“Con il brand Fragola Matera® si consolida il percorso della sostenibilità: un vero e proprio patto con la natura”

in Storie di Frutta

“Con il brand Fragola Matera® si consolida il percorso della sostenibilità: un vero e proprio patto con la natura”

SCANZANO JONICO. “La sostenibilità non è uno slogan ma un percorso: noi lo abbiamo avviato già 4 anni fa e anno dopo anno abbiamo aggiunto un tassello”, così Francesco Nicodemo, presidente della Frutthera Growers, organizzazione di produttori della Basilicata nata dall’esperienza trentennale del gruppo di lavoro, Nicofruit.

“Con il brand Fragola Matera® –  che racchiude la produzione di fragole dell’areale della provincia di Matera che si contraddistinguono per gusto, qualità, elevato grado brix e shelf life – possiamo dire di essere arrivati ad un punto importante del percorso: abbiamo istituito  la linea con packaging 100% compostabile, forti della consapevolezza che viene dagli studi condotti già dal 2014 nell’ambito del progetto Carbon Footprint”, ha detto Nicodemo che ha poi spiegato: “Gli studi svolti da Frutthera hanno messo in rilievo che, in quello che è il ciclo produttivo – dal campo allo scaffale – il momento più critico, e quindi più impattante in termini di emissioni atmosferiche, è quello del packaging. La nostra risposta è stata quella di abbattere totalmente, con il ridetto packaging,   quella criticità impiegando materiali che a fine vita diventano compost, cioè fertilizzante per la terra. Questa pratica rappresenta il nostro modo di attuare la raccolta differenziata e rafforzare il nostro  patto con la natura”.

Nicodemo, nello spiegare le pratiche agro-ecologiche accolte in azienda e rispettivi partner,  ha spiegato:  “Sostenibilità per noi è poi  l’impiego dei bombi che favoriscono l’impollinazione naturale, ma è anche il ricorso agli insetti utili capaci di annientare l’azione deleteria dei parassiti. L’idea di sostenibilità aziendale la applichiamo mediante l’utilizzo di coperture riciclabili negli impianti produttivi. L’impiego dell’acqua è razionalizzato grazie all’adozione di pratiche agricole, come le pacciamature,  che consentono di salvaguardare la preziosa risorsa idrica ed evitare gli sprechi”.

Francesco Nicodemo ha infine parlato di sostenibilità etica e sociale: “In tutti questi anni abbiamo stretto rapporti anche umani con i nostri collaboratori, la raccolta delle fragole è un lavoro molto artigianale, formiamo quindi i nostri lavoratori, pertanto abbiamo con loro rapporti consolidati nel tempo. Infatti c’è anche l’aspetto generazionale:  ci sono genitori  che hanno avviato al lavoro i figli e che oggi sono stabilmente occupati da noi”.

E, infine, quanto alla provenienza, ha spiegato: “Molta manodopera proviene dalla Basilicata e dalla Puglia;  altri collaboratori provengono dall’Africa e da Paesi dell’Est Europa.  Grazie al lavoro che hanno imparato a fare si sono stabilmente integrati in Italia. Per noi sostenibilità etica e sociale significa anche questo”.

 

Ultimi articoli in Storie di Frutta

Torna su