Autismo: all’Asm un Clinical trial center

in Cronaca

Autismo: all’Asm un Clinical trial center. Si tratta del primo centro relativo all’autismo nei soggetti adulti, uno spazio dedicato all’ascolto delle famiglie

“L’Azienda sanitaria di Matera mette a disposizione dei ricercatori il primo Clinical trial center lucano relativo all’autismo nei soggetti adulti: uno spazio dedicato all’ascolto delle famiglie che si trovano a gestire questa situazione, e in cui metteremo in campo, in collaborazione con la fondazione Stella Maris, i Percorsi diagnostico terapeutici assistenziali (Pdta) e i Day service dedicati alla linea dello spettro autistico”.
E’ quanto ha dichiarato la direttrice generale dell’Asm, Sabrina Pulvirenti, intervenendo questa mattina all’evento patrocinato dall’azienda sanitaria “A sostegno dell’Autismo in età adulta” e in corso all’Auditorium dell’Ospedale Madonna delle Grazie. Incontro a cui ha preso parte anche Filippo Muratori, professore di Neuropsichiatria all’Università di Pisa e direttore dell’Unità operativa di Psichiatria dello Sviluppo del Dipartimento di Neuroscienze dell’età evolutiva dell’Irccs Stella Maris, il quale ha plaudito al centro di riferimento per la genetica dell’Asm, giudicandolo all’avanguardia nel panorama nazionale, e ha espresso parole di apprezzamento sul Clinical trial center dedicato all’autismo in età adulta.
Nel portare ai presenti il saluto del presidente Bardi, Pulvirenti ha ricordato come “la presidenza della Regione abbia fortemente voluto la legge regionale sull’autismo”.
“Siamo consapevoli dell’importanza di dover garantire alle persone autistiche l’attenzione e il necessario supporto istituzionale in tutte le fasi della vita, dalla scuola all’età adulta, per metterle nella condizione di esprimersi al meglio e di sentirsi pienamente accolte nel contesto sociale. Il Clinical trial center dell’Asm – conclude Pulvirenti – va in questa direzione e rappresenta un tassello importante, a cui se ne aggiungeranno altri, dell’impegno della Regione a sostegno delle persone con vivono l’autismo e delle loro famiglie”.