Impegno in Comune Scanzano Jonico: “solo selfie e feste di paese: zero proposte”

in Politica

Impegno in Comune Scanzano Jonico: “solo selfie e feste di paese: zero proposte da sindaco e giunta”. Era atteso l’intervento social del gruppo dei tre consiglieri, Stefania Zuccarella (capogruppo), Giusy Altieri e Donato D’Amico, i tre eletti con Scanzano Rinasce, la lista del sindaco e che poi hanno dato vita al gruppo Impegno in Comune Scanzano Jonico. Hanno spiegato le loro ragioni in un contributo video postato sui canali social ufficiali del gruppo.

Di seguito un estratto delle dichiarazioni rilasciate dai consiglieri.

STEFANIA ZUCCARELLA

“Siamo stati esclusi dalla maggioranza e per questo abbiamo creato il nostro gruppo per tutelare la nostra immagine e il nostro ruolo”, è un autentico fiume in piena Stefania Zuccarella, capogruppo di Impegno in Comune Scanzano Jonico.

“Il sindaco ha tentato in ogni modo di distruggerci, perseguitando il consigliere D’Amico tentando di umiliarlo senza riuscirci per sei mesi. Poi è andato a bussare a entrambe le minoranze per tentare di sostituire un assessore e il presidente del consiglio (Giusy Altieri occupa il ruolo, ndr). Il sindaco sostiene che non abbiamo fatto proposte ma non dice che quelle che abbiamo fatto sono state da lui osteggiate”. Non scarichi le colpe su altri ma si assuma la responsabilità di quanto accaduto. Lui ha creato il problema e lui lo deve risolvere. Il sindaco ha fatto zero proposte per il paese forse perché impegnato con la sua giunta a fare selfie e feste di paese”.

GIUSY ALTIERI

“Noi di Impegno in Comune non abbiamo mai sfiduciato il sindaco. Abbiamo sempre garantito il nostro supporto  alla maggioranza. Ci siamo sempre sentiti di maggioranza ma evidentemente il sindaco non ci ha mai ritenuto tali. Invece di cercare un confronto con noi ha cercato un confronto con le minoranze.

La sua aspirazione è naufragata contro la serietà e l’intransigenza dei gruppi di minoranza che non hanno accettato l’inciucio”.

“Il sindaco ha tentato di barattare la mia carica offrendola ai consiglieri di minoranza. Non ho mai ritardato la convocazione dei consigli e gli atti lo certificano”

“Quanto agli stipendi dei dipendenti comunali, ricordiamo al sindaco che i mandati saranno eseguiti regolarmente nei prossimi giorni. Le spese del personale sono nel bilancio di previsione che viene approvato a inizio anno”.

Sulla variazione di bilancio e sul bilancio consolidato, Altieri ha spiegato: “abbiamo votato contro perché mancavano i documenti, ci sono quindi in ballo responsabilità penali e amministrative. Non votiamo a scatola chiusa. Non siamo utili idioti che alzano la mano, siamo consiglieri consapevoli delle azioni che determiniamo”.

 

DONATO D’AMICO

“Sono stato additato e perseguitato come grande evasore, quando ho chiesto agli uffici di rimodulare le mie cartelle ho dovuto versare oltre 100mila euro per difendere il mio ruolo di consigliere. Ho pagato più del doppio di quanto avrei dovuto corrispondere e ho chiesto che con altrettanta solerzia mi fosse restituito il 50%. Non ho mai avuto dal sindaco un gesto di solidarietà”.

 

L’INTERVISTA. Cariello: “A me interessano i progetti per Scanzano non le postazioni”

Ultimi articoli in Politica

Torna su