Archivio categoria

Economia - page 3

Bit Milano 2022: tanti i comuni del Metapontino in fiera

in Economia

E’ da poco terminata la fiera dell’ortofrutta più importante d’Europa, il Fruit Logistica di Berlino che ha visto la partecipazione di aziende e istituzioni lucane, in queste ore ha aperto il sipario la Bit di Milano, evento autorevole e così descritto dagli organizzatori:

“Un grande appuntamento disegnato appositamente per servire i diversi canali di distribuzione e acquisto. Novità e tendenze per comprendere e anticipare l’evoluzione delle abitudini e del turismo”.

Di seguito i comunicati dei comuni che hanno annunciato la loro presenza in fiera

POLICORO
Policoro…in vetrina alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano. Dal 10 al 12 aprile 2022 gli occhi dell’economia e del turismo internazionale saranno puntati sull’importante appuntamento milanese a cui prendono parte esperti ed operatori professionali, agenti di viaggio, tour operator e compagnie di trasporto. In particolare, la Città di Policoro, con la partecipazione del gruppo di azione costiera FLAG e degli altri Enti partner, sarà presente alla BIT nel più ampio programma di “Basilicata Blu” terra dei due mari che racconterà, tra Ionio e Tirreno, le due coste dal punto di vista gastronomico, turistico ed ambientale. “Un’occasione imperdibile – dichiarano il Sindaco, Enrico Mascia e l’Assessore con delega al Turismo, Maria Teresa Prestera – per far conoscere ad una vasta platea internazionale quanto di buono può offrire il nostro territorio, in termini di accoglienza, gastronomia, genuinità, ambiente”. “Fieri ed orgogliosi di accompagnare la nostra Policoro – concludono Mascia e Prestera – a mettersi in vetrina e a presentarsi al mondo del turismo con tutte le sue bellezze storiche, turistiche, ambientali”.

MONTALBANO JONICO

Più di quello che ti aspetti. Con questo slogan la città di Montalbano Jonico partecipa alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano per pubblicizzare il suo territorio, le ricchezze enogastronomiche e la sua proverbiale ospitalità.
Non solo i calanchi, con la splendida Riserva Regionale, i percorsi naturalistici e i paesaggi mozzafiato, ma anche Tempa Petrolla, i fossili che raccontano dell’evoluzione della terra e un centro storico vivo che propone un turismo “lento” e di qualità. Per non parlare dell’esperienza particolare da vivere con le “Nonne Chef”, allo stesso tempo esaltazione delle prelibatezze enogastronomiche del territorio e simbolo del legame con esso.
A Montalbano Jonico il “tempo dura quanto vuoi”. Ed è proprio questo il messaggio che il sindaco, Piero Marrese, l’assessore Ines Nesi e la guida escursionistica Porzia Lombardi, intendono veicolare alla Bit di Milano, dove presenteranno l’offerta turistica del centro jonico, che si completa anche con le splendide spiagge dello Jonio, a soli dieci minuti di distanza, e tante altre cose da vedere e da gustare per potersi distrarre dalla routine e dallo stress della vita quotidiana.
“A Milano – ha dichiarato il sindaco, Piero Marrese – portiamo la nostra idea di turismo e di offerta turistica legata indissolubilmente al territorio. A nostri giudizio, infatti, il territorio e i suoi prodotti sono elementi che si completano a vicenda e raccontano la nostra Montalbano Jonico”.
L’assessore comunale Ines Nesi ha infine sottolineato “quanto importante sia una vetrina come quella della Bit per trasmettere al turista l’idea che a Montalbano Jonico c’è tanto da vedere e da respirare, al punto che la vacanza non dura un solo giorno, ma tutto il tempo che il turista vuole. L’obiettivo è anche quello di rinsaldare il legame tra i calanchi e i prodotti a marchio De.Co, che sono il frutto del territorio montalbanese”.

ROTONDELLA 

“Vi aspettiamo al Padiglione #basilicata della Bit Milano, dove stiamo presentando Rotondella,i suoi prodotti tipici, le sue bellezze e il Passaporto del Turista”, è riportato in un post sulla pagina facebook istituzionale.

TURSI

Tursi alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo) di Milano dal 10 al 12 Aprile. Il Sindaco Cosma: “Pronti ad aprirci come uno scrigno al mondo intero”
Gli occhi del mondo su Milano. Si svolgerà infatti sal 10 al 12 aprile 2022 la BIT, la Borsa Internazionale del Turismo a cui prendono parte esperti ed operatori professionali, agenti di viaggio, tour operator e compagnie di trasporto.
In particolare, la Città di Tursi con il suo vulcanico Sindaco Salvatore Cosma, illustrerà al mondo le sue bellezze storiche, artistiche, culturali ed enogastronomiche nel più ampio programma di “Basilicata Blu” terra dei due mari che racconterà, tra Ionio e Tirreno, le due coste dal punto di vista gastronomico, turistico ed ambientale. Dalla Rabatana candidata a Patrimonio dell’UNESCO alla meravigliosa Basilica Minore di Anglona passa di per Albino Pierro e il nostro dialetto divenuto lingua fino all’arancia a staccia e al percoco di Tursi.
Un viaggio affascinante e ricco di mille sfaccettature da offrire ai professionisti del settore turistico per ripartire alla grande dopo due anni di stop imposto dal Coronavirus.
Il primo cittadino dichiara: “Avrò ancora una voltail piacere, l’onore e l’onere di rappresentare la città più bella del mondo al mondo intero. Saranno giorni intensi ricchi di spunti che proietteranno Tursi nel panorama mondiale con tutte le sue meraviglie perché è ora di aprirsi definitivamente come uno scrigno a nuove, affascinanti e meravigliose sfide. Io ci credo e sono convito che tutta la mia comunità è con me!”

PISTICCI
Il Comune di Pisticci, con la partecipazione del gruppo di azione costiera Flag e la Proloco di Pisticci, sarà presente alla prossima edizione della Borsa Internazionale del Turismo che si terrà a Milano dal 10 al 12 aprile 2022.
“Un appuntamento importante – afferma il vicesindaco e assessore al turismo, Rossana Florio – al quale ci presentiamo dopo un accurato lavoro che ha coinvolto tutta l’Amministrazione per presentare al meglio l’offerta del nostro territorio. Creare sinergie con altri enti, associazioni e operatori del settore è l’obiettivo che ci siamo posti fin dal nostro insediamento. La Fiera Internazionale del Turismo bene si presta a questo scopo e, pertanto, si configura come un appuntamento immancabile per rilanciare le strategie culturali del territorio di Pisticci”. La giornata inaugurale del 10 aprile è aperta al pubblico, mentre le successive sono riservate ai professionisti del settore.

Fruit Logistica 2022. Asso Fruit Italia: Fragola di Basilicata verso l’IGP

in Economia

Fruit Logistica 2022. Asso Fruit Italia: Fragola di Basilicata verso l’IGP. L’Op con sede a Scanzano Jonico sarà nello stand Hall 4.2/D-11

 

In programma, il 6 Aprile, il meeting “Fragola di Basilicata, verso l’IGP”. Nella stessa giornata gli Italian Food News Award International

“Il ritorno in presenza della vetrina europea più autorevole del settore ortofrutticolo non rappresenta solo un evento dalla forte portata simbolica ma sarà vissuto da Asso Fruit Italia – organizzazione di produttori associata all’AOP Arcadia – come occasione utile per fornire aggiornamenti importanti sull’ambizioso progetto IGP che riguarda la Fragola di Basilicata”, ha spiegato il presidente di Asso Fruit Italia Andrea Badursi.

Che ha aggiunto: “Il lavoro finora svolto e le possibilità legate alla concreta attuazione del progetto saranno oggetto del dibattito che si svolgerà il 6 Aprile in fiera, precisamente nel Fruit Village alle 11:00”

Andrea Badursi ha infine aggiunto: “Berlino 2022 sarà una valida occasione di promozione e di confronto con partner commerciali, incontri B2B, e interlocutori istituzionali a cominciare dai livelli regionali con cui è da sempre attiva una proficua sinergia. Come di consueto, grazie al circuito aggregato e ai valori e elle energie che esso è in grado di sprigionare, il lavoro svolto sarà orientato alla promozione delle eccellenze ortofrutticole degli associati affinché siano protagonisti e autorevoli player con le loro produzioni nei mercati nazionali e internazionali”.

 

Il programma del meeting Fragola di Basilicata, verso l’IGP previsto il 6 Aprile alle 11.00 nell’ambito del Fruit Logistica di Berlino| Fruit Village

Saluti introduttivi: Andrea Badursi – Presidente OP Asso Fruit Italia

Lo scenario 2022 della fragola di Basilicata

Salvatore Pecchia – Responsabile Ufficio Progettazione e Sviluppo AOP Arcadia

La valorizzazione della fragola negli scenari futuri OCM della AOP

Giovanni Stampi – Stea srl

Promuovere, valorizzare, tutelare: il caso IGP cipolla bianca di Margherita di Savoia

Giuseppe Giacomoantonio – Presidente del Consorzio Cipolla Bianca di Margherita IGP

Promuovere, valorizzare, tutelare: il caso IGP carciofo di Paestum

Emilio Ferrara – Direttore del Consorzio del Carciofo di Paestum IGP

Conclusioni

Emilia Piemontese | Direttore Generale per le Politiche agricole, alimentari e forestali, Regione Basilicata

 

Il 6 aprile nello spazio Italian Fruit Village gli Italian Food News Award International
Sarà il Fruit Logistica di Berlino ad ospitare la prima edizione dell’Italian Food News Award International realizzata in collaborazione con le organizzazioni di produttori ortofrutticoli Agritalia, Arcadia e A.O.A. Una giuria di esperti del settore accuratamente scelta dall’organizzazione sarà presente alla principale fiera del commercio mondiale di frutta e verdura per assegnare, mercoledì 6 aprile nello spazio Italian Fruit Village, gli importanti riconoscimenti.

Italia Food News.it è una testata giornalistica che offre informazioni a 360 gradi sul settore agroalimentare

Asso Fruit sui social

Facebook

Instagram

Fruit Logistica 2022: Terre della Luce a Berlino

in Economia

Fruit Logistica 2022: Terre della Luce a Berlino. “Saremo a Berlino per promuovere il nostro impegno sui fronti dell’innovazione, della sostenibilità e quindi del rispetto dell’ambiente”

L’OP Terre della Luce a Berlino. Sotto i riflettori internazionali i livelli di specializzazione raggiunti dagli associati nella fragolicoltura e nel comparto dei berries: produzione ortofrutticole testimonial della qualità L’Organizzazione di produttori Terre della Luce sarà al Fruit Logistica di Berlino nello stand Hall 4.2/D-11.

L’autorevole evento fieristico – che ha come motto la frase “Incontrarsi di nuovo in loco” – si svolgerà dal 5 al 7 Aprile e accoglierà visitatori da oltre 100 Paesi del mondo. “Intensificare le relazioni commerciali già avviate negli anni e allargare gli orizzonti ai nuovi mercati sono gli obiettivi principali della presenza dell’OP in quella che è la kermesse più prestigiosa del settore del fresco e del mercato globale dell’ortofrutta”, ha spiegato Carmela Suriano (foto apertura)  che presiede l’organizzazione di Produttori che ha sede a Policoro in Basilicata.

E, ancora: “Saremo a Berlino per promuovere il nostro impegno sui fronti dell’innovazione, della sostenibilità e quindi del rispetto dell’ambiente. Sono questi i temi con cui l’agricoltura contemporanea si misura pertanto valorizzeremo nella fiera internazionale l’esperienza virtuosa dei nostri associati che quotidianamente aprono le porte delle rispettive aziende alle sfide del presente e del futuro”.

E, infine: “La competitività nel settore dell’ortofrutta si misura anche con la reale propensione delle aziende agricole di fare aggregazione, valore quest’ultimo che permette di dare sostanza e ottimizzare i progetti più innovativi e sostenibili per il comparto”, ha concluso Carmela Suriano.

Terre della Luce

sui social:

Facebook

Instagram

Nova Siri Genetics: inaugurato il centro

in Economia

Nova Siri Genetics: inaugurato il centro. Taglio del nastro al nuovo Centro di Ricerca e Sperimentazione di Fragole e Berries con ospiti italiani e stranieri che hanno visitato il Laboratorio, la Serra di accrescimento e i Campi sperimentali

Giovedì 31 marzo è stato ufficialmente inaugurato, alla presenza delle autorità locali, della stampa e degli invitati, il nuovo Centro di Ricerca e Sperimentazione di Fragole e Berries di Nova Siri Genetics, azienda specializzata nell’attività di ricerca, sperimentazione e moltiplicazione di nuove varietà di fragola e piccoli frutti.
Tantissimi i presenti, con vivaisti italiani e spagnoli, insieme a ospiti internazionali (europei, australiani e messicani), a confermare il valore di un’azienda che, anche se giovane – è stata infatti fondata nel 2005 – è riuscita subito a porsi come player di respiro internazionale in grado di fornire risposte puntuali al mondo della ricerca in merito alle nuove varietà di fragola. Sue sono infatti le varietà NSG 120-Rossetta®, NSG 207-Gioelita®, NSG 203-Marimbella®, tutte precoci, adatte ai climi miti, caratterizzate da rusticità, precocità e qualità organolettica, che stanno riscuotendo un ottimo feedback da parte della produzione e del consumatore.
Il taglio del nastro è stato effettuato dalla Business Development Director EMEA Carmela Suriano insieme al cofondatore di NSG Josè Miguel Arias, pioniere della ricerca nel settore fragolifero di fama mondiale.
Al momento istituzionale è seguita la visita vera e propria del Centro. Gli ospiti hanno potuto osservare le tecnologie presenti all’interno del Laboratorio di ricerca, accompagnati dalla Responsabile Giovanna Lionetti. Tra queste spiccano per elevato livello di innovazione la camera di crescita per la coltura in vitro provvista di diversi tipi di sensori per la gestione dei parametri ambientali e le luci con spettri di emissione appositamente studiati per la coltura della fragola.
Dal laboratorio i presenti sono passati alla Serra di accrescimento, tecnologica e all’avanguardia, uno spazio di 500 metri quadrati diviso in sei compartimenti. Qui, guidati dal breeder Nicola Tufaro, hanno potuto osservare la germinazione dei semi provenienti dagli incroci controllati e vedere le piantine ottenute iniziare il loro accrescimento. Gli ospiti hanno visitato anche il Campo sperimentale attiguo al Centro, 10 mila metri quadrati di tunnel serra. “Qui – spiega Tufaro – le piantine accresciute in serra vengono messe a dimora. Attualmente abbiamo 3.000 selezioni in sperimentazione al secondo anno di valutazione, 300 selezioni in sperimentazione al terzo anno di valutazione, 30 selezioni in sperimentazione al quarto anno di valutazione e tre selezioni avanzate. Si pensi che per creare una varietà adatta al mercato, con le caratteristiche utili e necessarie al suo sviluppo, sono magari necessari anche 4.000 incroci controllati; è la competenza del breeder a individuare la selezione che potrà avere maggior successo secondo i nostri parametri di selezione”.

Il valore dell’intera filiera nel Network NSG
Dalla Basilicata parte ufficialmente un progetto che, come si è visto, ha già varcato i confini nazionali: “Il nostro obiettivo è consolidare la presenza nei Paesi del bacino del Mediterraneo in cui sono già presenti le nostre varietà e introdurle anche negli altri areali internazionali più importanti, continuando a essere il punto di riferimento per tutti gli attori della filiera.
Allo scopo abbiamo anche lanciato NSG Network, che coinvolge tutti i player del nostro settore con l’obiettivo di fornire risposte puntuali al mercato e al consumatore”, completa la General Manager Carmela Suriano.

 

Contenti aziendali video disponibili su YouTube:
Company profile:
La nostra storia 

Ex Zuccherificio di Policoro: al via la Fase 2

in Economia

Ex Zuccherificio di Policoro: al via la Fase 2. Mascia: “Avanti con i progetti: da fantasma di ferro a incubatore di competenze, idee e progettualità”

Prende corpo il progetto di riqualificazione dell’area dell’ex Zuccherificio di Policoro, grazie al raggiungimento della Fase 2 di presentazione dei Progetti SIFA “Società&energIa: il Futuro della bAsilicata” e “Demetra Hub”, i due importanti progetti candidati a finanziamento del PNRR per riqualificare l’area dell’ex Zuccherificio di Policoro, mediante adesione all’Avviso Pubblico emanato dall’Agenzia per la Coesione Territoriale finalizzato alla riqualificazione di siti per la “creazione di ecosistemi dell’innovazione nel Mezzogiorno”. Le due importanti idee progettuali, anche per la seconda fase di candidatura, vedono il Comune di Policoro parte attiva grazie al supporto degli Assessori Enzo Agresti e Vito Pelazza, rispettivamente con delega all’Urbanistica e all’Ambiente ed Attività Produttive.

“Un progetto ambizioso e di lungo respiro – dichiara il primo cittadino, Enrico Mascia – che vede come protagonista assoluta una delle aree più ambite e più controverse della storia della città di Policoro: un tempo area industriale produttiva e prolifica, che ha visto un lungo periodo di decadenza e abbandono”. “Oggi – prosegue il sindaco Mascia – grazie a questa importante opportunità e all’impegno condiviso di una partnership di alto livello professionale e scientifico, l’ex Zuccherificio di Policoro, a lungo considerato un fantasma di ferro e cemento abbandonato a sé stesso, potrà essere, con l’apporto e la lungimiranza dell’Amministrazione Comunale, un importante incubatore di competenze, idee e progettualità che daranno lustro non solo al comprensorio comunale, ma all’intera costa ionica”.

Oltre al Comune di Policoro, le due partnership vedono come protagonisti anche importanti rappresentanti del mondo accademico e scientifico, quali, per “SIFA”, il Consorzio TRAIN (Capofila), ENEA, Università di Salerno ed ETT, La Cascina Costruzioni, Società Energetica Lucana (SEL), ATER Matera, ENFOR, Presidi Educativi, I.I.S. Pitagora di Policoro, Amministrazione Provinciale di Matera e Intent Group; per “Demetra HUB”, la FONDAZIONE POIESIS, Provincia di Matera, 012 Factory spa, Artemetra srl, Associazione per la sovranità alimentare aps, F.OR.S. coop, Medicert srl, Rete Perlaterra aps, Tecnovia srl e Terra Futura srl.

Segui ilMet su Instagram

UN ESTRATTO DELLA NOTA STAMPA DIFFUSA DA “LA CASCINA COOP”

Entra nel vivo la gara per l’assegnazione dei lavori di riqualificazione e rifunzionalizzazione dell’ex Zuccherificio Eridania a Policoro, rientranti nel finanziamento previsto dal Piano Nazionale di Recupero e Resilienza. Dopo l’esito positivo nella prima fase di valutazione, i progetti candidati saranno ora esaminati secondo criteri stringenti per scegliere il migliore da finanziare.

Il Consorzio TRAIN, ammesso al secondo step, ha così presentato in questi giorni il suo progetto SIFA, acronimo per “Società&energIa: il Futuro della bAsilicata”, che porta la firma della società Lombardini22, gruppo leader in Italia per i suoi lavori di architettura e ingegneria. Al Consorzio, un partenariato misto pubblico-privato, partecipano poi alcune delle realtà di settore più importanti: ENEA, Università di Salerno ed ETT, La Cascina Costruzioni, la Società Energetica Lucana, l’ATER di Matera, il Comune di Policoro, l’ENFOR, i Presidi Educativi, l’Istituto Pitagora di Policoro, l’amministrazione provinciale di Matera e Intent Group.

Il progetto SIFA, come incubatore di competenze e professionalità, punta a realizzare un edificio educante in grado di ispirare gli utenti. Infatti le fonti rinnovabili – sole, acqua e vento – consentono l’autosufficienza energetica dell’architettura la quale, con la sua stessa presenza, dimostra che la sostenibilità, l’innovazione, la partecipazione sono risorse preziose.

Alla base dell’idea, infatti, ci sono due obiettivi principali: da una parte la riqualificazione dell’ex zuccherificio Eridania, dall’altra

la sua trasformazione in un Centro di riferimento tecnologico e sociale per mitigare il fenomeno della povertà energetica delle famiglie.

Povertà che colpisce una parte consistente della cittadinanza europea impossibilitata a soddisfare il proprio fabbisogno energetico domestico e lavorativo. Inevitabile quindi il forte impatto sull’inclusione sociale e sulla salute delle persone.

 

Nova Siri Genetics: open day il 31 Marzo a Policoro

in Economia

Nova Siri Genetics: open day il 31 Marzo a Policoro. Il nuovo Centro di ricerca e sperimentazione di fragole e berries si presenta a vivaisti e autorità locali

 

In Basilicata vivaisti italiani e stranieri, oltre alla stampa e autorità istituzionali locali

Nova Siri Genetics, azienda specializzata nell’attività di ricerca, sperimentazione e moltiplicazione di nuove varietà di fragola a vocazione internazionale inaugura ufficialmente il 31 marzo prossimo, alla presenza degli attori della filiera fragolifera italiani e stranieri, delle autorità locali e della stampa, il Nuovo Centro di Ricerca e Sperimentazione di fragole e berries a Policoro, in provincia di Matera.
Alla cerimonia di inaugurazione saranno presenti la Business Development Director EMEA Carmela Suriano, il Breeder Nicola Tufaro e – in qualità di ospite di eccezione – il cofondatore di NSG Josè Miguel Arias, pioniere della ricerca nel settore fragolifero.
La giornata sarà un vero e proprio Open Day durante il quale i presenti potranno visitare, guidati dal management dell’azienda e dai tecnici, il Laboratorio di ricerca, la Serra di accrescimento e i Campi sperimentali.

Nova Siri Genetics, giovane ma determinata negli obiettivi di crescita, si è già posizionata in modo da risultare player di riferimento per il settore delle fragole e la creazione di varietà precoci di frutti dalle caratteristiche adatte al mercato (rusticità, qualità organolettiche elevate, estetica pregevole): l’Open Day sarà l’occasione per mostrare l’alta tecnologia e le competenze espresse nel Centro di Ricerca, che contribuiscono a migliorare l’offerta del comparto sia in Italia che in Spagna.

 

Segui ilMet su Instagram

Lavoro agricolo di qualità: la “rete” sarà presentata a Policoro

in Economia

Lavoro agricolo di qualità: la “rete” sarà presentata a Policoro: incentivare l’iscrizione delle aziende alla Rete. Favorire azioni di contrasto al lavoro sommerso e all’evasione contributiva

 

Con Protocollo d’intesa del 2 dicembre u.s., siglato tra la Prefettura di Matera, INPS, lNAIL, Regione Basilicata, Ispettorato Territoriale del Lavoro, Organizzazioni rappresentative datoriali e dei lavoratori ed Ente Bilaterale di settore, è stata costituita la Sezione Territoriale Provinciale della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità. L’iniziativa, che si inserisce nell’ambito delle disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero, dello sfruttamento lavorativo in agricoltura e di riallineamento retributivo nel settore agricolo, nasce per rispondere alle esigenze e alle problematiche del territorio, in particolare in quelle aree con una maggiore diffusione del rischio di sfruttamento lavorativo.

La Sezione Provinciale della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità, la cui Cabina di regia nazionale è istituita presso la Direzione Generale dell’INPS, attraverso le sinergie dei soggetti istituzionali coinvolti, riconosce l’importanza di promuovere un tessuto di aziende agricole fondato su presupposti etici ed organizzativi in grado di garantire la qualità dei processi e dei prodotti, valorizzare il proprio potenziale economico e promuovere la crescita e il benessere del territorio.

Finalità ed attività promozionali della Rete saranno illustrate nel corso della conferenza stampa che si terrà il prossimo martedì 29 marzo alle ore 12:00 a Policoro, presso la sala consiliare del Comune, cui prenderanno parte anche il Presidente della Provincia di Matera e il Sindaco del Comune di Policoro.

Con lo scopo di contribuire attivamente al presidio della qualità e della legalità nel mondo agricolo, la neocostituita Sezione provinciale si pone quali principali obiettivi:

  • la promozione di iniziative volte ad incentivare l’iscrizione delle aziende alla Rete che, ad oggi, nella provincia materana, conta già diverse presenze;
  • la definizione di proposte finalizzate all’introduzione di meccanismi premianti in favore delle aziende aderenti nell’accesso ai contributi ed ai benefici resi disponibili nel settore agricolo;
  • il monitoraggio del mercato del lavoro e l’individuazione di buone prassi operative che possano favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro in una cornice di legalità;
  • il rafforzamento delle attività di vigilanza attraverso l’azione congiunta di INPS, INAIL, Ispettorato del Lavoro e Forze dell’Ordine;
  • l’individuazione di proposte ed iniziative dirette ad assicurare idonee condizioni logistiche e di trasporto dei lavoratori agricoli, anche mediante la stipula di convenzioni con gli enti locali;
  • l’adozione di ogni utile iniziativa, in collaborazione con tutti i soggetti istituzionali interessati, per favorire azioni di contrasto al lavoro sommerso e all’evasione contributiva e per promuovere la cultura della legalità e della sicurezza sul lavoro.

 

Al fine di definire e coordinare la propria attività, la Sezione si prefigge di riunirsi periodicamente, anche per promuovere tavoli tecnici, eventualmente allargati ad altri soggetti che operano sul territorio a tutela del settore agricolo.

Uno Chef stellato per il Sabbia D’oro di Scanzano jonico

in Economia

Uno Chef stellato per il Sabbia D’oro di Scanzano jonico. La partnership con Pasquale Napoletano annunciata dal manager Giuseppe Ferrara

La stagione estiva è alle porte e complice la voglia di vivere il mare dopo la pandemia e la recente guerra in Ucraina, molte strutture balneari si preparano alla stagione estiva 2022.

Nel Metapontino e precisamente a Scanzano jonico, la rinomata struttura del Sabbia D’oro Beach Club piazza un colpo molto importante nel settore della ristorazione. Infatti, è stata ufficializzata la partnership tra il lido jonico e lo chef Pasquale Napoletano. Di origini pugliesi e lucano di adozione, lo chef vanta un curriculum di tutto rispetto con collaborazioni in ristoranti stellati e strutture a 5 stelle in Italia ed estero.

«Ho conosciuto Napoletano per caso ma è scattato subito un feeling rispetto al mio modo di vedere la cucina e al suo modo di interpretarla», dichiara il manager della struttura Giuseppe Ferrara, membro del direttivo di Confindustria e del direttivo nazionale Ripresa dei territori. «Questa estate ci dedicheremo ad investire sul capitale umano e questa ne è la prova. Abbiamo intenzione di regalare al territorio una cucina innovativa non dimenticando la tradizione e abbinando un format diurno e serale che dia un servizio sempre avanguardistico e mai banale. Il settore della ristorazione – continua Ferrara –  è molto importante per rimanere sempre ad alti livelli di standard e servizi. Daremo molta attenzione alle materie prime e alla loro origine, con un’attenzione particolare soprattutto alle grandi peculiarità del nostro territorio».

Raggiunto al telefono lo chef Napoletano dichiara: «sono entusiasta di questa collaborazione che mi darà la possibilità di esprimermi in Basilicata. Credo che il Sabbia D’oro sia una realtà importante e che rispecchi il mio modo di lavorare. Attuerò un tipo di cucina mediterranea e finalizzata a valorizzare ogni elemento. Nel team di lavoro ci sarà anche il prezioso ausilio dello chef Daniele Caporaso che vanta numerose esperienze in contesti di spessore. Stiamo già lavorando in sinergia con il reparto cucina al fine di poter aprire le porte del nostro ristorante panoramico nei giorni di Pasqua e Pasquetta, dando la possibilità ai nostri ospiti di provare questa nuova idea di cucina e soprattutto vivere il mare destagionalizzando».

«Per l’estate 2022 – conclude Ferrara – focalizzeremo la nostra attenzione sul format del Pool Party con ospiti internazionali e la cena con vip che daranno sempre più valore alla nostra Basilicata».

La Cia in piazza a Scanzano per continuare a produrre il cibo più buono del mondo

in Economia

La Cia in piazza a Scanzano per rivendicare il diritto di continuare a produrre il cibo più buono del mondo marchiato “Made in Italy”. Fra gli altri temi: la guerra,  i rincari del gasolio e più in generale dei mezzi di produzione. E gli animali selvatici –  cinghiali e lupi – che distruggono i campi: chieste misure urgenti e condivise.

Il reportage fotografico dalla pagina facebook ufficiale del Met

A riscaldare la grigia giornata di inizio primavera a Scanzano Jonico c’erano gli agricoltori della Cia con le loro ragioni sostenute dalla gente comune, dai sindaci e dalle rappresentanza istituzionali regionali che hanno risposto sì all’invito.

E’ stato ribadito dal palco, in una piazza del Commercio piena, che c’è bisogno di tutti per uscire da un momento buio per il settore primario, vessato dai costi di produzione alle stelle, dalla fauna selvatica che distrugge campi e sacrifici degli agricoltori, e dalle risposte governative ancora troppo blande su temi come il latte e l’incremento, tra gli altri, dei costi dei mangimi

C’erano sì e no 1o gradi, a metà mattinata, ma sono scesi in in piazza in tanti: uomini, donne e giovani agricoltori, domenica mattina, perché vogliono continuare a mantenere “il primato di migliori produttori di cibo al mondo”; perché vogliono difendere il “Made in Italy” dal rincaro insostenibile delle materie prime e per dire con forza “no alla guerra”. Tantissime infatti le bandiere della pace che sventolavano.

“Gli agricoltori sono abituati a conquistare lavorando e sapendo aspettare. Le conquiste che avvengono con la guerra sono il fallimento della politica e dell’umanità”

Dal palco, inoltre, è stato sottolineato come “si era avviata la crescita dopo la pandemia, ora la guerra sta generando aumenti delle materie prima e blocchi della produzione”. E’ stato osservato che senza agricoltura non c’è cibo e che produrlo a queste condizioni, con il costo del gasolio che si è impennato di 50 centesimi, è divenuto insostenibile. Anche il costo dei mangimi è salito. E quando è stato chiesto ai rappresentanti del Governo di ritoccare i prezzi del latte alla stalla in cambio, come hanno spiegato i vertici Cia, si sono ottenute risposte evasive.

Il prezzo del grano è raddoppiato e quel che è peggio: “oggi il grano ce l’hanno i commercianti e gli industriali non certo gli agricoltori”. Vogliamo continuare a seminare grano e dare cibo ma vogliamo costi di produzione sostenibili.

Dobbiamo dare cibo ai cittadini e questo può farlo il Sud Italia che può dare impulso alla crescita. All’agricoltura si legano turismo e la bellezza

dei paesaggi italiani che tutti, nel mondo, riconoscono e apprezzano.

Infine, il tem a della gestione della selvaggina e il dramma dei cinghiali. La Cia ha chiesta una strategia che non si limiti agli abbattimenti. A tal proposito sono stati ringraziati i cacciatori, gli ambientalisti ma è stato rilevato come è necessaria una pianificazione che vada nella direzione di “de-popolare” la selvaggina che fa razzia dei campi, delle produzioni e distrugge il lavoro e il reddito degli agricoltori. “Non vogliamo risarcimenti, vogliamo vivere di quello che coltiviamo e che non devono mangiarsi le bestie selvatiche”.

Segui ilMet su Instagram

 

La Regione Basilicata e l’Apt alla Fiera del Cicloturismo

in Economia

La Regione Basilicata e l’Apt alla Fiera del Cicloturismo: presentata la App “Basilicata Free to move”. Allo stand lucano anche il ministro Garavaglia.

Nell’ambito del programma “Ambiente Basilicata” sostenuto dal Dipartimento regionale all’Ambiente, la Regione Basilicata e l’Apt sono presenti alla fiera del cicloturismo oggi e domani a Milano, alla Fabbrica del Vapore. Tanti i visitatori presenti allo stand lucano per ricevere informazioni sugli itinerari per le due ruote. A visitare lo stand anche il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, che ha colto l’occasione per uno scambio di idee con il direttore generale Apt Basilicata, Antonio Nicoletti, sulle prossime attività di promozione territoriale.

Nel corso di un talk rivolto agli operatori turistici del settore, Nicoletti ha presentato le ricche potenzialità del territorio lucano e i tanti itinerari dedicati agli amanti delle due ruote. In particolare, durante il suo intervento Nicoletti ha presentato l’App “Basilicata Free to move”.

“Il territorio lucano – ha detto – offre itinerari adatti a tutte le tipologie di bikers e a tutti i gusti dei viaggiatori su due ruote. Tra bellezze naturali e tradizioni millenarie la Basilicata risponde ad ogni esigenza, anche a quella di chi vuole intraprendere un viaggio lungo strade secondarie, che guidano verso paesaggi sempre nuovi e inediti. Una fitta rete di itinerari, adatti agli appassionati di cicloturismo di ogni livello, consente di toccare le località di maggiore interesse della regione e quelle meno note. Lungo percorsi poco frequentati dalle auto, si schiudono agli occhi del cicloturista borghi e paesini, dalla costa alle colline e alle vette dell’Appennino lucano.

Per facilitare la scelta degli itinerari abbiamo realizzato una App, “Basilicata Free to Move”, con 1729 km lungo 21 itinerari che attraversano borghi, paesaggi e punti di interesse turistico; informa su bike hotel e ristoranti individuati attraverso avvisi pubblici dell’APT, contiene informazioni su attività all’aria aperta e altri servizi come bike shop e officine”.

Grazie ai servizi implementati, consente di orientarsi con facilità lungo i percorsi in bicicletta presenti nel territorio. La mappa interattiva permette di visualizzare la propria posizione sul percorso tramite il GPS del dispositivo, anche senza connessione internet: si può effettuare il download delle mappe evitando così il consumo di traffico dati. In caso di distrazione, una notifica avvisa se ci si allontana dal percorso ed è possibile segnalare eventuali problemi sugli itinerari comunicando automaticamente la posizione GPS. Le strutture di accoglienza, i servizi e i punti d’interesse lungo i percorsi sono localizzati sulla mappa, è possibile contattarli direttamente e raggiungerli con la funzione “GoTo”, tramite il navigatore dello smartphone.

 

“Itinerari suggestivi e completamente immersi in una natura incontaminata – ha aggiunto Nicoletti – come la ciclovia Da Matera alle Dolomiti Lucane che si è aggiudicata la menzione speciale di Legambiente agli Italian Green Road Award 2021, l’Oscar Italiano del cicloturismo. Dalla Città dei Sassi patrimonio UNESCO e Capitale europea della cultura 2019, si attraversa il parco della Murgia Materana e, costeggiando lo straordinario ecosistema dell’oasi WWF di San Giuliano, si raggiungono le Piccole Dolomiti Lucane, attraverso il parco di Gallipoli Cognato. Un totale di 114 chilometri fatto di riserve naturali e di borghi arroccati sulle colline m, in un percorso prevalentemente asfaltato, segnalato e attrezzato con bicigrill, fontane, assistenza e possibilità di ristorazione e ospitalità nei comuni attraversati”. L’app è disponibile negli store per Android e per Ios, è multilingue ed è aggiornabile. E per gli appassionati della bicicletta l’Apt mette a disposizione anche una guida cartacea, “Cicloturismo in Basilicata”, giunta alla terza edizione e scaricabile gratuitamente dal sito.

Torna su