Look luminescente per un Natale eminente: consigli cool per la festività più attesa dell’anno

in La Grande Bellezza

We Wish You a Merry Christmas , We Wish You a Merry Christmas…

Con questo tradizionale canto natalizio inglese antico di ben cinquecento anni, con Rudolph , la renna dal naso rosso, le ghirlande di agrifoglio , gli alberi decorati , le caldarroste mangiate all’aperto, e ovviamente Babbo Natale, la festività più bella dell’anno è ormai alle porte.

Tra un regalo e l’altro , non avete avuto il tempo di pensare ad elegante look natalizio da sfoggiare?
Ecco qui alcuni consigli .
C’è una ragione per la quale amiamo cosi tanto gli alberi di natale e le stringhe di luci intorno alle nostre case: fanno sembrare tutto cosi bello ed iridescente. Perché non rendere tale anche il nostro viso?
Partiamo da un make-up dall’effetto glow.
Quante volte si resta affascinati osservando le foto di celebrities e modelle, dai loro visi cosi radiosi , dalla loro pelle che irradia luminosità e freschezza da tutti i pori?
Non preoccupatevi, è solo un effetto wet, un effetto bagnato defaticante facilmente ottenibile con un comunissimo illuminante.
Tra i più famosi illuminanti ci sono sicuramente -Mary-lou Manizer di The balm, in polvere (prezzo 16,90 da Gardenia e Limoni), -Albatros di Nars, in polvere ( prezzo 30,50 da Sephora) , il Soft and Gentle di MAC ( prezzo 29,50) o altri low cost come lo Stay Gold di Pupa (prezzo 14,50) . Da applicare sull’arco di cupido , arcata sopraccigliare , sul dorso e sulla punta del naso e appena sopra gli zigomi.
L’effetto glowy, però, iper luminoso e scintillante, può non essere adatto a  tutte. Se si ha una pelle misto/grassa e pori dilatati, la luminosità naturale del viso metterebbe già in risalto le zone del volto colpite dalla luce, cosi che potrebbe essere un errore aggiungere un’ulteriore luminosità.
Per gli occhi il trend consiglia ombretti iridescenti, luminosi con glitter dorato, nero o color pavone: perfetto per una serata glamour.
Per le meno audaci si può sempre rimaner nel porto sicuro della sobrietà sfoggiando un classico ed intramontabile eye-liner abbinato ad un rossetto rosso.
Inoltre , quale miglior cenno alle vacanze di un manicure francese rivisitata con versioni luminescenti di colori oro, argento o copper? Un extra scintillio che accompagna ogni gesto.
E i capelli? La coda di cavallo potrebbe essere la vostra pettinatura giornaliera ,ma sarete stupiti di come si può tranquillamente giocare con il look.
Roy Teeluck, proprietario di un salone ed esperto stilista di New York raccomanda : Un bel tocco finale è quello di tirare una ciocca di capelli dalla coda di cavallo e portarlo in giro per l’elastico. Il look di natale non è davvero natalizio se non si ha qualcosa che luccichi.
Dallo smalto ai capelli . Gemme rosse come il fuoco o trasparenti come gelidi ghiacciai vi daranno quel tocco chic che state cercando, una spilla sul petto o su di un foulard, darà al look un’aria indiscutibilmente aristocratica.
Ma quali sono i colori perfetti da indossare per le feste?
Con il Natale, il colore che viene subito alla mente è il rosso e, qualunque cosa abbiate scelto di indossare, un tocco di rosso non deve mai mancare. Che sia un rossetto o lo smalto sulle nostre unghie, il 25 dicembre il rosso comanda.
Se il rosso brillante è troppo audace con alcuni abbinamenti, si può sempre optare per una tonalità più scura che tende al bordeaux, colore protagonista di questo inverno.
Il verde scuro  dello stesso colore delle foglie dei nostri alberelli, donerà moltissimo a chi ha una chioma rosso fuoco.
Infine , le more osino con il trend white , come se foste anche voi dei soffici fiocchi di neve.

Assolutamente vietato durante le feste rifugiarsi nel look total black : almeno a Natale cedete alla tentazione del colore e del luccichio.

Nata sotto il segno dei Gemelli, classe 1988. Giornalista appassionata di scrittura, arte, viaggi, fotografia e tanto altro, ha un interesse smisurato per la storia antica e la mitologia. Adora la musica classica e ha studiato pianoforte fin dall’infanzia ma solo in una fase più matura si è dedicata allo studio della chitarra da autodidatta.. I film e la letteratura francese sono i suoi migliori alleati contro la noia ma anche l’ossessione per le series di genere storico e post-apocalittici. Ha un gran senso dell’humor, poco velato e abbondantemente cinico che, spesso e volentieri, mette in gioco per torturare i suoi interlocutori. Presidente di Metis Factory, associazione operante nel settore della cultura, dell’informazione, del giornalismo e dell’editoria. Editore e co-fondatrice di Metis Magazine, mensile di attualità, cultura e approfondimento; capo redattore de ”La Grande Bellezza” presso ilMetapontino.it, rubrica storico-culturale sulla bellezza di ieri e di oggi. Ha collaborato con Radio Raptus come speaker radiofonico per ”Le Breaking News di Metis Magazine”.