LA LETTERA. “La buona sanità dell’ospedale di Policoro”

in Cronaca

La buona sanità dell’ospedale di Policoro, la lettera del Cav. Domenico Laviola

Si parla sempre e solo male della sanità lucana e mai di quella buona. Nessuno immagina cosa sono costretti a fare quotidianamente nelle emergenze e non, medici, infermieri e OSS.
Ci sono medici, infermieri e interi reparti, che quotidianamente lavorano con abnegazione e spirito di sacrificio.
Si parla solo e sempre di mala sanità e mai di quella buona, perché quella buona ovviamente non fa notizia.
Ho avuto modo di constatare in più occasioni la professionalità e il sacrificio di tanti medici e infermieri dell’ospedale di Policoro.
Ho sempre avuto a che fare con professionisti preparati e disponibili, che eccellono nel loro lavoro. Ovviamente qualcuno dirà “si ma è il loro lavoro” ; Io invece dico che dobbiamo elogiare il loro operato, dobbiamo avere più fiducia della loro professionalità, poi è chiaro che chiunque può sbagliare.
In questo caso vorrei ringraziare i medici e gli infermieri del reparto di Otorinolaringoiatria, nello specifico il Dott.Asprella, il Dott.Martino e tutto lo staff.
I medici, gli infermieri e lo staff del reparto di Chirurgia che hanno ospitato un pezzo del mio cuore, in quel reparto.
Hanno dimostrato professionalità, impegno, umiltà e disponibilità il cui risultato è stato evidentemente eccezionale.
Voglio ringraziare tutti quanti quelli che si sono spesi per ottenere il risultato finale.
Grazie a tutti per la vostra professionalità.
Infine ma non per ultimi, voglio ringraziare gli IDF del dipartimento chirurgico capo sala Ragone Rosario e Quinto Salvatore per la qualità, l’umiltà, la disponibilità e le doti non solo organizzative. Questa mia testimonianza sarà una goccia nell’oceano un granello di sabbia nel deserto, una voce fuori dal coro, ma grazie democrazia per la possibilità che dai a tutti di esprimersi.

Domenico (Mimmo) Laviola, Cavaliere della Repubblica Italiana, consigliere provinciale dell’ANCRI