Archivio categoria

Politica - page 4

L’INTERVISTA. Cariello: “A me interessano i progetti per Scanzano non le postazioni”

in Politica

Cariello: “A me interessano i progetti per Scanzano non le postazioni”. La maggioranza non c’è e lo spettro di un nuovo commissariamento è reale

In sintesi, nelle puntate precedenti: giovedì sera, sette consiglieri bocciano i punti presentati dalla “maggioranza”. A votare contro: Claudio Scarnato e Felicetta Salerno per SìAmo Scanzano, Fabio Massimo Sgarrino e Maria Dattoli per Patto Civico per Scanzano e infine Stefania Zuccarella, Donato D’Amico e Giusy Altieri per Impegno in Comune per Scanzano Jonico, gruppo che ha certificato la presa di distanza dei tre consiglieri da Scanzano Rinasce, la lista capeggiata proprio da Cariello, hanno in sostanza fatto venir meno i numeri necessari.

Pallottoliere alla mano quindi, Scanzano Rinasce non è più forza autosufficiente. A farne parte attualmente: Alberto Marzano, Maria Ponzio, Francesco Puppio, Vincenza Natale, Ugo Valicenti e Pasquale Cariello, ascoltato questa mattina poco dopo le 10.00.

In molti se lo chiedono: sei ancora il sindaco di Scanzano Jonico formalmente in carica?

“Ad oggi sì”.

Nelle ultime 24 ore sui rispettivi canali social abbiamo sentito le posizioni espresse dai gruppi SìAmo Scanzano e Patto Civico per Scanzano Jonico con i loro rappresentanti. Al momento (ore 10.26 del 16 Dicembre, ndr) non si sono espressi sui social i consiglieri di “Impegno in Comune” – Scanzano Jonico, che per chiarezza è il gruppo composto da tre consiglieri eletti con Scanzano Rinasce. Li hai sentiti tu?

“No, io non ho sentito nessuno. Ho visto e ascoltato i video di Patto Civico per Scanzano e SìAmo Scanzano. Ormai le dichiarazioni di voto si fanno su facebook e non in consiglio comunale. Ho visto il nervosismo dei consiglieri di SìAmo Scanzano, soprattutto della consigliera Felicetta Salerno. Penso che quando si decide di andare in consiglio comunale e votare contro alcuni atti poi non si deve essere nervosi se si è consapevoli o ci si rende conto di aver fatto un errore o aver bocciato la crescita e il futuro della città. È chiaro che io li dichiaro tutti e sette responsabili i consiglieri perché hanno certificato ciò che ho detto, nei rispettivi video hanno detto di essere all’opposizione. Loro sono vittime di personaggi…”

Vuoi dire che ci sarebbe una regia occulta, una sorta di eminenza grigia dietro i sette consiglieri?

“C’è una regia dietro che muove i fili. Una regia ben definita che blocca la crescita di questa città. Il mio auspicio in questa legislatura è che ciò che era stato detto dai palchi di lavorare insieme perché siamo tutti giovani si avverasse. Ma così non è stato. Ci sono odio, cattiveria e invidia nei miei confronti. Io non abbandonerò certamente la nave ma non vivo di politica, sia chiaro. Approverò il bilancio di previsione in Giunta e lascerò l’ente al commissariamento. Penso di aver lavorato e lavorato bene, stavamo portando avanti tanti progetti”

Nelle dichiarazioni rilasciate sui social dalle minoranze ci sono stati anche tentativi di apertura, per esempio Patto Civico per Scanzano Jonico ha chiesto espressamente di riunire tutti i consiglieri comunali e mettere i programmi sul tavolo. Come giudichi questa proposta?

“Sgarrino che era l’anima di centro di questa città avrebbe dovuto tirarsi fuori dalle beghe della maggioranza, anzi avrebbe dovuto proseguire il percorso di collaborazione avviato sul discorso erosione della costa. Noi non abbiamo offerto nulla a nessuno se non progetti futuri per una città migliore e che si metta al passo degli altri comuni. Mettersi intorno a un tavolo è l’ennesimo ricatto, sicuramente dietro non ci sono progetti ma poltrone. Io non ho da togliere o dare nulla a nessuno se non rispondere ai miei cittadini. E se in consiglio mancano i numeri, vorrà dire che questa esperienza politica è finita. E non sono io il problema della fine di questa esperienza”.

Spostiamo un attimo l’attenzione su un aspetto importante della vicenda: Scanzano Rinasce ha perso pezzi importanti che hanno dato vita a un nuovo gruppo. Scanzano Rinasce è la lista che ha vinto le elezioni, quindi il problema è nato lì.

“In campagna elettorale i tre consiglieri sostenevano che Cariello fosse il miglior candidato sindaco e che sarebbe stato il miglior sindaco per la città. Dal giorno dopo l’elezione, quando si è parlato di postazioni, Cariello non era più buono. Ripeto, a me le postazioni non interessano. A me interessa la città”.

Cosa porti con te di questa esperienza politica?

“Resta l’amarezza non personale ma politica per un comune che ha tante potenzialità e che per colpa dei sette consiglieri non può decollare”.

Scanzano Jonico: ancora il commissario?

in Politica

Scanzano Jonico: ancora il commissario? La Città già in precedenza è stata gestita da commissari prefettizi.

Bocciati i punti all’Ordine del Giorno da 7 consiglieri comunali, che tradotto significa che la maggioranza non c’è. A Scanzano Jonico torna così ad aleggiare l’ipotesi del commissariamento.
Il primo cittadino Pasquale Cariello, nella seduta di ieri sera (14 Dicembre 2023) non ha potuto contare sui voti di alcuni dei suoi stessi consiglieri, eletti con lui nella lista di Scanzano Rinasce e ovviamente nemmeno su quelli delle minoranze.
Fra i punti bocciati il bilancio consolidato e una variazione della manovra finanziaria.

“Aspetto il parere del revisore dei conti per approvare in Giunta il bilancio, così da lasciare i conti in ordine. Poi insieme ai miei assessori – ha annunciato Cariello – presenterò le dimissioni nella speranza che portino serenità alla comunità – attraverso il commissariamento – e io mi ritirerò a vita privata”, fra le dichiarazioni rilasciate a caldo dal primo cittadino.

 

La Città di Scanzano Jonico, come si ricorderà, nella recente storia ha subito due commissariamenti: uno per presunte infiltrazioni mafiose e l’altro provvedimento è stato determinato da irregolarità amministrative.

 

Dimensionamento scolastico: il no unanime del Consiglio provinciale di Matera

in Politica

Dimensionamento scolastico, il Consiglio provinciale di Matera dice NO all’unanimità ai tagli e chiede la conferma dell’attuale numero delle dirigenze. Parere contrario anche ai criteri proposti dalla Regione Basilicata

Il Consiglio provincia di Matera ha approvato all’unanimità una delibera con la quale manifesta netta contrarietà all’applicazione del DM 127-23 e al taglio delle dirigenze scolastiche in esso previste, taglio che colpirebbe un territorio soggetto a spopolamento e con il 91% dei comuni della provincia totalmente montani o svantaggiati. Per l’ente guidato dal presidente Piero Marrese, infatti, va confermato il piano di dimensionamento scolastico in vigore e l’attuale numero di dirigenze. Manifestato parere contrario anche verso i criteri proposti dalla Regione Basilicata in quanto il Consiglio ritiene che l’azione del piano di dimensionamento “non può essere volta solo al mero contenimento della spesa, ma va anche finalizzata a soddisfare le esigenze culturali e pedagogiche del territorio per migliorare la qualità dell’offerta formativa e la riduzione della dispersione scolastica”. Il tutto anche per “scongiurare l’impoverimento dell’organizzazione didattica e socio-culturale che nuocerebbe in modo grave a tutta la nostra comunità scolastica e non solo, in quanto l’azione di dimensionamento deve costituire un punto di riferimento per adeguate azioni finalizzate al miglioramento dell’offerta didattica e formativa in favore dei discenti”.

L’assemblea ha poi sensibilizzato “le istituzioni regionali e ministeriali sulla necessità di mantenere e rafforzare la presenza della scuola sui territori, quali irrinunciabili presidio e diritto di cittadinanza e strumento per garantire la migliore organizzazione dell’offerta formativa, anche alla luce dell’importante impegno dell’amministrazione provinciale sia in termini organizzativi, sia di investimenti e realizzazioni sul patrimonio edilizio scolastico di competenza. Inoltre, alla Regione Basilicata è stato chiesto di “prevedere adeguate risorse da destinare ai trasporti, al fine di programmare l’offerta scolastica con indispensabili e necessari servizi soprattutto alla luce dell’evidente inadeguatezza dei trasporti pubblici locali in capo alla Regione stessa, rispetto alle esigenze degli studenti pendolari frequentanti soprattutto gli istituti superiori che favorisce il drammatico fenomeno della dispersione scolastica”.

Il presidente Marrese ha rimarcato: “E’ dimostrato che gli istituti comprensivi comprendenti diversi piccoli e medi comuni portino all’impossibilità oggettiva per il dirigente di essere presente con regolarità, anche a causa dei tempi di percorrenza. Tutto questo impoverisce la comunità scolastica di un presidio a cui anche sindaci e mondo associativo fanno costante riferimento. I dirigenti scolastici sono motore dell’animazione socio-culturale delle nostre piccole comunità anche attraverso la candidatura, o la partecipazione quale partner, di progetti ad avvisi pubblici, spesso banditi proprio dal MIUR, che prevedono attività per il contrasto al disagio ovvero al miglioramento dell’attività didattica anche outdoor: l’assenza di un dirigente scolastico, ovvero la sua presenza in un ambito troppo vasto, potrebbe quindi far perdere ai nostri studenti, ai nostri figli, tantissime occasioni di miglioramento delle abilità.

Dobbiamo evitare che il piano sul dimensionamento venga applicato perché, in caso contrario, ne risulterebbe svilito il diritto allo studio nel territorio e verrebbe ad acuirsi un impoverimento socio-culturale delle nostre comunità, costituite prevalentemente da piccoli comuni che si vedrebbero privati di una istituzione che anima la comunità scolastica.

La Regione e il Governo ci ascoltino, rispettando richieste ed esigenze dei territori”, ha concluso Marrese.

Prosegue il percorso riorganizzativo di Forza Italia in provincia di Matera

in Politica

Prosegue il percorso riorganizzativo di Forza Italia in provincia di Matera. Nominati i coordinatori e le coordinatrici della Collina Materana.

Non si arresta il percorso di riorganizzazione di Forza Italia in Provincia di Matera ad opera del coordinatore provinciale Gianluca Modarelli, che, di comune accordo con la coordinatrice regionale Sen. Maria Elisabetta Casellati, ha nominato i coordinatori e le coordinatrici del partito per i comuni della collina Materana.
Si tratta di Anna Lucia Capalbi per il comune di Cirigliano; di Ferrandina Leonardo Cosentino; di Garaguso Angelo Santoro, di Gorgoglione Lauria Maria Rosaria, di Grassano Maria Morrone, di Grottole Franca D’Amato, di Irsina Eufemia Verrascina , di Montescaglioso Rocco Oliva, di San Mauro Forte Ottavia Anna Masiello, di Tricarico Angela Battaglia,
Ancora una volta si tratta persone, afferma Modarelli, dalle virtù umane e politiche capaci di dare risposte concrete ai territori che rappresenteranno. Per ogni comune in questione, continua Modarelli, ci siamo impegnati nel rintracciare nomi che in Forza Italia sono emersi per competenze, esperienza e doti inclusive; virtù fondamentali per contribuire fattivamente non solo all’irrobustimento del partito ma anche ad un migliore sviluppo del territorio. Certo della giustezza di tali scelte, cogliamo l’occasione, conclude Modarelli, per augurare loro un buono e proficuo lavoro.

Basilicata: cinque milioni di euro per la rigenerazione degli impianti sportivi

in Politica

Basilicata: cinque milioni di euro per la rigenerazione degli impianti sportivi

“Sono molto soddisfatto per la concretizzazione di un finanziamento di cinque milioni di euro per l’attuazione di progetti presentati degli Enti locali per la rigenerazione e la riqualificazione degli impianti sportivi esistenti”. È quanto dichiara l’Assessore allo sviluppo economico, Michele Casino, in merito della firma degli Accordi con i 16 Comuni beneficiari dell’Avviso “Top Sport”.

“Il finanziamento – spiega Casino – consentirà di realizzare gli interventi candidati dai Comuni di Rionero in Vulture, Lauria, Oppido Lucano, Montalbano Jonico, Barile, Colobraro, Palazzo San Gervasio, Ripacandida, Forenza, Campomaggiore, Fardella, San Chirico Raparo, Melfi, Bella, Marsicovetere e Tito.

In particolare è previsto il recupero di piccole e grandi strutture sportive ad uso collettivo anche in relazione al migliore benessere fisico della popolazione e alla rivitalizzazione di centri sportivi e degli edifici di pertinenza. Ringrazio i Comuni per l’interesse e la partecipazione a questo Avviso pubblico –continua Casino – che si è concretizzato con la firma degli Accordi di finanziamento. Tale interesse – conclude l’assessore – rappresenta un impegno a continuare il percorso intrapreso di attenzione massima alle infrastrutture sportive dei territori, con iniziative prossime che andranno ancora in questa direzione”.

[Immagine d’archivio, non si riferisce al fatto descritto nel comunicato]

Il sindaco di Tursi Salvatore Cosma entra in Azione

in Politica

Il sindaco di Tursi Salvatore Cosma entra in Azione

“Aderisco ad Azione con convinzione perché ritengo che sia questo lo spazio politico per dare una svolta alla Basilicata. Chi mi conosce sa che la concretezza e il buonsenso sono alla base del mio agire come sindaco, attività che svolgo ogni giorno con grande passione e impegno, mosso solo dalla volontà di fare il bene della mia comunità. Azione in Basilicata, con la guida di Marcello Pittella e Donato Pessolano, ha dimostrato di saper essere il partito che più di altri si occupa concretamente dei lucani, avanzando proposte e superando quegli inutili steccati identitari che ormai vivono solo nel dibattito politico ma non più nella società lucana. Uno dei motivi che mi ha spinto ad aderire è stato vedere ed ascoltare la neo classe dirigente di Azione Basilicata fatta soprattutto di donne e giovani preparati e pronti a lavorare per una Basilicata migliore. Metto a disposizione del partito tutta la mia esperienza, il mio pragmatismo, e la voglia di lavorare ad un nuovo progetto di riforma e innovazione della politica e della Basilicata”.

“Siamo contenti di dare il benvenuto in Azione a Salvatore Cosma. Con l’ingresso di Salvatore, Azione si conferma partito in grado di attrarre amministratori di valore, pragmatici e impegnati a lavorare ogni giorno per il bene dei lucani. La nostra comunità politica, fatta di donne e uomini di ispirazione liberale, democratica e riformista, vuole davvero contribuire ad un nuovo progetto per la Basilicata e a determinare una vera e propria innovazione politica che metta al centro le persone, i territori, la cura e lo sviluppo della nostra regione”.

Lo dichiara Donato Pessolano, segretario regionale di Azione Basilicata

Scanzano Jonico: Consiglio comunale aperto su “dimensionamento scolastico”

in Politica

Scanzano Jonico: Consiglio comunale aperto su “dimensionamento scolastico”

 

Convocato il consiglio comunale aperto che ha come tema quello del dimensionamento scolastico, l’assise cittadina si riunirà domani, 7 Dicembre 2023, alle ore 17.30.
Alla seduta consiliare prenderanno parte il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo De Andrè, il presidente della Provincia di Matera e il presidente del Consiglio d’Istituto.

A Giusy Rocco la segreteria del Partito Democratico di Scanzano Jonico

in Politica

A Giusy Rocco la segreteria del Partito Democratico di Scanzano Jonico. Succede a Rocco Durante, la proclamazione è avvenuta giovedì scorso

 

Cambio alla segreteria del Partito Democratico cittadino a Scanzano Jonico, Rocco Durante ha passato il testimone a Giusy Rocco. “Onorato di aver rappresentato il Partito Democratico, un caloroso in bocca al lupo a Giusy, sarò sempre al suo fianco”.
Una sfida complessa quella che attende Giusy. A lei sono state rivolte alcune domande a margine della sua proclamazione unanime avvenuta giovedì scorso al Palazzo baronale cittadino.

Chi te l’ha fatta fare. Stiamo parlando di un partito che agli occhi dell’opinione pubblica appare tutt’altro che saldo al suo interno e non solo?

“La passione che da sempre mi anima per il bene della città. Inoltre, mi hanno dato slancio tutte le testimonianze dei cittadini in occasione delle tre campagne elettorali a cui ho partecipato. Anche in quelle occasioni si ha la possibilità di intercettare i bisogni dei protagonisti dell’azione politica, cioè dei cittadini”

Cosa sei pronta a dare al tuo partito,  e cosa ti aspetti dal PD, a tutti i livelli,  in termini di collaborazione e supporto alle tue azioni politiche?

“Il lavoro del nostro circolo sarà quello di trasmettere alla popolazione che c’è unità di pensiero, di intenti. Che ben si può agire sia a livello provinciale che regionale e che il lavoro si può instaurare anche con gli altri segretari di circolo. Ricordo infatti che il segretario provinciale è Claudio Scarnato, nostro concittadino. Ciò mi fa pensare che si potrà avviare un discorso di coordinamento e collaborazione con gli altri circoli”.

Sì, ma Policoro per esempio che è la città più vicina a Scanzano Jonico non ha un segretario cittadino,  si regge sul commissario che è il segretario provinciale, Claudio Scanato. Inoltre, alle ultime amministrative il Partito Democratico in quella città non ha nemmeno presentato una lista. Te la senti, in questa sede,  di dare un indirizzo ai vertici del tuo partito affinché si evitino situazioni di vacanza politica nei comuni?

“L’attenzione su Policoro è già stata posta, si sta lavorando per ricreare entusiasmo e coesione anche lì. Inutile giocare a indovina chi, ma auspico che anche in città il consenso unanime si orienti verso una figura che abbia dimostrato impegno e appartenenza e che ha svolto il suo lavoro nel solo interesse della città e mai per fini personali”.

Nella tua agenda politica quali saranno le priorità?

“Mettere Scanzano Jonico al primo posto. Ascoltare tutti, senza distinzioni fra chi simpatizza per il PD e chi no. Occorre dare risalto a tutte le bellezze che Scanzano Jonico può offrire. Saremo, come PD cittadino, portavoce delle necessità della città e dei progetti che intendiamo realizzare per il benessere di tutti”.

Agrifood: si è conclusa la prima edizione della fiera dedicata al settore agricolo

in Politica

Agrifood: si è conclusa la prima edizione della fiera dedicata al settore agricolo.

Di “rinascita” ha parlato il sindaco di Scanzano Jonico, Pasquale Cariello nel commentare la due-giorni svoltasi in città, toni meno trionfalistici quelli dei consiglieri di opposizione, Claudio Scarnato e Felicetta Salerno, del gruppo di SìAmo Scanzano, i quali in una nota hanno fatto sapere: “Bene Agrifood ma Scanzano deve puntare più in alto”.

Di seguito le note integrali diffuse alla stampa dal sindaco e dai consiglieri di opposizione.

AGRIFOOD, la fiera del Riscatto e della Rinascita di un’intera comunità. Si chiude con uno straordinario successo la prima edizione. Quattro Associazioni insieme in un grande evento per Scanzano

“Amici, il percorso di rinascita e riscatto di Scanzano è appena iniziato. La fiera AGRIFOOD ha segnato soltanto l’inizio di un percorso intrapreso da quest’Amministrazione insieme a Coldiretti, Cia, Copagri e Confagricoltura per valorizzare le nostre eccellenze. AGRIFOOD diventerà un appuntamento fisso per la crescita del nostro territorio”. Sono state queste le parole con cui Pasquale Cariello, Sindaco di Scanzano Jonico, ha chiuso ufficialmente la prima edizione dell’evento dedicato all’agricoltura nel comune del Metapontino. Un appuntamento grandioso, importante come numero di persone che hanno visitato gli stand disposti in tutta la zona circostante il Palazzo Baronale, fondamentale dal punto di vista “politico” e di condivisione: “Abbiamo riunito in un’unica manifestazione quattro Associazioni che hanno lavorato insieme, per la prima volta, per il bene dei loro tesserati e di tutto il Metapontino – ha dichiarato Cariello – l’obiettivo era chiaro sin dall’inizio, dare vetrina ai nostri produttori, scelti dalle quattro organizzazioni datoriali e sviluppare un unico progetto, una strategia vincente che condurrà questo territorio verso una vera emancipazione come marketing, come tecnologia, come comunione di interessi. Per questo devo ringraziare tutti i partner che ci hanno sostenuto, quelli come la Lucania Food Experience con cui abbiamo collaborato, tutte le Associazioni di Scanzano che hanno aderito, tra le quali la Pro Loco che ha presentato il calendario natalizio, tutti i dipendenti comunali e tutte le maestranze che si sono adoperate affinché nonostante il tempo, poco clemente, potessimo realizzare una fiera così meravigliosa per contenuti e partecipazione. Infine – conclude il primo cittadino scanzanese – permettetemi di fare un ringraziamento speciale alla mia squadra, a quest’Amministrazione che ha creduto fortemente che quello che era solo un sogno potesse avversarsi. Parlo degli Assessori e del consigliere Marzano, una squadra che dalla mattina alla sera è stata qui con me ad organizzare tutto. Vedete questa Amministrazione è giovane ma sta dimostrando giorno dopo giorno che non ha voglia di guardare al passato ma di costruire passo dopo passo un futuro per tutti i giovani di questa comunità”.

STAND, CONVEGNI E SPETTACOLO “COOKING SHOW” – AGRIFOOD non è stato soltanto uno spazio per valorizzare l’agricoltura e la zootecnia del Metapontino ma anche luogo fisico per conoscere i grandi imprenditori di mezzi agricoli che hanno esposto i propri maestosi automezzi e trattori di ultima generazione. Oltre a questo, AGRIFOOD è stato luogo di dibattito e confronto grazie a due convegni, organizzati dalle Associazioni, che hanno coinvolto politici, responsabili istituzionali, ingegneri, geologi e il comitato Scanziamo le Scorie su temi fondamentali quali l’innovazione irrigua, l’erosione costiera ed i cambiamenti climatici che mettono a rischio l’economia agricola del Mezzogiorno e della Basilicata. Gli ultimi momenti di AGRIFOOD hanno invece divertito e solleticato gli spettatori a momenti più spensierati: prima il cooking show, organizzato da Lucania Food Experience, con la vittoria della cuoca Giuliana Vitarelli, poi il grande spettacolo dell’anima della Tarantata lucana Pietro Cirillo che con le sue musiche ed i suoi tamburi ha chiuso questo primo appuntamento. Grazie AGRIFOOD, appuntamento alla prossima edizione [Fonte Ufficio Stampa Comune di Scanzano Jonico]

 

SALERNO E SCARNATO: BENE AGRIFOOD MA SCANZANO DEVE PUNTARE PIU’ IN ALTO

La fiera agroalimentare Agrifood tenutasi a Scanzano Jonico il 2 e 3 dicembre è stata una bella occasione per valorizzare il nostro territorio. Il trait d’union che si è creato tra le associazioni di categoria, che hanno ben rappresentato il ciclo completo dell’agroalimentare, dal produttore al consumatore, è stato ben recepito dai visitatori.
Al contempo, però, riteniamo che Scanzano debba puntare più in alto.
Se con l’Agrifood Scanzano è al centro della Basilicata, con l’attribuzione di “Città della Fragola” salirebbe al centro dell’Europa.
Puntando sulla valorizzazione della produzione della Fragola della Basilicata, Scanzano acquisirebbe un valore mai avuto finora. Il nostro territorio è predisposto alla produzione di questa coltura, sarebbe un vero peccato se insieme non puntassimo verso il raggiungimento di livelli più alti. La sagra della fragola dello scorso aprile è stata la conferma di quanto il settore di riferimento a tutti i livelli sia coeso e proiettato verso il medesimo obbiettivo. In quella occasione tutti i produttori del territorio, così come le associazioni di categoria, erano presenti e hanno collaborato consapevoli del valore aggiunto che la fragola può donare al nostro territorio. Non solo nel settore agricolo ma di conseguenza anche nel settore commerciale e turistico in senso lato.
Ci auspichiamo che si continui verso questa traiettoria focalizzandosi realmente sulle potenzialità e sulla valorizzazione del territorio e di tutti i suoi attori, non tralasciando nessuno per portare alto il nome della nostra Scanzano.

Fonte: comunicato stampa dei consiglieri comunali, Felicetta Salerno e Claudio Scarnato.

Forza Italia si riorganizza e nomina i coordinatori nei comuni del Metapontino

in Politica

Forza Italia si riorganizza e nomina i coordinatori nei comuni del Metapontino

Prosegue il percorso di riorganizzazione di Forza Italia in Provincia di Matera ad opera del coordinatore provinciale Gianluca Modarelli (nella foto), che, di concerto con la coordinatrice regionale Sen. Maria Elisabetta Casellati, ha nominato i coordinatori e le coordinatrici del partito per i comuni del metapontino.
Si tratta di: Francamaria Civale per Policoro, Maria Giovanna Merlo per il Comune di Scanzano Jonico; di Giovanni Dimatteo per Nova Siri; di Francesco Rinaldi per Valsinni; di Giuseppe Violante per Colobraro; di Emiliano Lauria per Tursi, di Francesco Salluce per Bernalda e di Marcello Maffia per il comune di Montalbano Jonico e Pasquale Tuccino per Pisticci.
Sono nomi, afferma Modarelli, capaci di dare risposte concrete ai territori che rappresenteranno;
Per ogni comune del metapontino, continua Modarelli, ho cercato persone che nel partito si sono distinte per competenze, esperienza e capacità di dialogo e che, sono certo, saranno in grado, insieme a tutta la deputazione nazionale, regionale e provinciale di agire per il coordinamento e per il supporto a tutti i rappresentanti di Forza Italia nei nostri territori. Ed è su questa scia che, conclude Modarelli, a breve proseguiranno le altre nomine.

Torna su