Elezioni comunali Scanzano Jonico 2024: Pasquale Cariello annuncia la sua ricandidatura

in Politica

 

Come è naturale che sia la situazione politica è nebulosa, tuttavia fervono le trattative.
In città di voterà l’8 e il 9 Giugno. La notizia certa è che Pasquale Cariello ci riprova con il progetto “Noi per Scanzano”

 

SCANZANO JONICO. Pasquale Cariello rompe gli indugi: è il primo ad annunciare la sua candidatura a sindaco di Scanzano Jonico e raggiunto telefonicamente ha lasciato intendere che la squadra è quasi al completo e che è probabile che nelle prossime ore convocherà una conferenza stampa.

Come noto, Cariello ha amministrato la città di Scanzano dal Giugno 2023 fino a gennaio 2024 quando ha avuto la maggioranza consiliare poi venuta meno quando tre dei suoi consiglieri eletti con Scanzano Rinasce sono di fatto usciti dalla compagine, hanno fondato nuovi gruppi consiliari e con le forze di minoranza hanno presentato le dimissioni facendo franare l’Amministrazione Cariello.

I PROGRESSISTI. Le indiscrezioni che circolano in città sono tante, non sono “notizie” ma ipotesi, e a parte la candidatura di Cariello che è certa, ciò che è possibile conoscere è che ci sono trattative in atto: Pd e Cinque Stelle sono insieme e in queste ore ha perso quota l’ipotesi che Forza Italia possa far parte dell’alleanza. Evidentemente ad incidere ci sono due fattori: i liberali si vedono molto minoritari in uno schema Pd e M5S e il fatto che Fratelli d’Italia sia chiaramente vicina e verosimilmente con Cariello accentua la posizione marginale di Forza Italia in uno schieramento (ipotetico) politicamente trasversale ma sbilanciato viste le diverse culture politiche.

Al tavolo con PD e M5S ci sarebbero i “civici” di estrazione centrista e liberale, facile intuire che stando così le cose il confronto fra le parti verte sul raggiungimento di una accordo sui programmi e sul nome dell’aspirante sindaco, probabilmente un esponente civico e terzo rispetto a Pd – dove Felicetta Salerno scalpita per una nuova candidature, e M5S.

Che dire, in vista di un campo allargato e “trasversale” Le rose se tali sono fioriranno.

I “DISSIDENTI” DI “SCANZANO RINASCE”. Quanto a Donato D’Amico, Giusy Altieri e Stefania Zuccarella, i tre consiglieri che ad un certo punto hanno abbandonato il progetto “Scanzano Rinasce” – e quindi lo stesso Cariello – non sembra che resteranno a guardare.
Certo, non appaiono più come un corpo unico, i tre diedero vita a “Impegno in Comune”, formazione nata in consiglio ma di cui non si hanno più notizie. Esperienza terminata? Lo scopriremo presto.
Da indiscrezioni, che tuttavia non trovano riscontro da parte della diretta interessata, sembrerebbe che Zuccarella sia orientata ad aprire alla corrente progressista, quindi dialogare con il Partito Democratico. Sarà vero? Le dinamiche dei prossimi giorni sveleranno anche questo aspetto.

Infine, il gruppo che faceva capo a Fabio Massimo Sgarrino, in consiglio comunale rappresentato dallo stesso Sgarrino e da Maria Dattoli, se per un verso non disdegna il dialogo con Pd M5S e altri civici, dall’altro pare abbia subito qualche emorragia interna, chi infatti ha sostenuto nel 2023 il progetto Patto Civico per Scanzano Jonico con aspirante sindaco proprio Sgarrino, sta cercando in queste ore nuove collocazioni.

Fra le tante domande possibili resta da chiedersi delle sorti politiche di Forza Italia: fuori dalla competizione o pronti a generare alleanze con chi non riuscirà (eventualmente) a trovare la sintesi con i diversi player in campo?

Nell’attesa di avere un quadro meno nebuloso di quello attuale  è opportuno ricordare che si voterà l’8 e il 9 Giugno, ancora pochi giorni per presentare le liste e assistere all’apertura del mese dei comizi elettorali.

 

[Ultima modifica ore 18.46 del 3 Maggio 2024]

Ultimi articoli in Politica

Torna su