Appalto rifiuti: “a Policoro vincono legittimità e trasparenza”

in Politica

Appalto rifiuti: “a Policoro vincono legittimità e trasparenza”. Il comune vince davanti al Consiglio di Stato, le 26 pagine della sentenza danno piena ragione al Comune di Policoro

Quello della gestione dei rifiuti solidi urbani è da sempre uno degli argomenti più spinosi degli Enti Locali. Negli ultimi anni, la Città di Policoro ha dovuto vivere un periodo difficile e controverso che ha avuto nelle scorse ore un epilogo importante a tutela dell’Ente e dei cittadini con grande soddisfazione dell’Amministrazione Comunale.

IL FATTO
La vicenda nasce dall’improvviso fallimento della ditta Tradeco, avvenuto nel 2018, da cui è scaturito un periodo in cui il Sindaco, Enrico Mascia, ha dovuto emettere ordinanze urgenti per consentire la pulizia ordinaria della città; città che, di fatto, non ha subìto disagi in termini di gestione quotidiana del servizio. Nel frattempo, gli uffici dell’Ente avviano un importante processo di conoscenza e mappatura del territorio, cresciuto per popolazione e per esigenze, tali da consentire una fotografia attualizzata della terza città lucana più grande per popolazione: il tutto affidato ad una delle migliori ditte in Italia specializzate nel settore della pianificazione ecosostenibile dei rifiuti, la Esper, che aveva già effettuato uno studio antecedente sul territorio di Policoro e a cui era stato richiesto un aggiornamento delle conoscenze già acquisite tramite l’elaborazione di un dettagliato piano industriale. Una fase complessa e articolata che ha un primo epilogo importante: il riconoscimento della conformità delle attività procedurali messe in campo dall’Ente, da parte del Ministero dell’Ambiente, intervenuto per chiarimenti resi in contraddittorio con l’Ente.

GLI APPALTI E LE VICENDE LEGALI
A ridosso del termine della fase dello studio del territorio l’Ufficio preposto del Comune avvia una gara-ponte finalizzata ad accompagnare il delicato momento amministrativo e di transizione. Terminata la fase di studio, l’Ente predispone anche gli atti complessi della principale procedura di gara della durata di 7 anni per un costo complessivo di oltre 20 mln di euro, a cui prendono parte ben 11 operatori economici provenienti da ogni parte d’Italia. Considerata la portata della procedura e considerata la delicatezza dell’argomento, il Comune di Policoro sceglie la strada della massima trasparenza per l’individuazione dei componenti della Commissione giudicatrice, completamente esterna, al fine della valutazione degli 11 progetti candidati sempre nel solco della più ampia trasparenza: trasmette 134 pec ad altrettanti Enti di Basilicata (Comuni e Regione) per acquisire la disponibilità di funzionari e dirigenti a prender parte alla Commissione giudicatrice. La sua composizione, infine, avviene mediante sorteggio delle istanze pervenute.
I tempi di espletamento delle due gare, i cui procedimenti amministrativi subiscono alcuni rallentamenti aggravati fortemente dalla pandemia che ha costretto la Commissione a lavorare da remoto in videoconferenza, si avvicendano in un lasso di tempo che ha visto entrambe le procedure giungere a conclusione; tale situazione costringe l’Ente a dover individuare il procedimento più idoneo e utile a perseguire l’interesse generale attraverso una decisione non facile oggettivamente perché molto complessa: procedere alla revoca della gara ponte ed aggiudicare quella principale.

Il concorrente primo classificato della gara-ponte, non vedendosi aggiudicare il servizio, decide di ricorrere al Tribunale Amministrativo di Basilicata, facendo avviare un lungo e complesso ricorso,

comprensivo anche della richiesta di annullamento dell’aggiudicazione della gara principale, all’esito del quale il TAR di Basilicata lo ritiene inammissibile, stante il cumulo delle domande così come proposte. Situazione, questa, che comporta, da parte dello stesso concorrente, l’avvio di un nuovo ricorso in appello presso il Consiglio di Stato dove il Comune di Policoro, ancora una volta, deve sostenere la sua posizione e difenderla anche in questa autorevole sede.

L’ESITO DEL CONSIGLIO DI STATO
Con Sentenza n.7537 del giorno 11.11.2021, l’organo supremo della Giustizia Amministrativa, a differenza di quanto sostenuto dal TAR di Basilicata, entrando nella disamina del merito delle due procedure di appalto ha riscontrato: la legittimità dell’aggiudicazione da parte del Comune di Policoro della gara principale; la legittimità da parte del Comune di Policoro della revoca della gara-ponte; l’infondatezza della richiesta da parte del concorrente sia del risarcimento del danno, sia della domanda di indennizzo.

Le 26 pagine della sentenza del Consiglio di Stato, di fatto, danno piena ragione al Comune di Policoro.

IL SINDACO MASCIA
“Uno stillicidio perpetrato per anni, fra accuse infamanti, pesanti insinuazioni, dubbi di legittimità, durante il quale gli uffici sono stati messi sotto pressione e l’intera Amministrazione ha subìto attacchi quanto meno ingiustificati. Sin dall’inizio conoscevamo la portata di una situazione tanto complessa quanto articolata, che ci siamo trovati a dover gestire con estrema urgenza per le delicate problematiche di igiene e sanità pubblica correlate evitando criticità, e solo grazie ad una strenua sinergia di tutta la macchina amministrativa, in particolar modo del Segretario Generale, dott. Andrea La Rocca, del legale dell’Ente, avv. Francesco Bello, e del Dirigente dell’Ufficio Tecnico, ing. Vincenzo Benvenuto, è stato possibile raggiungere un risultato così importante per l’Ente. Hanno vinto competenza, legittimità e trasparenza. Ha vinto la Città, esposta più volte ad una cattiva e fuorviante informazione e ad una consequenziale cattiva immagine che Policoro certo non merita”.

Nella categoria “Politica” le principali notizie del territorio e regionali relative al tema. Segui ilMet su Instagram

Ultimi articoli in Politica

Torna su