SìAmo Scanzano: il commissariamento un disastro annunciato per la città

in Politica

SìAmo Scanzano: il commissariamento un disastro annunciato per la città. La proposta: raccoglieremo le firme per chiedere l’istituzione di una struttura periferica e operativa della DIA (Direzione Investigativa Antimafia) in Basilicata e chiederemo che la sede sia a Scanzano

LA DIRETTA SOCIAL DELLA CONFERENZA STAMPA DEL 10|11|2021

Si è svolta questa mattina la conferenza stampa della lista SìAmo Scanzano nella sede del comitato elettorale nella città in cui si sono svolte le elezioni che hanno portato a un nulla di fatto – e al nuovo commissariamento –  perché ci sarebbero motivi ostativi alla candidabilità di Mario Altieri, il candidato sindaco della lista risultata vincente con maggioranza assoluta (53%). Altieri, infatti, ha annunciato l’intenzione di adire le vie legali affinché sia riesaminata nelle opportune sedi la sua posizione e la sua “riabilitazione” che a suo dire sarebbe in regola.  Nel corso della conferenza stampa, quando è stato affrontato il tema della legalità e il contesto sociale che ha determinato lo scioglimento del consiglio comunale per presunte infiltrazioni mafiose, Michele Di Tursi, aspirante consigliere ha rivendicato l’impegno della lista nel sostenere il tema.

“Lanciamo subito una proposta e una iniziativa: raccoglieremo le firme per chiedere l’istituzione della DIA (Direzione Investigativa Antimafia) in Basilicata e chiederemo che la sede sia a Scanzano. Vogliamo più istituzioni, più Stato, più legalità. Per fare uscire Scanzano dal vicolo cieco in cui è stata portata”, ha spiegato Di Tursi.  L’argomento ha sollecitato l’intervento di Giusy Rocco, componente della lista, che ha segnalato come nel corso degli appuntamenti elettorali il tema non è stato mai tralasciato.

L’aspirante sindaco Rocco Durante, nel suo intervento ha invece spiegato: “Politicamente ci preme dire che avevamo preannunciato il rischio del commissariamento e che il nostro appello al voto negli ultimi giorni era centrato proprio su questo. Votando la lista di Altieri si sarebbe andato verso un nuovo commissariamento e questo la città non può permetterselo. Perderemo tempo, risorse, e soprattutto la possibilità di accedere ai fondi e ai progetti del tanto sbandierato PNRR. Un disastro e una sconfitta per Scanzano.

Di questo disastro qualcuno dovrà prendersi la responsabilità sia politica che legale di aver fatto andare a vuoto una tornata elettorale, e di aver fatto candidare persone che hanno speso soldi e tempo inutilmente. Soprattutto chi sapeva e si è candidato ugualmente.

Durante ha poi aggiunto: “L’esperienza e il gruppo di SiAMO Scanzano non si esaurisce con questa elezione. Anzi, continueremo a lavorare di più e meglio, convinti della bontà delle nostre idee e azioni. Abbiamo da subito accettato il verdetto delle urne e fatto gli auguri a Mario Altieri dicendoci pronti a fare opposizione in Consiglio Comunale. Dopo due anni di commissariamento e dopo uno scioglimento per presunte infiltrazioni mafiose, avremmo voluto che Scanzano avesse un Sindaco votato e non un nuovo Commissario Prefettizio.

Non avremmo nemmeno accettato, come dichiarato, di subentrare come secondi alla guida del Comune. Noi al Comune ci andremo ma con il voto e la legittimità popolare.

Le Istituzioni hanno deciso e si sono pronunciate, noi da cittadini che credono nello Stato e nella legalità ci rimettiamo alle loro valutazioni, sentenze e provvedimenti con grande fiducia.
A Scanzano è stato decretato l’arrivo del Commissario Prefettizio nella persona della Dott.ssa Camerini, alla quale facciamo da subito gli auguri di buon lavoro e comunichiamo la nostra disponibilità a collaborare per il bene della nostra comunità”.

E, infine: “L’esperienza e il gruppo di SiAMO Scanzano non si esaurisce con questa elezione. Anzi. Continueremo a lavorare di più e meglio, convinti della bontà delle nostre idee e azioni”.

Ultimi articoli in Politica

Torna su