Cessione del quinto: come funziona questa forma di prestito?

in Economia

La cessione del quinto è uno strumento finanziario rivolto ai dipendenti pubblici, privati ed ai pensionati. La cessione del quinto è tecnicamente un prestito personale non finalizzato, vale a dire che è erogato senza un vincolo di spesa preciso. L’entità del finanziamento ottenibile è proporzionale alla remunerazione mensile che si percepisce e la sua rata è fissa e non può superare il 20% dello stipendio, salvo casi eccezionali. La durata massima del prestito è di 10 anni o obbligatoriamente della stessa durata del contratto di lavoro.

La cessione del quinto dello stipendio è stata istituita negli anni ’50 e ha avuto larga diffusione soprattutto negli ultimi anni con l’arrivo della crisi economica. Questo strumento ha permesso di accedere al credito anche a quelle particolari categorie di cattivi pagatori o che hanno avuto problemi finanziari; il tutto è reso possibile dalla garanzia dello stipendio e del Tfr oltre che di una specifica assicurazione. Per quelle categorie che non rientrano in questa specifica casistica o che vogliono avere informazioni su altre forme di prestito o investimento è consigliabile consultare il sito TrainingFinanziario.

Questo prodotto finanziario, come già detto, può essere richiesto dai dipendenti pubblici, privati e dai pensionati; i requisiti sono la maggiore età, la residenza sul territorio nazionale e un contratto a tempo indeterminato o determinato ma con la condizione che la durata del prestito non sfori la durata del contratto stesso. Per i dipendenti privati che richiedono questo tipo di prestito è da dimostrare che anche l’azienda sia in possesso di determinati requisiti mentre per i dipendenti pubblici essendo lo Stato il datore di lavoro i requisiti sono già dati per scontati. Tra i requisiti che deve possedere un’azienda c’è un numero minimo di dipendenti che è fissato a 10, oltre che la manifesta disponibilità per procedere con il prestito e la volontà di voler trattenere e corrispondere la rata mensile all’istituto erogatore.

Per richiedere il prestito basta, oltre alla disponibilità del datore di lavoro, presentare documenti di identità e codice fiscale, le ultime due buste paga o i cedolini della pensione, il modello CUD ed uncertificato di stipendio per i lavoratori dipendenti del privato. I dipendenti pubblici possono presentare un documento che certifichi la mansione e la posizione finanziaria mentre i pensionati devono richiedere un certificato apposito all’INPS o a qualsiasi altro ente che eroga la pensione. Ci sono poi altri documenti che devono essere presentati dal datore di lavoro e che certifichino il Tfr maturato ed altri dettagli.

Per quanto riguarda il prestito la somma che è possibile erogare, come detto in apertura, è condizionata dal nostro stipendio netto mensile. Sarà in base alla nostra retribuzione che ci sarà permesso di accedere ad una determinata cifra piuttosto che un’altra. TAN TAEG sono i tassi da verificare attentamente quando si richiede un preventivo. Il primo è il tasso di interesse annuale sull’importo lordo del finanziamento il secondo, invece, è il tasso annuo effettivo globale è da un’idea molto più definita di quanto sarà effettivamente il costo del nostro prestito.

Esistono poi delle spese fisse da sostenere per l’istruttoria della pratica e le spese amministrative bancarie che saranno comunque comprese all’interno della rata del prestito stesso. L’ultima spesa da considerare è l’assicurazione obbligatoria che tutela le parti in caso di morte o perdita del lavoro del contraente. È la principale garanzia sul nostro prestito e rende molto sicuri, per le banche, questo tipo di prodotto finanziario tanto da estenderlo anche a persone che hanno avuto problemi finanziari o che sono inseriti nelle liste dei cattivi pagatori.