Cosa sapere prima di iniziare ad acquistare su uno shop online di cannabis light

in Economia

Sono tantissime le persone che iniziano da zero ad approcciarsi al mondo della cannabis light e a familiarizzare con gli shop online dedicati. Nel momento in cui si chiamano in causa queste situazioni, è necessario sottolineare alcune cose che è bene sapere nel momento in cui si comincia a utilizzare i siti sopra citati.

Gli e-commerce di cannabis light sono perfettamente legali

Chi non conosce questo mondo, può pensare, vedendo per la prima volta un e-commerce di cannabis light, che ci sia sotto qualcosa di strano. Si tratta di un punto di vista in qualche modo comprensibile. Fino a qualche anno fa, infatti, parlare di cannabis voleva dire, in alcuni casi, chiamare in causa situazioni torbide relativamente alla legge. Le cose, almeno per quanto riguarda la cannabis non terapeutica, sono cambiate nel 2016. Per la precisione bisognerebbe parlare di 2017: nel gennaio di quell’anno, infatti, è entrata in vigore la Legge 242/2016, testo normativo redatto con lo scopo di valorizzare il carattere sostenibile della canapa, pianta resiliente e in grado di crescere con pochissime risorse idriche.

Da allora, è legale la commercializzazione di cannabis non terapeutica caratterizzata da un basso contenuto di THC – massimo lo 0,2% – e da un alto dosaggio di CBD o cannabidiolo, principio attivo non psicoattivo.  Alla luce di ciò, nel momento in cui ci si trova davanti a un e-commerce di cannabis light non bisogna assolutamente temere di avere a che fare con un business illecito.

Gli shop online di cannabis legale vendono anche cosmetici

Quando si passano in rassegna per la prima volta le pagine di un e-commerce di cannabis light, può capitare di rimanere sorpresi notando la presenza di sezioni del sito dedicate ai prodotti cosmetici. No, non c’è nulla di strano! Anche in questo caso, è possibile chiamare in causa una delle tante e speciali proprietà della pianta a cui stiamo dedicando questo articolo. Forse non tutti sanno che la cannabis è contraddistinta dalla presenza di principi attivi in grado di concretizzare effetti antinfiammatori. Alla luce di ciò, vengono utilizzati per fronteggiare diverse problematiche della pelle, come per esempio l’acne.

Gli e-commerce di cannabis light consegnano con pacchi anonimi

Chi vuole iniziare a utilizzare la cannabis light e mantenere la discrezione massima con famiglia e amici, ha la possibilità, oggi come oggi, di usufruire della consegna anonima.

I loro fatturati sono cresciuti tantissimo nell’ultimo anno e mezzo

Chi ha sentito parlare per la prima volta da poco di cannabis light legale, molto probabilmente è venuto a conoscenza di questo business nell’ultimo anno e mezzo. Da quando il mondo ha iniziato ad avere a che fare con l’emergenza sanitaria, i siti in questione hanno visto i loro fatturati crescere tantissimo. I motivi sono diversi. Da un lato, infatti, si può parlare della necessità di trovare rimedi naturali per contrastare l’insonnia, un sintomo del forte stress che ha colpito un ampio numero di persone con lo scoppio dell’emergenza Covid. L’olio di CBD, che può essere caratterizzato da gradi di purezza differenti, è molto utile allo scopo appena citato.

Quando si parla dei motivi per cui, da inizio 2020 ad oggi, gli shop di cannabis light online hanno avuto un grande successo, non si può non chiamare in causa l’emergere di una nuova esigenza di mercato: le mascherine anti Covid. Quelle realizzate in fibra tessile di canapa – che come tutte quelle di stoffa vanno indossate con i filtri e solo nelle situazioni in cui non c’è obbligo di chirurgiche o ffp2 – possono infatti essere sottoposte a numerosi lavaggi e resistono a lungo (il che si ripercuote positivamente sul risparmio).