“Scrittori allo specchio”: 2ª edizione

in Cultura

“Scrittori allo specchio”, 2ª edizione. Giovedì 29 settembre alle 18:30, Roberto Francavilla racconta Acqua viva di Clarice Lispector
Matera, giardino del Museo Nazionale “D. Ridola”

Si spengono le luci sulla rassegna dedicata ai capolavori della narrativa internazionale e ai loro traduttori, con grande soddisfazione da parte dei componenti dell’associazione Amabili Confini e del direttore artistico Francesco Mongiello per gli ottimi riscontri in termini di apprezzamenti e di affluenza.
La seconda edizione di “Scrittori allo specchio” si concluderà giovedì 29 settembre alle 18:30 nel giardino del Museo Nazionale “D. Ridola” (in caso di maltempo, nella sala convegni) con un appuntamento dedicato a Clarice Lispector, la più grande scrittrice brasiliana del ‘900.
L’incontro, dal titolo “La lingua obliqua”, verrà introdotto da Genni Caiella.

A guidare il pubblico nell’informe universo femminile di Acqua Viva sarà il critico letterario Roberto Francavilla, traduttore del romanzo per Adelphi nel 2017. Pubblicato per la prima volta nel 1973 e presto acclamato quale capolavoro in grado di elevare la letteratura brasiliana “ad un livello di universale perennità e perfezione”, il libro è un lunghissimo flusso di coscienza.

Una confessione, le cui parole arrivano come águas-vivas (“meduse”) che “o ci bruciano o ci seducono”, in una narrazione sinestetica, in grado di risvegliare i sensi e impossibile da incasellare in definizioni o classificazioni di genere.
“Ci piace chiudere questa seconda edizione con il romanzo di una scrittrice sconosciuta al grande pubblico ma che ha lasciato un solco profondo nella letteratura mondiale” – afferma il direttore artistico Francesco Mongiello. “In questo modo, grazie al contributo determinante dei traduttori, diamo centralità all’intento che più caratterizza la nostra rassegna, quello di pungolare la curiosità dei lettori occasionali e di quelli forti verso quelle opere entrate a buon diritto nel canone e che hanno il respiro universale dei libri senza tempo.”

Roberto Francavilla è professore associato di Letteratura portoghese e brasiliana alla Scuola di Scienze umanistiche dell’Università di Genova, dopo essere stato per molti anni docente dell’Università di Siena e aver sviluppato progetti di ricerca per l’Instituto Camões e per la Fundação Calouste Gulbenkian di Lisbona. Ha pubblicato volumi e articoli sulle letterature e sulle culture lusofone. È traduttore di Clarice Lispector, José Saramago, Fernando Pessoa, Chico Buarque, João Guimarães Rosa. Ha collaborato in qualità di critico letterario con le pagine culturali di alcuni quotidiani, in particolare per Alias, supplemento del “Manifesto”.

Acqua viva «Da un mistero è venuta, verso un altro è partita. / Restiamo ignari dell’essenza del mistero» scrive Drummond de Andrade di Clarice Lispector. Ed è proprio in un misterioso universo personale – un universo labirintico e lacerato – che il lettore viene come risucchiato dalla voce, visceralmente femminile, che in queste pagine tenta di dire l’indicibile, di entrare in contatto «con l’invisibile nucleo della realtà». Attraverso uno sregolato, impetuoso flusso di coscienza la Lispector ci fa percepire, in modo quasi fisico, impressioni e visioni di travolgente intensità, usando una lingua che sembra inventare continuamente se stessa, il cui fascino risiede nella sua stranezza e le cui ferite sono il suo punto di forza. Testo estremo di un’artista estrema, Acqua viva costituisce il raggiungimento della maturità della sua autrice: un assolo ammaliante, in cui tornano i temi ricorrenti in gran parte dell’opera della Lispector – la natura e i suoi sfaccettati simbolismi, lo specchio e la rifrazione obliqua, il male e la morte, l’incomunicabilità fra amanti – spinti all’incandescenza, senza che mai, ai suoi incantesimi, ci sia dato sottrarci.

“Scrittori allo specchio” è stata realizzata con il patrocinio del Comune di Matera, del Museo Nazionale “D. Ridola” (MNM) e del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (MIBACT). Le registrazioni delle dirette sono disponibili sulla pagina facebook dell’associazione Amabili Confini e sul canale youtube.