni essere vivente, è anche uno degli elementi interpretativi più forti nella letteratura, nell’architettura, nell’arte. Nelle diverse epoche e nelle varie espressioni artistiche, l’acqua è sempre stata fonte inesauribile di interpretazioni e rappresentazioni. Acquedotto Lucano propone una rassegna di opere d’arte che hanno l’acqua come elemento centrale, e una selezione di letture fruibili in questi giorni gratuitamente. Si inizia con Talete – indicato come il primo filosofo della storia del pensiero occidentale che iniziò la ricerca del “principio”, identificato nell’acqua, da cui tutte le cose si sarebbero generate – e si prosegue con un libro di esperimenti per i più piccoli. Nella carrellata di opere ispirate all’acqua, c’è spazio per i dipinti di Giotto, Botticelli e van Gogh; per le torri dell’acqua di Bernd e Hilla Becher e per l’installazione di Bill Viola al Guggenheim; si conclude con le opere ingegneristiche dell’Acquedotto dell’Agri e del serbatoio pensile di Metaponto. La rassegna di arte e letture digitali è fruibile dal sito internet www.acquedottolucano.it e
dalla pagina facebook istituzionale.
www.acquedottolucano.it/campagne-ed-eventi/giornata-mondiale-dellacqua-2020

Sorgente Frida, migliora la torbidità: nel pomeriggio previsto il ripristino normale dell’erogazione

in Cronaca

La tregua delle precipitazioni meteoriche a partire dalla tarda serata di ieri, ha consentito un graduale miglioramento dei valori di torbidità delle sorgenti del Frida in agro di San Severino Lucano. In queste ore i tecnici di Acquedotto Lucano stanno verificando costantemente il trend dei valori di torbidità per consentire la graduale reimmissione, nello schema di adduzione principale, delle varie scaturigini di cui si compone la sorgente.

Si ipotizza un ripristino della normale erogazione entro il pomeriggio di oggi, salvo imprevisti che verranno tempestivamente comunicati.

 

Torna su