Il Glossario semiserio delle tentate elezioni comunali a Scanzano Jonico

in Politica

Il glossario semiserio delle “tentate”elezioni comunali dedicato agli scanzanesi che volevano un po’ di democrazia, un po’ di consiglio comunale, un po’ di sindaco e un po’ di normalità amministrativa. Insomma, in qualcosa bisogna pur credere e a qualcuno o a qualcosa bisogna affidarsi (v. Lettera L)
Questo “articolo” non è certo dedicato a chi, nell’ultimo mese, non ha mai sorriso. Non è dedicato a chi ha usato espressioni del tipo: “Stu ciuot ancor in giro sta” (Trad. Questo stupido è ancora vivo?). Sul “ciuot” la stima è reciproca. Sul resto non ci sono commenti. Viva la vita, sempre. E via i metodi mafiosi e chi li usa.
Un ringraziamento speciale per la collaborazione creativa agli amici di sempre: Antonio Fittipaldi, Michele Greco e Roberto Mele.

A: di “abuso edilizio” e “abuso d’ufficio” sono stati i concetti più ricorrenti della campagna elettorale di Scanzano Jonico.
B: di… Bari. A proposito: è tornato?
C: di Cariello “mister preferenza”. Dire che fa reparto da solo è poco, lui fa lista da solo.
D: di Durante. Proposta politica giudiziosa, molto europea e ecologica. La sua prima esperienza da aspirante sindaco che lo ha visto contrapposto a due ex sindaci. Un ottimo esordio il suo.
E: di Ermelinda Camerini, commissario del comune di Scanzano Jonico. Aveva già guidato la città in occasione dello scioglimento per presunte infiltrazioni mafiose.
F: di “Favemo, Favemo” [Verbo Fare]. La campagna elettorale e i suoi neologismi caricaturali e Ripoli ne sa qualcosa. “Favemo”, nell’universo semantico ripoliano, non è solo la prima persona del futuro semplice di fare ma è anche il modo per denunciare quella che secondo lui rappresenta l’insufficienza politica del consigliere regionale Cariello. [ps. Il consigliere ha la “erre alla francese”].
G: di Giovani. La parola è stata usata male più o meno in malafede. In Europa – perché anche Scanzano Jonico fa parte del ridetto continente – a 35 anni si è ministri non certo sindaci (o aspiranti tali) di piccoli paesini.
H: di h. Sì, purtroppo la vera grande assente in molti commenti “politici” scritti sul social.
I: di introvola tonz. Doppietta di Ripoli! Costrutto che dovrebbe descrivere chi vuole intorpidire l’acqua. Ovviamente ci affidiamo a Raffi per l’interpretazione autentica.
L: di Loris, perché in effetti molti, in questa campagna comunque da ricordare, si sono affidati alla bestia (in senso stretto)
M: di Morra. Se non hai pensato alla poetessa di Valsinni allora sei in malafede.
N: di Nicola Morra. Presidente della Commissione parlamentare antimafia, lo stesso che ha messo in discussione la “candidabilità” dell’aspirante sindaco Mario Altieri.
O: di “Ottocentocinquanta lire”. Le valuta delle imposte spesso rievocate sul palco da Mario Altieri.
P: di Perfetto. Hai letto altro? Se la tua risposta è sì allora sei un comunista.
Q: di Quorum. Scherzi a parte: la Lista Scanzano Rinasce ha totalizzato il 53%, quindi l’assemblea elettiva popolare, quella sovrana, ha deliberato. E’ giusto che, piaccia o meno, la squadra capitanata da Mario Altieri governi: ha la maggioranza assoluta. L’auspicio è che l’annunciato ricorso, che vede la collaborazione di un pool di avvocati lucani e pugliesi (Bari), trovi accoglimento nelle sedi opportune e che Altieri dimostri una volta per tutte la legittimità della sua candidabilità e passi così dalle promesse elettorali ai fatti.
R: di Riabilitazione. E’ l’altra parola che ha monopolizzato il dibattito politico cittadino. Ecco, la riabilitazione – per le pregresse condanne – è condizione necessaria per la candidabilità.
S: di Sante. A Scanzano quando dici “Sante” pensi ad altro. E guai a nominare il nome di Nino invano. Ma stavolta il riferimento è a Copponi, il nuovo Prefetto di Matera.

T: di Toro. La similitudine scelta da Pantano per descrivere il modo di parlare di un avversario. Di certo insidia il primato creativo di Ripoli in fatto di lessico ma l’ex sindaco non si batte.
U: di “Un po’ di lungomare, un po’ di turismo e un po’ di agricoltura”. E noi aggiungiamo: un po’ di chiarezza, un po’ di rispetto per la città e un po’ di candidabilità.
V: vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia, Pasquale Pepe. Nomen omen, ha dato un gusto diverso alla competizione elettorale.
Z: di “Zitti e buoni”. A Scanzano, come in tutto il mondo, se bruciano auto e magazzini ortofrutticoli non si deve dire “autocombustione” o “cortocircuito”. Si deve dire e scrivere mafia. A Scanzano, come nel resto del mondo, fare finta che nulla sia accaduto nell’ultimo decennio non è distrarsi. E’ omertà. E’ vero, Scanzano è anche altro: è quel popolo che lotta per difendere la terra dalle scorie, è la città con le fragole più buone e le acque del mare con balneabilità “eccellente” (fonte Ministero della Salute). Scanzano è anche il comitato spontaneo nato per dare il Natale 2021 ai legittimi titolari: i bambini. Non è questo il momento di stare zitti e buoni. E’ il momento di fare “casino” (nell’accezione buona del termine) nonostante tutto; come la stragrande maggioranza dei cittadini scanzanesi è abituata a fare lavorando duro e nella legalità civile e amministrativa.

 

Ultimi articoli in Politica

Torna su