Mercato immobiliare in ascesa, cosa fare prima e dopo l’acquisto di una casa?

in Economia

I tassi ai minimi storici e i prezzi degli immobili in calo quest’anno hanno dato una spinta non indifferente alla compravendita di case. I dati di settore non appaiono omogenei per quanto riguarda le varie regioni d’Italia, ma l’andamento generale è piuttosto positivo e prosegue sullo stesso binario dello scorso anno, facendo segnare risultati ottimali. Vediamo più nel dettaglio come stanno andando le compravendite e quali accortezze avere prima e dopo l’acquisto di una casa.

Crescono le compravendite: +6%circa nel primo semestre 2019

Le compravendite immobiliari in Italia stanno vivendo un periodo decisamente positivo: secondo quanto emerge dal nuovo Rapporto Dati Statistici Notarili, infatti, i primi 6 mesi di quest’anno hanno segnato un incremento del 5,9%; lo scorso anno per lo stesso periodo era stata registrata un’ascesa del 10,72%.In questo contesto, sono soprattutto le regioni settentrionali a registrare i risultati migliori: al Nord è stato infatti effettuato il 56,28% delle transazioni totali. La fascia di prezzo più gettonata è quella che non supera i 100mila euro (43%), circa il 6,5% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, ma anche gli immobili con un costo inferiore ai 200mila euro segnano delle buone percentuali (39% del totale).

Cosa sapere prima e dopo l’acquisto

 Prima di procedere con l’acquisto è bene visitare più case possibili, per avere un’idea più chiara dei prezzi ma anche per capire se l’immobile in questione soddisfa a pieno le proprie esigenze. Meglio rivolgersi a un’agenzia oppure a un privato? Dipende: entrambe le opzioni hanno dei pro e dei contro, quindi sarà opportuno valutare attentamente le due possibilità. In caso di finanziamento, meglio evitare di richiedere un mutuo con scadenze eccessivamente lunghe: oltre i 25 anni, infatti, gli interessi pesano troppo. Uno degli errori più diffusi, poi, consiste nel non contrattare: spesso per paura di perdere la casa si accettano prezzi molto più alti del dovuto, quindi è sempre il caso di negoziare; attenzione anche a non sforare il budget prestabilito e, per avere una sicurezza maggiore, meglio affidarsi a un notaio esperto prima di firmare proposte d’acquisto e altri atti importanti.

Una volta portato a termine l’acquisto, è bene procedere quanto prima con le volture delle utenze: solitamente queste richiedono pochi giorni, come spiega la pagina dell’allaccio gas Wekiwi, ma è sempre bene agire con largo anticipo, per evitare ritardi e imprevisti dell’ultimo minuto. Naturalmente sarà necessario comunicare ai vari enti anche il proprio cambio di residenza, per non incorrere in problemi di tipo burocratico. Infine, bisognerà pensare all’arredo: a questo proposito è bene stabilire delle priorità, dando maggiore importanza all’arredo di base rispetto a quello decorativo, per cominciare ad abitare da subito la nuova casa senza alcun problema.