Differenziata, a Taranto la comunicazione con “Inchiostro di Puglia”

in Economia

Differenziata a Taranto la comunicazione con “Inchiostro di Puglia”. Novità: la funzione “ingombranti” e la “bacheca del riuso”

Nuovi strumenti per una corretta raccolta differenziata a Taranto. Con l’applicazione “Riciclario” sono attive due preziose funzioni, tra le altre già disponibili, dedicate agli utenti: la prima è quella “Ingombranti”, che dà la possibilità ai cittadini di prenotare il ritiro gratuito degli ingombranti a casa. La nuova funzione si affianca al numero verde 800 013 739, attivo per lo stesso scopo. La seconda funzione è la cosiddetta “Bacheca del Riuso”, che offre all’utente la possibilità di disfarsi di un ingombrante semplicemente caricando una foto dell’oggetto sulla finestra digitale. In caso di feedback positivo da parte di un altro utente, l’azione si può chiudere in pochi e semplici passaggi. Riciclario è l’app che aiuta a migliorare le performance di raccolta differenziata, a ridurre la produzione dei rifiuti e a veicolare le informazioni. È un’applicazione innovativa pensata per aiutare i cittadini nella corretta gestione dei propri rifiuti. Aumenta l’efficacia dei servizi, permette di migliorare la qualità dei rifiuti differenziati e facilita la comunicazione tra cittadino, Comune di Taranto e azienda.

Kyma Ambiente, Comune di Taranto e Riciclario, in collaborazione con Inchiostro di Puglia, lanciano inoltre una simpatica campagna di comunicazione ambientale dedicata alla raccolta differenziata, ispirata alla saggezza popolare, che coinvolge emotivamente i cittadini. Attraverso l’utilizzo di modi di dire dialettali, riprodotti su 100 tavole che verranno affisse in apposite cornici sulle pensiline di Kyma Mobilità, l’obiettivo è quello di aiutare i cittadini a districarsi correttamente con la raccolta differenziata. Alla conferenza stampa di questa mattina nella sede di Kyma Ambiente a Paolo VI hanno partecipato il presidente Giampiero Mancarelli, l’assessore alle Partecipate e all’Ambiente Paolo Castronovi e la sales account manager di “Riciclario” Valentina Di Lauro.  «Con queste due nuove funzioni di “Riciclario” – ha commentato il presidente Mancarelli – offriamo ai cittadini la possibilità di prenotare via app il ritiro gratuito degli ingombranti a casa, evitando eventuali attese del numero verde. Maggiore interazione con i cittadini, quindi, migliorando inoltre il ventaglio dei servizi grazie alla “Bacheca del Riuso”. Questo strumento permette di disfarsi di un ingombrante, semplicemente caricando la foto dell’oggetto nella vetrina virtuale. Pochi passaggi intuitivi e pochi clic per completare l’operazione, in caso di interesse da parte di un altro utente. Con la campagna di comunicazione ambientale che coinvolge la pagina social “Inchiostro di Puglia”, vogliamo dare ai cittadini la possibilità di districarsi con la raccolta differenziata con il sorriso, sfruttando citazioni in vernacolo che possano arrivare a tutti. Fare la raccolta differenziata non è mai stato così semplice». «Il Comune di Taranto – ha spiegato l’assessore Castronovi – si è dotato di un nuovo strumento che consente ai cittadini non solo di effettuare correttamente la raccolta differenziata, ma anche di disfarsi degli ingombranti in pochi e semplici clic grazie all’applicazione “Riciclario”. L’amministrazione Melucci crede nella raccolta differenziata e nella possibilità di migliorare il servizio, grazie ai cittadini che saranno sempre più coinvolti e informati. E con le applicazioni “Ingombranti” e “Bacheca del Riuso” vogliamo dare una risposta efficace al fenomeno degli abbandoni: gli incivili non avranno più scuse».  «Siamo contenti di questa collaborazione con Kyma Ambiente – ha dichiarato Valentina Di Lauro -, e lo siamo anche per queste due funzioni fortemente volute dal presidente Mancarelli e dal Comune di Taranto. Consea e “Riciclario” sono dalla parte dell’ambiente, e offrono strumenti innovativi per una corretta raccolta differenziata».

 

Iniziativa digitale anche nel Metapontino, con APPolicoro, l’app sviluppata dal team di creativi Officine Creative

Ultimi articoli in Economia

Torna su