Il panettone artigianale più buono del mondo è quello di Domenico Lopatriello, artigiano di Montalbano Jonico

in Storie di Frutta

“Il panettone artigianale di Montalbano è ancora il più buono del mondo. E questo grazie al lavoro di un grande artigiano montalbanese come Domenico Lopatriello. Un traguardo che mi rende orgoglioso come sindaco di questa comunità”. Con queste parole il primo cittadino di Montalbano Jonico Piero Marrese ringrazia il pasticcere del comune jonico Lopatriello, che sabato e domenica scorsi ha conseguito a Roma una serie di riconoscimenti in occasione del concorso “Miglior Panettone del Mondo 2020”, promosso dalla Federazione Internazionale di Pasticceria, Gelateria e Cioccolateria (FIPGC). Lopatriello si è aggiudicato la medaglia d’oro per la categoria del miglior “Panettone Innovativo 2020”, con una ricetta tutta lucana, in cui sono stati miscelati ingredienti come zafferano di Ripacandida, albicocche del metapontino e cioccolato bianco. Inoltre, ha conquistato la medaglia d’argento per la categoria del “Panettone Classico 2020”, ed il prestigioso riconoscimento del “Certificato di Eccellenza”, rivolto a chi si è maggiormente distinto in questi anni nella propria comunità, e che gli è valso la nomina di “Maestro” per l’anno 2020. Alla manifestazione, svoltasi nella cornice del Cinecittà World, hanno partecipato 300 pasticceri circa provenienti da tutto il mondo, per una dura selezione che ha portato circa 100 panettoni alle finali della giornata conclusiva. E ancora una volta le creazioni artigianali del maestro montalbanese, titolare dal 2002 della pasticceria-laboratorio “Mirò”, sono salite sul tetto del mondo.

“Congratulazioni al nostro concittadino Domenico, che ringrazio a nome personale e di tutta la comunità – commenta il sindaco Marrese -. Un successo che esalta il lavoro e il metodo che da sempre il nostro concittadino porta avanti con passione e spirito di sacrificio, e che porta lustro in tutto il mondo alle produzioni del nostro territorio. L’augurio più bello che posso rivolgergli è quello di continuare nel suo progetto e dare sempre il massimo per raggiungere grandi soddisfazioni”.

Ultimi articoli in Storie di Frutta

Torna su