Covid19 Basilicata: 29 nuovi positivi

in Emergenza Covid-19

Covid19 Basilicata: 29 nuovi positivi. Sono invece21 i nuovi guariti. Nella giornata di ieri, sono stati processati 672 tamponi molecolari

La task force regionale comunica che nella giornata di ieri, 15 novembre, sono state effettuate 1.819 vaccinazioni. A ieri sono 434.969 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (78,6 per cento), 399.023 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (72,1 per cento) e 18.688 quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 852.680 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane).

Sempre nella giornata di ieri, sono stati processati 672 tamponi molecolari per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 29 (tra questi 28 relativi a residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Nella stessa giornata si sono registrate 21 guarigioni, di cui 20 relative a residenti in Basilicata. Il bollettino quotidiano con i dati riassuntivi consultabile collegandosi alla pagina web.

COVID19, ISTANTANEA NAZIONALE. ALLARME CONTAGI: MISURE PIU’ STRINGENTI

Sono 5.144 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 7.569. Sono invece 44 le vittime in un giorno. eri erano state 36. Sono 120.875 gli attualmente positivi al Covid in Italia, secondo i dati del ministero della Salute, 1.645 in più nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 4.865.260, i morti 132.819. I dimessi e i guariti sono invece 4.611.566, con un incremento di 3.510 rispetto a ieri. Sono 248.825 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 445.593. Il tasso di positività è al 2% (ieri era all’1,7%). Sono invece 475 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 17 in più rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri sono 41 (ieri 29). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.808, ovvero 161 in più rispetto a ieri.

Arriva l’ordinanza del ministero della Salute e del Mims per il contenimento del Covid nei trasporti e della logistica. Nelle grandi stazioni con gate di accesso ai binari (Milano Centrale, Firenze S.M.N., Roma Termini)

“è preferibile che il controllo della certificazione verde sia svolto a terra, prima della salita sul mezzo.

Qualora questo non fosse possibile, il controllo può essere effettuato dal personale insieme al controllo del biglietto di viaggio”, prescrive l’ordinanza che prevede anche che in caso di passeggeri che sui treni presentino sintomi riconducibili al Covid, la Polizia Ferroviaria e le Autorità sanitarie possono decidere di fermare il treno per procedere ad un intervento. Sui taxi e sui mezzi di trasporto non di linea, inoltre, è “opportuno evitare che il passeggero occupi il posto disponibile vicino al conducente” [ansa]

Ultimi articoli in Emergenza Covid-19

Torna su