Non semplici patate, ma SUPERPATATE.

in Una finestra sul Mondo

Tante, troppe aree del mondo soffrono di malnutrizione o di fame vera e propria: interi territori asiatici e africani, infatti, prima ancora che d’infrastrutture primarie avrebbero bisogno semplicemente di quello che noi chiamiamo il ‘pane quotidiano’.

La mia generazione (io sono del ’68) è vissuta con le scene spaventose dei bambini idropisici del Biafra che attendevano solo di morire d’inedia, arrotati di mosche che loro non allontanavano neanche più, tanto erano spossati dalla fame, dalla sete e dall’abbandono in cui il mondo intero li aveva costretti.

Molto, tanto si è fatto, da quegli anni lontani (ma poi mica tanto), a livello internazionale, con la FAO e con altre organizzazioni anche private, perché quelle scene dell’orrore non popolassero mai più giornali e servizi televisivi: ma ancora non basta.

Troppe zone, soprattutto africane, non sanno come risolvere questo annoso problema e da anni si studia un modo per contenere questa piaga.

Quattro ricercatori dell’International Potato Center (per la precisione, i dottori Andrade, Mwanga, Low e Bouis), nel 2016, hanno vinto il World Food Prize perché hanno inventato una patata dolce arricchita di vitamina A. Sono passati già tre anni abbondanti, ma quella scoperta fa ancora notizia tra gli specialisti di genetica vegetale e gli studiosi del problema della fame nel mondo.

Una patata del genere, una sorta di superpatata, oltre ad essere più saporita e nutriente, riduce tantissimo i tassi di cecità, dovuti proprio alla mancanza di vitamina A, oltre che i tassi di mortalità dovuti in genere alla povertà della dieta.

Poco tempo fa é stato inventato un riso anch’esso arricchito di vitamina A: insieme alla patata, questi due nuovi alimenti potrebbero salvare milioni di vite umane soprattutto nell’Africa sub-sahariana, che è quella a più elevato rischio alimentare. Bisogna attendere, speriamo non troppo, che queste invenzioni diventino cibo in larga scala e a prezzi modici da commercializzare regolarmente nel Terzo e Quarto mondo.

Complimenti, allora, a questi e ai tanti coraggiosi e geniali ricercatori che, anche oggi, nel mondo, aiutano l’umanità a raggiungere standards di vita più alti e migliori, soprattutto nelle aree più depresse e povere.