Blues in Town: chiusura con la band Sven Hammond

in Cultura

Blues in Town: chiusura con la band Sven Hammond. Attesa per l’esibizione dei 75 allievi dei seminari musicali pomeridiani gratuiti

POLICORO – Gran finale, domenica 4 settembre con la diciottesima edizione del “Blues in Town Basilicata International Festival”, la kermesse musicale che quest’anno ha animato la centralissima villa comunale di Policoro. Una novità che ha trovato un larghissimo consenso di pubblico e che premia la giusta intuizione dell’associazione culturale “La Mela di Odessa”, madre dell’evento e realtà associativa ormai radicata e apprezzata sull’intero territorio regionale.

Dopo le grandi esibizioni live queste sere, espressione di qualità artistica e musicale sempre confermate, le luci e la magia del palco del BiT saranno questa sera lo sfondo dell’attesissima esibizione dei ragazzi (ben 75!) che hanno partecipato ai seminari musicali pomeridiani – una didattica gratuita offerta in collaborazione con l’Associazione musicale “Alessandro Vessella” -, pronti a vivere una grande esperienza e a regalare come sempre fortissime emozioni. L’orchestra di giovani e giovanissimi, accompagnati dai loro maestri, e formatasi proprio durante le cinque giornate di festival, sarà coordinata e diretta dal maestro Francesco Marsigliese.

Gran finale, poi, con il concerto di Sven Hammond. La band capitanata da Sven Figee, nata nel 2006, ha suonato in centinaia di spettacoli, nel loro paese d’origine, i Paesi Bassi, e all’estero. Hanno 6 album in studio e 4 album dal vivo. L’ultimo è “Sphere” (pubblicato il 16 aprile 2021), dedicato alla musica della leggenda del jazz Thelonious Monk. L’album è diventato poi un mix di tracce strumentali e vocali con apparizioni di Typhoon, Akwasi, Cheyenne Toney, Gianski e Zoe Love Smith. Potentissimi, in cima alle classifiche olandesi, pronti a scalare nuovi e strepitosi successi e a regalare uno strepitoso finale live al Blues in Town International Festival.

In mostra i fumetti relativi alle edizioni del festival disegnati dall’artista Dominga Tammone per “Fumetto blues” e le foto dei tanti che negli anni hanno immortalato indimenticabili momenti per uno story book per immagini emozionante. Spazio, inoltre, al book crossing del “Leggi Mela”.

Apprezzatissimo e preso letteralmente d’assalto il “Baby Blues”, novità assoluta di questa edizione e sicuro appuntamento anche per gli anni futuri. Si tratta di un programma di laboratori per bambini dai 5 agli 11 anni che prevedono attività ludiche, creative e musicali e occuperanno l’area giochi della villa comunale dalle ore 21.00 a mezzanotte.
A regalare agli spazi della villa comunale un’aria di festa in musica sono le installazioni dei quattro artisti contemporanei (Pasquale Chiurazzi, Giulio Orioli, Nino Orioli e Annamaria Panarace) e protagonisti del “Blues in Art”. “Il mondo del blues è un’enclave che racchiude in se le più autentiche espressioni artistiche, dove si usano gli alberi come figure retoriche, e da cui pendono come frutti maturi le sagome di strumenti e note musicali. “L’albero delle note, infatti – dice il maestro Giulio Orioli – diventa metafora del lungo cammino che il Blues ha percorso fin dalle sue origini per affermare il riscatto dell’uomo”.

Ultimi articoli in Cultura

Torna su