L’astigmatismo è un difetto visivo molto diffuso

in Cronaca

L’astigmatismo è un difetto della vista che comporta una visione distorta e poco nitida degli oggetti, sia da vicino che da lontano. La messa a fuoco delle immagini avviene su due piani differenti della retina, ossia uno anteriore ed uno posteriore invece di convergere in un unico punto. Tale disturbo della vista è causato da un difetto di curvatura della cornea e, molto più raramente in verità, dall’irregolarità del cristallino. I bambini e gli adulti possono riscontrare difficoltà sia nella lettura di un libro, che nella visione di oggetti e dettagli. Ad oggi, non si conoscono precisamente le origini di tale disturbo visivo.

 Quali sono le cause?

 L’astigmatismo uno dei difetti visivi più comuni può essere causato da un fattore prettamente ereditario. Ciò, però, non è sempre vero. Può essere dovuto anche ad un trauma subito dall’occhio. In rarissimi casi, la causa è imputabile al cheratocono, ossia un disturbo che conferisce alla cornea una forma conica. Per la cura dell’ultimo caso è necessario l’utilizzo di lenti a contatto speciali oppure si può decidere di intervenire chirurgicamente.

Classificazioni dell’astigmatismo

 Il disturbo in oggetto può essere di due tipi.

Si parla di astigmatismo regolare, il più diffuso tra la popolazione, è correggibile con l’ausilio di occhiali e lenti a contatto. In questo caso, il meridiano più curvo e quello più piatto sono tra loro ortogonali.

A sua volta gli astigmatismi regolari possono classificarsi in base alla posizione delle linee focali rispetto alla retina.

A tal proposito si avrà la seguente suddivisione.

  • Astigmatismo miopico composto: le linee focali sono dinanzi alla retina;
  • Astigmatismo miopico semplice: una linea cade sulla retina e l’altra davanti;
  • Astigmatismo misto: una linea cade davanti e l’altra dietro la retina;
  • Astigmatismo ipermetropico semplice: una linea focale cade sulla retina e l’altra dietro;
  • Astigmatismo ipermetropico composto: entrambe le linee cadono dietro la retina.

L’astigmatismo irregolare, invece, ha una curvatura che cambia lungo lo stesso meridiano ed i due meridiani principali non sono ortogonali fra loro. Tale situazione rappresenta una complicazione a livello correttivo. Non saranno utili le lenti, in quanto non garantirebbero una compensazione adeguata e perfetta.

Quali sono i sintomi?

Principalmente i sintomi consistono in un calo della vista, come già scritto, sia da lontano che da vicino e nell’offuscamento della visione. Cefalea, bruciori oculari e lacrimazione sono i primi campanelli d’allarme che gli occhi inviano. A questi, potrebbero aggiungersi annebbiamento della vista, congiuntivite e dolori oculari in seguito all’esecuzione di lavori da vicino prolungati.

Rimedi e conclusione

L’astigmatismo può curarsi utilizzando gli occhiali oppure delle lenti a contatto, a seconda dei casi e delle scelte personali. È un difetto che può curarsi anche tramite chirurgia. Si tratta di un disturbo visivo che si può riscontrare e riconoscere mediante visita oculistica. Sarà il medico ad indicare quale potrà essere il rimedio da adottare per la cura dell’astigmatismo. È sempre consigliabile e consigliato effettuare periodici check up, per controllare lo stato di salute degli occhi e la presenza di eventuali difetti e disturbi.