Archivio categoria

Economia - page 4

Investimenti nelle aziende agricole per 36,6 milioni di euro

in Economia

Investimenti nelle aziende agricole per 36,6 milioni di euro. I potenziali beneficiari – imprese singole o associate – potranno presentare  l’istanza di candidatura ad una delle due tipologie di finanziamento (Ordinario o Euri), compilando l’apposito format sul portale Siarv della Regione Basilicata

Cupparo: obiettivo è quello di migliorare le prestazioni economiche di tutte le aziende agricole, la ristrutturazione e l’ammodernamento delle stesse al fine di aumentare la quota di mercato e l’orientamento, in una logica di sostenibilità ambientale.

 Per sostenere i programmi di sviluppo delle imprese agricole lucane la giunta regionale, su proposta dell’assessore alle Politiche agricole, forestali e alimentari, Francesco Cupparo, ha approvato un bando specifico relativo alla Sottomisura 4.1 “Investimenti nelle aziende agricole” del Programma di sviluppo rurale (Psr) 2014/2020 attivando risorse pubbliche per 36 milioni e 600 mila euro. Sono due le differenti linee di finanziamento: risorse ordinarie (cofinanziate): 20 milioni di euro, risorse Euri (Ngeu): 16,6 milioni di euro.

“Obiettivo principale della Sottomisura 4.1 – evidenzia l’assessore – è quello di migliorare le prestazioni economiche di tutte le aziende agricole, la ristrutturazione e l’ammodernamento delle aziende al fine di aumentare la quota di mercato e l’orientamento allo stesso, in una logica di sostenibilità ambientale. L’avviso – spiega Cupparo –  adotta un meccanismo procedurale finalizzato alla semplificazione ed al contemporaneo rafforzamento dei controlli amministrativi, tale da ottimizzare la gestione dell’elevato numero di potenziali richieste dei beneficiari. Al fine di garantire la separatezza fra i flussi procedurali legati alle due tipologie di risorse finanziarie del Psr Basilicata, già in prima fase i potenziali beneficiari – precisa Cupparo – saranno chiamati ad optare per una delle due linee finanziarie.

Nella seconda fase saranno implementate due procedure SIAN distinte. Il tutto nel rispetto della necessità di separata rendicontazione, controllo e monitoraggio delle due tipologie di risorse”.

In dettaglio la sottomisura 4.1 “Investimenti nelle aziende agricole”, concorre al soddisfacimento dei seguenti fabbisogni del programma: promuovere l’aumento della dimensione economica delle imprese agro-forestali e l’orientamento – al mercato;  incentivare lo sviluppo di nuovi modelli produttivi e organizzativi orientati alla diversificazione – delle attività agricole nelle aree rurali e nelle aziende agricole; aumentare l’integrazione territoriale delle imprese agricole;  favorire l’ingresso e la permanenza dei giovani in agricoltura, anche attraverso lo sviluppo del capitale umano;  stimolare e incentivare la creazione di reti e network (associazioni, accordi, consorzi, ecc.) e l’approccio di filiera;  contenere il prelievo della risorsa idrica; valorizzare i sottoprodotti e gli scarti delle lavorazioni agricole, alimentari e forestali a fini – energetici; razionalizzare i consumi energetici nel settore agricolo.

Tutti gli adempimenti sono contenuti nell’avviso tenuto conto che entro 60 giorni  dalla pubblicazione sul Bur, i potenziali beneficiari – imprese singole o associate – potranno presentare  l’istanza di candidatura ad una delle due tipologie di finanziamento (Ordinario o Euri), compilando l’apposito format sul portale Siarv della Regione Basilicata e trasmettendo il format di partecipazione con l’asseverazione dei punteggi attribuibili alle rispettive proposte progettuali.

Calendario Poste Italiane pagamenti pensioni Maggio

in Economia

 

Calendario Poste Italiane pagamenti pensioni Maggio. Per chi ha scelto l’accredito resta possibile il ritiro da uno dei 135 ATM Postamat senza recarsi allo sportello

Poste Italiane comunica che le pensioni del mese di maggio saranno accreditate regolarmente a partite da lunedì 2 maggio, per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. Sempre da lunedì 2 maggio, inoltre, i titolari di carta Postamat, Carta Libretto o di Postepay Evolution potranno prelevare i contanti dai 135 ATM Postamat disponibili sul territorio lucano senza bisogno di recarsi allo sportello.

Al fine di evitare assembramenti, tutti i pensionati che intendono ritirare i contanti allo sportello potranno presentarsi in uno dei 183 Uffici Postali lucani rispettando preferibilmente la seguente turnazione alfabetica, valida per le sedi operative 6 giorni alla settimana:

I cognomi

dalla A alla C lunedì 2 maggio
dalla D alla G martedì 3 maggio
dalla H alla M mercoledì 4 maggio
dalla N alla R giovedì 5 maggio
dalla S alla Z venerdì 6 maggio

Per conoscere la turnazione alfabetica degli Uffici Postali aperti con orario rimodulato è possibile fare riferimento agli appositi avvisi affissi sulle porte d’ingresso oppure consultare il sito www.poste.it o contattare il numero verde 800 00 33 22.

 

Stelle al merito a tre lavoratori: uno è di Nova Siri

in Economia

Stelle al merito a tre lavoratori: uno è di Nova Siri. I riconoscimenti a Violante Francesco dipendente BCC di Nova Siri, a  Gaudiano Emanuele dipendente Tim di Matera e Lapacciana Nicola Domenico dipendente Ineltec di  Mater

In un comunicato stampa della Federazione dei Maestri del lavoro è stata data notizia del conferimento delle stelle al merito del lavoro a tre lavoratori  della provincia di Matera, nella nota stampa è spiegato che il primo maggio saranno insigniti del titolo di maestri del lavoro, il sig. Violante Francesco dipendente BCC di Nova Siri, il sig. Gaudiano Emanuele dipendente Tim di Matera e il sig. Lapacciana Nicola Domenico dipendente Ineltec di  Matera”.

I neo maestri del lavoro, Violante Francesco e Gaudiano Emanuele, riceveranno il brevetto, durante la cerimonia che si terrà presso il Teatro Stabile alla presenza dei prefetti di Potenza  e di Matera, del sindaco di Matera e delle altre autorità presenti. Il neo maestro del lavoro Lapacciana Nicola Domenico, accompagnato dal console  provinciale Lupariello Fabrizio, in rappresentanza dei maestri del lavoro di tutta la  Basilicata, riceverà il brevetto dalle mani del presidente della repubblica Sergio Mattarella, nella cerimonia che avverrà al Quirinale, la casa degli italiani.

Contratti di Fiume, 900 mila euro per il Noce ed il Sinni

in Economia

Contratti di Fiume, 900 mila euro per il Noce ed il Sinni. Lo scopo è quello di recuperare le attività legate ai fiumi ad un’antica cultura territoriale

Il Flag Coast to Coast ha pubblicato un avviso pubblico finalizzato alla realizzazione di interventi nei due bacini fluviali.
E’ stato pubblicato l’Avviso pubblico “Favorire la partecipazione locale per innescare una coscienza collettiva e responsabile di tutela dei fiumi, di sviluppo sostenibile e di governo condiviso del territorio”, finalizzato alla realizzazione di interventi nei due bacini del Noce e del Sinni.L’ammontare delle risorse a disposizione è pari a 900 mila euro, suddivisi per i quattro ambiti così individuati: Noce, Alto Sinni/Val Sarmento, Diga di Monte Cotugno, Basso Sinni, e finanzieranno interventi di riqualificazione ambientale e recupero della biodiversità; attività culturali legate alla vita, ai costumi ed alle tradizioni delle popolazioni fluviali (realizzazione di ecomusei/etnomusei, centri visite, aule didattiche all’aperto, centri dieducazione ambientale/fluviale; etc.); interventi di accessibilità ad aree di pertinenza per la fruizione dei beni e dei luoghi del paesaggio fluviale, quale componente sociale e turistica (percorsi escursionistici ciclopedonali; aree attrezzate; attività e servizi sportivi, ludico-ricreativi, didattico-formativi; etc.).

“L’idea generale – spiega Nicola Mastromarino, Presidente del Flag – è quella di dare ai territori coinvolti la possibilità di realizzare interventi dove materializzare una propria visione di qualità ambientale e paesaggistica dei fiumi, in connubio con una fruibilità e gestione del bene comune di natura culturale e identitaria.”

L’avviso si rivolge agli Enti locali, singoli o associati, alle Provincie, Enti Parco, Aree Programma, Unioni di Comuni, che abbiano sottoscritto il Manifesto d’Intenti “Verso i Contratti di Fiume della Valli del Noce e del Sinni”. Beneficiari indiretti sono le associazioni culturali, sportive, ambientali, etc., in qualità di partner organizzatori e gestori delle attività e degli interventi previsti.

“Questo bando arriva – spiega ancora Mastromarino – dopo una intensa fase di ascolto del territorio, durante la quale sono emerse criticità legate al Noce e al Sinni e al contempo idee di valorizzazione e tutela degli stessi. Tutto quello che si realizzerà grazie a questo avviso, rappresenta dunque per noi un piccolo avamposto che, ci auguriamo, diventi esempio di comunità, esempio di come vivere e servire i luoghi. Ed è – conclude il Presidente del Flag – una tappa fondamentale verso la costruzione del Piano di Azione dei Contratti di Fiume, obiettivo principale del nostro percorso”.

Intanto, è possibile consultare i dettagli dell’Avviso Pubblico sul sito del Flag Coast to Coast alla sezione Avvisi e Bandi.
La presentazione delle domande di finanziamento dovrà avvenire, a pena di esclusione, tramite PEC all’indirizzo: contrattidifiume.basilicata@pec.it, entro e non oltre le ore 13:00 del giorno 25 luglio 2022.

Lo scopo del “Contratto di fiume” è quello di recuperare le attività legate ai fiumi insieme ad un’antica cultura territoriale, per scongiurare l’abbandono di un ecosistema, già afflitto dai cambiamenti climatici, minacciato da fenomeni di inondazioni e siccità e contribuire allo sviluppo locale. In sintesi: “Restituire i corsi d’acqua al territorio e il territorio ai corsi d’acqua”.

Segui ilMet su Instagram 

 

Ebab: in pagamento CIG 2021 per lavoratori aziende artigiane

in Economia

Ebab: in pagamento CIG 2021 per lavoratori aziende artigiane. Tra i mesi di aprile e dicembre 2021 i lavoratori lucani interessati sono in totale 636.

Il Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato a partire da oggi ha disposto il pagamento delle prestazioni CIG Covid 19 per l’anno 2021 per i dipendenti delle aziende artigiane. In Basilicata il totale al netto della contribuzione correlata è di 335.648,74. Tra i mesi di aprile e dicembre 2021 i lavoratori lucani interessati sono in totale 636.

Ne dà notizia l’Ebab (Ente Bilaterale Artigianato Basilicata) riferendo che si tratta complessivamente di circa 54 milioni di euro, utilizzando i quali FSBA procederà a pagare l’ammortizzatore sociale per le giornate di sospensione realizzate dai dipendenti nei mesi di dicembre, di novembre e, per alcuni casi, anche nei mesi precedenti.

Le lavoratrici ed i lavoratori dipendenti del Comparto artigiano hanno atteso mesi e mesi per vedere realizzati i loro diritti; tempi di attesa lunghi, troppo lunghi, determinati dagli adempimenti amministrativi e burocratici. Il Fondo e le parti Sociali costituenti (Confartigianato, CNA, Casartigiani e CLAAI, sul versante datoriale, e CGIL, CISL e UIL sulla sponda sindacale) non hanno smesso di sollecitare i Ministri, gli Uffici preposti, tutti i diversi soggetti che hanno parte in questa trafila.

Si chiude così, e speriamo in modo definitivo, una lunga pagina di impegno di FSBA e a livello regionale di Ebab per gestire al meglio, con velocità e trasparenza, le risorse pubbliche destinate al sostegno dei redditi dei dipendenti alle prese con le difficoltà produttive collegate alla pandemia: più di 800.000 lavoratrici e lavoratori tutelati, 242.000 imprese sostenute, 3,5 miliardi di euro utilizzati. C’è ora da seguire la coda dell’accredito presso l’INPS della contribuzione previdenziale, per la quale operazione al Fondo hanno accantonato centinaia di milioni di euro.

Nel frattempo, sono stati effettuati i pagamenti della cassa integrazione ordinaria per le giornate di sospensione dal lavoro nei mesi di gennaio e febbraio di quest’anno (chi non ha ancora ricevuto nulla – comunica Fsba – deve attendere che il Fondo verifichi – sulla base di dati di provenienza Inps – la regolarità contributiva dell’impresa). A breve si cominceranno i pagamenti anche per il mese di marzo (i conteggi sono rimandati solo di qualche giorno, perché si dà priorità all’altra operazione). I tempi, quando le risorse utilizzate sono quelle proprie del Fondo raccolte da parte delle imprese artigiane – che sono tenute per legge a queste contribuzioni – sono ben più veloci.

FSBA in sinergia con Ebab si caratterizza, anche così, come uno dei soggetti protagonisti di questa forma di protezione sociale, funzione tanto più rilevante – e particolare nel suo genere essendo questa l’unica forma di ammortizzatore sociale per tutto il Comparto artigiano – in quanto sancita e ribadita dalla recente riforma della cassa integrazione. Il Fondo, peraltro, è impegnato nell’adeguamento del proprio regolamento per recepirne le novità e allargare le proprie funzioni di welfare.

Bando paesaggio rurale: in Basilicata al via presentazione candidature

in Economia

Bando paesaggio rurale: in Basilicata al via presentazione candidature. Le domande potranno essere presentate fino al 24 Maggio. Stanziati complessivamente 10.208.684 euro

Le domande di finanziamento possono essere inoltrate da oggi e fino al 24 maggio 2022. Bardi: Un bando molto atteso che consentirà il recupero di un patrimonio inestimabile.

Aperto nei giorni scorsi lo sportello telematico per presentare le candidature finalizzate ad ottenere i finanziamenti previsti dall’Avviso pubblico “PNRR – Missione 1 – Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura, Componente 3 – Cultura 4.0 (M1C3), Misura 2 “Rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale, religioso e rurale”, Investimento 2.2: “Protezione e valorizzazione dell’architettura e del paesaggio rurale”. Approvazione dell’Avviso pubblico per la presentazione di proposte di intervento per il restauro e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale”, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata n. 18 del 16 aprile 2022. Le domande possono essere presentate da soggetti privati (persone fisiche, imprese, enti del terzo settore e organizzazioni culturali, enti ecclesiastici, fondazioni e altre organizzazioni)

per progetti di recupero e valorizzazione di edifici storici rurali (mulini ad acqua o a vento, frantoi, masserie, jazzi, scuole rurali, habitat rupestre, ecc.), di elementi della cultura, religiosità, tradizione locale (cappelle, chiese rurali, edicole votive, ecc.) nonché progetti di manutenzione dei paesaggi rurali.

Per il bando la Giunta regionale ha stanziato un importo complessivo di 10.208.684 euro. “Si tratta di una misura molto attesa che offre una grande opportunità al territorio lucano: un territorio che racconta la storia attraverso l’economia agricola tradizionale. Un patrimonio inestimabile che merita di essere valorizzato”, ha commentato il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi. La domanda di finanziamento, completa della proposta, dei documenti e delle dichiarazioni, deve essere presentata utilizzando esclusivamente l’applicazione informatica predisposta da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. e accessibile all’indirizzo https://portale-paesaggirurali.cdp.it/ a partire dalle ore 12:00 di oggi 21/04/2022 e fino alle ore 23.59 del 24/05/2022. La procedura di selezione degli interventi da ammettere a finanziamento è una procedura a sportello con valutazione, nella quale dunque l’ordine temporale di arrivo delle domande guiderà l’istruttoria e la valutazione di merito da parte della Commissione. Le eventuali richieste di chiarimenti e informazioni relative all’Avviso devono essere inoltrate al seguente indirizzo: dg.ambiente.energia@cert.regione.basilicata.it, mentre eventuali richieste di chiarimenti e informazioni relative al funzionamento della piattaforma informatica predisposta da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. devono essere inoltrate esclusivamente all’indirizzo: bando.architettura@cdp.it.

Povertà e cervelli in fuga: l’istantanea dell’Istat fa rabbrividire

in Economia

Povertà e cervelli in fuga: l’istantanea dell’Istat fa rabbrividire. “Il rapporto Istat sul benessere equo e sostenibile restituisce una fotografia del mezzogiorno ancora più cupa”

Nel 2021 nel Mezzogiorno le persone povere sono in crescita di quasi 196 mila unità, si confermano incidenze di povertà più elevate e in aumento, arrivando al 12,1% per gli individui (era l’11,1% nel 2020) e peggiorano le prospettive di benessere delle famiglie. Continua senza margini di attenuazione la fuga dei giovani soprattutto laureati dal Sud, infatti il bilancio delle migrazioni dei cittadini italiani 25-39 anni con un titolo di studio di livello universitario si chiude con un saldo dei trasferimenti di residenza da e per l’estero di -14.528 unità. Il Mezzogiorno, soltanto nel corso del 2020, ha perso 21.782 giovani laureati, di questi, oltre tre su quattro hanno trasferito la propria residenza nel Centro-nord (16.882; 77,5%).

Dopo la pandemia i divari sono aumentati e tra di essi il divario tra il Nord e il Sud si è ancora più acuito. Molto preoccupante il fenomeno della speranza di vita alla nascita, che recupera in buona parte al Nord nel 2021, ma diminuisce ancora nel Mezzogiorno, alla mortalità evitabile, che resta più elevata in molte regioni del Sud; la spesa pubblica per cultura e paesaggio resta tra le più basse d’Europa in rapporto al Pil (0,4% contro una media Ue27 dello 0,6%). Stabile la spesa dei Comuni per la cultura (19,9 euro pro capite), con divario molto ampio fra Nord e Mezzogiorno (rispettivamente 25,8 euro pro capite contro 9,3), questo è tra gli aspetti che più incide sulle condizioni di benessere dei cittadini.

La ripresa occupazionale del 2021 ha riguardato esclusivamente dipendenti a termine e collaboratori, soprattutto di breve durata: nonostante il numero di lavoratori precari da almeno cinque anni sia tornato ai livelli del 2019 (553 mila; + 35 mila rispetto al 2020), la loro quota, sul totale dei lavoratori precari, è scesa al 17,5%. Il numero è comunque elevato considerando che si tratta di una categoria persistente di occupati intrappolati in condizione di precarietà lavorativa. Il fenomeno è più diffuso nel Mezzogiorno, dove quasi un quarto (il 23,8%) dei lavoratori a termine lo è da almeno cinque anni (contro il 13% del Nord e 16,7% del Centro) e tra i lavoratori con al massimo la licenza media (24%, contro il 13,3% dei diplomati e il 17,0% dei laureati).

Questa fotografia cupa al contempo ci fornisce con chiarezza quali sono gli ambiti di intervento della nuova programmazione dei fondi europei 2021-2027 e i bandi del PNRR, guardando a questi dati emergono nitidamente le priorità su cui investire: potenziamento dei servizi ai cittadini, qualità dell’ambiente, opportunità per i giovani.

Intervento di Vincenzo Cavallo, segretario generale CISL Basilicata

Il prezzo della benzina di nuovo alle stelle? I consigli di Matteo Valenza per farsi trovare pronti

in Economia

Ne hanno discusso tutti, ovunque, nelle scorse settimane non si è parlato d’altro: il prezzo della benzina è salito alle stelle, fino al 30% in più rispetto a pochi mesi fa, e potrebbe impennarsi di nuovo.

L’intervento del Governo, con un taglio delle accise nel “Decreto Taglia-Prezzi”, ha permesso un risparmio complessivo di 30,5 centesimi al litro, abbassando i prezzi. Da più parti arrivano però inviti alla cautela: la benzina potrebbe aumentare ancora. L’intervento legislativo ha infatti una durata di 30 giorni. Che significa? Dal 21 aprile i prezzi potrebbero salire di nuovo, se non dovessero esserci proroghe.

Si tornerà a viaggiare su cifre superiori ai 2 €/l anche ai distributori self-service? Difficile dirlo, le variabili in gioco sono tantissime, tra ripresa economica post-Covid, accise, IVA, prezzo al barile e situazione internazionale. Di sicuro gli automobilisti, in ogni caso, dovranno farsi trovare pronti.

Sul canale YouTube di automobile.it, Matteo Valenza prova a mettere un po’ di ordine con alcuni consigli e best practice per arrivare a risparmiare fino al 15-20% del proprio carburante. Tra buone pratiche di ordinaria manutenzione (attenzione alle noncuranze energivore…), velocità ridotte – anche in autostrada – e la modalità eco da perseguire con zelante fanatismo, l’influencer confeziona un vero e proprio manuale del risparmio sul consumo della propria auto condensato in pochi minuti di video.

Sono tantissime le variabili che regolano il mercato del petrolio e il prezzo della benzina: per fortuna, ci sono anche tanti accorgimenti per provare a limitare gli esborsi economici e, perché no, magari risparmiare qualcosina.

Turismo: tavolo per interventi da finanziare

in Economia

Turismo: tavolo per interventi da finanziare per accrescere l’attrattività turistica dei Comuni del Metapontino. Torna a riunirsi il tavolo negoziale. Pisticci comune capofila.

L’assessore all’Ambiente della Regione Basilicata, Cosimo Latronico, raccogliendo una sollecitazione del sindaco di Pisticci, Domenico Albano, ha convocato un incontro per risolvere i quesiti che avevano determinato un blocco nella procedura di negoziazione.

Il Comune di Pisticci è capofila nella procedura negoziata avviata già con delibera 393 del 11 maggio 2018 tra la Regione Basilicata, i Comuni del Metapontino (Bernalda, Pisticci, Scanzano Jonico, Policoro, Rotondella e Nova Siri) ed il Comune di Maratea per l’ammissione a finanziamento delle operazioni a valere sull’Azione 6C.6.8.3 “Sostegno alla fruizione integrata di risorse culturali e naturali e alla promozione delle destinazioni turistiche” ma, nonostante il 31.07.2019 si fosse sottoscritto l’Accordo di Programma che vedeva protagonisti la Regione Basilicata ed i Comuni del Metapontino, proprio il progetto pisticcese non trovava una via d’uscita a causa dei vari livelli di tutela e vincoli urbanistici gravanti sulle aree interessate.

L’assessore Latronico ha quindi riunito un tavolo operativo al quale hanno partecipato i rappresentanti degli uffici della Direzione Generale del Dipartimento Ambiente (Ufficio Urbanistica e Paesaggio, Ufficio Compatibilità Ambientale e il Direttore Generale) per affrontare le problematiche e le difficoltà esposte dai rappresentanti del Comune analizzandole sotto i molteplici aspetti e prospettando delle ipotesi risolutive, così da far ripartire l’iter amministrativo scongiurando il rischio di perdere risorse pubbliche già impegnate. L’incontro si è concluso con l’impegno da parte degli uffici regionali di valutare nel dettaglio le successive fasi progettuali che l’ufficio tecnico del Comune di Pisticci provvederà a sviluppare anche con i suggerimenti da parte dei funzionari regionali.

Cultura: “call per i giovani lucani per creare servizi per il turismo culturale”

in Economia

Cultura: “call per i giovani lucani per creare servizi per il turismo culturale”. Avviare  avventure imprenditoriali o anche nuova impresa nei settori del turismo e dell’attrattività.

“La Basilicata crede molto nei ‘figli d’arte’. Le nuove generazioni di operatori della cultura e del turismo possono continuare e innovare la tradizione di famiglia e far crescere i territori”.

È quanto dichiara il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, in merito alla call rivolta a creativi e imprese nelle aree del turismo sostenibile e della valorizzazione del patrimonio culturale del progetto Horizon 2020 Be.CULTOUR ‘Beyond Cultural Tourism’, guidato dall’istituto di ricerca su Innovazione e Servizi per lo Sviluppo del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-IRISS), con la partnership italiana di Apt Basilicata. La call mira alla creazione di servizi e prodotti originali per il turismo culturale “circolare” in sei aree pilota in Europa tra cui il Vulture-Alto Bradano.

Il nostro auspicio – aggiunge Bardi – è che i giovani lucani investano in Basilicata. Questo progetto è calibrato per attrarre moltissime energie giovanili che possono avviare prime avventure imprenditoriali o anche nuova impresa nei settori del turismo e dell’attrattività.

È questo un progetto che mira inoltre all’innovazione delle aree a forte vocazione naturalistica con presenza di patrimoni culturali. In tale direzione – osserva Bardi – il Vulture-Alto Bradano rappresenta un unicum che attende solio le nostre giovani e migliori energie.

La Basilicata – sottolinea Bardi – deve diventare non solo attrattiva, ma si deve saper distinguere in Europa e a livello internazionale anche per l’innovazione dell’offerta turistica. La Basilicata – conclude il Presidente della Regione – può diventare modello di innovazione del settore del turismo a livello europeo sfruttando insieme al giovane capitale umano anche tutte le le nuove tecnologie”.

Per avere maggiori informazioni sulle aree di innovazione, sull’approccio dell’iniziativa Be.CULTOUR e sul turismo culturale circolare, è possibile scaricare il bando e il formulario per partecipare ai siti becultour e aptbasilicata nell’area Avvisi pubblici.

Torna su