A Paterno arriva il Bonus nascite: 1000 euro una tantum

in Cronaca

A Paterno arriva il Bonus nascite: 1000 euro a fondo perduto per ogni figlio nato o adottato nel corso degli anni 2023 e 2024

Pubblicato in questi giorni, sul sito istituzionale del Comune valdagrino, l’Avviso pubblico denominato ‘Bando per l’erogazione di contributi a fondo perduto per ogni figlio nato o adottato nel corso degli anni 2023 e 2024, a favore di nuclei familiari che risiedono nel Comune di Paterno’. L’iniziativa prevede la concessione di aiuti finanziari, sotto forma di contributo una tantum, a favore di nuclei familiari che risiedono nel Comune di Paterno. Il contributo è previsto per ogni figlio nato o adottato nel corso degli anni 2023 e 2024.
La misura economica è da intendersi quale contributo a fondo perduto, nella misura di 1.000,00 € una tantum, per ogni figlio nato o adottato nel 2023 e nel 2024, a prescindere dall’Isee del nucleo familiare. In più il contributo è cumulabile con tutte le indennità e le agevolazioni, anche finanziarie, emanate a livello nazionale e/o regionale per fronteggiare l’attuale fase di difficoltà delle famiglie.
Nello specifico si tratta di una misura che rientra tra quelle inserite nelle ‘Schede Interventi Piano Resilienza Comune di Paterno’, come politiche di welfare, approvate nel recente passato dall’esecutivo paternese, e finanziate grazie ai proventi del P.O. Val d’Agri, Melandro, Sauro, Camastra.
‘Una misura di sostegno rivolta alle famiglie e al benessere dei più piccoli – spiega il Sindaco di Paterno, prof.ssa Tania Gioia – che unitamente ad altre iniziative, prima fra tutte la realizzazione in corso dell’asilo nido di Paterno, testimonia quanto l’Amministrazione che mi pregio di rappresentare abbia a cuore il presente e il futuro della nostra amata comunità’.
‘Diventa fondamentale – conclude il Sindaco Gioia – costruire una strategia articolata e lungimirante per fornire supporto alle famiglie, sostegno alla natalità e per contrastare quell’inverno demografico che costantemente minaccia le piccole realtà come la nostra. Vogliamo essere al fianco delle famiglie e lanciare un segnale importante per le nuove nascite e la promozione dei diritti dell’infanzia’.