Appalti per 20 milioni: 3 indagati ai domiciliari

in Cronaca

Appalti per 20 milioni: 3 indagati ai domiciliari. L’operazione è stata denominata “Allattamento”, in riferimento “all”allattamento’ di una serie di esponenti politici

 

Tre persone – tra le quali l’ex dirigente dell’Ufficio opere pubbliche del Comune di Matera – sono ai domiciliari nell’ambito di un’indagine su appalti per 20 milioni di euro condotta dalla Guardia di Finanza e coordinata dalla Procura della Repubblica della Città dei Sassi.

Ai domiciliari si trovano anche un dirigente della Provincia e un libero professionista materano, al centro – secondo l’accusa – delle “plurime anomalie delle procedure attuate nell’affidamento di incarichi e nella predisposizione di una serie di atti propedeutici alle successive gare di appalto di rilevanti opere pubbliche”.

Il gip di Matera ha inoltre disposto la misura interdittiva della sospensione dell’esercizio di pubblico ufficio per 12 mesi per tre dipendenti dell’Ufficio opere pubbliche del Comune di Matera e disposto il sequestro preventivo di circa 290 mila euro “considerati – è sottolineato in un comunicato diffuso dalle Fiamme Gialle – il profitto/prezzo dei reati ipotizzati”. In totale le persone indagate sono 90.
L’operazione è stata denominata “Allattamento”, in riferimento “all”allattamento’ di una serie di esponenti politici in carica nel Comune di Matera al fine di comprare il loro consenso, in Consiglio comunale ed in Commissione, affinché – è spiegato nella nota diffusa stamani – fossero approvate le progettualità, mediante l’affidamento o la promessa di incarichi pubblici a soggetti segnalati dai consiglieri stessi” [ansa]

 

Foto archivio, non si riferisce al fatto descritto nell’articolo