Archivio categoria

Economia - page 2

Aggiornamento calendario incontri di approfondimento “Microcredito FSE” – nuovi appuntamenti

in Economia

Il calendario di presentazione del Bando Microcredito FSE della Regione Basilicata gestito da Sviluppo Basilicata si infittisce prima della pausa natalizia.
Il tour prevede nei prossimi giorni numerosi incontri, che coinvolgeranno, l’Assessore alle Attività Produttive, Lavoro, Formazione, Sport della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, l’Assessore alla Salute e Politiche Sociali, Rocco Leone, e l’Assessore alle infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra, oltre all’Amministratrice Unica di Sviluppo Basilicata, Gabriella Megale, e al Responsabile della misura per Sviluppo Basilicata, Vito Pinto.

Di seguito il programma di incontri previsti per i prossimi giorni:
domani martedì 10 Dicembre, Nova Siri (MT) ore 16:30 c/o Oratorio ‘Sant’Antonio Da Padova’. L’evento verrà aperto dai Saluti del Sindaco di Nova Siri, Eugenio Lucio Stigliano, e dai saluti del Parroco di Nova Siri Don Mario Lacolla. Prevista la presenza degli Assessori Francesco Cupparo e Rocco Leone;
mercoledì 11 Dicembre, Viggiano (PZ) ore 16:30 c/o Centro Sociale ‘Alberti Marone’. Aprirà i lavori il Sindaco di Viggiano, Amedeo Cicala ed è prevista la presenza dell’Assessore Francesco Cupparo;
lunedì 16 Dicembre, Lavello (PZ) ore 16:30 c/o Sala Convegni ‘Moma Hotel’ dove ad aprire i lavori sarà l’Assessore alle infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra. Nel corso dell’incontro ci sarà anche la testimonianza del Presidente della BCC Gaudiano di Lavello sul ruolo delle banche di credito cooperative a sostegno dei territori.
In tutti gli incontri aprirà i lavori relativi alla presentazione del Bando Microcredito FSE l’Amministratrice Unica di Sviluppo Basilicata, Gabriella Megale, mentre il Responsabile della misura per Sviluppo Basilicata, Vito Pinto fornirà un approfondimento tecnico della misura e delle modalità di presentazione dei bandi.

La presenza degli Assessori nei diversi incontri sottolinea la vicinanza della misura Microcredito al territorio, così come ampiamente voluta dall’Assessore Cupparo, che in più occasioni non ha fatto mancare la sua presenza, e sostenuta pure dall’Amministratrice di Sviluppo Basilicata, Gabriella Megale.

<<Trattandosi di un finanziamento senza limiti di età e rivolto non solo a nuove imprese ma anche ad enti e associazioni già esistenti>> ha commentato l’Amministratrice Unica di Sviluppo Basilicata, Gabriella Megale <<è importante continuare ad investire nella diffusione e conoscenza ad ampio raggio della misura su tutto il territotorio regionale. Inoltre si tratta di un finanziamento che non richiede il rilascio di garanzie, la cui valutazione dell’idea imprenditoriale si lega esclusivamente al progetto d’impresa e non a parametri meramente bancari>>.

La realizzazione degli incontri sul territorio è quindi connessa a tutti coloro che ne faranno espressa richiesta e che di volta in volta mostreranno interesse affinché venga realizzato presso il proprio centro o Comune.
Per chi volesse approfondire ulteriormente gli aspetti tecnici del Bando ricordiamo i seminari tecnici con il Responsabile della misura di martedì 10 Dicembre ore 10:00 c/o la Provincia di Matera, e mercoledì 18 Dicembre ore 10:00 c/o Sede di Sviluppo Basilicata di Tito (PZ). In questo caso i posti sono limitati e quindi occorre prenotarsi chiamando lo 0971 -50661 oppure inviando una mail a infomicrocredito@sviluppobasilicata.it.

Basilicata, progetti di filiera: consegnati i decreti

in Economia

“L’aggregazione premia: Asso Fruit Italia è prima in graduatoria rispetto ai progetti integrati di filiera messi a punto dalla Regione Basilicata”

SCANZANO JONICO. Si è svolta ieri (giovedì), nella sede dell’organizzazione di produttori Asso Fruit Italia (AFI) a Scanzano Jonico,  la consegna ufficiale dei decreti relativi ai progetti di filiera regionali. Al tavolo delle consegne erano presenti, fra gli altri, l’assessore regionale all’Agricoltura, Francesco Fanelli, i responsabili degli uffici regionali preposti, i rappresentanti delle aziende beneficiarie e associate AFI, Andrea Badursi, direttore generale Asso Fruit Italia, Salvatore Pecchia, agronomo e responsabile della progettazione AFI.

“Soddisfazione perché si è raggiunto un risultato atteso da tanto tempo: sono stati premiati i progetti di filiera risultati ammissibili e finanziabili. Sono stati così riconosciuti i meriti ai progetti migliori e che hanno ricadute sul territorio. Crediamo nelle filiere e abbiamo inoltre già provvedimenti in Giunta che si rivolgono ad altre filiere”, ha spiegato l’assessore regionale Fanelli. Che ha aggiunto: “Siamo convinti che attraverso l’aggregazione e la condivisione di percorsi si possano superare le difficoltà tuttora esistenti sui fronti della produzione, trasformazione e commercializzazione e eccellere sui mercati”.

Andrea Badursi ha aggiunto: “L’aggregazione premia: Asso Fruit Italia è prima in graduatoria rispetto ai progetti integrati di filiera messi a punto dalla Regione Basilicata. L’azione messa in campo oggi è la 4.2 che si riferisce alle innovazioni tecnologiche, quindi dotare le aziende degli strumenti e macchinari che consentiranno  di accrescere l’appeal delle produzioni e permettere alle imprese agricole di essere così maggiormente competitive”, ha concluso Badursi.

Guardia di Finanza, concorso per allievi Soccorso Alpino

in Economia

Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica n. 92 del 22/11/2019 – 4^ Serie Speciale – è stato pubblicato il concorso, per titoli ed esami, per il reclutamento di 33 allievi finanzieri del contingente ordinario – specializzazione “Tecnico di Soccorso Alpino (S.A.G.F.)” – anno 2019.

Possono partecipare al concorso i cittadini italiani i quali, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda: siano in possesso del diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l’iscrizione ai corsi per il conseguimento della laurea; abbiano compiuto il 18° anno e non abbiano superato il giorno di compimento del 26° anno di età. Per coloro che alla data del 6 luglio 2017 svolgevano o avevano svolto servizio militare volontario, di leva o di leva prolungato, il predetto limite anagrafico massimo è elevato di un periodo pari all’effettivo servizio militare prestato che non deve superare, in ogni caso, i tre anni.

Il concorso costituisce una valida opportunità di inserimento, nello scenario lavorativo, per i giovani che nutrono una spiccata passione per la montagna e che sono desiderosi di lavorare al fianco di persone competenti, con mezzi tecnologicamente avanzati, per prestare aiuto a persone in difficoltà.

 

La domanda di partecipazione al concorso, da presentare entro le ore 12.00 del 23 dicembre 2019, dovrà essere compilata esclusivamente mediante la procedura telematica disponibile sul portale attivo all’indirizzo “https://concorsi.gdf.gov.it”, seguendo le istruzioni del sistema automatizzato.

I concorrenti, che devono essere in possesso di un account di posta elettronica certificata (“P.E.C.”), dopo aver effettuato la registrazione al portale, potranno accedere, tramite la propria area riservata, al format di compilazione della domanda di partecipazione.

I vincitori saranno avviati a un corso di formazione in qualità di allievi finanzieri presso la Scuola Alpina della Guardia di Finanza di Predazzo (TN) , la più antica scuola militare alpina del mondo, dove avranno la possibilità di prepararsi adeguatamente da un punto di vista tecnico-professionale, ampliando le propria sfera di conoscenze, tramite l’apprendimento di tecniche, regole e procedure che si riveleranno utili

per il successivo impiego, quali finanzieri neo-specializzati ”S.A.G.F.”, presso una delle 27 Stazioni dislocate sull’intero arco alpino, sul Gran Sasso, in Aspromonte, sull’Etna e in Sardegna.

Il Soccorso Alpino della Guardia di Finanza si pone l’obiettivo di assolvere prioritariamente alle attività di salvaguardia della vita umana e di pronto intervento operativo, in zone di media e alta montagna, caratterizzate da terreni innevati, ripidi, rocciosi o ghiacciati, e di concorrere, attraverso una diuturna azione di controllo del territorio – svolta anche per eventuali fini di difesa politico militare delle frontiere – all’espletamento dei compiti di polizia economico-finanziaria demandati al Corpo.

Rientrano tra gli incarichi del personale impiegato nel Soccorso Alpino anche quelle attività finalizzate a interventi di soccorso in contesti emergenziali derivanti da calamità naturali.

In occasione degli eventi sismici e di maltempo che hanno colpito negli ultimi anni il nostro Paese, decisive sono risultate, difatti, la prontezza d’intervento del S.A.G.F. e la capacità di far pervenire in loco uomini e mezzi, in tempi assolutamente ristretti.

Sul sito internet www.gdf.gov.it – area “Concorsi” è possibile prendere visione del bando e acquisire ulteriori e più complete informazioni di dettaglio sulla procedura reclutativa e sul Soccorso Alpino della Guardia di Finanza.

Club Candonga, Zuccarella nuovo presidente. Suriano: «spazio ai giovani imprenditori»

in Economia

Cambio al vertice del Club Candonga, il Consorzio di valorizzazione della fragola della Basilicata. Dopo cinque anni di presidenza della dott.ssa Carmela Suriano, fondatrice del Club, il testimone passa a Rocco Zuccarella, giovane imprenditore del Metapontino e socio del Club dalla sua fondazione.

«Il successo del Consorzio – spiega la dott.ssa Carmela Suriano – è il risultato di un lavoro di squadra. La passione e l’impegno di tutti i soci hanno consentito di dare visibilità e valore alla nostra fragola, una cultivar di qualità superiore per caratteristiche organolettiche, salubrità e provenienza. Credo sia opportuno un avvicendamento dei soci alla guida del Consorzio, soprattutto dei giovani imprenditori come Rocco Zuccarella, per consolidare i risultati ottenuti e avviare nuovi progetti nel settore della fragola e dei piccoli frutti».

«Ringrazio il Consiglio di amministrazione – dichiara il neopresidente Rocco Zuccarella – per la fiducia riposta nella mia persona. Ringrazio la dott.ssa Carmela Suriano per il lavoro fin qui svolto e per quello che continuerà a svolgere in veste di consigliere. La presidenza sarà svolta in continuità con la precedente e ci concentreremo sui temi strategici per il Club incentrati sul miglioramento della qualità delle produzioni e sulla valorizzazione del marchio Candonga Fragola Top Quality®»

Giuseppe Ferrara, manager del lido Sabbia d’Oro, vola in Asia a raccontare la sua esperienza di turismo 4.0

in Economia

Il giovane manager lucano a Manila come ospite della Next Generation Leaders

Dinamico,eclettico e simbolo dei giovani vincenti, Giuseppe Ferrara, 30enne imprenditore nel settore turistico e ricettivo, nonché membro del direttivo Confindustria Basilicata sezione Turismo, si appresta a vivere una grande esperienza in Asia.

Infatti, come giunge dalla nota della Next Generation Leaders, il giovane lucano sarà ospite in una kermesse di grande spessore che si svolgerà dal 26 al 30 Novembre a Manila nelle Filippine, al fine di presentare il suo innovativo concetto di turismo 4.0. Infatti già da alcuni anni, il suo Lido Sabbia D’oro Beach Club di Scanzano jonico è diventato un vero e proprio esempio di eccellenza nel settore turistico e balneare, tanto da imporsi a livello nazionale ed essere attenzionato dai media come nuovo modello da seguire per l’indotto balneare Italiano.

«Sono soddisfatto e un po’ emozionato – dice Ferrara – ho ricevuto questo invito da parte di Aries Balanay di Next Generation, che da ogni parte del mondo ospitano modelli da far conoscere all’interno dei college e nelle scuole. Ho accettato con immenso piacere perché rappresenta una grande possibilità di far emergere il nostro territorio a migliaia di chilometri di distanza. Cercherò di stringere rapporti e aprire canali di comunicazione con nuovi flussi turistici, perché bisogna lavorare per dare una continuità a quello che Matera e la Basilicata hanno vissuto nel 2019. Condividerò la mia esperienza lavorativa con migliaia di studenti che rappresentano il futuro della società e, spero che qualcuno di essi possa portare il mio modello nelle loro imprese asiatiche. Mi sto accorgendo – conclude Ferrara – che il fenomeno Sabbia d’Oro è davvero apprezzato in giro per il mondo e forse dovrebbe essere valorizzato anche in Italia, dove la parola riconoscenza, potrebbe essere utilizzata in maniera maggiore. Lavorerò al meglio per dare grande risalto al Metapontino che a mio avviso, ha potenzialità notevoli per imporsi sui mercati del turismo mondiale».Il road show prevede ben 6 college che contano un numero complessivo di ottomila studenti, 3 scuole secondarie e 4 aziende turistiche. Vi sarà anche una visita della delegazione all’Ambasciata italiana a Manila e una visita al Governo filippino.

Rapporto Banca d’Italia, molte ombre sull’economia lucana

in Economia

In Basilicata, petrolio e settore automobilistico in calo. Quarto: “Dare importanza al settore agricolo”

“Il rapporto congiunturale della Banca d’Italia, presentato in questi giorni a Potenza, attinente allo stato di salute dell’ economia lucana se pur non esaustivo del 2019, (riguarda infatti solo il primo semestre dell’anno in corso), offre – afferma il consigliere regionale di Basilicata positiva, Piergiorgio Quarto – interessanti indicazioni per un’analisi più approfondita. Appare subito evidente che i settori portanti dell’economia regionale ossia la produzione delle auto a Melfi e quello delle estrazioni di petrolio e gas registrano una forte battuta d’arresto. Il forte calo della domanda di auto nuove ha determinato come aspetto conseguenziale il forte ricorso all’istituto della cassa integrazione, ammortizzatore sociale indispensabile per lenire i danni occupazionali di portata cospicua in regione. Parimenti l’accertata riduzione delle estrazioni delle compagnie petrolifere Eni e Shell comporterà un ridimensionamento sensibile delle royalities a danno dei Comuni interessati dalla problematica. Dati importanti che si riflettono sostanzialmente sull’andamento dell’economia lucana che appare ancora a tutt’oggi in sofferenza. Negli anni passati – continua Quarto – è mancato un piano organico in grado di valorizzare a livello strutturale l’apparato industriale in regione. Non si è stati in grado di introdurre una programmazione su vasta scala di rilancio occupazionale azionando una dovuta politica degli investimenti nel settore pubblico. La dinamica di espansione messa in atto dalle politiche regionali passate non ha considerato ancora credibile un piano di lungo periodo che valorizzi le risorse della pubblica amministrazione spesso valutate solo in un’ottica di costo negativo per la collettività. Il nuovo esecutivo regionale di centro-destra invece valuta positivamente l’avvio di una riforma sostanziale della macchina amministrativa che permetta di produrre e gestire servizi per i cittadini più efficienti e meglio qualificati.

Positivi, invece, i dati complessivi sulla occupazione che registra un aumento dello 0,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, risultato incoraggiante alla luce dei segnali non positivi ivi provenienti dalle altre regioni meridionali, dove il dato occupazionale è negativo parliamo infatti del – 0,4%. Settori trainanti e propulsivi nel realizzare il trend positivo regionale, il turismo, l’influsso di Matera capitale della cultura 2019 è fondamentale e l’agricoltura

. Il settore agricolo merita una valutazione accurata e partecipata – prosegue il consigliere regionale – alla luce anche di nuove importanti politiche di valorizzazione programmata del territorio. Ci troviamo di fronte ad una progettualità diversa dove si introduce e trova padronanza l’idea di una new economy che poggi le proprie basi sulla sostenibilità. Un territorio che generi ricchezza e benessere sociale grazie al pieno utilizzo delle sue costanti identitarie ossia la terra, l’acqua e il cielo. Lo sviluppo delle politiche ambientali diventa importante per generare una terapia d’ urto credibile a tutela della salute dei cittadini, angosciata da livelli di inquinamento senza precedenti. Con l’agricoltura si pongono le basi per una reale alternanza al modo di concepire progresso e sviluppo nell’ultimo cinquantennio. La qualità della vita non può non essere contrassegnata da alcuni importanti segnali, indici di valutazione spesso in antitesi col profitto ad ogni costo. Ecco perché – conclude Quarto – valuto positivamente i primi sintomi di un incoraggiante cambiamento si spera congiunturale, accompagnato da dati positivi realistici indirizzati a dare maggior importanza a settori economici come quello agricolo. L’obiettivo, infatti, è raggiungere sviluppo e benessere sociale riuscendo a garantire e tutelare al meglio l’uomo, la sua salute e l’ambiente dove vive”.

“Mercati esteri sempre più attenti alla Basilicata e a Matera”

in Economia

La costante crescita di attenzione dei mercati esteri per la Basilicata e per Matera continua a stimolare azioni di promozione nei luoghi e negli eventi di particolare efficacia per il turismo. Il World Travel Market di Londra, la cui 40esima edizione quest’anno si è svolta nei giorni dal 4 al 6 novembre scorsi, è uno dei principali avvenimenti di settore ed è stata l’occasione per l’Agenzia di Promozione Territoriale della Basilicata per promuovere i prodotti dell’offerta lucana. Inoltre, il WTM di Londra arricchisce il programma di azioni che l’Apt ha posto in essere in collaborazione con ENIT, l’Agenzia Nazionale Turismo, quali, tra l’altro, la presenza al workshop sul luxury tourism, svoltosi a New York nelle scorse settimane, che ha visto maggiormente rappresentato il territorio di Matera e dintorni.

Occasioni utili per far conoscere ai numerosissimi operatori internazionali del settore le peculiarità sia della Capitale Europea della Cultura che dell’intero territorio regionale, contemplando dunque gli aspetti culturali, storico-archeologici, architettonici, paesaggistici, naturalistici, senza tralasciare naturalmente il turismo attivo, religioso, del folklore e quello eno-gastronomico.

È stata anche l’occasione colta dall’Apt per presentare al grande pubblico le numerose opportunità della Basilicata in un’ottica di destagionalizzazione: dalla vacanza attiva, che può contare ormai su attrattori dal forte appeal, al turismo lento, che nella nostra regione trova una sempre maggiore rilevanza, accanto alla Città dei Sassi che è e continuerà ad essere porta di ingresso del turismo lucano.

Il WTM di Londra ha intercettato non solo il mercato del Regno Unito ma più in generale quello europeo, considerando in particolare anche Francia, Germania e Paesi Bassi, per rimanere ai mercati principali. Una crescita registrata già da alcuni anni e che nel 2019 – in base ai dati provvisori dei primi 7 mesi, confrontati con il periodo analogo del 2018 –  ha visto in questi quattro mercati europei un incremento degli arrivi di circa il 6% e di circa il 5% delle presenze. A Matera il dato è ancor più significativo con oltre il 20% degli arrivi in più e quasi il 30% di incremento delle presenze.

La Capitale Europea della Cultura dunque si conferma la più importante area di intervento promozionale, da anni punto focale e trainante di una costante azione, anche in collaborazione con gli uffici regionali e con altre istituzioni a ciò deputate. È il caso, ad esempio, della campagna di comunicazione radiotelevisiva “Become Culture” sui canali Rai, frutto di un accordo di collaborazione con partner istituzionali, tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Basilicata, che ha portato a oltre 423 milioni di contatti lordi; come è il caso delle attività all’interno dell’aeroporto di Bari-Palese e dell’Apertura dell’Openspace Basilicata nel centro di Matera, luogo non temporaneo destinato ad azioni di comunicazione e promozione che perdurino oltre l’anno 2019.

Sono solo alcune delle azioni che si affiancano ad altre attività online e offline, che segnano l’impegno costante per Matera e testimoniano come l’Apt sia da anni impegnata, in maniera strategica e in condivisione con gli uffici regionali preposti e l’intero sistema territoriale: una collaborazione che deve andare oltre le piccole polemiche legate – ad esempio – alla vendita in un determinato posto fisico o in un altro, di titoli di ingresso ad eventi, i cui risultati, in un mondo soprattutto fatto da e-commerce ed altri canali, vanno probabilmente addebitati più ad una progettazione a monte che ridotti al mero desk dove vendere in loco.

Abbiamo davanti infatti la sfida del 2020 con Matera che deve mantenere e consolidare i risultati raggiunti e la Basilicata deve ancora crescere e per farlo è inevitabile che la governance turistica intera sia consapevole dei problemi da affrontare ma anche del positivo momento che stiamo vivendo ed in cui, come è ragionevole che sia, siamo tutti chiamati a raccogliere sia i meriti che gli stimoli per migliorare.

Black Friday in Basilicata, i consigli di Codacons

in Economia

In base alle stime Codacons in regione si spenderanno circa 18 milioni di euro durante la settimana del Black Friday

 Si avvicina il Black Friday, la giornata di sconti speciali che partirà il prossimo 29 novembre e proseguirà con il Cyber Monday del 2 dicembre. Un evento che in molti negozi fisici e online dura una intera settimana e che vede un numero crescente di consumatori approfittare delle promozioni straordinarie per fare acquisti in vista del Natale.

Il Codacons ha elaborato uno studio dedicato alla settimana del Black Friday che quest’anno genererà a livello nazionale un giro d’affari pari a circa 2 miliardi di euro, con una crescita prevista del +20% sul 2018.

Anche in Basilicata un numero crescente di cittadini approfitterà dell’evento per fare acquisti, e non solo di prodotti tecnologici – spiega l’associazione dei consumatori – In base alle stime Codacons in regione si spenderanno circa 18 milioni di euro durante la settimana del Black Friday, una spesa in crescita sia perché aumenta il numero di catene commerciali e negozi che aderiscono all’iniziativa, sia perché molti consumatori approfitteranno degli sconti per anticipare i regali di Natale. Al punto che in Basilicata quest’anno 1 regalo su 5 sarà acquistato proprio tra il “venerdì nero” e il Cyber Monday – afferma il Codacons.

Tuttavia il rischio di cadere in raggiri o fregature è purtroppo molto elevato, perché gli operatori disonesti approfittano di occasioni come il Black Friday per speculare sui consumatori a caccia di affari – spiega il Codacons – Per consentire agli utenti di fare acquisti in tutta sicurezza ed evitare brutte sorprese, l’associazione ha realizzato un decalogo contenente le regole d’oro da seguire per difendersi da possibili truffe o raggiri. Nello specifico:

– Acquistate solo da siti Internet sicuri, protetti da sistemi di sicurezza internazionali, riconoscibili dalla presenza del lucchetto nella barra di indirizzo.

– Acquistate solo da venditori sicuri. Controllare che nei feedback siano riportati correttamente i dati della società titolare dell’attività commerciale.

– Confrontate sempre i prezzi, sia online sia nei negozi fisici. Attenzione agli sconti troppo elevati.

– Controllate che sia riportato oltre al prezzo iniziale del prodotto anche quello finale, comprensivo di spese di spedizione o tasse.

– Controllate la data di spedizione e verificare sempre da dove viene spedito il prodotto.

– Conservate sempre una copia dell’ordine effettuato e verificate che esista la possibilità di disdirlo senza pagamento di penali.

– Sul web pagate o tramite paypal o carte prepagate (meglio evitare bonifici o carte di credito), e non comunicate mai i vostri dati personali, sia via telefono, sia via mail. Non inserite mai dati privati online.

– Ricordare che per legge la merce si può restituire quando si acquista fuori dagli esercizi commerciali fisici entro 14 giorni.

– Per gli acquisti online verificare le condizioni di recesso applicate dal venditore online e ricordate che la garanzia vale anche per i prodotti acquistati online.

– Se il prodotto o il servizio acquistato hanno un difetto di conformità o di produzione avete dritto alla sostituzione o al rimborso.

Giuseppe Ferrara (membro direttivo Confindustria turismo): «emerge un quadro positivo dal tavolo stato/regione sulle estensioni delle concessioni demaniali. Un plauso all’impegno dell’assessore Merra e del Dott. Milillo, ufficio demanio marittimo»

in Economia

Il 13 novembre, a Roma, presso la sede della Regione Liguria (Capofila) si è svolto in mattinata un tavolo tecnico mirato a snellire il peso burocratico che coinvolge gli imprenditori e i funzionari delle amministrazioni interessate dal quale è uscito un documento interpretativo sull’estensione delle concessioni demaniali marittime fino al 31 dicembre 2033, sostituendosi all’inerzia del Governo che dall’emanazione della L.145/2018 non ha provveduto a dare le linee guida per l’applicazione della normativa riferita alle concessioni demaniali marittime.

I punti salienti sono stati:

1. Richiesta di un interlocutore governativo per dipanare dubbi e dare risposte;

2. Estensione di 15 anni a:

·         Concessioni con scadenza al 31 dicembre;

·         Tutte le concessioni demaniali marittime in essere rilasciate a vario titolo;

·         Concessioni in scadenza;

·         Concessioni rilasciate a seguito di bandi comunali;

·         Superamento della normativa che vincolava il mantenimento delle strutture fino al 2020;

·         La possibilità di rilascio di concessioni su aree con concessioni già revocate o decadute;

·         Calamità, interventi anche successivamente al  2018 (data indicata nella precedente finanziaria)

“Un plauso – dichiara Giuseppe Ferrara, membro del direttivo Confindustria turismo – va all’Ufficio Demanio Marittimo di Matera, in particolare al Dott. Donato Milillo, per l’attiva partecipazione al documento interpretativo tutelando gli imprenditori lucani e facendo in modo di mantenere in primo piano le questioni più strettamente legate alle concessioni degli stabilimenti balneari e al grande impegno dell’assessore regionale alle Infrastrutture Donatella Merra che lavorando in sinergia con i tecnici del Demanio presenteranno un emendamento nella prossima legge finanziaria. Un successo tutto lucano e che dimostra la volontà di miglioramento di tutto l’indotto turistico italiano. È importante concedere il prima possibile queste proroghe – continua Ferrara – così da poter effettuare un crono programma permettendo una programmazione corretta nonché la possibilità di investimenti per tutto il comparto. A tal proposito sarebbe opportuno che il dott. Donato Milillo che ha dimostrato particolare attenzione non solo in questa fase molto delicata per il nostro futuro venga sostenuto da un potenziamento di personale per l’Ufficio Demanio Marittimo che possa dare più tempo a chi opera anche sui tavoli tecnici romani”.

Ferrara, infine, esprime la sua vicinanza a tutte le persone che hanno subito i danni degli eventi atmosferici che si sono verificati a Matera e nel Metapontino.

Carrelli elevatori: tutto quello che c’è da sapere

in Economia

Una gestione efficiente e accurata della logistica e del magazzino è fondamentale per ogni attività imprenditoriale, dalla più piccola fino alla più grande delle industrie. Un magazzino ben organizzato permette di risparmiare tempo prezioso e di evitare rallentamenti nello stoccaggio.Anche la tecnologia entra in campo per garantire la massima efficienza.

L’utilizzo di muletti all’avanguardia è sicuramente il primo passo per garantire un flusso di lavoro senza intoppi. Proprio per l’importanza che questi macchinari avranno in azienda, è di primaria importanza informarsi sulle varie tipologie in commercio prima di effettuarne l’acquisto, in modo da investire al meglio i propri soldi. Cercando informazioni sulle varie tipologie di carrelli elevatori, vi ritroverete davanti un’offerta molto ampia, in grado di coprire ogni esigenza.Criteri da tenere in considerazione per la scelta sono per esempio la capacità di caricol’altezza di sollevamento, l’alimentazione del motore e l’ergonomia.

Per quel che riguarda l’alimentazione, troverete sul mercato carrelli elevatori:

  • Diesel
  • Elettrici
  • A Gas

La prima selezione dovrà essere fatta in base all’ambiente di utilizzo, poiché nel caso in cui il vostro magazzino sia uno spazio chiuso la vostra scelta sarà ristretta a macchinari elettrici o alimentati a gas.

Carrelli elevatori elettrici

Un muletto elettrico è la scelta giusta se l’ambiente di lavoro è interno e il carico sarà inferiore a 3 tonnellate.È consigliato se:

  • Siete attenti all’ambiente: sono a zero emissioni e quindi garantiscono un uso sicuro in ambienti chiusi, anche se sprovvisti di impianto di aerazione;
  • Volete costi di manutenzione bassi: questi carrelli hanno una vita molto lunga, occorrerà solamente cambiare la batteria, con un costo di gestione decisamente contenuto;
  • Cercate una soluzione non rumorosa: non avendo motore a combustione, un muletto di questo tipo garantisce maggior tranquillità all’ambiente di lavoro;
  • Volete maneggevolezza e compattezza: hanno dimensioni ridotte e questo li rende ideali in caso di corsie strette.

Carrelli elevatori diesel

Un muletto diesel è la scelta ideale se l’ambiente di lavoro è esterno e se avete carichi importanti. È consigliato se:

 

  • Cercate lunga autonomia: il suo motore garantisce un’autonomia considerevolmente più lunga di uno elettrico;
  • Il carico è considerevole: sollevano carichi fino a 50 tonnellate;
  • Lo utilizzerete sporadicamente: il diesel è la scelta giusta se vi occorre un macchinario da usare sporadicamente. In questo modo non risentiràdi temperature rigide e umidità e non si deteriorerà.

Carrelli elevatori a gas

La vostra scelta ricadrà su un muletto alimentato a gas se avete bisogno di sollevare carichi fino 6 tonnellate in ambienti esterni o interni (se dotati di adeguati impianti di ventilazione). È consigliato se:

  • Avete un budget limitato: il prezzo è decisamente basso;
  • Volete un macchinario duraturo: un muletto a gas ha una vita lunga.

La scelta non finisce qui

Una volta individuata l’alimentazione ideale per le vostre esigenze, non vi resta che scegliere il modello.

Se il vostro magazzino ha spazi di manovra molto ridotti, optate per un carrello quadrilaterale, che si muove su quattro lati e solleva merce da ogni lato.

In alternativa,potete acquistare un carrello trilaterale, adatto anch’esso a corsie ristrette, in quanto gestisce il carico da tre lati: frontale, laterale sinistro e destro. Se lo spazio di lavoro è davvero ridotto potete scegliere un carrello retrattile al quale sono sufficienti 2,5 metri di corridoio.

Avete bisogno principalmente di sollevare ed accatastare la merce? Un commissionatore o uno stoccatorepotrebbe bastarvi, la loro capacità di carico è di circa 1-2 tonnellate per il commissionatore e di 10-16 quintali per lo stoccatore.

 

Torna su